Ottava lezione, lo shopping razionale

Lo stile è gioco, e nel gioco non ci sono pregiudizi.

Lo shopping razionale, questo sconosciuto. Quasi una contraddizione in termini.

Ci siamo forse accorte che l’unico pantalone che stiamo sfruttando all’osso è quel modello che ci calza a pennello? Allora perché farci tentare dal pantalone a carota che ci fa sembrare dei cotechini solo perché va di moda e costa solo € 29,90?

Rendiamoci veramente conto di cosa ci “serve”. Ossia cosa ci può aiutare a far ruotare i nostri capi preferiti, dandoci varie possibilità di indossarlo e soprattutto che non ci stanchi mai.

Se siamo con il guardaroba all’osso, dobbiamo anche fare una cernita per stare in un determinato budget, allora vi dico, rasentando il banale, che dobbiamo puntare sui capi basici e concederci due o tre capi che facciano frizzare il tutto. Decidete voi quali. E nel frattempo sfruttate l’occasione per azzardare un po’, stupirvi e stupire e tentare abbinamenti inesplorati.

Per una stagione, tolti i capispalla, si può azzardare questo paradigma:

  • 5 sotto (pantaloni o gonne)
  • 7 maglie o camicie + 5 maglioni, cardigan o giacche, blazer
  • 2 abiti (se li indossate, altrimenti convertiteli in altrettanti sotto)
  • 3 paia di scarpe
  • 2 borse (una da giorno, una più elegante)
  • accessori a piacere (qui si dà libero sfogo alla fantasia e alla personalità, non porrei limiti)

Non abbiate paura di essere ripetitive, di andare a una cena con un abito già indossato, che male c’è? È semplicemente un vezzo da VIP quello di non rimettere mai un vestito con cui si è solcato un red carpet, noi possiamo farlo, anzi, dobbiamo. A parte che anche la Duchessa di Cambridge lo fa, ma comunque se un vestito ci fa brillare di luce nostra… per quale motivo lasciarlo chiuso nell’armadio? È davvero un peccato!

E poi basta una collana per renderlo diverso, o un cambio di tacco, ma queste sono cose che si imparano col tempo, datevi tempo!

Avanti, aspetto le vostre liste!

love

c.

Photo credits: Rick Harris

Commenti

  1. Tutta quella roba è solo il minimo di base?
    Allora sono messa veramente male…
    Di decente ho 2 sotto e 2 sopra… il resto è quello con cui mi sono vestita negli ultimi anni (pantaloni da ginnastica, felpone informi, … insomma l’orrore).
    E i due sopra si stanno rovinando perchè li uso da almeno 3 anni…
    Di scarpe ne ho 1 paio decenti + 1 paio di quele che promettono di rimodellare il corpo senza sforzo, ma con queste non si può andare in giro o a lavorare.
    Sarà un lungo lavoro…

    • si, ma non c’e’ fretta!
      e comunque questa e’ una base che secondo me permette di variare e mixare senza annoiarsi.
      e anche senza distruggere i capi nel giro di una stagione (come dici dei tuoi “sopra”).
      poi uno puo’ anche decidere di avere ancora meno e di stagione in stagione fare delle sostituzioni.
      comunque le rivoluzioni non si fanno in un giorno. 😉
      anche se con le felpone informi e i pantaloni da ginnastica sarei drastica 😀

  2. ciao

    farò una domanda banale, ma mi serve per fare un buon lavoro: che cosa intendi per capispalla? Immagino il cappotto, l’abito più elegante (tipo per capodanno). Ma anche capi che sono dei must come i jeans oppure no.

    • no, non e’ banale, meglio capirsi 😉
      il capospalla e’ il cappotto, giaccone, pelliccia o comunque un “sopra”, un piumino… insomma, niente a che vedere con vestiti e jeans.
      quindi i jeans sono compresi nei “sotto”. l’abito elegante sta fra gli abiti, ma dovendo strutturare un guardaroba solido, un vestito da sera lo vedo un acquisto da fare in un secondo tempo, o comunque se hai la necessita’ per un’occasione cui devi partecipare.

      • grazie, ora posso fare la mia lista, ovviamente dopo aver fatto il punto della situazione anche su maglie e scarpe nel prossimo weekend (non ho ancora finito la sesta lezione)

        ciao a tutte
        francesca

      • …e non piu’ di uno. almeno non prima di aver completato la tua struttura per il quotidiano… e’ una questione di statistica: quante serate di gala hai in un anno rispetto alle giornate in ufficio (o quello che sia?) NON DIMENTICATE QUESTO ASPETTO.

