Depilazione

Se sei una di quelle che non ha peli superflui, che non sa cosa significhi ceretta e che dall’estetista ci va solo per farsi massaggiare, fuori di qui e non farti più vedere!!! 😀

No, perché io invece  sono una di quelle comuni mortali e per di più mediterranea che a dodici anni non poteva portare le calzamaglie velate, e in estate ha dovuto cominciare ad affrontare il problema.

Quale migliore argomento per aprire un lunedì tra i più freddi dell’anno? Depilazione.

Ma andiamo con ordine.

Tra i vari metodi per sradicare il problema alla radice (hahahha che bella battuta!!!) c’è quello che uso io. Ossia il più doloroso, ma anche  il più duraturo: la ceretta. C’è un che di masochistico nell’infliggersi una simile tortura, ma si dice che chi bella vuol comparire… che poi non si tratta neanche di bellezza, ma di decenza, nel mio caso 😉

Comunque la ceretta lo sapete tutte no cos’è? Una cera che si stende sulla zona pelosa e poi si asporta con delle strisce di tessuto con un gesto rapido e mozzafiato: lo strappo. Ecco, in alcune zone particolarmente sensibili questa pratica può raggiungere vette di terrore che “strappano” anche l’urlo. C’è chi fa da sé (e le ammiro) e chi, come me, si affida a una valida esecutrice che va dritta all’obbiettivo senza farsi intenerire dagli urletti e le smorfie di dolore.

Altri metodi fai da te sono: rasoio, crema depilatoria e Silk-epil.

Il rasoio è il metodo più rapido e indolore, ma a lungo andare ispessisce i peli e, soprattutto, sin da subito, ha una durata minima.

La crema ha una durata più lunga, ed è comunque indolore, ma contiene acidi e sostanze chimiche che agiscono sul fusto del pelo, dissolvendolo. Per questo motivo non ho mai pensato di usarla e non mi sentirei di consigliarla.

Infine esiste il Silk-epil. Un marchingegno che può essere paragonato a una multipinzetta elettrica. Immaginate la tortura cinese quando usate la pinzetta per le sopracciglia e moltiplicatela per l’area delle vostre gambe. Poi aprite Trashic e venite a raccontarci l’esperienza. Io l’ho usato qualche volta e se i peli non son troppo lunghi, il dolore è sopportabile, inoltre è una soluzione decisamente più rapida e pratica rispetto alla ceretta fai da te. Ma ho notato che mi rimanevano molti peli sotto pelle, evidentemente perché invece di venire estratti, molti si spezzavano.

Alla fine della fiera, molto a malincuore, preferisco la mia ceretta. Che almeno stringo i denti, ma le gambe mi restano depilate e lisce per almeno due settimane, poi per altre due sono presentabile (astenersi bikini, ovviamente). Poi il Silk-epil lo trovo una soluzione d’emergenza, soprattutto al mare per fare dei ritocchi. Mentre il rasoio lo evito perché sinceramente dopo tutti questi anni di dolorose cerette, mi dispiace rovinare il risultato e ritrovarmi con i peli ispessiti.

E voi? Come vi depilate? E quanto spesso siete costrette  a farlo?

Mi son dimenticata qualche ultimo ritrovato miracoloso e soprattutto indolore???

E con questi alti quesiti vi auguro buona settimana!

Commenti

  1. Per i pareri sul Lumea c’era un posto dedicato ed esaustivo sul blog di Spora. Vi lascio il link.
    http://www.sporablog.com/2010/12/06/lumea1/
    Ciao!

  2. E la luce pulsata non la conoscete? Non so bene come funziona… sembra che diano delle scosse al bulbo… e dopo 3/4 sedute i peli non crescono mai più…. io nn l’ho fatto perchè costa anche parecchio…. ma la mia amica si….

