Sanremo social, quarta serata

ariston-sanremo-tappeto-rosso

Chi è sopravvissuta alle prime 3 sere di Sanremo, alzi la mano. Stamattina era facile riconoscere coloro che hanno resistito fino alla fine della puntata di ieri sera: borse sotto gli occhi, stanchezza, sbadigli, occhiaie, mancanza di concentrazione… ieri sera è stata davvero dura!

Ma siamo quasi alla fine. E domani è sabato, e si dorme. Ce la faremo. Stiamo tecniche!

Io sono già ai blocchi di partenza, e vi accolgo con questa foto scattata da Jolanda, che è inviata in questi giorni a Sanremo.

Alle 20.46
Si apre la puntata con un pezzo dei Nirvana suonato al violino, e la performance della ballerina e pittrice Simona Atzori, ragazza bellissima nata senza braccia, che ha fatto della disabilità un’abilità.

Se volete votare in modo pilotato da me, ovvero con gli unici numeri che per me valeva la pensa segnare, questi sono i miei preferiti. SMS al numero 47222

01 Arisa
02 Bersani
03 Carone
08 Finardi
12 Noemi

21.01
Noemi duetta con Gaetano Curreri.  Stasera Noemi ha un bellissimo vestito, stupendo: un vestito nero a balze con la gonna leggermente ampia e il corpino liscio.
Però quei capelli davvero stanno male con tutto. E l’orecchino verde giallo fluo non aiuta. La versione della canzone però è bellissima. Solo che poi Curreri alla fine gracchia, non ce la fa.

Alle 21.07
Carone con Grignani. Ma sti baffetti… diteglielo, per favore. E comunque Grignani era meglio se stava a casa. Ha rovinato tutto, porcazozza.

Alle 21.12
Dolcenera con Max Gazzè. Secondo me sti due spaccano. A lei ogni sera si accorcia il vestito. Domani sera forse verrà con le mutande e basta.
Però, a pensarci, Dolcenera si è magnata Gazzè come fosse un bruscolino.

Alle 21.28
Gigi e Bertè con Fargetta. Ho paura. Gigi D’Alessio è vestito come uno dei Village People… e mi sa che tutto questa penosa canzone è clamorosamente in playback. Che cosa brutta. In confronto, Bollywood è SOBRIETA’.

Alle 21.36
La Civello accompagnata da Francesca Michielin. Una delle due la conosco. Indovina chi?

Francesca Michielin ha un vestito da principessa delle favole tutto fucsia. Favoloso. Perfetto per una ragazza fresca e giovane come lei, importabile per chiunque abbia superato i 16 anni.

Alle 21.44
Arriva la Ferilli che canta Roma, nun fa la stupida stasera. Ne approfitto per andare a fare la cacca, scusatemi.

Alle 22.00
Samuele Bersani con Paolo Rossi.  O-mio-dio. E’ vergognoso. Non poteva fare scelta peggiore, Bersani.

Alle 22.13
Finardi e Peppe Servillo. Finardi però ha sempre la stessa camicia?
A me questa canzone piace, è molto sanremese, ma è sempre uguale a se stessa in tutte le versioni. Non spacca.

Alle 22.19
Nina Zilli entra vestita con una coperta isotermica (una metallina).

Alle 22.28
Arisa e Mauro Ermanno Giovanardi.  Lei sempre sobria, elegantissima, fasciata in una lunghissima tunica grigia e una micro cintura dorata. Forse il colore non è azzeccatissimo, ma la forma dell’abito è perfetta.

Per me Arisa vince.

Alle 22.56
Emma con Alessandra Amoroso. Emma di nuovo in verde… ma chissà perché, non me lo spiego. Alessandra invece si è vestita da Eva Kant. Però almeno qui c’è la voce, vivaddio.

Alle 23.09
Matia Bazar. A un certo punto ho sentito ‘Platinette’ e mi è preso un colpo. Cercavo una parrucca bionda, e invece si è presentato Mauro. Ma perché? Mi sto intristendo…

Alle 23.15
Arriva Renga, con tutto un coro. Forse allora sono morta ed essendio io una gran brutta persona, molto cattiva, sono già all’Inferno. Adesso capisco.