      • ciaoooo, arrivo qui dopo tanto tempo…sono davvero incasinata e di moda ne ho fin sopra i capelli 😀
        volevo dire, però, che il capospalla è: giacche, abiti (nel senso di completo giacca e pantalone), cappotti. I piumini rientrano nella categoria “outerwear” e le pelliccie sono una cosa a parte.
        scusa, eh? ma è proprio il mio lavoro e non potevo non precisare :)))

        in quanto allo shopping razionale, beh…prima non sapevo nemmeno cosa fosse…ora scelgo in modo diverso e mi sono accorta che con la “maturità” (?), acquisto sempre in modo razionale. e per me razionale vuol dire anche “compro quella cosa che in realtà non mi serve ma mi fa star bene”. Ah, non sono tanto razionale??? :DDD

        un bacione, paola

  3. grazie, anche questo articolo calza a pennello. Non smetterò mai di ringraziare donna moderna e quel numero magico dove ho trovato l’indirizzo di mammafelice. Dunque tutto quasi fatto…solo che farò fatica per la borsa elegante. Non ho ben chiaro cosa vuol dire elegante, punto sempre su tagli che sono piuttosto sportivi, mah, forse ho bisogno di un glossario fotografico.

    • diciamo che anche quella e’ una cosa un po’ personale.
      nel senso che dovendo scegliere solo due borse, io opterei per esempio per una maxi bag che contenga tutto il necessario per star fuori tutto il giorno, con lavoro, bambini e varie ed eventuali (ma io sono una pazza) in un colore passepartout che per qualcuno puo’ essere il nero o il cuoio oppure il cammello, o in estate il bianc o il corda. e poi una borsa un po’ piu’ caruccia da usare anche di giorno per qualche occasione piu’ formale come una tracollina o una pochette. ma dipende dai gusti ovviamente e dall’uso che uno ne farebbe.
      io in realta’ di borse non riesco proprio a fare a meno e non sono da prendere d’esempio… fiu fiu fiu

  4. Una bellissima lista, chiara, e con tutto quello che può servire. Mi verrebbe da dire: due borse?!? Ma come si fa? Ma credo che la risposta sia implicita, scegliendo borse di qualità. Mi sento un po’ in colpa per tutti gli acquisti fatti tentata da prezzi e moda e mai utilizzati anche tra le borse (per non parlare delle scarpe), con il risultato di una marea di accessori e un paio di pantaloni che indosso sempre!

    • ma infatti il tuo e’ il problema di quasi tutte le donne, compresa me.
      avere tante cose e usarne due (magari non sempre con soddisfazione). e allora meglio razionalizzare e puntare obiettivi solidi.
      per esempio se io riuscissi a trovare la borsa nera perfetta… ne parlavamo qualche post fa vi ricordate?
      http://trashic.com/2011/09/la-borsa-nera-perfetta/
      http://trashic.com/2011/09/la-borsa-nera-in-budget/
      avrei gia’ svuotato mezzo armadio delle borse (oddio non e’ che ho proprio un intero armadio di borse, ma con estrema vergogna ammetto che ci sono diversi ripiani…)
      borse che poi non uso quotidianamente e stanno li ammassate di ann in anno…
      non va bene.
      infatti io ho fatto proprio uno stop agli acquisti. niente borse fino a quella perfetta (quando me la potro’ permettere) cosi, poi daro’ via tutte quelle che adesso sto cercando di sfruttare, ma che per una ragione o per l’altra non mi convincono, non sono perfette.

      • Ecco, quest’anno è la seconda volta che mi rendo conto (alle prime piogge/neve) che ho tante borse, sì, ma sono praticamente TUTTE di stoffa (I love shoppers!). Tranne una bianca che però è piccola e poco sfruttabile (presa per andare a un matrimonio). Capite che per una che gira a piedi o in bici può essere un problema…
        Direi che è razionale mettere in lista la Borsa con la B maiuscola, che dite? Quella di H&M che avevate segnalato qualche post fa non sarebbe male e starebbe nel budget (di più non posso spendere), ci farò un pensierino e poi magari anche un salto da Accessorize che di solito ha cose di mio gusto…

        • anche se accessorize alla fine lo trovo caro per la qualita’ che offre…
          comunque si, LA BORSA mettila in lista. a mio avviso la borsa e’ fondamentale per definire il look e lo stile.
          e poi se ben scelta e’ veramente possibile averne una e basta. sai che risparmio di tempo non dover cambiare la borsa ogni mattina?

  5. Nell’ultimo annetto ho imparato molto a razionalizzare lo shopping: ogni volta che provo qualcosa deve starmi bene e devo avere ben chiaro con cosa metterlo (a meno che non sia il vestito dei miei sogni, ed in quel caso investo anche su un altro pezzo), altrimenti niente! non so quante volte ho comprato maglie, gonne o vestiti che avrò messo mezza volta perchè non mi stavano bene o non andavano con nessuna borsa, maglia o scarpa che avevo.. 🙁

    Invece in fatto di borse sono leggermente meno razionale, ma ci sto lavorando.. 😉

    • brava sei gia’ a un buon livello, allora!
      io per anni sono stata dilaniata da questa piaga: avere una gonna meravigliosa che e’ stupenda con quella stratosferica camicia e poi… non poter indossare quelle cose con nient’altro…
      invece ho capito che si possono anche comprare cose di quel tipo, ma con un’oculatezza diversa: pensare se poi con tutto il resto del tuo guardaroba (basico) puoi sfruttare quella camicia o quella gonna. il problema era apputno che prima io avevo solo completi di quel tipo inincastrabili tra loro e niente di basico per appoggiarmi sul morbido… capito cosa intendo?

