#maipiusenza del 2012

Visto che siamo ancora in vena di propositi, sguardi nostalgici all’anno appena andato e liste di to do, to wish, to get, to leave, io opto per una piccola lista di 5 cose che mi porto appresso nel 2013 ovvero i miei #maipiusenza del 2012

Scrub corpo, profumazione Verbena, FM Group

Uno scrub da applicare sotto la doccia, dopo il bagnoschiuma, accompagnato da un massaggio più o meno energico, più o meno prolungato. La cosa veramente risolutiva che me lo fa amare tanto da mangiarmelo a cucchiaiate è che dopo la doccia non mi richiede la crema idratante, esco e sono morbidissima, levigatissima e idratata. Un’illusione? Vista la carenza di tempo e la necessità di sentirmi a posto e vagamente curata, non mi importa, finché dura mi faccio illudere.

Routine idratazione viso, Carole Franck

Scoperta nella seconda metà dell’anno è diventata con enorme soddisfazione la mia routine giornaliera irrinunciabile. Dico la verità: non sono mai stata costante, ma questa volta, forse perché vedo i risultati metto siero, olio e crema almeno una volta al giorno (in genere di mattina). Se sono ispirata e soprattutto non crollo svenuta mentre mi trascino da un letto a un altro per addormentare pupi, la metto anche di sera. E la mattina si vede.

Kindle, Amazon

Non l’avrei mai detto, io lettrice vorace e snob. Eppure. Il fatto è che posso comprare un libro quando ho realmente la possibilità di leggere, il che avviene in maniera casuale e inaspettata, e iniziare immediatamente a sfogliarlo. E poi posso portare il piccolo Kindle sempre con me senza che le mie borse ne soffrano troppo. E decidere di leggere la Recherche o l’ultimo della Littizzetto. Oppure scaricare un libro per bambini per intrattenere Momo.

I capelli corti, e il mio parrucchiere, Danilo Foresi

Non so se un giorno mi stancherò ma per un bel po’ credo di non far crescere i capelli e sbizzarrirmi con il collo nudo. Era da tempo che non mi sentivo così me stessa. E poi sono pratici e mi fanno sentire sempre in ordine e curata.

Gli occhiali da sole, dall’alba al tramonto.

Negli ultimi anni, vista la mia vita in trincea avevo perso l’abitudine di portare gli occhiali da sole, dopo averne perso un paio durante i miei primi momenti da mamma chissà dove tra auto, mezzi pubblici, borsa da passeggio, borsa del passeggino e borsetta del cambio pannolino. E invece ho riassaporato la consapevolezza che bastano quelli, purché ben scelti e in armonia col viso, a dare un allure a qualsiasi abbigliamento, ma soprattutto a facce in qualsiasi condizione (dagli effetti di una gastrointestinale alle ripetute notti insonni). Quelli del mio 2012 sono i due in queste foto: Tod’s i primi e Valentino questi neri.

Commenti

  1. Ah ecco, un’altra lettrice assidua che si converte al kindle!! Ho notato negli ultimi mesi che proprio chi legge più della media fa più resistenza a cedere agli e-reader, ma non ho mai sentito di qualcuno che poi si sia pentito. Io ancora resisto ma mi tenta il fatto che la mia borsa peserebbe molto di meno e avrei un sacco di spazio in più in valigia durante i viaggi… per il parrucchiere mi hai dato una dritta!! Sono anch’io di San Giovanni e ho voglia di una sistemata al taglio 🙂

  2. Anche io ho ricevuto un fiammante Kindle paperwhite per Natale e LO AMO LO ADORO LO CONSUMO!
    Troppo comodo, troppo leggero…e ahimè, troppo facile comprare ebook su Amazon!

    • ecco, quello e’ un po’ un’arma a doppio taglio, pero’ mentre in libreria divento bulimica, con il kindle compro veramente solo quello che posso immediatamente leggere, anche perche’ in teoria ho tutto a disposizione quando mi serve…
      pero’ scarico una marea di estratti 😀

  3. oh, i miei mai più senza del 2012…ci devo pensare..
    per il momento direi lo smalto scuro sulle unghie cortissime (e le unghie cortissime sempre)

  4. uso anche io la linea fm, mi sa che che lo provero’! ho sempre le gambe che sembrano grattuge

  5. Fai bene a tenerti stretto quel parrucchiere, perché quel taglio è portentoso e ti sta veramente bene. La versione così a spazzola poi è molto rock, mi piasce. Sai cosa poi? Hai un bel collo lungo e questo taglio lo valorizza molto. Io ho la tendenza a stare con la testa incassata nelle spalle, più sono stressata più sprofondo. Mio marito mi avverte quando vede che sto prendendo la piega e mi dice “tartaruga!”, così mi ricordo di abbassare le spalle e tirare fuori la testa.

    Punti 1 e 2, mo’ li cerco: si trovano online? se poi risolvono il problema idratante maipiùsenza nemmeno io!

    Al kindle credo che cederò presto anche io, in fondo una cosa non esclude l’altra: il kindle in sala d’attesa dal medico, il librone sulle ginocchia a letto.

    Occhiali da sole: io li porto sempre e da sempre. Sono un po’ fotofobica e pure miope, essendo graduati li inforco e non li tolgo più, altrimenti dovrei sempre togliere quelli, mettere quelli da vista, ritoglierli, rimetterli… Quelli che porto negli ultimi anni (li hai visti su instagram) sono di Pucci e mi piacciono tantissimo.
    Un tizio al mare mi fa: ah ah ah Pucci, cos’è? Come Docce&gabinetti? La forma tarocca di Gucci?
    :-O
    No, ma si potrà?

    Bello questo post, vado a farlo anch’io. #maipiusenza!

    • kindle: infatti il cartaceo e il kindle non si escludono a vicenda, anzi. ho riscoperto il piacere del libro cartaceo proprio da quando ho il kindle. la gioia di sceglierlo, non per compulsivita’, ma per necessita’ (che son due cose diverse) e poi averlo tra le mani, portarmelo a casa, metterci un segnalibro, farci qualche orecchietta (non si fa? io lo faccio) addormentarcisi guancia a guancia con l’abat jour accesa… ahhh…
      la verita’ e’ che sto comprando meno libri. sto anche leggendo meno purtroppo, ma comunque compro meglio. e sono piu’ contenta.
      tra l’altro sono fortemente combattuta sulla destinazione di molti libri, a casa non entra piu’ niente. o li dono a qualche biblioteca/scuola o li regalo ad amiche oppure li porto in campagna… oppure trovo finalmente un cavolo di studio dove traslocare tutte le mie cose. ecco questo risolverebbe molti miei problemi anche esistenziali.

      ps i tuoi occhiali sono bellissimi checche’ ne dica l’amico di ombrellone 😀

  6. Bellissima, Caia, nell’ultimo outfit. Mi piace tutto, non cambierei niente e ti sta tutto benissimo!
    Questo post te lo copio, posso?
    :-***

Trackbacks

  1. […] anche io, rispondete anche voi: Caia ha presentato i suoi #maipiùsenza del 2012, e oggi lo faccio anche io. A modo mio, si […]

  2. […] allora copio sia pure con un po’ di ritardo, i post delle amiche di trashic, ripreso anche dall’amica siro, con i miei MaiPiùSenza del 2012, quelle piccole cose scoperte […]

Parla alla tua mente

*