Il giorno più bello

Il giorno del matrimonio viene spesso etichettato come il più bello per una donna.

Io non lo so se sia stato il più bello per me, anche perché ne ho istantanee sfocate, interrotte, sicuramente manipolate dal gusto del ricordo. Però è stato un giorno meraviglioso, pregno di significato e festoso.

Io e il MaritoZen abbiamo organizzato tutto in pochi mesi, durante i quali io ho anche scritto la mia tesi di laurea e sono andata a discuterla, giusto per non farsi mancare niente. Forse per questo motivo sono riuscita a scampare la frenesia da giorno perfetto, sapevo che non ne avevo materialmente il tempo, quindi mi sono accontentata di organizzarne uno imperfetto.

La nostra fortuna è stata quella di riuscire a decidere tutto in perfetta autonomia, senza ingerenze di mamme&suocere e scegliendo cosa fare e cosa no, come, dove e quando.

Ne è venuto fuori il giorno del nostro sì. Semplicemente. Come lo volevamo. Profondamente nostro.

Io avevo un vestito disegnato da me, realizzato da una sarta matta che me l’ha consegnato due giorni prima del matrimonio e a due settimane era allegramente in Danimarca a festeggiare qualcosa, col mio vestito nella sua bottega di Roma soltanto imbastito. Le mie solite cose last minute. La storia delle scarpe già la conoscete, no?

Volevo un vestito bianco, di tulle di seta. Modello anni ’50 e niente di più. L’ho cercato un po’ in giro, ma non l’ho trovato. E allora mi sono ingegnata. Ritagli, diesegni e scampoletti e questa tizia scovata tra le vie del centro di Roma.

Poi, quel giorno, l’emozione ha fatto sì che m’investisse una nuvola di farfalle e son volata dal braccio di mio padre, tra le braccia del MaritoZen.

Questo è un piccolo assaggio di quello che c’è stato dietro il mio giorno più bello.

Ma quante cose si nascondono dietro quei giorni lì?

Quante aspettative? Quante decisioni da prendere?

Quante scelte, e quante idee si vogliono trasformare in inquadrature perfette di un giorno da ricordare?

Ecco, un post non basta e forse neanche Trashic è sufficiente a contenerle tutte e allora io e la mia sociafelice abbiamo pensato di aprire uno spazio esclusivo in cui ispirarsi, sospirare e come sempre ridere e sorridere dell’imperfezione della vita vera, anche nel giorno che tutte vorremmo perfetto.

Con tanta gioia e una farfalla nello stomaco vi annuncio la nascita di Trashic Wedding, il blog per progettare un matrimonio da sogno, ma unico e autentico!

Commenti

  1. Bellissimo post e bellissima idea!
    Vediamo se da impenitente al matrimonio come sono riusciamo a trovarne uno giusto per me. Per fortuna la materia prima già c’è: l’amore:-)
    Da quando sono ragazzina l’ho sempre immaginato in un prato, un pò all’americana, con tanti fiori e piedi scalzi. Un’orchestrina un pò retrò e un pò punk(questo effettivamente è un pò difficile) per allietare il momento e… cotolette e gin lemon per tutti!

    Buon Trashic-Wedding a tutte!

  2. E chi vi ferma più? Complimenti per l’idea e complimenti a Caia per questo post così dolce, così sognante. Anche per me il giorno del matrimonio è stato un giorno di magia, di sogno che finalmente diventava realtà, un giorno di festa con tanti amici e persone care. E’ stato stupendo. Il primo giorno di una serie di giorni meravigliosi, per fortuna!

    • grazie sara!
      in effetti ora che e’ partito wedding, ho solo un cruccio: che mi son gia’ sposata, mannaggia!!!

      • Io sogno di diventare ricca per festeggiare ogni anniversario con un matrimonio nuovo! Mi sono divertita come una matta a preparare tutto e avevo un miliardo di idee che basterebbero per altri 50 matrimoni (più o meno gli anniversari che prevedo di festeggiare!) … 🙂

  3. PiccolaStella

    Nooooo che ideona!!!
    Corro a vedere.
    Io invece ho un bellissimo ricordo di quel giorno. Ricordo il mio sorriso e il fatto che non riuscissi a smorzarlo!!!
    Era tutto come lo volevamo. Semplice. Intimo. Tutti si sono sentiti a proprio agio. Wow, se ci ripenso mi viene la pelle d’oca…

  4. Ma che bella novità, vi ho già detto che adoro i matrimoni vero?
    😀

  5. Ah dimenticavo, Caia eri davvero bellissima, semplice e vera!
    Il giorno del nostro sì è ormai piuttosto lontano, ma ho ricordi molto vivi della mia gioia, della mia emozione, dell’euforia, del sorriso che ho avuto tutto il giorno in faccia…