      • Però forse dipende un po’ dalla persona e dalle abitudini. Io mescolo poco, ma i miei outfit tutti abbinati fra di loro li ruoto regolarmente nella vita di tutti i giorni. Ho molti più vestiti di quelli indicati qua (faccina che fischia) ma alla fine li metto tutti. Perché per me è facile poi non pensare la mattina e prendere quello che già so che funziona insieme. Poi ho anche i pantaloni neri (troppi) e le maglie basic. Ma, ti dirò, invece negli anni ho pensato che proprio su quelle mi devo trattenere. Non mi fanno sentire vestita in modo “pensato”. Più che altro sono attentissima a non comprare nulla di legato ad un’annata o una stagione particolare e infatti molte cose che metto hanno più di 10 anni e non mi sembrano datate. Quindi niente vita bassissima per me, niente superplateau, niente “color blocking”, niente di quel verde che era onnipresente questa estate…

        • be’ ma tu lisa prima delle lezioni eri gia’ arrivata al tuo modo di gestire il guardaroba che come dici ti soddisfa, pero’ e’ un modo che hai coltivato negli anni, mettendo su tutte le tue alternative.
          partendo sempre dal tuo gusto e dal tuo stile, con accorgimenti assolutamente razionali, ti sei strutturata il tuo guardaroba che ti da’ soddisfazione, mica ti servivano le mie lezioni 😀
          quindi sono assolutamente d’accordo con te: dipende dalle persone.
          e’ pur vero, che la maggior parte delle donne soffre di un problema che tu non hai ossia non sapere mai cosa mettere nonostante l’armadio pieno oppure avere poca dimestichezza nell’abbinamento, avendo pochi capi a disposizione.
          per questo penso che con una base basica, appunto, sia piu’ facile mettere tutto con tutto e poi aggiungere un twist con il capo o l’accessorio piu’ particolare. e’ solo una via piu’ semplice e anche tutto sommato piu’ rapida.
          poi perseguire la tua strada e’ un’ottima alternativa, ma per chi si trova ora con l’armadio svuotato perche’ ha eliminato tutto cio’ che non gli va… sarebbe un po’ lungo.
          riguardo il non sentirsi vestita con l’abbigliamento basico… ti svelo quello che penso: in effetti il “limite” di un guardaroba basico e’ che deve essere supportato da accessori gorgeous altrimenti puo’ portare a deprimersi. (umile opinione)

  6. Riguardo le borse proposte…ma non hanno quasi tutte le maniglie troppo corte? Credo che a tutte le mamme servano quante più mani libere possibili…e poi…non trovate che portarle al gomito sia ridicolo? Dopo 5 minuti a me vengono gli spasmi…
    Brave tutte cmq :-))))

    • parli degli articoli sulle borse nere?
      in realta’ la maggior parte hanno tracolle removibili, comunque anche li: ognuno deve stilare l’elenco delle proprie caratteristiche imprescindibili che la propria borsa deve possedere. io per esempio non metto una tracolla neanche ora che sono mamma, non mi piace avere questa cosa che mi taglia la forma dei vestiti, delle maglie etc. preferisco i manici medi che posso imbracare su una spalla. e nelle borse che ho e che hanno la tracolla, la stacco.

  7. Il mio problema sono i jenas…vestirei solo con quelli e infatti ne ho 4 paia + 3 estivi.
    E le scarpe ovviamente.
    Devo vedere se gli stivali in cuoio sono sistemabili ed eliminare quelli da cow-boy e quelli con la punta quadrata. Così posso prendere i tronchetti bassi.
    Il mio problema è che col mio lavoro devo avere molte versioni dal super-casual all’elegante.
    Comunque dopo le idee dell’ultimo post stilerò la lista definitiva.
    Yeahhhhhhhhhhh!

    • aspettate chiariamo una cosa:
      io non e’ che vi dico di liberarvi di cose che mettete con soddisfazione e che vi donano.
      a mio avviso questo potrebbe essere una specie di punto di partenza di cose assolutamente perfette e per lo piu’ basiche (considerando che il basico mio non e’ uguale al tuo, ma questo l’abbiamo capito nelle varie lezioni precedenti, no?) che possano essere mixate a occhi chiusi. e credo che se uno vuole stare in budget puo’ essere anche una specie di base con la quale avere le cose “indispensabili” e “stare tranquilla”. ovviamente avendo la disponibilita’ economica e di spazio, tutto cio’ che si aggiunge — con criterio pero’!!! — ben venga! mica voglio fare la monaca scalza, eh?

  8. Molto utile questa lista…io sto cercando appunto di definire un guardaroba di questo tipo perchè ho l’armadio pieno di vestiti belli in teoria, ma che in pratica non metto mai. Però ho due domande…non sono poche tre paia di scarpe (considerando anche stivali per il brutto tempo, una paio di scarpe da sera, ecc)? e come capispalla quali sono gli indispensabili? un cappotto e un piumino?

