Perversioni alimentari

perversioni-alimentari

No, probabilmente non avrei dovuto catalogare questo post nella categoria ‘dieta’. Ma dopo aver perso i primi 16 chili, ed essermi fatta tre giorni di dieta liquida causa atroce laringite che mi impediva di deglutire (memo per i dietisti: la laringite fa dimagrire, riproducete il virus in laboratorio e vendetelo nel pacchetto-dieta, funziona!), adesso ho voglia di qualche perversione alimentare.

Prometto che non durerà molto: giusto il tempo di farmi male un paio di giorni, e poi di nuovo insalatone scondite, semi integrali e legumi. Ma adesso…

Adesso erano giorni che volevo un gelato alla banana. Occhei, lo so, non ditelo, non-dite-niente. Non scomodate Freud. Non scomodate la sessuologa. Non scomodate Barbara D’Urso e nemmeno Platinette.
Avevo voglia di gelato alla banana. Ma non quello sciolto, quello da bambini, quello sullo stecco! Dio che cosa buona… che cosa buonissima!!

E poi sapete quali altri perversioni da cibo mi vengono, quando sono in astinenza?
Gin lemon, sempre, ghiacciato al limite della congestione, con lo Sapphire Gin.
La pizza, quella lurida, quella bassa e unta con tanto pomodoro che ti resta tra i denti.
La cocacola light con il lime spremuto dentro.
Le tartine con la maionese e le uova di lompo.

Ecco. Poi ditemi se è normale pensare alle uova di lompo (che tra l’altro da Ikea ho trovato la versione vegetariana, fatta di alghe, ed è la mia nuova droga). Poi ditemi se è normale.
Ma c’era ancora qualcuna che pensava che io fossi normale?

Adesso a voi. Parlatemi di perversioni alimentari.
E, per favore, non fate finta che vi piacciono i cetrioli crudi, che non ci crede nessuno… nemmeno Rocco Siffredi!

Commenti

  1. Barbara ma sei mitica … brava , brava , brava … ma azzz dovevi farmi venire in mente il gelato alla banana che io trovo solo al dimeglio , quello senza la crosticina che è strabuonooooo e non l’ho comprato in favore del fiordifragola che piace a tutti anche ai due maldigolati ? ecceccaspita maledetto frezzeer mini arghhhh , e comunque a perversioni alimentari potrei scrivere un libro , patatine a gogo poi ci bevo il the , fettazze integrali con maionese e speck (notare l’accostamento con la fetta dietetica) , caramelle gommose nonogiurononle compropiù basta basta torno a pulire sennò ingrasso 2 kili

  2. Flavia (VM) mi ha linkato questo post sulla pagina di gc, proprio nel giorno in cui io pubblicavo questo http://genitoricrescono.com/motivescional-gc-la-dieta/
    Sono indecisa se vojo ammazza’ più lei o Mammafelice che lo ha scritto. Io NON POSSO e NON DEVO pensare a nessuna perversione alimentare: non posso immaginarle, non posso farle apparire nella mia mente. Se accade, avrò più fame di quella che ho ora…
    Quindi io non ho perversioni alimentari, io non so cosa sono le perversioni alimentari, io non conosco il significato della parola “alimentare” e manco “perversione”… ecco…
    (#vienedapiangere)

Parla alla tua mente

*