Il profumo che mi piace

profumi-erbolario

Come la maggior parte delle donne, anche io ho provato tanti profumi, nella vita. Quelli che mettevo da giovane, paradossalmente, erano profumi da vecchia. E adesso che sono più vecchia (non in senso assoluto, comunque…), preferisco i profumi da bambina. Ma il profumo perfetto qual è? Ed esiste un profumo perfetto per tutta la vita, o il profumo cambia con noi?

Da ragazzina mettevo sempre Gocce di Napoleon (ora mi metto a canticchiare pure la canzoncina… gocce di napoleon su di me!). Non so perchè. Mi piaceva, mi faceva sentire grande, e sexy.
Poi passai ai profumi maschili: c’era un deodorante da uomo al vetiver che amavo alla follia. E poi quel profumo da uomo che sapeva un po’ di borotalco… e di cui adesso mi sfugge il nome.

Ho provato anche profumi da donna, quelli un po’ più famosi, compreso il famoso Chanel n.5, ma niente: non facevano per me. Troppo alcool, profumi troppo insistenti, scie di olezzo che restavano appiccicate sui vestiti, macchioline indelebili sulle maglie. Non ho trovato il profumo adatto a me.

Sono passata al deodorante Borotalco dopo la doccia (ho la fissa del borotalco, non in polvere, ma come profumo…): un rito. Mi asciugo, mi metto il Dove sotto le ascelle (irrinunciabile, è il mio preferito, e se smettessero di produrlo potrei morirne), mi do una spruzzata di Borotalco e poi mi vesto e metto pure il profumo.

Adesso i miei profumi ideali non sono profumi, ma acque di profumo.
Quelle della Perlier, come il mandarino, il pompelmo e la mora. E ovviamente quelle de L’Erbolario, come vaniglia e zenzero (che mi rappresenta perfettamente), iris…
E quindi immaginate la mia curiosità per la nuova linea di quest’anno, al Papavero: devo chiedere a Nestore di regalarmelo! Quelli degli anni passati non mi ispiravano (mirra, assenzio, corteccia… troppo lugubri). A me piacciono i fiori, i frutti. Mi piace camminare e profumare di ciliegia, di fragola, di mirtillo, di bigbabol.
Mica ho detto di essere normale, no?

Commenti

  1. Adoro l’erbolario…uso la crema per il corpo all’ olio di Argan, soffice e idradante!
    Ogni tanto anche la crema corpo linea Mehares, con essenze del medio oriente estratto di dattero e mirra…un profumo appunto di bigbabol..almeno così mi hanno detto i miei colleghi quel giorno!

  2. Io da anni uso il profumo di Lolita Lempicka, il primo che hanno prodotto: mi rispecchia e non è troppo forte. Non lo cambierei mai e poi mai. Da Giungo e fino a quando fa caldo passo alle acque di profumo: Aquolina per lo più, alle fragranze di mora, lampone, zucchero filato, vaniglia… quest’estate ho usato quella dell’Erbolario ai fiori di tiaré: buonissima e fresca.

  3. Impressionante: questo post potrebbe essere stato scritto da me medesima, per filo e per segno, compreso il nuovissimo Papavero dell’Erbolario O_O: meraviglioso.
    Dato che a quanto pare ci piace “odorare” dello stesso odore, prova “Acqua di Gioia” (profumo vero, di Armani): è diventato la mia divisa, per il momento è irrinunciabile. Non metto nemmeno più la crema per il corpo Iris figurati 😉

  4. dopo anni di obsession di calvin klein, sono apssata 5-6 anni fa alla madnorla dell’erbolario…
    quello è il “mio” profumo.
    mi piace, mi sa bene, mi fermano spesso per la strada (!) per chiedermi che profumo porto…si vede che è prorpio adatto a me…

    il papavero l’ho provato…spruzzato per aria o sul cartoncino mi paice, addosso a me…boh…
    però l’odore ti confermo che è buonissimo!!!

    per chanel n.5, ricordo che me lo regalai come premio passato l’esame di diritto commerciale con un bel voto…
    e mi piaceva (mi piace tutt’ora) pure…
    commento di mio fratello mentre entriamo in ascensore: “che cos’è questo odore di barbiere? sei stata dal barbiere?”

    come distruggere un mito….
    🙂

  5. In generale non amo molto portare profumi (anche se mi piace sentirli sulle altre donne). Però, negli anni, ce ne sono stati alcuni che ho usato con piacere: da studentessa, Eau d’Eden di Cacharel e Tè verde di Elizabeth Arden; dopo l’università, Lait sucré di Comptoir Sud Pacifique (ora non lo fanno più. A me dispiace moltissimo, a casa mia invece sono tutti contenti perché lo odiavano!). Poi, in un momento di saldi e spendaccioneria, ho comprato China rose di Floris, che è buono ma su di me un po’ troppo cipriato. Un anno fa ho scoperto Eau de fleur de prunier, di Kenzo, che è decisamente il mio preferito: discreto, si fonde bene con l’odore della mia pelle e piace anche a Lui.