    • due risposte:
      questa e’ un’idea di base. tutto e’ soggetto a flessibilita’ in base alle proprie esigenze e alla funzionalita’ che si cerca (vedi lezione quattro, http://trashic.com/2011/09/quarta-lezione-torna-sulla-terra/) ragionando per assurdo, se vivessi in un’isola polinesiana mi basterebbe un paio di sandaletti di cuoio e per tutte le stagioni.
      io credo che comunque di base, in autunno inverno con un paio di stivali, un paio di decollette per abbigliamento un po’ elegante/formale e un paio di stringate io ci potrei tranquillamente stare bene. (poi ho altre mille mila scarpe… ma quali uso davvero tutti i giorni???)
      come capispalla dipende da te. dal tuo stile e dal posto in cui vivi… ma le hai fatte le altre lezioni??? 😛 mi sa che ti ho colto in flagrante impreparata ehehheh
      io per esempio come capispalla se riduo all’osso, credo di aver bisogno di un trench (il mio e sfoderabile quindi lo metto anche quando fa freddino da inizio autunno e fino alla fine della primavera), un piumino (ma il mio e’ una specie di cappotto, non sembra proprio imbottito, perche’ i piumini sportivi non mi piacciono e non sono abbinabili al mio guardaroba), una pelliccia e un giaccone sportivo tipo parka/barbour per intenderci. ma per esempio chi usa solo jeans e scarpe da ginnastica puo’ tranquillamente averne uno al max due che si accorda col proprio look.

  9. Hey Caia qui stiamo esagerando! Abbiamo capito che less is more, che c’è la crisi ma qui in un paio di uscite mi sono già comprata tutta la lista e che faccio fino ai saldi? Perchè ce lo permetterai vero di fare acquisti durante i saldi vero? Mi sento tanto alcolista anonima hahaha un bacione
    p.s. cercherò di fare la brava
    p.p.s ci dai un budget perchè forse così ce la faccio visto che spendo pochissimo per quello che acquisto 🙂

    • ahahaahahahahahh coniamo il termine di shopaholic anonime!

    • il budget non posso dartelo, perche’ ognuno conosce le proprie tasche.
      e credo che gli acquisti debbano essere proporzionati.
      pero’ questa lista funge anche un po’ da specchio per comprendere davvero quanto utilizziamo di cio’ che abbiamo nell’armadio e quanti acquisti son sensati o semplicemente mero accumulo da shopaholic.
      ecco, siccome io son partita dal presupposto che gli acquisti per il semplice motivo che son “convenienti” “costano poco” senza capire davvero se ci stanno bene e si integrano nel nostro guardaroba, sono inutili se non dannosi, perche’ ingombrano l’armadio e non ci fanno focalizzare il nostro stile, vien da se’ che puoi anche avere 5 abiti anzichee’ due se in effetti li usi, ma se stanno li solo perche’ costavano poco… insomma son sempre soldi buttati no?
      e poi di fondo sto arrivando all’idea che bisogna un po’ investire su stesse. meglio un bel pantalone che tre coi fili che pendono e il cavallo che si ammolla al primo utilizzo. e ovviamente a meno che non si hanno tantissimi soldi da spendere per se’ e’ impossibile avere tanto e buono. quindi meglio l’essenziale, ma come si deve.
      uff che pipponi che mi fate fare 😀

  10. Sulla borsa vorrei dare una chicca che forse già conoscete: l’anno scorso per Natale il mio boy mi ha rgalato (sotto mio suggerimento) una borsa della Gabs! La cosa bella è che la posso trasformare, ha dei bottoncini per cui la stessa borsa può diventare spaziosa, piatta o rimpicciolirsi a bauletto! non trovo la mia nel sito, ma ce ne sono altre che rendono l’idea! guardare per credere: http://www.gabs.it/
    Certo, rispecchiano la mia voglia di colori e varietà…vedete voi.
    Il prezzo in effetti non è basso, sono in pelle in genere, e diciamo che vanno dalle cento/centocinquanta euro in sù, ma alla fine se la borsa deve essere una…meglio trasformabile no???!!! Addirittura alcune sono da un lato di un colore e dall’altro di un altro colore, in modo da poterle abbinare a tutto!
    Che ne pensate?

