Olio shampoo

triderm-olio-shampoo

Una di quelle scoperte che cambiano il modo di prendersi cura dei capelli: questo è stato l’olio shampoo per me. Cose apparentemente banali, e che tutti forse sanno… eppure io ci sono arrivata tardi, e soltanto adesso. E ve lo racconto.

L’antefatto: da qualche mese ho iniziato ad avere sintomi strani. Vampate di calore, soprattutto dal collo in su, cute grassa, insonnia devastante, mal di testa… tanto che a breve farò tutti gli esami medici, soprattutto ormonali, per capire se sto andando in menopausa precoce. Una cosa che, dunque, sto affrontando in modo serio.

Tra questi sintomi, uno che mi infastidisce esteticamente più di tutti: la sudorazione eccessiva a livello della testa, tanto che, anche lavando i capelli tutte le mattine (cosa che ho sempre fatto), già a metà giornata sembravano unti, sporchi, ma soprattutto erano BAGNATI, letteralmente gocciolanti. Una cosa abbastanza schifosa, lo so!
Inizialmente ho dato la colpa al caldo (al MomCamp mi capitò, e faceva molto caldo), ma poi, col passare dei mesi, ho capito di dover prendere provvedimenti.

La soluzione, almeno per ora, mi è arrivata dall’olio shampoo. Voi lo conoscevate già? Lo usate?
(Copio dalla confezione:) Indicato per la cute grassa, è detto dermoaffine perché agisce per affinità e non per contrasto, normalizzando lo strato lipidico protettivo del cuoio capelluto.
E’ studiato per essere usato tutti i giorni, quindi per lavaggi frequenti, ed è delicato, tanto che può essere usato anche per i bambini.

Io ho acquistato il mio in farmacia, all’interno di una farmacia specializzata in omeopatia ed erboristeria, che produce questa linea di cosmetici direttamente a suo nome. E’ privo di nikel e contiene (copio testualmente): glucosidi vegetali, ceramide 3, olio di macadamia, acidi di frutta. Non fa schiuma: se ne usa una piccola quantità, si massaggia, si risciacqua… e non ci si deve aspettare né schiuma, né profumo: è un olio vero e proprio.

In commercio si trovano shampoo più noti, come il Restivoil, ad esempio, che era l’unico che conoscevo, e grazie al quale ho scoperto l’olio shampoo. Ma esiste anche il Triderm, della Bionike (che è stata nostra sponsor tempo fa), che costa circa 9eur. Il costo dello shampoo della farmacia è contenuto: 7.50eur, mentre il Restivoil costa circa il doppio.

E così, in attesa di sospendere la pillola, fare esami del sangue, e capire se sto diventando ufficialmente vecchia, come diceva Gaber, perlomeno mi faccio uno shampoo.

Commenti

  1. E io che ho sempre pensato non fosse adatto alla cute grassa!
    Che deficiente…
    Mi sa che oggi quando vado a far la spesa passo in parafarmacia… 🙂

  2. E la schiuma? Soffice, bianca, che sembra neve? 😉
    Cute grassa anch’io, non amo particolarmente gli olioshampoo (restivoil molto sconsigliato per altro, non è per niente delicato come dovrebbe!), quello della Bionike comunque mi piace lo stesso. Il massimo per me è il Lipperol (solo farmacia), delicato ma sgrassante. Non credo siano molto adatti ai capelli lunghi e di sicuro non sono eco se ti può interessare.

    • Quello della mia farmacia credo sia eco, perchè lo producono loro che sono fissatissimi con l’omeopatia e le erbe. Ma devo chiedere. Ma non fa schiuma. Infatti all’inizio sembra un po’ strano, che io sono abituata allo shampoo profumoso della Garnier e con quello mi ci coccolavo proprio…

      • Interessante, io non ho mai trovato shampoo eco, olioshampoo o normalei, che mi piacessero completamente, invece Garnier con quei profumi coccolosi… che piacere!

  3. Non so quanti soldi ho buttato per trovare lo shampo giusto e tutt’ora non l’ ho trovato!
    Il giorno dopo lo shampoo, ho la cute che mi prude e i capelli si sporcano molto facilmente, segno che il mio cuoio capelluto è stressato.

