The Millionaire

The millionaire - locandina

Sono affascinata dai paesi dell’est del mondo, persone e culture tanto differenti dalla mia e ricche di una storia millenaria. L’India ha nella mia testa tutta la meraviglia delle cose sconosciute e perciò potenzialmente bellissime: mi piace leggerne, mi piace vedere documentari, amo le icone religiose e i tabù di questa grandissima civiltà che è passata attraverso dominazioni, guerre e grandi personaggi di pace.

The millionaire, uscito nelle sale cinematografiche nel 2008, è stato prodotto dalla Celador Film e da Film4, e distribuito in Italia dalla Luchy Red.

Questo film si apre in uno studio televisivo. La versione indiana della trasmissione “Chi vuol essere milionario?” è vicina ad un record: ad un giovane ragazzo mancano poche risposte per vincere il milione in palio e trasformare così la propria vita. Jamal, diciottenne cresciuto nei quartieri più poveri di Mumbai, diventa in poco tempo famosissimo e vessillo dei più poveri; la sua notorietà muoverà tanti interessi tra cui quelli del presentatore, personaggio sgradevole e poco chiaro, che vuole boicottarlo e farlo arrestare.

Non è facile in una cultura storicamente suddivisa in caste chiuse uscire dalla prigione della povertà, ma Jamal ha un progetto troppo importante: con quel denaro dovrà comprare la libertà di Latika, amica d’infanzia e amore attuale, finita tra le voraci mani di un avido criminale.

Ogni domanda posta dal presentatore muove in Jamal i ricordi di una vita e la risposta viene ritrovata tra le esperienze, spesso drammatiche, che si è ritrovato a vivere: quando viene accusato di barare riuscirà a dimostrar di essere in buona fede, spinto solo dall’amore.

Vedere The Millionaire è un colpo al cuore: un viaggio dentro l’India con i finestrini abbassati, sentire il rumore e gli odori dei posti, correre a perdifiato dentro i quartieri di Mumbai con la polvere appiccicata dal sudore, fermarsi e rimanere incantati dal meraviglioso colore di un sari mentre ti rubano il portafoglio dalle tasche.

I continui flashback che accompagnano la narrazione sostengono in modo puntuale il ritmo della storia, che è lo specchio di una vita comune, sempre combattuta per mantenere la testa fuori dalla melma quotidiana. In ogni giornata che si apre al mattino sappiamo che sarà possibile trovare buone cose o brutti colpi. I due fratelli protagonisti sono i personaggi rappresentativi di questo assunto, colpevoli solo di avere fatto scelte diverse: per questioni di carattere, oppure per fortuna, o anche per il caso che ci ha messo lo zampino.

Ognuno dei due ha reagito come poteva allo squallore di una vita ai margini: Salim, il maggiore si è fatto strada all’interno di un’organizzazione criminale, diventandone un leader e sfruttando questa posizione per proteggere sempre il fratello minore: una specie di cowboy, duro e cattivo ma con il cuore grande. Jamal, invece, ha provato ad uscire dal suo angolo con l’astuzia e l’intelligenza che lo hanno sempre sostenuto, fin da piccolo quando si trattava di sopravvivere: per questo la sua scalata al premio in palio è la favola del brutto anatroccolo, un bambino timido e con poche risorse fisiche che trova il modo per un’uscita trionfale con altri metodi.

Dentro queste diversità la protagonista femminile, Latika, diventa tratto d’unione: senza di lei i talenti dei due ragazzi (buono e cattivo, angelo e diavolo) non potrebbero essere esaltati, è solo per lei che Jamal si costringe a proseguire nella trasmissione, ripercorrendo tutta la storia e soffrendo per raggiungere il suo traguardo.

Il cinema indiano ha una storia lunga e importante, difficile da comprendere per noi occidentali; una parte fondamentale delle sceneggiature di bollywood è data dalla musica, che è meccanismo integrante della storia. Anche dentro questo film (girato dal regista inglese di Trainspotting, del tutto lontano quindi dal sentire orientale) la colonna sonora è uno dei protagonisti della pellicola, culminante nella scena del balletto finale, bellissimo.

Buona visione!

The Millionaire Un film di Danny Boyle. Con Dev Patel, Anil Kapoor, Freida Pinto, Madhur Mittal, Irfan Khan. Titolo originale Slumdog Millionaire. Commedia, durata 120 min. – Gran Bretagna, USA 2008. – Lucky Red uscita venerdì 5 dicembre 2008 (MyMovies)

Prodotto dalla Celador Film e da Film4 – proprietari della locandina in apertura – il film del 2008 è stato distribuito in Italia dalla Luchy Red.

Commenti

  1. Hai ragione Lu, bellissimo film!!!

  2. Non l’ho visto ma anch’io sono innamorata dei racconti d’India. Chi sa, magari lo cerco in videoteca… 😉

  3. è stupendo, sono stupendi colori, il ritmo, la musica…

  4. Uno dei miei film preferiti…mi ha ricordato tanto le atmosfere del libro “La città della gioia” di La Pierre…se non lo avete fatto ancora vi consiglio di leggerlo!

Parla alla tua mente

*