    • sono appena andata sul sito a vedere i video di trasformazione e devo dire che è un’idea davvero fantastica,e se una sceglie una borsa con due colori abbinabili a tutto il suo guardaroba,ne basta una sola di borsa

  11. Ecco, lo sapevo, ho già tutto quello che mi serve. E anche un po’ di più. Però sto mescolando, eh, e mi sono pure presa una collana. 🙂 Solo che mescolare mi fa venire voglia di nuovi abbinamenti, e penso che magari anche con una maglia così e una scarpa colà…. aaaah, se è difficile! 🙂

    • ahahahha
      lisa e’ entrata nel tunnel!
      io penso che qualche variazione tu te la possa concedere, a meno che una volta scomposti i completi tu non riesca piu’ a rimetterli insieme.
      quando sono andata via da casa dopo il diploma mio padre e’ entrato nel panico.
      ero io che la mattina lo aiutavo a vestirsi. gli componevo i completi e gli sceglievo cravatte e accessori.
      allora mi ricordo che al mio primo ritorno, intorno a natale, disperato mi chiese una mano e gli misi in ordine l’armadio mettendo vicine le stampelle, con etichette colorate e piccoli post it con i colori di camicie cui abbinare, poi cravatte, cinte, tutte infilate sulle stampelle secondo un ferreo sistema di abbinamenti e accostamenti.
      ovviamente pero’ appena ha iniziato a usare le cose, lavando le camicie, i pantaloni, non riponendo immediatamente le giacche sulle loro stampelle… a fine gennaio era di nuovo in tilt!
      non mi farai lo stesso, lisa, eh?

      • Che carina questa tua storia, gli indizi che dai di qua e là sul rapporto con tuo padre sono sempre teneri. Non ti preoccupare, non sono così poco creativa, è che davvero la mattina ho il metabolismo lento e non riesco a pensare troppo a cosa mettermi, ma il tempo per creare gli abbinamenti lo impiego tutto prima, ai cambi di stagione, in negozio, quando giro per blog, o quando devo fare la valigia. 🙂

  12. oddio, base ok ma mi pare la lista di mia mamma, secondo lei una persona con 3 gonne ci deve campare una stagione… secondo me no, va bene non avere paura di essere ripetitiva ma ci vai in ufficio/all’uni con 3 sotto e basta per mesi di fila? anche i vestiti sono pochi, sono un capo meraviglioso da reintrodurre in armadio, tutte ‘ste donne coi pantaloni sempre intristiscono il mondo e creano falsi miti… no, mi sembra poco tutto, non ce la posso fare ^^

  13. Salve, c’è qualcuno?
    Sto seguendo le lezioni di stile..grazie per averci messo a disposizione questa miniera di consigli e idee!
    Ultimamente ho fatto una bella scremata del mio guardaroba..ma c’è ancora tanto, forse un’altra limata ci vorrebbe. Comunque mi sono accorta che di roba non ne ho poi così poca, anche se indosso sempre le stesse cose e la sensazione è sempre quella: non so cosa mettermi! Sicuramente non so sfruttare quello che ho.

    Comunque questa è la mia lista (invernale):

    SOTTO: 2 jeans, 1 pant grigio, 1 pant viola scuro, 1 pant bordeaux scuro, 3 gonne, 1 paio di leggings neri, 1 pant nero. (tutto piuttosto sportivo)
    SOPRA: 5 tshirt cotone (vari colori), 2 maglioncini stretti colorati, 4 maxi-maglie, 2 maglioncini neri, 8 (!) cardigan corti e 1 lungo, 1 top canotta colorato, 1 giacca (blazer?) nera piuttosto leggera.
    SCARPE: 1 paio di stivali neri senza tacchi al ginocchio e due paia di ballerine.
    BORSE: 1 sportiva per il giorno ed una elegantina nera per la sera.

    Dunque, detta così sembra che ho una marea di vestiti, in realtà il mio problema credo che sia proprio la difficoltà di abbinamento. Un pò dipende dalla pigrizia, un pò dall’imbranataggine ed un pò anche dal fatto che i miei capi (ed io anche) siamo un pò particolari.

    Mi spiego meglio: ad esempio il pant bordeaux scuro è a costine, piuttosto sportivo (almeno credo) e larghetto in fondo..non posso metterlo con gli stivali..ma non saprei con cosa! Però non mi va di metterlo via, è un capo carino che mi dona.
    Idem per il pant nero: è carino, semplice con delle finte zip sulle coscie, però lo vedo solo con gli stivali…boh!
    In realtà ho tantissime scarpe che però non uso più perchè sono decolletes con tacco sottile..ed ormai mi sono convertita al “carino ma comodo”, anche di sera. Poi sono alta, dunque solo scarpe senza tacco, al massimo un pò di zeppa. Quindi forse dovrei optare per le sneakers da alternare agli stivali…però sono troppo sportive..insomme ho le idee un pò confuse! Le ballerine, poi, come le uso d’inverno? Con i collant le trovo bruttine…:-/

    Per quanto riguarda i sopra: pur avendo una buona scelta, mi sono accorta che i miei capi sono tutti di tessuti scadenti (acrilico, viscosa ecc), non ho niente di lana o cachemire, ecco perchè ho sempre freddo. E questo è un punto.
    Poi ho un altro problema: i maglioni, me ne sono accorta in questi giorni (!) sono tutti o senza maniche o con le maniche a pipistrello. I primi richiedono un abbinamento con t-shirt o cardigan, i secondi mi ingoffano sotto i capispalla e non possono essere usati con i cardigan. Per questo ho difficoltà di abbinamenti.
    Poi c’è il fatto che sono alta (1,80) e sia le tshirt che i cardigan che i capispalla mi vanno sempre corti di maniche e quindi devo affannarmi nella ricerca di capi che mi vestano bene. Che stress.
    Con i capispalla sto messa male: ho solo un trench corto nero preso da Motivi per la mezza stagione(corto di maniche!), un piumino più pesante nero lucido lunghetto ed un giubbetto bianco (questo caldissimo) che però nn uso mai perchè è troppo corto (anche di maniche!).
    Ho le idee chiare solo sulle borse il cui acquisto però temo dovrà essere rinviato per ora: voglio una maxi bag nera di cui innamorarmi ed una a tracolla color cuoio stile anni settanta per il giorno! Ah bello sapere cosa voglio! 😀