  6. Bellissima idea,io adoro i matrimoni,del mio ho un bellissimo ricordo anche se avrei voluto fare qualcosa in più.Ma il prossimo gennaio,festeggeremo 15 anni di matrimonio,le nozze di porcellana …allora una piccola festicciola e tanti confetti beige non me li posso far mancare!!
    Pensate che tale è la mia adorazione per i matrimoni che quando era ragazza (17- 18 anni) andavo a fotografare tutti i matrimoni possibili,magari 2 o 3 al giorno.Le foto le ho tutte conservate in 3 album.Giusto l’altro giorno,sabato,c’erano due spose nella chiesa del mio paese e…volevamo perdercelo??Noooo,ero li per emozionarmi sempre e per scattare tante foto!!!

  7. Bella idea!! Un giorno meraviglioso ..un mese dopo l’acquisto dell’abito ho scoperto di essere in attesa ! Il mio è stato semplice, pochi invitati,in una masseria in aperta campagna, tante peonie attorno, un violino e una gran fatica a trattenere l’emozione
    ( è stata la seconda volta per me)…

  8. caia, tranquilla… il mio vestito l’ho ritirato il venerdì pomeriggio alle 16:30 e mi sarei sposata l’indomani mattina alle dieci e mezza, i sarti che me lo hanno cucito non si sono mai allontanati dalla loro botteguccia per festeggiamenti o viaggi, sono semplicemente dei ritardatari cronici!!!
    comunque alla fine… non mi sono sposata in mutande! (come mi divertitvo a rispondere a chi mi “stressava” con cose del tipo: “ma è pronto il vestito? quando te lo consegnano? faranno in tempo?”)
    io mi sono divertita a fare quasi tutto da me… chi lo sa, prima o poi potrei scriverci un post! e anche per quanto riguarda il faidame, vi assicuro che mi son sentita dire -in modo un po’ velato, ma non troppo- che era un bella perdita di tempo :-/
    per la cronca (e per fortuna) tutti questi commenti inutili non venivano mai da mia mamma e mia suocera che anzi mi assecondavano!
    checchenedicano i buontemponi per me parte del divertimento e dell’emozione è venuta proprio dai preparativi, da quello che sono riuscita a realizzare a quello che è rimasto nella mia testa perchè -come dice bene caia- siamo donne e spose imperfettamente vere. e per questo ancora più belle!

    • ho trovato una che mi batte!!!
      io ci andai a prenderlo il giovedi pomeriggio alle sei 🙂
      con mia sorella e mio cognato… heheheh
      dopo essere andata a comprare le scarpe…
      madonna…
      comuqnue anch’io ho fatto tante cose da me…
      heheheh che avventura!!!

    • A me invece è capitata una sposa che ha prenotato l’abito un mese prima delle nozze e poi era tranquilla … talmente tranquilla che ha rimandato le prove per settimane ed è venuta a misurarlo due giorni prima della cerimonia! Per fortuna andava tutto bene, se no avrei dovuto rinunciare al sonno per due notti per metterlo a posto!!!! 🙂

  9. Io ricordo il giorno del mio matrimonio come uno dei più belli semplicemente perchè… me lo sono goduto fino in fondo!
    Mi sono proprio divertita ed ero circondata da tutte le persone che mi volevano bene, del mio passato e del mio presente!
    In chiesa ho cantato le canzoni che miù mi piacevano (con chitarra e bonghi!), ho mangiato, riso e ballato e ho concluso il tutto sotto casa mia con gli amici con il vestito da sposa e sopra la mia felpa rossa!
    Per me è stato importante contenere i costi per non fare la cosa super consumistica e così ho fatto io le bomboniere e per il vestito ho speso poco…
    Bella, bella, bella quest’idea!

  10. Ma che idea meravigliosa!
    Io adoro i matrimoni! Non sono ancora sposata ma più che altro per una questione economica (nel senso che quando abbiamo deciso di fare le cose seriamente, o ci sposavamo o mettevamo su casa, e quindi abbiamo pensato che fosse più opportuno prima mettere su casa e poi sposarsi! 😉 )Ma contiamo di farlo abbastanza presto!
    E il mio sogno è quello di sposarmi cin un abito proprio come il tuo!
    E poi io adoro le farfalle!
    Ora vado a sbirciare Trashic wedding!
    Eh sì! Ci avete fatto proprio una bella sorpresa!
    Pisi

  11. Ma che brave che siete! 🙂

  12. Ah … e comunque … ADORO QUESTA RUBRICAAAAAA!!! Sognavo di fare vestiti da sposa da quando ero bambina, a questo ho aggiunto in età adolescenziale l’amore per le fotografie di matrimonio e da adulta sono riuscita a diventare sarta, a sposarmi, e alla fine a diventare fotografa! Mi auto nomino alle elezioni per la donna più matri-maniaca della storia!!!!! 🙂

