Spuntini per chi è a dieta

spuntini per chi è a dieta

spuntini per chi è a dieta

Uno dei problemi maggiori per chi come me è sempre a dieta: la voglia di incontrollata di abbuffate, soprattutto quando una dieta dura così tanto tempo da indurci alla noia o al disinteresse.

Purtroppo chi deve perdere tanti chili si deve rassegnare: la dieta dura mesi, o anni, e bisogna abituarsi a mangiare in modo diverso per tanto tempo, e anche farsi una ragione del fatto che ci si dovrà togliere qualche soddisfazione in altri modi che non riguardino il cibo.

Nei miei vari esperimenti, visto che io tendenzialmente mangio bene, ma poi mi faccio autogol a merenda mangiando schifezze o alimenti calorici, ho capito quale può essere uno spuntino spezza fame giusto per me, e anche saziante, che mi tolga la voglia di cibo per qualche ora, fino a cena.

Io da un po’ di tempo mi concentro sulle proteine. Una dieta eccessivamente iperproteica non mi è mai piaciuta (come la Dukan, per intenderci), ma è indubbio che per dimagrire si debbano ridurre i carboidrati e aumentare le proteine.

A colazione bisognerebbe dunque mangiare anche una certa quantità di proteine, e quindi almeno un paio di volte la settimana rinunciare a cappuccio e brioches, per scegliere qualcosa di più saziante e più proteico. Per esempio una colazione light all’inglese con una frittatina preparata con due bianchi di uovo, oppure del pane di segale con del prosciutto cotto.

A merenda si può pensare ad uno spuntino che sazia molto, ma non aggiunge una eccessiva quantità di carboidrati. Per questo opto per il pane di segale, che contiene tante fibre e soprattutto riempie tanto lo stomaco, insieme a un pezzetto di parmigiano mono porzione. Può anche andare bene un uovo sodo, ma al massimo due volte alla settimana, oppure si può optare per delle alternative come un pezzetto di emmenthal o qualche fettina di prosciutto cotto magro o di bresaola magra.

La merenda ideale potrebbe essere dunque rappresentata da pezzetti di parmigiano, una mela tagliata a fette e alcune noci, o nocciole o mandorle. Preparate tutto in un contenitore ermetico da tenere in frigo (a casa o in ufficio): in questo modo quando avrete fame, a merenda, non dovrete fare altro che prendere il cibo già pronto, invece di fiondarvi alle macchinette o al bar rischiando di acquistare qualche schifezza.

L’importante è non scoraggiarsi. Chi come me deve smaltire decine e decine di chili, non deve perdere la fiducia in se stesso, e deve imparare a considerare il cibo come a un carburante, e non come a una soddisfazione personale. Forza: troviamoci un nuovo modo di realizzare noi stesse, senza attaccarci al frigo!

Commenti

  1. Ma secondo te le barrette di cereali e/o frutta secca e/o semini vari (girasole, sesamo ecc.) sono troppo caloriche? io le faccio con 100 gr di miele+100 gr di zucchero di canna+250 gr di cereali e/o frutta secca e/o semini e ne vengono tante, diciamo per 5-6 spuntini!

  2. carissime, io ho finalmente iniziato la mia dieta basata sui miei geni e devo dire che come varietà ci siamo, non manca nulla e sono tutte cose che mi piacciono. la dieta è questione di organizzazione e di testa. non bisogna eliminare o ridurre ma solo combinare bene le cose giuste nella giusta misura 🙂

    • La dieta dei geni com’è? Vale anche per me, che genio non sono? 😛

      • non sono un genio neppure io ed ero un pò diffidente. in pratica ho fatto esame del dna, da li è uscito ciò che mi fa bene e cosa mi fa male, tutto ciò che riguarda il mio metabolismo. da questo mi è stata fatta una dieta che rappresenta il mio regime alimentare tipo… per la vita. la sto facendo da 10gg. non devo pesare le cose, ho una bella varietà di alimenti da mangiare tra cui carboidrati pranzo e cena, gelato, dolci, proteine, insomma c’e’ tutto…sono già a -1,5kg e spero di continuare cosi.
        però come scrivevo sopra è tutta una questione di testa e di come organizzi il frigorifero. c’e’ poco da fare.

        • Mi piace sta cosa! Costa molto la visita?

          • ho letto adesso sai che non mi arrivano le notifiche? la visita è gratis e per me vale la pena sentire anche se solo quando hai in mano il tuo libricino con il programma alimentare e ci giochi su studiandotelo per un paio di settimane…ne capisci il senso. per me è stato cosi. a distanza di un’altra settimana ancora confermo che più che una dieta è una sorta di guida alimentare. perchè non è restrittiva non ti priva di nulla
            ho anche concordato con la nutrizionista l’abbuffatina di sushi due volte al mese! ti aggiorno sugli sviluppi per adesso il costo per me è valso la pena. almeno non sto male. se vuoi la mia mail ce l’hai e ti illumino più nel dettaglio volentieri 😉 voi siete preziosissime per me e se una volta tanto posso ricambiare è un gran piacere!

