Ispirazioni dalle sfilate — Gucci

Buongiorno Bellezze!

Oggi torniamo sulle passerelle autunno/inverno. Dicono che la stagione cambierà nel prossimo week-end, quindi tocca prepararsi, almeno sulla carta 😉

Gucci. Una delle mie sfilate preferite. Di quelle che potendo replicherei.

Il mood anni ’70 e le incursioni anni ’40, i toni caldi e decisi dei colori e il sofisticato bianco e nero. Il grigio.

Il bon ton aggressivo, maschile. Gli accessori intriganti: cappelli, stole di pelliccia e borse squadrate, stivali al ginocchio e cinturine alla vita, occhiali grandi, dalle lenti sfumate.

Le linee morbide di gonne, pantaloni e abiti e la struttura più smilza di giaccche e top. Il ritorno della gonna pantalone, l’unico particolare che ancora devo digerire, assieme al montone con risvolti eccessivamente vaporosi ed eccessivamente hippie. Al contrario resistono i volumi esagerati delle pellicce colorate.

I vestiti da sera, lunghissimi e svolazzanti, in tinte decise e dalle linee fluide. Trasparenze e cascate di fiori.

Insomma il tripudio della femminilità in una declinazione sicura e misteriosa.

Come cogliere l’essenza di queste suggestioni?

Un cappello, assolutamente, quest’inverno ce lo possiamo concedere tutte. Io ne ho uno viola, comprato a un mercatino di Londra anni fa che sicuramente sarà oggetto di qualche manipolazione e aggiunta. L’importante è che abbia le falde larghe e questo gusto vintage anni ’40.

Poi una pelliccia, meglio una stola, assolutamente ecologica e con un colore deciso. Anche qui rispolvererò un collo color melanzana al quale applicherò un nastro di raso in tinta per portarlo disinvoltamente anche su una giacca in tweed o in velluto, oppure su un semplice cardigan, stretto in vita da un cinturino (quando avrò partorito, s’intende 😉 ) o sul giubbino di pelle.

Se non avete già nel guardaroba questi accessori che possano dare una svolta a questo autunno e se non avete a portata di portafogli un mercatino vintage, Zara arriva come sempre in nostro soccorso, con un bel cappello a falda larga, una cinturina per sottolineare il punto vita, mentre su Asos ci si può togliere lo sfizio di un collo di pelliccia in tante tinte e forme.

Infine attenzione alla combinazione dei colori: da studiare per creare nuovi abbinamenti con i capi che già possediamo e dare un tocco inaspettato anche ai “monotoni” completi grigi. Mai pensato a un tocco di senape su una mise incentrata su viola, vinaccia e bordeaux? (Lisa, parlo con te!!! 😉 ) O a un tocco di turchese su un total military ? E il color corallo col viola? E il marrone bruciato con i grigi? E…

love

c.

 

Commenti

  1. Oh, arriva il freddo, domani. Ecco che cosa sta aspettando il mio piccolo piccolo ritardatario a nascere…… :-S

  2. Mi piace linea degli abiti (li ho “sognati” più o meno così per una delle tue lezioni) e l’idea della cinturina in vita (in effetti anche le cinture sono una delle cose che ho detestato fino all’altro ieri e riscoperto su Trashic). Adoro il color senape ma dubito del vinaccia, che non mi sta bene; però insieme potrebbero essere da provare, perché no?
    Buona giornata!

  3. 😀
    Infatti guardando le foto anche io ho sentito un bisogno impellente di una sciarpina e una cinturina senape, adesso che ho anche il tuo suggerimento divento motivatissima nel procurarmele. 🙂
    E magari una lunga gonna in velluto senape, e una camiciola in seta sempre senape, e un cardigan di cachemire, viola, a trecce sottili, da chiudere con la cinturetta di sopra…. O il cardigan lo prendo di quel marrone chiaro, caldo, con tocchi dorati…. accidenti, sto ricadendo nella gradazione di colore, sono incorreggibile mi sa! 😉

Trackbacks

  1. […] vi avevo già accennato che avrei fatto mia la tendenza Gucci del cappello a falda larga. Io adoro i cappelli e l’autunno è il momento migliore per […]

  2. […] Gucci ne aveva dato qualche assaggio e Prada ha sottolineato molto questa tendenza, utilizzando il […]

Parla alla tua mente

*