Orto familiare

Ci sono attività che rigenerano e svuotano la mente distogliendola dal correre quotidiano.

Per me una di queste attività e mettere le mani nella terra per coltivare qualcosa. Piantare, seminare, innaffiare, raccogliere è una sequenza che mi dona sempre serenità.

Ogni tanto ho bisogno di occuparmi di qualcosa che non siano i problemi quotidiani e questo mi fa stare meglio.

Io sono fortunata: ho terrazzino, giardino, orto.

Ma chi non è così fortunato?

Non si deve mai disperare perché se c’è una cosa che il web ci ha donato  è la possibilità di scoprire e condividere idee eccezionali.

E di soluzioni per avere un po’ di verde in casa ce ne sono tantissimi anche se si sta in un appartamento.

Vediamo cosa possiamo fare per coltivare ad esempio un bell’orto sul balcone o addirittura in casa. Un bell’hobby rilassante e anche economicamente vantaggioso 😉

Per prima cosa di quali strumenti dobbiamo disporre? Vediamoli:

  • Vasi di diverse dimensioni preferibilmente in coccio o fibra (durano circa due anni poi si compostano) o in alternativa una struttura da orto in plastica (ormai ci sono materiali plastici appositi molto traspiranti)
  • Vanghetto, rastrellino, guanti da giardiniere, innaffiatoio, un secchio, punteruolo per seminare
  • Bastoni di legno per le piante che si sviluppano in altezza come piselli, peperoni, pomodori, cetrioli o melanzane; in alternativa un traliccio classico su cui farli arrampicare
  • Cordino per legare le piante ai bastoni (rafia, corda grezza o quella in plastica estensibile).

Se avete un balcone con almeno 4-6 ore di luce da poter dedicare in tutto o in parte (10 mq sarebbero ottimali, ma anche con 4 si fa molto) all’orto vi consiglio senz’altro questa soluzione.

Altrimenti potremmo passare all’opzione “orto da finestra”. No, giù il telefono, non sono pazza, non chiamate la neuro. Poi vi spiego 😀

ORTO SUL BALCONE:


 

1. Agricoltura – Guida Consumatore 2. Orti Urbani 3. Red Stick Ranch 4. Orto Biologico

5. Life On The Balcony 6. Totally Kids Time 7. Depuriamo 8. Design Me

Scegliete con cura i vasi e non sovraffollateli di piantine. Seguite indicativamente questa regola:

  • 20 cm di distanza fra le piantine per pomodori, peperoni, melanzane, erbe aromatiche.
  • 30 cm per l’insalata
  • 40 per le zucchine a foglia larga.

In alternativa per gli ortaggi a sviluppo aereo potete usare come dicevamo una spalliera a muro risparmiando spazio, raccogliendo a scalare e avendo una resa davvero ottima. Oltre alla spalliera si possono usare vecchi pallett riciclati, utili anche per creare un orto a terra con divisori già pronti.

Se poi lo spazio è proprio poco o esposto in modo non ottimale al sole potete decidere di attaccare delle fioriere alla ringhiera del balcone per gli ortaggi che non crescono in altezza. In questo caso però attenti a non scolare l’acqua sul balcone di chi abita sotto di voi!

ORTO IN CASA:

Ma se il balcone proprio non ce l’ho? Rinuncio? MAI!

Ci sono ottime soluzioni anche per voi.

Negli ultimi tempi la più conosciuta è quella del “tavolo da orto” che si vede nella trasmissione In Cucina con Ale con Alessandro Borghese (MODE GOSSIP ON: ma voi lo sapevate che era il figlio di Barbara Bouchet?!? Io non lo sapevo me lo ha detto mio marito!!! Ecco lo so…è triste farsi raccontare i gossip dal marito…meglio tornare all’orto…). E’ semplicemente un tavolo con ripiano incassato e opportunamente drenante che si riempie di terriccio e in cui si coltivano le piante. Basta tenerlo vicino a una finestra ben esposta alla luce.

Al posto del tavolo possiamo usare un altro mobile di recupero come un v

ecchio comò o un armadio in disuso.

Un’altra soluzione è quella degli “orti finestra” cioè o sfruttare semplicemente un davanzale interno ampio (in molte case vecchie ci sono) o utilizzando apposite strutture da appendere ai vetri (si possono anche fare in casa con semplici bottiglie di plastica, vasi in vetro o sacche in tela)…o perfino all’esterno per creare un orto pensile.

Commenti

  1. per luce intendi sole diretto? perchè il mio cortile è perennemente in ombra, fatta eccezione per un paio di ore a mezzogiorno in estate, e le piante non ci stanno tanto bene. Alla fine la rosa mi regala pure qualche fiore, ma niente a che vedere con le splendide e continue fioriture che aveva a casa vecchia, dove pure doveva subire parecchia ombra, ma mai tanta come qui.
    Insomma, ho qualche speranza? Perchè io non ne vedo tante, e coltivare una pianta intera per 2-3 pomodori l’anno… vero che è meglio di niente, ma è più la spesa che l’impresa.

  2. Al momento vanto 4 vasetti si erbe aromatiche che sostano sul tavolo della camera da pranzo, ma appena mi arriverà il nuovo mobile della cucinale sposterò!!! Per il momento godono di buona salute!!!

  3. Io non ho il pollice verde… Ma nero 🙁
    Proprio non ce la faccio a far sopravvivere una pianta piu di qualche giorno.
    Vorrei provare a tenere un orto sul balcone ma forse faccio meglio a non iniziare nemmeno!
    Ecco… Ora affronterò la giornata pensando alla mia inettitudine come giardiniera 🙁

Trackbacks

  1. […] già la bellezza della pianta vale la pena di coltivarla se avete la possibilità di un orto famigliare, ma anche per l’orto in giardino: con un po’ di spazio in più avrete cetrioli freschi […]

  2. […] 6. Infine un’idea per i favors: i vasetti con rastrello, mini vanga, terriccio e semi. Lo so, forse costa un po’, ma se i bimbi non sono tantissimi la trovo un’idea stupenda. E così magari porteranno i genitori ad iniziare un piccolo orto domestico. […]

  3. […] 09. Infine un’idea pazza: i quadri fatti in pallet riciclato con dentro non quadri bensì piante! Addirittura potremmo inserire invece delle felci presentate nella foto delle piante aromatiche per il nostro orto in casa. […]

  4. […] uno piccolino in casa coi bimbi? Anche di questa possibilità abbiamo parlato nel post sull’orto famigliare, ma ci mancava un kit specifico per i bambini e io lo trovo […]

Parla alla tua mente

*