  4. Io anni fa ne usavo uno che dicevano fosse anche indicato per chi va in barca e si fa lo sciampo con l’ acqua salata.

    • Ma davvero? Non è che ti ricordi come si chiama?

    • Se è quello che usavo io si chiama “oliderbe”., infatti nella confezione ricordo che c’era scritto che si poteva usare sciacquare anche con acqua di mare.. Adesso non lo uso più perchè all’estero non lo tovo, ma credo lo vendano ancora.

  5. Anna, non so se può aiutarti, io per un periodo mi sono lavata i capelli con il bicarbonato misto con dell’ acqua, solo che andava sciacquato con l’ aceto (di mele, dicono) e mio marito è molto sensibile all’ odore, non potevo rischiare di avere chiome splendide e cuoio capelluto sano se poi la mia vita sessuale sparisce e dormiamo separati.

    Bisogna farlo esclusivamente per un po’ di volte prima che l’ effetto seboattivatore degli sciampo normali passi, ma fondamentalmente aiuta a produrre meno sebo e quindi avere i capelli puliti molto più a lungo. E a parte un po’ di pizzicorino se avevo un taglietto all’ attaccatura delle tempie, non ci sta nulla che ti faccia male.

    • Anche io uso il bicarbonato, soprattutto come antiforfora! Ovviamente non tutti i giorni, ma in periodi in cui la cute è davvero irritata e ho la forfora, lo uso 3-4 giorni di seguito e funziona alla grande.

  6. anch’io ho usato il restivoil e nn mi sono trovata per niente bene!!!buono a sapersi di questi altri oli eco e anche più economici 😀

  7. Un paio d’anni fa mi sono letteralmente rovinata la cute a forza di usare shampoo (commerciali) che mi risolvessero il problema dei capelli secchi. Non erano più soffici al tatto e già 12 ore dopo averli lavati la cute e la radice dei capelli assumevano una consistenza grassa, fastidiosa e impresentabile. Ho risolto con lo shampoo Crinevit indicatomi dal dermatologo (la versione con il flacone verde, mi sembra di averne vista una anche in marrone): usato sempre e solo quello con costanza, dopo qualche mese ho risolto il problema.

  8. Si si in farmacia, nello scaffale delle creme per il corpo etc. Non mi sembrava avesse un costo proibitivo, nel senso che sicuramente lo pagavo meno di 10€ (altrimenti me lo ricorderei), credo venisse intorno ai 5-6.

  9. so che non c’entra niente, è molto off topic ma mi consigliereste un buon prodotto contorno occhi che sia di qualità ma non costoso un occhio della testa? ho solo 28 anni ma prevenire è meglio ceh curare e certe rughette hanno iniziato a fare capolino ….:OOO

  10. grazie per la dritta mi servirà in estate, che sudo solo in testa che vergogna

  11. Anche a me è successo di avere un annetto in cui i miei vaporosi capelli riccissimi sono diventati ipergrassi, lucidi anche dopo poche ore dallo shampoo, piatti e … tristi.
    Ho scoperto poi di essere allergica al quaternium (o polyquaternium) che è presente come conservante in moltissimi shampoo, balsamo o saponi liquidi.
    Per scoprire l’allergia ho fatto un esame che si chiama patch test, il mio dermatologo era convinto si trattasse di dermatite seborroica e mi ha tenuta un anno a cambiare continuamente shampoo acquistabili in farmacia e costosissimi…. ma si trattava di semplice allergia… e ora i miei capelli sono tornati felici! 😉

  12. io e il maritino stiamo usando lo shampoo della Vea di nostra figlia ed è pazzesco, i capelli restano puliti e senza forfora molto a lungo, è uno shampoo che serve anche per pulire dalla crosta lattea e vi assicuro che funziona alla grande, noi abbiamo smesso di usarlo da circa un paio di settimane e con lo shampoo che usiamo ora è tornata la forfora e il prurito, domani vado a ricomprarlo, l’unico neo è il prezzo, credo costi circa 17€ è un patrimonio, ma funziona e ne basta poco.

Parla alla tua mente

*