Questo non è un fashion blog!

via Elle

In questi giorni i fashion blog sono ingolfati dai post sulle sfilate… a proposito, siete al corrente del fatto che c’è stata la settimana della moda a NewYork, poi a Londra, ora a Milano e a seguire a Parigi?

No perché queste son cose che fanno perdere ore di sonno alle fashion blogger, mica come noi trashion blogger che non siamo altro, che non dormiamo per le tossi convulse dei nostri bambini o per finire di stirare le 347 paia di mutande più camicie e canotte di una truppa di marines accidentalmente in sosta a casa nostra. O se proprio il sonno non arriva ci guardiamo il cofanetto monografico di Audrey Hepburn e chi s’è visto s’è visto!

Insomma, è un fatto: in queste settimane si sta consumando questa fiera della vanità che mette in scena quello che in teoria dovremmo vedere nientepopodimenoche… l’anno prossimo!!! Sulle passerelle sfilano le proposte degli stilisti per l’autunno/inverno 2011/12, che solo a scriverlo, ragazze, a me mi prende un capogiro: dove sarò l’anno prossimo? In quale città vivrò? Cosa starò facendo? Magari un nuovo lavoro? Magari in aspettativa per “progettare” cose nuove?

Io non lo so, e sinceramente non so neppure di cosa avrò voglia, quali vestiti mi piacerà indossare, che i vestiti devono essere in armonia con il contesto, con l’occasione, mica a prescindere.

Eppure, il mondo fashion, accorrendo, entra in un tunnel di fibrillazioni nel quale tutto è possibile: mettere i sandali a febbraio, indossare vestiti estivi con calze 100den nere, sfoggiare cappelli di paglia schivando palle di neve e acchiappre roba a casaccio dall’armadio pur di stupire, stupire, stupire. (E già che ci siamo, li vogliamo raddrizzare questi piedi? Ma possibile che la gente che viene fotografata, tutta, ha le punte dei piedi che convergono verso l’interno? Misteri della moda che mi restano oscuri).

No, non ci siamo, sono veramente una bacchettona, non seguo la corrente e snobbo le anticipazioni autunno/inverno. Ma dove vivo?

Be’ io vivo qui, dove se fa freddo mi copro e mi piace indossare pellicce e cappelli, dove se fa caldo adoro scoprire le gambe e gettare in fondo all’armadio le calze. Sono calorosa e qualche volta scopro le gambe prima delle altre, ma resto coi piedi per terra e soprattutto non vedo la necessità di indossare delle open toe in inverno se poi ci devo mettere sotto la calzamaglia da montagna. Ma queste sono opinioni.

E vivo qui, dove, son fortunata, le stagioni sono miti e mi posso concedere un trench a Marzo.

E vivo qui, dove l’inverno m’ha proprio stufato, dove un raggio di sole mi fa sperare in un picnic al parco, dove non vedo l’ora di riporre i cappotti nell’anta più scomoda dell’armadio e tirare fuori i miei sandaletti. Figuriamoci continuare a fare indigestione di cammelli, suede e stivali.

Quindi, tornando alle sfilate, noi ne parleremo in estate, quando saremo stufe di canotte e vestiti di lino e occhieggeremo ai primi freddi, nel frattempo ripassate quello che ci aspetta per questa sospirata primavera, ma, vi prego — fatelo per me! — non cominciate a indossarlo con le calze coprenti, pietà!

Commenti

  1. AMEN!
    Grazie di esistere, mi seno meno sola.

  2. ahahaha grande!!! una bacchettata sulle dita di questi fashalcoholic ogni tanto ci vuole!!! mii hai fatto ridere! brava! 🙂

  3. …e oserei aggiungere: io vivo qui, dove capita di mettere lo stesso cappotto per anni!

    Caia, tu sei terrestre e noi di questo siamo contente:-)

  4. Però le open-toe sono belle;-)
    Ogni tanto rimiro le mie nelle scatole, in attesa che il pupo si faccia grande e poterle rimettere senza rischiare di cadere con prole al seguito;-D

    • ma io adoro le open toe: ne ho… cof cof… svariate paia 😀
      ma le metto in primavera, in estate…

      • Io le metto in primavera-estate-autunno-inverno;-)
        In inverno con le famigerate calze supercoprenti, magari dai colori matti:-D
        Che poi le metto…pure prima del pupo non è che stessi sempre in giro con i tacchi:-DDD
        Correre la mattina a prendere il bus per scappare di corsa al lavoro con le open-toe non ha prezzo(ma una caviglia slogata sì)

  5. Nulla di più vero, sottoscrivo in pieno!
    effettivamente anche io guardo questi blog un po’ come se fossero scritti da delle extraterrestri… e anch’io mi domando: ma come faccio a sapere cosa mi andrà di indossare l’anno prossimo?
    Per questo amo alla follia questo blog! E la mattina, mentre sono in metro, già mi pregusto i vostri post, domandandomi di che cosa parlerà il prossimo post!
    Pisi

  6. Fantastica !!!!!!!!

  7. Bè, vi ho scoperto domenica sera per caso, e già non posso fare a meno di venire qui almeno una volta al giorno. Ed è proprio perchè siete così, io le sfilate nemmeno le sopporto! Ma adoro i vostri consigli e il vostro stile, reale, quotidiano, ma assolutamente femminile e sognante. Siete la dimostrazione che diventare una donna sensuale e femminile tra i salti mortali di tutti i giorni, si può e si deve. Più di così!!!

  8. MI dispiace cara, stavolta mi trovi contraria: sono un’accanita fan delle calze coprenti, perché mi piace indossare calze coloratissime e a fantasia, molto vivaci, magari con un abbigliamento semplice.
    Certo, in primavera non sempre le trovo adeguate quando fa caldo bisogna alleggerirsi, ancor prima che nei tessuti, nei colori! Quindi via ai colori chiari, anche sulle gambe…

    • aspetta tesoro, forse non mi sono spiegata, ma io non sono assolutamente contraria alle calze coprenti in autunno, inverno e anche in primavera, se necessario (o se freddolosa), ma vanno adeguate all’abbigliamento.
      che significa mettere un vestitino di garza estivo, o una gonna rosa shocking primaverile con la calza coprente e per di più i sandali? se sei coraggiosa te le metti come si deve, cioè senza calze o al massimo con una rete finissima cipria, altrimenti, aspetta le temperature degne.
      se esiste un abbigliamento primavera/ estate e uno autunno/inverno un motivo ci sarà!

  9. Grande Caia …. io ieri ho visto una tipa all’Esselunga con i sandali , ma vogliamo parlarne che qui nevica e stamattina alle 9 c’erano zero gradi ?

Parla alla tua mente

*