Parliamo di costumi da bagno?

Lo so, non è precisamente l’argomento da Lunedì mattina, che uno vorrebbe essere rassicurato, coccolato e invece si ritrova faccia a faccia con tutti i problemi connessi a questo terribile indumento.

Però, che ci vogliamo fare? L’estate incalza, prima o poi ci costringerà a prendere in mano la situazione e soprattutto i negozi si riempiono già di colori di tendenza, nuove forme, azzardi e qualche rassicurante “già visto” con cui tutto sommato sappiamo andar d’accordo.

Io sono dell’idea che NON ESISTE IL COSTUME PERFETTO. O, meglio, non esiste il costume che in un batter d’occhio ci trasformi nella Canalis. Ecco, appurato questo, se decidiamo di goderci mare e sole (con tutti i benefici di bellezza che questo comporta) inspiriamo, chiudiamo gli occhi e tuffiamoci!

Sicuramente esistono regole ottiche per nascondere qualche difettuccio e valorizzare le nostre forme (ne parleremo nella prossima puntata 😉 ), e anche degli accorgimenti generali per sopravvivere alla vita da spiaggia senza perdere sex appeal (e anche di questo parleremo), ma 10 cm quadrati di stoffa non possono fare i miracoli, facciamocene una ragione.

Quindi scegliamo in base al nostro gusto, forme e fantasie che ci fanno sentire bene e ci fanno profumare d’estate e poi accettiamoci, amiamo la nostra pelle che si tinge d’oro (o corallo), curiamo i nostri capelli che brilleranno al sole e godiamo della nostra andatura che affonda nella sabbia. Sentiamoci dee, basterà a scacciare ogni malefico pensiero di balene arenate.

Mettiamoci pure che da quando sono in età cosciente non ho mai, dico MAI visto una ragazza perfetta in spiaggia. Forse magra sì, con un bel sedere, gambe toniche, qualcuna con un bel topless, ma magari aveva i rotolini sulla pancia, o le gambe non proprio statuarie. Insomma, chi è perfetta scagli la prima pietra!

Non voglio dire di acchiappare il primo costume delle scuole medie, slabbrato e scolorito, e piazzarsi sul bagnasciuga, perché lo stile e la cura non vanno in vacanza, ma rispettando poche regole, possiamo goderci il mare in tutte le taglie 😉

Voi come siete messe a costumi?

In realtà ho pensato di parlarne perché sono stata giorni fa da Tezenis e me ne sono comprato uno. Ci sono vari modelli sia di top che di mutandina e si comprano separatamente per scegliere in base al proprio fisico e gusto l’insieme che fa per noi a poco meno di 20 euro. A dir la verità non ho ancora avuto un secondo per provarlo e decidere se fa al caso mio o mutarlo in mutandine per Momo, forse lo faccio in mattinata così vi dico.

E voi? siete già attrezzate? Ci state pensando? Rimuovete il problema, avete il modello di riferimento, la marca preferita, insomma: voglio sapere tutto! 😀

Facciamo un po’ di chiacchiere da ombrellone stamattina che ne ho proprio bisogno 😉

Buona settimana

love

c.

Nella foto, costume LaRedoute

Commenti

  1. Grazie!
    Nel frattempo, se vedo qualcosa in giro, vi aggiorno!
    Vale

  2. Ho lo stesso problema di framboise, son magra ma con le culotte de cheval! da quando vado in palestra sono notevolmente diminuite, ma me le vedo ancora (ok, forse è una fissa personale!)..
    Ma per una fanciulla piatta come me (una misera 2) che si può fare? i costumi simil-pushup sono scomodissimi come si vuole far qualcosa che non sia prendere il sole, e poi fanno tanto intimo! il triangolo imbottito è un ottimo compromesso, ma ormai ho quasi solo quelli!
    Non parliamo poi dei bikini a fascia, appiattiscono tantissimo! sono anni che ne vorrei comprare uno da alternare agli altri per l’abbronzatura ma non ne trovo di decenti/imbottiti..

  3. Io quest’anno il primo costume da bagno me lo sono comprato sullo shop online di parah (ormai online compro tutto: dalle lenti a contatto alla ciotolina di design per il micio!). Guardate che bello http://www.parah.com/it/prod-137-1647-bikini_triangolo_coppe_estraibili_thunder.aspx
    L’ho visto su Glamour di giugno e me ne sono subito innamorata…

  4. Quest’anno il problema costume e’ un bel dramma…ho perso parecchi kg e mi ero illusa di poter comprare un bel costume colorato..e invece sti reggiseni del cavolo non tengono su una cippa lippa…voglio andare al mare senza il pensiero di dover pensare all’odioso seno che straborda…e quindi anche quest’anno mi sa che mi devo accontentare del classico custume di Golden point mono colore..

Parla alla tua mente

*