    Spero possiate darmi qualche consiglio, soprattutto sugli abbinamenti, anche se credo sia un pò difficile…

    • andiamo con ordine.
      innanzitutto direi che la prima regola da far tua e’ cercare e non accontentarti. che senso ha comprare qualcosa che ti va corto??!?!?!
      questo credo sia il punto su cui devi lavorare maggiormente, compra poco, ma che ti vesta bene. NON TI ACCONTENTARE!
      quindi ora tira avanti con quello che hai e affronta i problemi uno alla volta, altrimenti, ovviamente, e’ un salasso.
      per quanto riguarda il problema scarpe: hai pensato invece delle sneakers ad allacciate o mocassini? oppure a scarpe piu’ sportive tipo clark?
      (che poi non ho capito perche’ i pantaloni a costine non ti piacciono con gli stivlai, ma sicuramente un motivo ci sara’ e dovrei vederlo di persona per capire).
      il pantalone bordeaux potresti sempre pensare si fartelo stringere un pochino dalla sarta se il problema e’ la larghezza in fondo.
      le ballerine son carine sotto pantaloni stretti, ma sotto quelli alrghi… mi lasciano perplessa. vanno bene con le gonne, ma se non ti piacciono con i collant c’e’ poco da dire 😀
      forse investirei su un altro paio di stivali per cambiare. in fondo d’inverno vanno con tutto, con gonne e pantaloni.
      riguardo i sopra pian pianino, negli anni puoi rifarti il parco maglioni, partendo da un paio di pezzi basic a stagione, basic nel senso di modelli semplici, a v o collo alto, manica lunga in lana o cashmere e colori che si inseriscano bene al tuo guardaroba. dei capi che gia’ possiedi fai tesoro, nel senso che se ti rendi conto che non riesci ad utilizzarli, prendili come monito per evitare altri acquisti sbagliati: come vedi, meglio modelli piu’ semplici e lineari. nel frattempo usali per quanto possibile, magari facendo una cernita usl punto materiali per sfruttare quelli migliori finche’ non avrai la possibilita’ di comprarti dei maglioni che ti soddisfino al 100%.
      riguardo le cose corte di maniche: molto spesso le catene low cost fanno tagli standard e in effetti per chi ha misure (per altro invidiabili) diverse e’ un problema. less is more: compra meno, ma vai su vestibilita’ migliori. studia un modello di cappotto che possa accompagnarti tutto l’inverno in diverse occasioni, e compralo “buono”.
      durera’ tanti anni e non ti creera’ il prblema di coprire i difetti ogni volta che lo indossi.
      i capispalla sono fondamentali in inverno.
      sugli abbinamenti non posso aiutarti un granche’ perche’ e’ veramente uno sforzo troppo grande d’immaginazione.
      ma procedi un po’ e quando ti viene qualche dubbio batti un colpo 😉
      bacio

