Lavorare da casa

Quando si lavora da casa e si hanno bambini piccoli, l’abbrutimento è dietro l’angolo.

Io ho detto no alla tuta e ne faccio un manifesto!Quando sono in casa mi piace vestirmi e se devo scrivere, non posso sentirmi un tutt’uno con il divano o la poltrona: devo ancora sentire che in me c’è femminilità. Così ogni tanto metto un paio di tacchi sotto i pantaloni con cui poi uscirò, non prima di aver sostituito un bel paio di allacciate. Sono vezzi, forse. Ma mi fanno sorridere e sentire bene.

Oggi invece sapendo di non dover mettere il naso fuori, opto per una tenuta da casa: comoda e pratica, ma che soprattutto mi faccia sorridere.

Ragazze, vi svelo anche il risultato del sondaggio di ieri: parità nelle vostre risposte, per cui resta la mia testa sballata l’ago della bilancia e quindi domenica ho indossato i tacchi ^.^

 

Oggi indosso:

Tutú, St-martins, già visto

Sneakers, Harajuku Lovers, già viste

T’shirt, Muji, già vista

Collana, Dim Gioielli, già vista

Commenti

  1. Il tutù ti sta d’incanto!!!
    PS mi sorprendo sempre di quanto debba far caldo dalle tue parti…. Qui, brrrrrr 🙂

    • be’ per uscire qualcosa addosso ci vuole, ma in casa si sta bene! la mattina mi metto addosso un cardigan se a star ferma mi fa freddo, ma insomma, freddo non fa ancora!

  2. Grande Caia!
    Alla fine il tuo consiglio l’ho seguito: non ho comprato la tuta, nemmeno per la palestra.
    Per quanto riguarda l’abbigliamento da casa ora ho solo un dubbio: ai piedi?

  3. bella!
    sembri uscita da grease o da una putnata di happy days!

    si all’eleganza domestica!
    no ai tutoni informi!!!!!

  4. In maniche corte?!

  5. mamma mia, io non riesco a rinunciare alla comodità casalinga di un paio di calzini (gommati…ehmmm….) e pantaloni larghi e morbidi e….sì lo so…ammazzo la mia femminilità…vabbe’, ti giro un mio post di qualche giorno fa:
    http://gab-77.blogspot.it/2012/11/situazioni-con-cui-non-bisogna-esagerare.html

    comunque il tuto tutù è bellissimo!

  6. Sfregio totale: io ancora con la tuta e la t-shirt da poveretta, e soprattutto le crocs taroccate ARANCIONI FLUO. E niente, io in casa devo stare scialata, non ce la faccio. Ma poi se cammini in casa con le scarpe, si sporca tutto il pavimento! Quelle scarpe le usi solo in casa?

    • allora: le scarpe le ho messe per fare le foto se no mi dicevate che sono PAZZA con la maglietta a maniche corte e scalza. perche’ io, gente in casa cammino scalza, anche se non ho il parquet e anche se e’ autunno. per me camminare scalza e’ davvero la liberta’. e forse io avro’ seri problemi di circolazione ma i miei piedi sono qualcosa a se’ stante quindi non ho disagio se son freddi 😀
      in casa noi stiamo tutti senza scarpe, le lasciamo all’ingresso dove troneggia il mio armadio scarpiera e la piccola scarpiera di momo, anche per gli ospiti offriamo pantofole, cosi i bimbi possono stare tranquilli per terra senza ossessione per la pulizia.
      da quando faccio le foto per trashic mi porto le scarpe davanti allo specchio della camera e poi me le tolgo e me le rimetto all’ingresso prima di uscire 😉

      • ahhhh ooocchei, allora c’è il barbatrucco. ma non hai freddo?

        • socia, davvero, no.
          😀
          comunque quando cucino mi metto le pantofole, soprattutto perche’ ho il terrore di bruciarmi i piedi… detta cosi sembra che sono veramente pazza 😀
          cioe’ ho tipo paura che mi caschi qualcosa sui piedi
          va be’ cmq dai, lo faccio un post sulle scarpe da casa consentite, le crocs ovviamente non sono fra queste, lo sai vero?

          • Lo leggerò volentieri. Per me una delle prime regole della vita da freelance – diciamo pure quella a cui mi attengo con più costanza 😉 – è: mettiti le scarpe anche se lavori da casa.

  7. Ciao Caia,
    ti scrivo mentre lavoro al pc dal mio studio in casa con una tuta di pile addosso inguardabile, calzini antiscivolo improbabili, e diograzia mi sono almeno lavata… e niente, io quando sono in casa mi abbruttisco, non ce la posso fare. E faccio togliere le scarpe anche a chi mi viene a trovare! Non sono maniaca dell’igiene, ma qui c’è il parquet ovunque, compreso bagno e cucina e l’esperienza di camminare scalzi è impagabile! (si vabbè a chi la racconto…)
    Faresti felice mia madre che quando si mette a cucinare si mette in tiro e si trucca anche! una pazza, secondo me, ma lei dice che è antidepressivo!
    Ciao ciao
    Angela

    • come dicevo alla socia felice anche noi stiamo scalzi e mi son messa le sneakers sotto la gonna perche’ ci stavano bene, altrimenti io sto scalza, ma senza antiscivolo, che per me esaurtiscono la loro funzione a sette anni 😀
      tua madre ha ragione.
      la tuta abbrutisce.
      poi devo dire che quando non avevo bimbi mi piaceva per esempio d’inverno indugiare tutta la domenica mattina in camicia da notte e vestaglia, ma era un’altra epoca in cui se perdevo l’attimo potevo recuperarlo. ora se non mi vesto alle sette di mattina la giornata mi scivola via e mi ritrovo alle cinque che sono un cencio.

  8. Io dipende, ma tuta MAI. Appartiene a un mio passato cui io non appartengo più 🙂
    E poi è così bello svegliarsi e vestirsi carine, solo per se’ stesse, per passare davanti allo specchio e sorridersi…
    Bello il tutù!
    ciao!

  9. Bella Caia con il tutu!
    Io invece a casa uso la tuta, però carina (secondo me ahahah), con pantaloni a gamba larga e felpe senza zip a righe tipo mariniere o polo femminili.
    Baci

  10. Certo che siete strane voi fèscion blogger. Andate in giro col pigiama e quelle specie di pantofole e poi state in casa col tutù. Boh. #quellochedirebbemianonna

Trackbacks

  1. […] durante il quale concederci un capo diverso dal solito e provare a indossarlo anche per uscire, e non solo per lavorare in casa, e magari sorprenderci di quanto siamo […]

Parla alla tua mente

*