          • ciao mammafelice!con un pò di rammarico ho visto che la mia dieta è anche su groupon ad un prezzo inferiore di quello che l’ho pagata io 🙁
            però se ti interessa questo è il link http://www.groupon.it/deals/milano/La-Clinique/11862492

  3. mi sento un po’ come un pesce in montagna, essendo fondamentalmente magra, ma ho un marito che ha perso per ben tre volte oltre 20 kg e che ora sto tenendo sotto controllo perchè riprenderli è un attimo e la vitaccia che ha fatto ogni volta che era a dieta stretta non voglio che la faccia più…
    🙂

    consiglio che vi posso dare è di usare tantissime spezie per cucinare. calorie zero e tanto sapore…così anche un pasto dietetico dà soddisfazione….e poi, se vi piace il piccante, abbondate… impiegherete più tempo a finire quello che dovete mangiare e vi sembrerà di aver mangiato di più

    e anche per gli spuntini prendetevi il vostro tempo, non li ingollate in fretta.
    fermatevi, tagliate la frutta, mettetela su un piattino, spolverateci sopra acqua di rose, di lavanda, aromi a calorie zero insomma che la rendano più appetitosa, disponete le mandorle o il parmigiano o quel che sia su un piattino, prendetevi un po’ di tempo per preparavi lo spuntino e per mangiarlo…
    già preparandolo vi sembrerà di mangiarlo, e da sedute, comode, lo mangerete più lentamente e sicuramente vi sazierà di più…o così vi sembrerà
    🙂

    • claudia caprara

      com’è vera la storia che le cose le devi preparare così ci metti più tempo a consumarle!
      io -che sono pigrissima anche nel pensiero- a colazione mangio la frutta e poi lo yogurt con il muesli, ma siccome mi scoccia star lì a pelare e pulire, prendevo le vaschette di frutta già passata…………sì, ma non è assolutamente la stessa cosa! intanto se non sto attenta non mi accorgo neanche di averla già mangiata (soprattutto se come me si fa colazione guardando il tg o il meteo o altre amenità delle 7:00) e poi per l’intestino e la digestione molto meglio star lì a masticare e a mangiare anche la buccia!
      per me gli spuntini lavorativi sono solo di frutta, sennò non riesco più a fermarmi…:-(
      brioche, cappuccini e altro li lascio per il weekend….con buona pace della mia dietista!
      ma io sono ancora indietro….ne ho persi 6 finora e me ne mancano ancora 15…..è dura
      ma ce la posso fare, e per me (cioè per quanto riguarda me stessa, non voglio generalizzare) si tratta unicamente di testa, e di riuscire a capire che la mia alimentazione deve cambiare in meglio se voglio stare meglio e che non si tratta di una dieta (che altrimenti definirei temporanea) ma di uno stile di vita……
      …..ussignùr ho scritto un tema…………….:-)

      • Ecco, una delle regole che sento spessi dire è quella di non mangiare davanti a PV e televisione, perché fanno perdere la percezione di ciò che si mangia. Ma come si fa?

    • Giusto, anche perché il senso di sazietà al cervello arriva dopo circa 20 minuti da quando si è iniziato a mangiare. Il problema è ciò che si ingurgita nel frattempo! 😀

      • e infatti!
        il marito, mentre io preparavo la cena, apriva il frigorifero e giù a tagliare formaggio e ingollarlo…solo che quello nella testa non è “cibo assunto”, bensì…nulla…
        quindi, formaggio+cena=chili di troppo

        ora lo meno se apre il frigo, se propone ” ci prendiamo un aperitivo?” non è più un biccheire di vino in piedi in cucina con la busta dei taralli davanti, bensì:
        vassoio
        bicchieri di vino
        piattino con taralli
        piattino con porzione di formaggio (o prosciutto a dadini)
        verdure (carotine, peperoni…)

        ok, lo so, è una palla che non finisce più, ma così ti rendi conto di quel che mangi e soprattutto….vuoi mettere lo chic?

        😉

  4. Anche le gallette di riso soffiato integrale non sono male come spuntino. Hanno poche calorie (quelle grandi, ca. 30 cal. ognuna), e con un paio/max 3 si consumano 60/90 cal. Poi se bevete tanto si “gonfiano” nello stomaco e sono un buon antifame per un periodo di tempo più lungo rispetto a magiare un frutto. L’ideale, come dice la mia dietologa (ho perso 25 kg in un anno e mezzo) e variare sempre per non annoiarsi e mollare tutto!!

  5. io come spuntino mangio della frutta e/o una tisana e mi piace tagliarla in pezzettini piccoli e metterli in un piattino carino col la tazza della tisana in tinta…ma io su certe cose son maniacale eh…
    p.s. visto barbara? ho già mantenuto la promessa!

Parla alla tua mente

*