Dentifricio fatto in casa

La ricetta del dentifricio fatto in casa

Tra tutte le argille, il caolino è quella più fine e si adatta bene a essere usato al posto del dentrificio, senza il rischio di rovinare lo smalto dei denti. Anticamente veniva già usato allo scopo, quando ancora non esistevano alternative alle odierne paste dentrificie.

In natura esistono diverse composizioni di questo silicato e cambiano colore a seconda della presenza o meno di ferro. Si và dal bianco al rossastro e arancione. Quella che si trova comunemente in farmacia è bianca.

In agricoltura, il caolino viene usato contro l’attacco di alcune mosche e altri insetti dannosi. Quel che è sicuro e che ha un forte potere battericida e antisettico.

La ricetta per la pasta dentrificia è molto semplice.

Ingredienti

  • mezzo bicchiere di caolino (battericida e antisettico)
  • un cucchiaio di bicarbonato di sodio (antimicogeno)
  • olio essenziale di menta
  • olio essenziale di salvia o pino mugo (a piacere)

Preparazione

In una ciotola di terracotta (o, al massimo, di vetro) si mescolano, rigorosamente con un cucchiaio di legno, il caolino e il bicarbonato di sodio con l’aggiunta di dieci gocce di olio essenziale di menta piperita e cinque gocce di un altro olio essenziale, a piacere, finchè l’olio non avrà impregnato tutta la polvere.

Il composto dev’essere conservato in un barattolo a chiusura ermetica, data l’elevata volatilità degli oli essenziali. All’occorenza basterà intingere lo spazzolino umido nel composto e lavarsi normalmente i denti.

Non bisogna mai toccare l’argilla con altri metalli, perchè comprometterebbero la sua proprietà chimico-organica.

Nel caso si stia seguendo una cura omeopatica è bene non usare l’olio di menta piperita, che inibisce la cura, ma preferire gli altri oli.

L’effetto del bicarbonato e blandamente sbiancante ma la pulizia è assicurata e la freschezza della vostra bocca anche.

Commenti

  1. E’ importante rivalorizzare i vecchi sistemi di cura personale, anche perchè alcune popolazioni, prive dei prodotti industriali, potrebbero prenderne spunto

Parla alla tua mente

*