Trucchi salvadieta per le feste di Natale

dieta per le feste di natale

Si avvicinano le feste di Natale, e chi come me tutto l’anno è a dieta (peraltro inutilmente), si angoscia al pensiero di dover ricominciare tutto daccapo dopo le feste di Natale: ci si lascia andare, si mangiano troppi dolci, e troppi pasti abbondanti, e ci si ritrova il 7 Gennaio con un mazzetto di sensi di colpa e un cuscino di lardello sui fianchi.

Cerchiamo di adottare delle strategie per non soccombere alle feste?

Non occorre rinunciare a tutto: io ho una zia magrissima che ha sempre mangiato tutto, ma ne mangiava una porzione piccola, giusto un boccone per l’assaggio. Così alla fine del pranzo si sentiva sazia e non piena, e restava sempre in formissima, perché non esagerava mai né con il vino, né con le portate.

Regola numero uno, dunque, è quella di controllare le porzioni: usiamo i piattini da frutta, più piccoli, per il nostro pranzo. Non facciamo mai il bis, e prendiamo solo 3 cucchiai di ogni portata. In questo modo ci sazieremo a volontà, ma non faremo un’abbuffata di calorie incontrollate.

Importante è anche bere un bicchiere di acqua prima di ogni aperitivo, per limitare l’assunzione di alcolici e superalcolici, e un bicchiere di acqua prima dei pasti, per riempire lo stomaco un pochino prima di affrontare il buffet.

Tutto ove possibile, se siamo di turno in cucina, utilizziamo gli alimenti a basso contenuto calorico: la besciamella light o di soia, il latte scremato, il burro con ridotta percentuale di grassi, gli alimenti grigliati invece di quelli fritti. Riduciamo l’olio utilizzandone solo un cucchiaio per ogni padella, e integrandolo con del brodo di verdure; oppure cuociamo la carne, il pesce e le verdure in forno con pochissimo olio se vogliamo evitare l’uso del burro o di troppo condimento. Non ci accorgeremo nemmeno delle differenze di sapore, ma risparmieremo anche qualche migliaio di calorie in totale, utilizzando questi piccoli accorgimenti.

Se avete potere decisionale sul menu, optate per pranzi e cene a base di pesce e verdure, invece che di carni e primi piatti: in questo modo farete una scorta di proteine buone, magre e sazianti, se sceglierete una cottura al forno, al vapore e al cartoccio. Questo non toglierà minimamente sapore ai vostri piatti!

Voglia di dolce? Dimezzate la fetta di pandoro e panettone e servitela con una salsina di lamponi al posto di creme e salse a base di latte, cioccolato, burro e uova. Servite una buona macedonia esotica per completare!

A colazione, cercate di restare sempre molto leggere: bene le spremute di agrumi non zuccherate, lo yogurt magro e il latte scremato, il caffè con poco zucchero. Se avete voglia di qualcosa da mettere sotto i denti, meglio scegliere la frutta, la crusca di avena, e le proteine: una fetta di prosciutto cotto su pane nero di segale, due cucchiai di formaggio tipo philadelphia o un uovo sodo. Vi toglieranno la fame fino a pranzo, e non vi appesantiranno con troppi carboidrati.

Per le feste, insomma, puntate sulle proteine e sulle verdure. Anche a pranzo, nelle giornate non festive, molto meglio mangiare due fette grandi di petto di pollo ai ferri con salsa di yogurt greco e senape, piuttosto che un piattino di pasta. Consumerete meno calorie, e appagherete ancora di più il senso dell’appetito!

Commenti

  1. Ecco, tutto sommato leggendo i consigli mi comporto bene durante le feste, ma a casa mia con la scusa del natale c’è il trionfo dei carboidrati, a partire dalla pasta al forno fino al ragù e non per colpa mia! Io invece mi comporto male a colazione. Latte, caffè e niente più, per svenire a metà mattinata e riparare con tutto quello che mi capita sotto mano. Ma è più forte di me, non riesco a mangiare appena alzata!

    • Anche io non riesco a mangiare appena alzata. Ma se parti con latte e caffè e poi mangi il parmigiano o le proteine, invece di ciò che ti capita sotto mano, vedrai che senso di sazietà!

  2. Quest’anno mi trovo un po’ in imbarazzo per le feste… sono infatti passata da una dieta onnivora a una vegetariana e sinceramente non so ancora bene come gestire il pranzo coi parenti (che sarà straboccante di crostini coi fegatini, ragù, arrosti e costolette fritte conoscendo gli standard)… beh sicuramente non metterò su peso se questo è il menù 🙂

    • Io da vegetariana part time quest’anno sono nel fallimento più totale, ma la famiglia non è pronta a un pranzo vegetariano. Io mi sono auto incaricata di fare il ragù, pensa mò…

  3. Io e il mio compagno abbiamo raggiunto un accordo che ci salva da over-dose di cibo e parenti. Un solo giorno di festa da passare con la famiglia, un anno è la mia e l’anno successivo la sua. Di solito è la vigilia. Gli altri giorni li dedichiamo a fare i turisti nella nostra città, godendoci gli addobbi e l’atmosfera di festa. Al massimo, per evitare che qualcuno si offenda, rimediamo passando per un caffé nel pomeriggio.

    • Ma che grandi!! Da noi invece quest’anno si mangerà molto sia la Vigilia che a Natale, ma per il resto devo dire che in questi giorni pre-festa sto mangiando meno che a casa… meno male!

  4. Ma dai, come si dice: “Non si ingrassa da Natale a Capodanno, ma da Capodanno a Natale”! Quindi mangiamo tranquillamente la Vigilia e il giorno di Natale, ma da Santo Stefano a San Silvestro troviamo ogni giorno una scusa diversa per non stare chiusi in casa a sgranocchiare, nè da soli, nè in compagnia…insieme ai parenti ci si può stare pure andando a fare una lunga passeggiata per la città addobbata a festa! E poi la cosa principale, secondo me, è ASSOLUTAMENTE non tenere in casa dolciumi e avanzi peccaminosi, ma smistare/congelare immediatamente quanto più possibile…si eliminano alla radice tutte le tentazioni, la salute ci guadagna e l’autostima pure, e se a Capodanno si va a ballare ci si può concedere pure qualche fetta di cotechino in più!

Trackbacks

  1. […] sociafelice aveva parlato di trucchetti per salvare la linea durante le feste, ma se qualcosa è andato storto? Che fare? Perseverare o darsi una […]

Parla alla tua mente

*