  13. lo sapevo lo sapevo che lo avreste fatto!
    GENIACCE

  14. mi fai venir voglia di sposarmi 😛

  15. Che bella, che bel vestito, che meraviglia le farfalle!
    Io avevo un abito bianco bianco, lungo, largo, col corpetto stretto, ricoperto di pizzo a margherite. il matrimonio è stato classico. ho fatto una navata al braccio di papà singhiozzando e poi per tutta la cerimonia io e il maritino abbiamo riso come matti, anche perchè un piccione dall’alto delle capriate lignee ha lasciato cadere un ricordo sui pantaloni dello sposo inginocchiato all’altare! la cosa più carina è stata la processione a piedi dalla cattedrale al luogo del rinfresco, con gli sposi avanti e tutti gli invitati dietro!
    comunque, oltre all’abito della sposa potreste dare dritte su come vestirsi da testimone, da invitata, da damigella e da pagetto!!!

  16. Mi sono sposata piuttosto giovane (21 anni) e sono passati tanti anni, però se penso al giorno del mio matrimonio ancora mi commuovo (forse perchè sono stata fortunata e ho trovato un marito proprio giusto ed esatto per me!) … Rimpiango un pochino solo il fatto che ho (forse!) dato troppo ascolto a genitori e suoceri (io avrei fatto le cose molto più semplici e più economiche!) ma, ripeto, ero praticamente una bambina e vent’anni fa tante cose erano considerate molto importanti mentre ora non lo sono più (per fortuna!)

  17. Ciao Caia ammiro di te la fierzza con la quale hai preparato tutto..io mi sono sposata 9 anni fa con un uomo stupendo e abbiamo 4 bambini ;avevamo all epoca pochi soldi per il nostro matrimonio, lavorava solo il mio fidanzato come muratore e in 3anni ci siamo fidanzati e in un anno organizzato il matrimonio allora mio zio ci ha regalato le foto, una mia cara amica che non c ‘e’ piu’ l abito da sposa disegnato da me ,bomboniere e partecipazioni fatte a casa con l aiuto di suocera e cognate, pranzo a buffet rinfresco con 100 e passa amici la sera…voi direte tutto bene …insomma una settimana dopo mio zio organizza un pranzo con gli altri fratelli per dire cheil mio non era un pranzo degno di un matrimonio neppure la torta, che avevano avuto fame che lui aveva pagato il nostro pranzo tutto per infamare mio padre con il quale c’ e
    sempre stata rivalita’ ma la cosa piu’ brutta e’ che mio padreal ritorno del viaggio di nozze se l’e’ presa con me perche’ dovevo scegliere un altro ristorante… premetto che sia i miei suoceri che imiei non ci hanno aiutato economicamente..cosa dire io adesso sono una sposa e una madre felica il Signore ci ha donati l uno all altra e lo ringrazio per come rinnova ogni giorno il nostro amore..ma guardo a quel giorno con amarezza pensando di aver deluso mio padree il perche’ lui non abbia preso anche un prestito piccolo per aiutarmi e penso ai 1000 modi migliori in cui avrei potuto organizzarmi meglio e provo malinconia e un po’ di tristezza davanti alle trasmissioni di enzo miccio e quei matrimoni da principessa perche’io penso di averlo vissuto da cenerentola.. un augurio alle future spose e a voi caia

  18. Caia, non puoi farmi questo. volendo ne potrei organizzare un altro ma devo aspettare. il tuo vestito è meraviglioso! io invece avevo una gonna lunga fiquissima ma la cosa più bella è stata poter organizzare tutto in poco tempo e in una masseria carina, in piena estate e con pochi intimi. per la cronaca, è stata l’unica serata freddina di tutta l’estate, con le invitate che cercavano di coprirsi con le giacche dei baldi giovani. fantastica la parente che si avvicina per chiedere di chiudere il portone, peccato che eravamo all’aperto.

    • hahahaha
      letizia, che ridere!
      ma sai che anche noi ogni tanto ci pensiamo a rifarlo? magari per i dieci anni… boh, sarebbe carino!
      (e magari questa volta in puglia, al mare)

Trackbacks

  1. […] settimana? Io credo un pomeriggio di shopping per cercare un vestito da sposa (non per me, grazie, già dato), un salto a un mercatino di vintage e antiquariato e un aperi-cena con coppie di amici e per il […]

  2. […] Ma ho voluto giocare ugualmente con tutti questi strati di seta che mi hanno traghettato dalla mia condizione di donzella libera e felice come una farfalla a sposa e moglie devo… […]

Parla alla tua mente

*