      • GRAZIE CAIA!!! Grazie per i preziosi consigli, sei davvero gentilissima 😀

        Forse hai ragione, mi accontento..anche se in realtà non sono una che compra impulsivamente, negli ultimi anni ho imparato a controllarmi ed ho superato anche l’imbarazzo di provare mille cose e poi non comprare nulla! Te lo giuro quando entro nei negozi le commesse impallidiscono perchè sanno che proverò tutto e difficilmente acquisterò se non sono sicura. 😉
        Quindi come mai mi ritrovo con pezzi non perfetti? Forse perchè mi sono autoconvinta che la perfezione non esiste e che quindi, se non voglio finire per ritrovarmi senza abiti, devo un pò accontentarmi..ma evidentemente devo rivedere questa convizione. Poi ci sono problemi oggettivi: vivo in un piccolo paese del Molise (la regione fantasma) e di negozi nemmeno l’ombra..devo farmi 25 kilometri per arrivare a Termoli dove c’è qualche negozio decente, ma comunque, nel complesso, ho poca scelta, anche perchè il mio budget è limitato. Che ne dici, va bene come scusa? 🙂
        Una cosa è certa: il prossimo capospalla non sarà corto di maniche e sarà di buona qualità. Il capospalla è davvero uno di quei capi dove, più che la quantità, conta la qualità, sono d’accordo! Dev’essere caldo, comodo, di buona fattura e buon taglio e di un colore basic. Sto imparando eh? Poi deve rispecchiare il mio stile…e qui sono ancora in fase riflessiva. Ma tanto fino ai saldi c’è tempo.
        Però pian piano il mio stile si sta delineando..sai? Per ora solo nella mia testa ovviamente, però…vedo certamente una ragazza con uno stile casual-basic reso grintoso da accessori particolari, un pò rock, e colori decisi…così inizio a vedermi!
        Per quanto riguarda i pantaloni a costine sai perchè non ci vanno bene gli stivali? Perchè dovrei metterli sotto (data la gamba svasata, è proprio il modello fatto così) e quindi si gonfierebbe il polpaccio…per cui stavo pensando di comprare magari dei biker boots che arrivano solo a metà polpaccio. Allacciate, mocassini, clarks..proprio non mi piacciono..:-(
        Adoro stivali e ballerine..a proposito, queste ultime, al di là dei gusti personali, sono proprio importabili con i collant? Se sì meglio quelli coprenti o velatissimi magari color carne?
        Per quanto riguarda i sopra..è proprio vero, ho fatto molti acquisti sbagliati perchè sono sempre alla ricerca di modelli “diversi” e quindi mi ritrovo con zero capi basici e lineari e soprattutto di buona qualità. Tutte schifezzuole per dirla in parole povere..
        A proposito visto che non posso buttarli tutti quelli con mezze maniche come potrei abbinarli? Con una t-shirt nella stessa tonalità in cotone sotto? Oppure il classico cardigan sopra? Ho un bellissimo maglione viola a collo alto anzi è proprio una maximaglia ma è senza maniche e traforata…come la completo?
        Domanda sulla t-shirt bianca (anzi panna): ne ho diverse, tutte in cotone estivo. Possono essere considerate basiche anche una un pò lunghetta, morbida con arricciatura sul seno e taglio impero? Ed una canotta tipo blusa con spalline incrociate dietro tutte lavorate?…

        Scusa il papiro, aspetterò pazientemente la tua risposta, non preoccuparti! 😉 E’ troppo bello scrivere qui!

        • riguardo le scarpe: se inizio a comprendere il tuo stile… potresti vedere qualcosa tipo i pistol boots isabel marant, cercali in rete, giusto per capire il modello, poi puoi trovare qualcosa di meno “impegnativo” 😉
          le ballerine con i collant le puoi portare, al di la’ dei gusti personali. eviterei la calza velatissima color carne, pero’.
          i biker boots sono nel tuo stile, ma credo che per il modello alla caviglia, ti darebbero comunque fastidio sotto i pantaloni, mentre mi sembrano molto carini con skinny, leggings e gonne un po’ rock. devi provare.
          vedo molto in giro portare i maglioni a maniche corte su camicia bianca semplicissima. mi sembra un bell’accostamento.
          la t-shirt rende l’abbinamento piu’ da adolescente, dipende dal tuo gusto, quindi.
          mettere il cardigan sopra dipende dal sotto. se parli di maglioncini rasati puoi farlo, ma se son gia’ poco poco piu’ spessi, trovo che ingolferebbero anche katemoss.
          se ti va di osare potresti abbinarli a dei guanti di pelle oltre il gomito in una versione un po’ ladylike sofisticata.
          sulle magliette bianche: il basic dipende da te. quanto le riesci ad utilizzare e mixare? quanti problemi ti risolvono? credo che la prima possa essere abbastanza versatile, ma la canotta incrociata dietro diventa un problema per trasparenze, gobbette e spessori dietro se la metti sotto altri strati, ma e’ sempre una mia illazione dettata dalla mia fervida immaginazione 😀

  14. Belli i pistol boots…! Resta il fatto che hanno sempre troppo tacco per me..cmq darò un’occhiata in giro. Infatti mi piace molto portare skinny, leggings..con stivali e ballerine.
    Lo sai che non avevo pensato alla camicia bianca? Io non penso MAI alla camicia bianca..semplicemente perchè non ho camicie nel mio armadio, proprio nessuna..uhm..ho in mente qualcosa per il prossimo acquisto..;-)
    Grazie ancora

    • no dai quel genere li si trova anche con 3/4 cm di tacco che e’ portabilissimo, anzi, aiuta ad avere una postura piu’ corretta rispetto alla pianella.
      per la camicia… vedrai! una volta entrata nel tuo guardaroba non potrai piu’ farne a meno 😉

  15. mi piace questa lista,la aggiusterò un pò quà e là(posso vero?) secondo le mie esigenze 😉

  16. Allora ecco la mia lista
    Per una stagione, tolti i capispalla, si può azzardare questo paradigma:
    • 5 sotto (pantaloni o gonne):
    5 jeans e 3 pantaloni (esubero di 1)
    • 7 maglie o camicie + 5 maglioni, cardigan o giacche, blazer:
    4 maglie (ne mancano 2)+4 maglioni e un cardigan
    • 2 abiti (se li indossate, altrimenti convertiteli in altrettanti sotto):
    ne ho uno solo che al momento giace nella busta cose belle che mi stanno bene ma in cerca di abbinamento
    • 3 paia di scarpe:
    io ne ho 6(di cui 3 usati spessissimo,3 usati ma non cosi spesso e uno da sostituire perchè logoro)
    • 2 borse (una da giorno, una più elegante):
    io ne ho 3 e sono a posto
    • accessori a piacere (qui si dà libero sfogo alla fantasia e alla personalità, non porrei limiti)

