Dalla città al mare

Buongiorno Bellezze,

questa settimana ho pensato di pubblicare delle idee per chi va al mare dalla città.

Per chi, come me, capita che vada a fare un salto al mare per un tuffo, ma per il resto va dal solito fornaio, nella solita edicola, a fare benzina, magri deve appunto guidare, e talvolta ci scappa pure di dover fare un salto a qualche sportello di posta, ufficio o simile in città.

Sinceramente non approvo il costume da bagno, o il pareo per le strade cittadine, né tanto meno l’infradito di gomma tipo hawaianas. Mi dispiace ma su questo sono intransigente 😀

Allora cosa indossare per stare comodi e pronti per i lidi fuori porta, ma allo stesso tempo a posto per ogni evenienza cittadina?

Ecco qualche idea.

Parto da una gonnellina leggera, con la solita t-shirt bianca che va sempre bene con tutto (ormai ce l’avete tutte nell’armadio, vero?), un paio di espadrille e una borsa da mare capiente, ma glamour. Occhiali da sole.

Tocco Trashic: il foulard annodato in testa come una fascia o per le più audaci come un turbante.

in questo set:


Dorothy Perkins short sleeve t shirt
£12 – dorothyperkins.com


H M flared skirt
£7.99 – hm.com


TOMS slip on shoes
$48 – nordstrom.com


Armani Exchange summer tote bag
$49 – armaniexchange.com


Tom Ford glass shades
$463 – boutique1.com


TopShop hair bands accessory
$20 – topshop.com

Commenti

  1. Cara Caia concordo con te, fuori dalla spiaggia look sobrio, fresco, estivo ma per favore niente costume e chiappe al vento!!
    La mia mamma fra due settimane va in Spagna da sua sorella e le ho detto di portarmi un bel paio di espadrillas, originali hand made!!

    • wow, quanto mi piacerebbero!
      io ne ho un paio viola e uno beige, ma con zeppa.
      invece quest’anno prenderei proprio un paio del genre, basse e chiuse davanti che fungano un po’ da sneakers leggere. chissa’ se alla fine mi faccio tentare, ma devo dire che le originali hanno sempre un fascino maggiore 😉

  2. le espadrillas non mi fanno impazzire…forse perchè da bambina erano praticamente obbligatorie!
    🙂

    concordo.
    le flip flop di gomma si usano:
    – in piscina
    – in palestra
    – sulla spiaggia (dove si arriva però con altre scarpe….casomai è consentito “tornare” dal mare in ciabatte)

    in tutte le altre occasioni sono bandite
    quando vedo le frotte di americani con quelle maledette ciabatte sciabattanti in giro per il centro non so che gli farei!!!!!

    e non si gira in costume e pareo per la citta (ci si infila un abitino, gonna e maglietta, che vcavolo! mica le crinoline!!!)

    come scarpe potrei proporre le orride ma comode, e ormai sdoganate anche come articolo (quasi) fashion, birkestock, che quanto a bruttezza non hanno nulla da invidiare e nessuno, ma negli ultimi anni, con il bianco lucido e i colori divertenti, hanno migliorato un po’ il loro appeal…
    sembre orrende restano, ma almeno sono più sane

    oppure – perchè no? – un bel sandalo salentino, che fa subito estate!

    🙂

    e per chi non osa il foulard in testa, un bel cappello a falde larghe! (questo per me è l’anno dei cappelli…)

    • tranquilla che ho preparato outfit a tema per tutta la settimana, arriveranno altre proposte 😉
      quando ero piccole le avevo anche io le espadrillas, m ale adoro perche’ sono state le mie prime “scarpe col tacco”. erano poco zeppate giallo girasole coi lacci alla caviglia. avevo sette o otto anni. le avrei messe anche in inverno per quanto le adoravo. peccato che l’anno dopo gia’ non mi andavano piu’. e mi commuove ricordare una foto che adesso mi e’ balzata davanti agli occhi in cui ero seduta su un muretto con queste scarpe di cui andavo orgogliosissima, abbronzatissima e con tutti i giorni davanti. ero in grecia, in vacanza con i miei. perche’ mi commuove? boh. saranno gli ormoni, ma tant’e’ 😀

      • aaaaah, ma quelle zeppate si!!!
        🙂
        io parlavo di quelle basse!!

        ah, quando costavano diecimilalire (lo scrivo apposta tutto attaccato) e durvano da giugno ai primi di settembre!
        ah, quando si sfaldavano alla prima pioggia…
        *sigh*

        ora ne ho viste certe che costano un’esagerazione e mi vien male all’idea di spendere 80 euro per le espadrillas!!!

    • una nota sulle flip flop: quando stavo a new york per poco non mi prendeva un colpo la prima volta che ho visto un’indigena togliersi le scarpe in metropolitana, schiaffarsele in borsa e infilarsi due scialuppe di plastica giallo limone.
      son cose che cambiano la vita.

  3. Io abito in Versilia da noi va per la maggiore lo zoccolo in legno con tacco ,caftano bianco e borsa in paglia con trine e merletti,quest anno vedo anche molti stivali in nappa con zeppa in corda ma io sinceramente non approvo lo stivale al mare.

    • bel look! dipende solo dagli zoccoli, che ultimamente ne vedo di equivoci 😀
      comunque io gli stivali non li approvo proprio d’estate, figuriamoci a luglio e per andare in spiaggia.

      • Gli zoccoli che si portano qui sono tipici del posto con tacco medio e fascette in cuoio e spesso sono venduti in negozi con prodotti artigianali,soprattutto a Forte dei Marmi (anche nel suo famoso mercato).
        In giro si vedono comunque tante versioni coatte

  4. zoccolo…..mmmmmh….
    con lo zoccolo si cammina proprio sul filo, ma proprio sul filo del mondo coatto….

    io ne ho un paio di quelli che ora li chiamano clogs, chusi davanti, di suede con il tacco, molto figlia dei fiori

    stivale l’estate no buono….molto coatto..e.soprattutto mi fanno male i piedi solo a vederli addosso alle altre!!!!

    che poi mica lo capisco io: l’inverno i sandali e l’estate gli stivali…boh

  5. Espadrillas: mai potute portare, il mio piede corto e ciccione non me lo ha mai permesso. Zoccoli: praticamente la mia calzatura estiva dalla nascita ai diciotto anni, adesso mi paiono troppo rumorosi e pesanti. Stivali (ma anche scarpe da ginnastica!) al mare: io ce li butterei al mare, anche perchè se capita un vicino di ombrellone maleducato (a me capita sempre!) che lascia questi affari a svaporare al sole a mezzo metro dal tuo naso, hai voglia a dire che almeno al mare si respira un pò di aria buona, altro che in città!

Parla alla tua mente

*