  3. ho trovato un’altra offerta per lumea ancora più conveniente!
    io mi sono decisa, lo compro! caia, se vuoi poi lo condividiamo, visto che abitiamo vicine e va usato ogni due settimane!
    http://www.outletfarma.it/scheda.asp?did=1585&cat=DEPILAZIONE&subcat=LUMEA

  4. sono bionda, ma con peli mediterranei…
    🙁
    il mio problema è che con qualunque mezzo di depilazione mi succede una cosa fastidiosissima che si chiama follicolite, ossia ogni bulbo pilifero si infiamma e diventa un bel puntino rosso e il pelo, per quanto tu possa scrubbarti a dovere con una spazzzola adatta a strigliare gli elefanti, ricrescerà sottopelle, formando prima un’allegra montagnola rossiccia e – perchè no? – irritandosi con effettpo brufoletto, crosticina…
    una meraviglia…

    risultato: estate con pantaloni o calze SEMPRE (a rete) anche a d agosto, che farà signora chic, ma fa caldo…e quando te el levi (tipo al mare) tutti a fissarti le gambe non per la loro bellezza (vabbè, almeno me le guardano… 🙂 ), bensì perchè tutte puntinate tipo la pimpa…
    e tutti a chiedere:
    1. porti le calze? non hai caldo??? (e io rispondevo “si, am in ufficio non trovo elegante che una signora si presenti senza calze”)
    2. che hai fatto alle gambe?

    e, ironia della sorte, la situazione migliora con il sole, quindi ci devi andare in giro con le gambe esposte…così fino a metà agosto, tutta puntini come la pimpa, non mi è mai riuscita avere delle gambe non dico rosa, ma almeno non fosforescenti…

    il dermatologo mi disse che capita a chi ha occhi e capelli chiari e che l’unico rimedio era la depilazione definitiva…

    così, da tre anni, ho cominciato la luce pulsata, prima da un imbecille, poi da una bravissima estetista e i risultati si vedono..
    pensate solo che l’ultimo trattamento l’ho fatto…il 17 giugno 2010 e ora potrei andare al mare senza problemi…(tutto l’inverno vado in piscina e adddio ceretta!!!)

    l’unici “contro”:
    1. soprattutto all’inizio è fastidioso, per non dire doloroso…ma si sopporta…
    2. costa, ah! se costa, ma francamente mi sono risparmiata i soldi apposta e ne sono felicissima… niente più macchie e macchiette, palline della pimpa sulla gambe…

    ora basta un “richiamino” ogni anno (se smetti per sempre alla lunga “essi” tornano) e sono davvero libera dai peli superflui…

    per la mia esperienza da consigliare, ma solo fatto da qualcuno che sia un po’ più di un’estetista a caso…so che da qualche parte lo fanno addirittura negli ospedali…

  5. io uso il depilatore elettrico(non è silkepil ma un’altra marca) da tanti anni e sinceramente mi trovo bene, è rapido, è comodo e non sporca. lo uso anche sotto le ascelle, ammetto che è un pò una tortura, ma mia mamma mi ha cresciuta a pane e “devi soffrire per essere bella”, e io per esserlo, dovrei fare un bel intervento di chirurgia plastica totale e soffrire tantissimo ahahahahh!!!!

  6. Dunque è vero che i peli rasati crescono più spessi, ma da quanto ne so io, solo in quanto hanno perso la punta che è stata rasata via, quindi ricominciano a crescere fino alla loro lunghezza fisiologica, ma con un fusto interamente grosso, perchè il punto più vicino alla pelle, la sezione rimanente dal taglio del pelo, è effettivamente più spessa. Al loro ricambio però, rinascono con la punta rastremata e tutto, certo ci vuole pazienza ad aspettare senza estirparli prima o ricominciando a raderli. Che siano più duri e rigidi è quello che fisiologicamente succede quando un pelo è corto, e anche che cresca più in fretta è un illusione, basta osservare i capelli, inoltre i peli di gambe, ascelle etc, semplicemente smettono di crescere ad una certa lunghezza.
    Quando sono effettivamente più duri e spessi e la lanugine si trasforma in pelo terminale, di solito è perchè si è adolescenti e sotto gli effetti della tempesta ormonale, ma mica è il rasoio, credo.
    A presto.

Trackbacks

  1. […] Depilazione. Per una donna mediterranea come me questo punto è assolutamente imprescindibile e d’estate diventa anche una tappa più ravvicinata, su questo non si transige, ma ne abbiamo già parlato.  […]

  2. […] è un’icona del rock e del femminismo… ma per me il femminismo passa anche attraverso il silk-epil. Lotta dura senza paura, e anche senza peli superflui. Lo sanno tutti, ormai, quanto è importante […]

  3. […] già scalpito in attesa della primavera, che di questo freddo, di pellicce, di stivali, di calze, non ne posso più, per quanto manchino almeno un paio di mesi alla fine solare dell’inverno, […]

Parla alla tua mente

*