  6. Fino alla mia prima gravidanza usavo creme corpo e bagnoschiuma Iris o Muschio Bianco, e qualche volta una spruzzatina di acqua di profumo uguale. Così il profumo rimane addosso tutto il giorno e dà una bella sensazione di pulito. Per le serate invece usavo un profumo che mi piaceva assai: Bulgari al tè bianco.
    Poi da incinta non sopportavo alcun odore e sono passata a cose chicchissime tipo neutromed. Massima concessione, una volta sgravato, un profumo che mi avevano regalato per la pupa e che non mi sono mai sognata di usare per lei: ti pare che copro l’odore buonissimissimo di bimbo con un profumo chicco qualsiasi? Però per me ogni tanto…
    Adesso sono di nuovo in fase neutromed, ahimè…

  7. Gocce di napoleon!!! ma cosa mi hai tirato fuori!! credo di averlo ancora a casa dei miei, insieme ad anais anais! il profumo per adatto a me c’è, è sempre lo stesso: acqua di gio’. E ultimamente mi piacciono tanto anche le creme da corpo, mi piace il profumo che lasciano addosso e sugli abiti! ciaociao!!

  8. L’ho provato, è favoloso! E’ proprio quella nota diversa dai soliti profumi, quella che lascia il segno, il tuo segno. Ho confessato a mia mamma che mi piace, ho scoperto che se l’era preso e lo teneva nascosto perchè dopo il primo impatto non le piaceva più: è finito subito nella mia borsa! =D

  9. girlinthemirror

    Per me il profumo è decisamente una cosa che cambia con me, anche io da ragazzina usavo profumi un po’ da vecchia (Caleche e 24 Faubourg di Hermes), con tutto l’appoggio possibile di mia mamma (che li regalava a me e poi ogni tanto si prendeva la tangente dal mio centellinatissimo bottiglino), poi son passata a qualcosa di più moderno e che adoro ancora, ma decisamente ingombrante: Kenzo Jungle.
    In seguito, con ingegneria prima e il lavoro poi ho cercato un modo per mimetizzarmi un po’ in un ambiente maschile e maschilista (va bene attirare un po’ l’attenzione, ma c’è un limite di sopravvivenza), alternando (se trovavo il campioncino) quei profumi da uomo che mi facevano impazzire, tipo Davidoff, un deo dell’Adidas che mi ha fatto compagnia per secoli e, da quando il budget e qualche regalo strategico mi hanno permesso di fare qualche esperimento, profumi più freschi e fruttati (nell’ordine, classic di jean paul gautier, davidoff donna, eau d’issey estiva, delices di cartier).
    Degli ultimi usciti mi piace Valentina di Valentino…(e visto che mi chiamo Valentina…)

  10. Che ricordi Gocce di Napoleon. E sai secondo me perchè mi piaceva tanto? Era economico e quindi alla portata del portafogli di un aragazzina un po’ spiantata come me. Quando ho iniziato ad avere qualche soldino in più mi sono convertita a Moschino classico, di cui lasciavo scie inesauribili. Anche io poi a un certo punto ho odiato tutti i profumi, nessuno escluso perchè non sopporto l’idea di lasciare scie che a qualcuno possono non piacere e sono passata a bagnoschiuma e creme che lasciassero profumi delicati e gradevoli che a mio parere sentivo solo io (ma in realtà così non è). Convertita da alcuni anni anche io a Erbolario adoro Legni fruttati ( di cui ho appena finito il bagnoschiuma ma ho ancora la crema); Iris ( di cui ho la crema , che ormai sarà da buttare perchè ce l’ho da troppo tempo, è troppo intensa e lasciavo una scia che mi veniva contestata al lavoro), Peonia mi piace, Frutto della passione pure e adoro l’ultimo arrivato Papavero soave(fai bene a fartelo regalare val la pena) . detesto Onda Blu! Anche i profumi di queste fraganze non sono male!

Parla alla tua mente

*