La mia riflessione: stasera ho sbagliato. Ho guardato Sanremo da sobria e non l’ho capito. O forse 5 sere sono davvero troppe, e domani ne abbiamo ancora una. O forse perché tutti gli anni mi succede la stessa cosa: alla terza sera odio Sanremo, e poi durante la finale già mi manca. Sono una nostalgica del cavolo, e una cinica. Ma pensavo che son 30 anni che guardo Sanremo. E’ davvero una cosa bella.

E Morandi, tutto sommato, è come un vecchio zio un po’ rimbambito a cui tutti, in famiglia, vogliono bene. Io gli voglio bene, anche se certe volte dice cose strane, le cose strane dei vecchi, mescolate di ricordi e di invenzioni.

Papaleo, invece, è un finissimo attore e poeta. Non lo avevo mai capito prima, ma è stata la sorpresa più piacevole del Festival (insieme ad Arisa). Spero di rivederlo ancora, altrove, con un varietà tutto suo:
Nella musica, come nella vita, la questione è mettere una nota giusta in un’armonia Tuttavia, il suono che preferisco, è la risata di mio figlio.

Alle 23.43
Arrivano i giovani. Ho un lapsus. Ma chi è che mi piaceva? Co’ sti capelli, comunque, tutti fonati, mi stanno facendo paura: mi sta venendo la tricofobia, me lo sento.

Ecco, il giovane che mi piace si chiama Marco Guazzone. Non me lo ricordavo, ma adesso rimembro ancor.

E invece vince Casillo, quello coi capelli phonati. Se mia figlia si mette con uno che ha una cofana al posto dei capelli, brucio tutti i libri della Montessori.

Alle 0.49
Eliminati i big. Fuori definitivamente: Chiara Civello, che tanto non si era capito chi era, e l’ho presa in giro, ma aveva una bella canzone. E fuori anche Matia Bazar.

I miei beniamini ci sono ancora tutti. Domani grande serata.
Come al solito vincerà quello che io detesto, ma non demordo, non smetterò mai di guardare il Festival di Sanremo.

Commenti

  1. dai dai che anche loro evocano siffredi!

  2. Che momento! Siamo arrivati alle pipì incrociate

  3. ragazze vado a nanna! notte belle ragazze!

  4. Ma dài, ha vinto belli capelli. Mi ricorda un po’ silver di x-factor

  5. ha vinto saltapicchio!

  6. Saltiamo tutte insieme così ci svegliamo un po’!

  7. Sono molto triste.
    Ma molto molto.
    Uff.
    Guazzone io ci sono se hai bisogno.

  8. e a guazzone non vogliamo dare il premio trashic?

  9. Anche quest’anno ha vinto il peggiore, anche se “in tutti i luogh,i in tutti i laghi, in tutto il mondo” non lo batte nessuno!

  10. Mò eliminano due.Speriamo in qualche buona notizia

  11. la civello ci saluta

  12. Emma rules!
    Io avrei buttato fuori Renga,sempre la stessa canzone cantata allo stesso modo.

    La Civello me la sarei tenuta.

  13. E si auguraci la buona notte con la notizia che torna Celentano!

  14. evvai! sono arrivata fino in fondo!!!!! Buonanotte.

  15. Notte care….domani finisce!

  16. Notte care.

  17. Hai ragione: Papaleo è un fine poeta. Io lo seguo da anni, nei teatri, e mi è sempre piaciuto molto, specialmente in uno spettacolo con Alessandro Haber (altro personaggio conosciuto solo come attore, che invece è anche un cantautore meraviglioso).

  18. Sì, ieri sera è stata davvero dura. Sanremo si trasforma ogni anno in un corso di sopravvivenza che quando ci sei dentro ti domandi chi te l’ha fatta fare ad accanirti anche stavolta che poi non ti riesci a staccare anche se diventa molesto…un po’ come quando devi togliere tutte le decorazioni natalizie e ti rendi conto di averne messe troppe e non ricordi più quanto ti sei divertita 😀
    Però, come te, anche io non demordo, e lo guardo e lo guarderò penso sempre, è una tradizione! Anche su Gianni Morandi la penso come te 🙂
    E su Arisa, chettelodicoaffà 😀 anzi un postarello sul suo look magari che la devo copiare, le assomiglio!

Trackbacks

  1. […] Trashic Sanremo Social: quarta serata […]

Parla alla tua mente

*