Potenza di un tutù

Non scrivo più sul mio blog, non scrivo qui su Trashic come un tempo, ma mi limito a lasciare bozze che fanno la muffa e, in un caotico documento condiviso, pensierini estemporanei alla mia sociafelice che non so come, magicamente, riesce a trasformare in post fichissimi. Potenza della telepatia.

Potenza dell’Amicizia.

Potenza della nostra trashiccaggine genetica, probabilmente.

Comunque io Trashic la sento una seconda casa e allora vengo un po’ qui a sfogarmi, che di motivi ne ho qualcuno.

Tipo che questa settimana non son potuta stare con voi su Gossip. E in realtà al momento non ho neanche idea di come siano le canzoni che la mia socia ha promosso, visto che non accendo radio, mi sono imposta di non entrare in youtube e se non attacco una lavatrice, non preparo un minestrone, non allatto, non carico una lavastoviglie, le cose sono due: o stramazzo al suolo in una specie di coma vegetativo con bavetta incorporata o lavoro (scrivo, studio, leggo, insomma tutte quelle cazzate che non mi porteranno mai da nessuna parte, probabilmente, come mi dicevano in tanti). Comunque solo per dire che io Chiara Civello la conoscevo, così per farvelo sapere.

Tipo che la caldaia è andata in blocco e per lavare i pupi l’acqua si può pure scaldare sui fornelli e via, ma smazzarmi pure per lavarmi i capelli, che sarebbe invece una delle rare attività giornaliere cosiddette terapeutiche e rigenerative, anche no, grazie. Ne consegue la situazione drammatica della mia capigliatura che unita al mio abbigliamento domestico… be’, non è qualcosa di cui andar fieri.

Tipo che la settimana scorsa grazie alla neve gli asili son stati chiusi e Momo è rimasto a casa per questo motivo tre giorni su cinque. Abbiamo ancora gli strascichi.

Tipo che gli altri due giorni è rimasto a casa perché si è sfracellato la testa cadendo dal letto e acchiappando perfettamente di taglio il comodino. Vi dico solo che ho perso dieci anni di vita, aggravante notevole alla condizione dei miei capelli.

Tipo che mi dicono sia stato San Valentino. E non mi dilungo.

Tipo che l’altra sera sempre quella mina vagante di figlio che mi ritrovo si è ustionato una mano con l’umidificatote che abbiamo in uso per il fratello (evidentemente raffreddatissimo con tutto quello che ne consegue). Ecco, provate a far dormire un bambino di due anni e mezzo con i dolori di una bruciatura. E tutto quello che ne consegue.

Tipo che non metto il naso fuori casa da tempo immemore, grazie anche alla condizione dei miei capelli che un pochino mi inibisce. E nel miglior circolo vizioso, questa condizione procura ulteriore annichilimento e abbrutimento.

Tipo che per concludere questo post senza un impasticcamento colletivo devo dire grazie a mia suocera. E ho detto tutto.

Perché grazie a lei e alla sua presenza, sono fuggita. 35 minuti netti. Con un bel cappello, manco a dirlo, che le temperature di ‘sti giorni lo chiamano in causa di diritto. E mi sono precipitata in un negozietto vicino casa dove l’avevo visto. Avevo fatto sogni indecenti sul suo conto. Ero letteralmente partita. Anche di notte quando sono sveglia (e accade spesso, ndb) fantastico sulle nostre uscite insieme e sugli accostamenti stravaganti che gli avrei concesso. E allora, in preda a una fibrillazione assolutamente incosciente l’ho fatto mio.

E adesso ho un tutù, sappiatelo. Del resto non si può dire che non fosse un articolo ponderato.

Voi come lo indossereste?

Commenti

  1. coraggio coraggio!!!!! Passerà!
    La primavera sta arrivando, passeranno i malanni, il piccolo crescerà, tu andrai dal parrucchiere e avrai dei capelli fighissimi e uscirai con il passeggino e il tuo tutù nuovo fiammante.
    LO SAI che passerà.
    Non saprei come portarlo: direi con top e accessori piuttosto minimal, ma qui l’esperta sei tu: magari sei un attimino in stand-by, ma sempre esperta sei!
    Un bacio a tutti e tre.