    Tirando le somme le cose di cui ha un razionale bisogno sono:
    -1 stivale nero taccato e uno basso (la cosa migliore sarebbe trovarne uno solo con un tacco supercomodo) e comprarne uno di un altro colore(come da lista dei desideri) ,per questi credo che aspetterò i saldi perchè li voglio di qualità discreta.
    – 2 maglie o camicie + 1 cardigan grigio chiaro+maglione
    – abiti:vorrei usare quello che ho già (se solo trovassi l’abbinamento adatto) e comprarne un altro (ma solo se trovo quello perfetto)
    -accessori (qui non elenco niente visto il libero arbitrio;-)ma di sicuro qualcosa di rosso lo comprerò)

    • Li ho trovatiiiii,gli stivali con tacco basso perfetti,meravigliosi il modello che cerco io…proprio loro…solo che al momento per me costano troppo,però li tengo d’occhio e al primo sconto mi fiondo in negozio,questo vale anche per il cappottino a 3/4 che ho già adocchiato,però devo contenermi ed aspettare con pazienza gli sconti,tanto manca un mese più o meno…ce la farò a resistere?il punto è che ho stabilito un budget per comprare le cose invernali di cui ho bisogno e devo far rientrare TUTTO in quel budget.

  17. Ehmm….so che è un post vecchiotto, ma ho recuperato le lezioni sul guardaroba, che sono fenomenali, ma mi chiedevo se i 5 maglioni, cardigan, blazer che elencavi si intendono in senso cumulativo (5 in tutto) o meno (5 per tipo)….giusto per capire se il mio armadio è davvero così misero e se devo correre ai ripari O.o

    • io intendevo 5 in tutto, considerato che in autunno inverno le metti sopra i 7 base, cioe’ le maglie o camicie.
      quindi per esempio un buon blazer blu o nero, due cardigan o giacche di lana e due maglioni oppure se sei la tipa da giacca tutti i giorni prendine tre e lascia due soli maglioni o cardigan per il tempo libero. insomma gestisci tu le tipologie, cercando di scegliere capi un po’ diversi l’uno dall’altro anche per sfruttarne meglio le potenzialita’.
      poi io ho azzardato quell’elenco, ma non e’ un vangelo. se, per esempio, sei una donna che ama indossare gli abiti due son veramente troppo pochi. io, per esempio ne ho decisamente piu’ di due, ma ho pochissimi pantaloni.
      come stanno andando le lezioni di stile?
      anche se il post e’ vecchio, l’assistenza c’e’ sempre 😉

      • Grazie mille per la risposta!
        Innanzitutto, sei stata chiarissima, ora ho capito.
        So che sono solo delle linee guida, ma per me sono oro colato in questo momento in cui sto rivedendo il mio guardaroba e mi sono accorta di doverlo rifare quasi da zero. Devo disfarmi di molti capi perchè non mi entrano più, e di altri (molti) che si sono rovinati per il troppo utilizzo (pelucchi, pallini, perdita di forma, di colore ecc.). Insomma mi è rimasto ben poco e la tua guida mi è utilissima per capire come fare ad avere una base, evitando di comprare secondo l’ispirazione del momento e non sapere dove/come/perchè indossarlo! Poi, gli acquisti d’ispirazione potranno tornare, ma in un secondo momento (spero di essere una tua brava allieva)!
        Per quello che mi riguarda, trovo le tue lezioni di stile sempre a fuoco e utilissime, poi certo, ognuno le adatta alle proprie esigenze e prende spunto. Ad esempio, io sono un tipo più da cardigan che da giacca/blazer, ma l’altro giorno ne ho indossata una che ho trovato durante la revisione dell’armadio (e che ho indossato pochissimo), se mi è piaciuta tanto! Quindi mi sono ripromessa di trovare spazio a giacche e abiti, magari provo con uno, basico, poi avanti…
        Pian pianino metterò a frutto le tue lezioni, grazie!

  18. Io credo di aver trovato le mie borse perfette: ne ho una marrone grande, una tracollina marrone che va bene sia per tutti i giorni che per le occasioni speciali (non certo da red carpet, ma visto che il massimo delle mie occasioni speciali è un matrimonio direi che sono a cavallo) e una rossa, che non sarà indispensabile ma fa da ricarica 😀 Però sto comunque tenendo le altre borse per paura di cambiare mentalità da un giorno all’altro 😛

    Per il resto dell’abbigliamento sono in alto mare, ma incrociando le tue “lezioni” con i consigli di Anna Venere (Moda per principianti) piano piano il mio armadio sta prendendo forma 🙂

  19. Una domanda: non sarebbe meglio avere due di tutto (es. due paia di jeans scuri a sigaretta), in modo da potersi arrangiare quando un capo è a lavare?

Parla alla tua mente

*