  2. Tesorooooooo!
    Forza, ce la puoi fare.
    La prossima volta che la suocera ti aiuta però lavati i capelli. Fa miracoli per l’umore.
    Pazienza se non li lavi tutti i giorni ma TI ORDINO di farlo alla prima occasione di tempo libero.
    Mi immagino la fifa per il mix caduta+ustione.
    Legalo. Non è maltrattamento è prevenzione dell’infarto materno. Probabilmente ti darebbero un nobel per la ricerca medica anche.
    Noi tiaspettiamo e ti vogliamo bene e ci manchi, ma soprattutto siamo con te!

  3. Caia, continua a spremere la suocera, mi raccomando:D il tutu è fantastico! Dunque, il classico dei classici è stile Carrie nella sigla di Sex and City.Insomma,per quanto mi riguarda dovrei recuperare il punto vita, altrimenti sembrerei una foca..io lo adoro con un maglioncino di quelli country, lana grossa e stivali…che dici, ti piace o è da zambra??

  4. Caiaaaaaaa <3 <3 <3 (chissà se verranno ma sono cuoricini).
    Con due mostriciattoli, uno di 21 mesi l'altro di 4, ti capisco tanto, e se ti può consolare io e il mio pigiama ti salutiamo calorosamente 😀
    Per la situazione capelli ho adottato la soluzione drastica, lo sai: taglio corto che va tanto di moda e chissene; quando avrò più tempo bestemmierò ma almeno adesso non mi sento una ZILATA (trad. donna poco femminile, trasandata ma appariscente, del tutto incompetente delle norme basilari dell'andare in giro con una certa decenza) 😉
    E per quanto riguarda la suocera……bè la mia non ha proprio un carattere facile…….ma ho scoperto che da quando sono riuscita a delegare a lei qualcosa…….ho quasi ricominciato a vivere pensa!! Ora ho i capelli tagliati di fresco, le unghie cortissime ma curate, e le mie ascelle non puzzano più 😉
    Un fortissimo abbraccio carissima, torna presto 🙂

  5. io direi che un tutù è un ottimo punto per ripartire…
    🙂

  6. Ok, bravissima, approvo aver schiavizzato la suocera. Poi a proposito del tutù:
    – lo usi per legare tuo marito e impedirgli di uscire di casa finché non ha risolto il problema caldaia. mentre sta aspettando il tecnico, vai dal parrucchiere più vicino, e ti fai shampoo e messa in piega. Poi passi in farmacia a comprare lo shampoo secco, che con due bimbi maschi e piccoli si deve comunque tenere a portata di mano.
    – te lo metti in casa per fare un quarto d’ora di esercizi stile balletto che ti prendi qui in streaming http://www.balletbeautiful.com/. Se vuoi una recensione è qui: . http://lostrettoindispensabile.wordpress.com/?s=ballet+beautiful Vedrai che anche Momo si diverte a far ginnastica con te e non fa troppi guai nel frattempo.
    – ti guardi le sfilate e in particolare questo: http://www.style.it/moda/sfilate/sfilata/collezioni-autunno-inverno-2012-13/derek-lam/3/slideshow#442946 e vedi se ti ispira. Ce l’hai un bell’aran, vero? 🙂
    Dai, coraggio. E’ molto molto molto dura all’inizio, ma poi è meraviglioso averne due così vicini. Garantisco che alla fine ci si abitua ad avere i figli sempre pieni di bernoccoli e la casa all’aria e ti sembrano due puttini in paradiso. Sul serio, non è una battuta.

  7. bello il tutù. Io lo declinerei in versione rock. Quindi con una maglia con teschio, o similari, qualche borchia, tipo bracciale / cintura / borsa.
    E anfibi o stiletti omicidi.

    Ma anche la maglia del pigiama e le ciabatte vanno benissimo. Vuoi mettere cosa fa per l’umore girare col tutù per casa?

  8. oppure giacca e cravatta di sopra e tutù sotto. Magari con una francesina o una stringata ma col tacco a stiletto.

  9. brava Caia!!!! niente tira su uil morale come un tutù 🙂

    io l’ho sfoggiato a Natale e mi sono divertita ad accorstarlo ad un maglioncino striminzito Rosso Fuoco….cheddire se non si osa a Natale quando?? in ogni caso non mi faccio problemi a metterlo anche abbinato a camicia bianca in tessuto stropicciato, cinturone in cuoio e stivali….cheddire, lo amo!!!

    ciao

    P.S. sfutta la suocera senza remore!

    • Caia, mi sono consolata leggendo questo tuo post..io sono nella tua stessa identica situazione: un bambino di due anni e mezzo e un altro di un mese. Ma soprattutto condivido con te la situazione pietosa dei capelli..ho ordinato un cappello che dovrebbe arrivare tra un paio di giorni..ma qualcosa sta per cambiare..giovedì prossimo ho preso appuntamento con il parrucchiere!! Dovrò fare una corsa contro il tempo e incastrare allattamento, addormentamento del grande, parcheggio e rientro con il traffico, sì insomma sarà uno stress ma almeno cominciamo a dare una forma decente alla mia povera testa..in bocca al lupo per la tua!! 🙂

  10. Ciao Caia!
    Sul tutù non so darti suggerimenti, anche perché sono ancora alla lezione 5 del Guardaroba Perfetto (oh, ma arrivo… prima o poi arrivo!!!). Forse dovrei chiedere a mia figlia, che è in fase volants&glitters da un po’.
    Sulle cazzate che non ti porteranno mai da nessuna parte, come le chiami tu, faccio la ola. Se sei come me, forse non ti porteranno da nessuna parte, ma faranno in modo che non ti portino alla neuro.
    Per il resto, resisti resisti resisti. Anche in tuta. Anche con le ciabatte.
    Un abbraccio!

  11. Ciao Caia! Oggi Eva compie 4 mesi e comincio a intravedere la luce… Scherzi a parte con la seconda i necessari 40 giorni della puerpera sono raddoppiati. Il secondo è tutta un’altra bicicletta, ma l’abbiamo voluta (e tanto) e adesso pedaliamo. E per mantenere la metafora, bisogna prenderci la mano e poi vedrai, saremo tanto brave che faremo la tappa dolomitica in volata.
    Per l’abbigliamento prendi in considerazione quello che hai suggerito a me, sigh! ho già cambiato taglia di nuovo.
    Per quanto riguarda il tutù invece… lo comprerei subito, magari per martedì sera, il mio anniversario di matrimonio e martedì di carnevale, lo userei anche solo per stare in casa a fare pulizie e ad allattare.
    Un grosso in bocca al lupo. Francesca

  12. p.s. di st martins io ho un trench molto carino, una giacca con dietro disegnate delle geishe, un cappottino che ha dentro la fodera a disegni giapponesi, un tailleur nero seriosissimo che però ha dei fiori o dei pappagalli o dei pappagalli sorap dei fiori sulla schiena della giacca (ehi, non lo metto da una vita!)

    fino a quelche anno fa lo bvendevano da jam, piano terra della galleria alberto sordi…

    lo capite da sole che ci passavo spesso?

    il tutù io lo metterei con un outfit estremamente romantico.
    un golfino ripo giulietta e romeo (ma li fanno ancora? li adoravo da piccola, ora sembrerei una vecchia), magari filo di perle e perle alle orecchie, insomma , pochissimi accessori, borsa a mano strutturata e biker boots sotto per uscire con le amiche, scarpa decolleté tipo chanel per l’ufficio o per una situazione più formale…
    per aperitivo con le amiche, stiletti stringati e altissimi, quelli anche magari che basta poco così per sfociare nel coatto, queli che non sono coatti…solo perchè li porti tu…

    🙂

  13. Caia torna presto, ci manchi!

Trackbacks

  1. […] ho messo il mio tutù con una semplice camicia bianca e mocassini fucsia, trench e borsa nuova che però merita un post a […]

  2. […] brave ragazze, grazie. Voi ritenete sexy un chiodo di pelle abbinato ad un tutù nero? Io tanto, e credo che questo sarebbe un grandissimo look anche per andare in ufficio, e anche se […]

  3. […] E come finire una faticosissima settimana se non con un sorriso?Ecco qua lui, il mio acquisto compulsivo e inutile fondamentale. […]

Parla alla tua mente

*