Cappottino nero

Buon Lunedì, buongiorno e buona settimana!

Dopo la trasferta virtuale a Sanremo ricominciare è davvero dura, soprattutto per la mancanza di sonno irrecuperabile.

Niente di meglio che qualche riga, un maglione comodo, un paio di jeans collaudati e un cappottino nero come una corazza che ci tenga calde e al sicuro.


Ho anche rispolverato la mia collanone H&M un po’ Marni style.

E poi stivaletti ormai come pantofole e borsa nera.

E poi un cappottino indossato con un cinturone che strizzi la vita e dia nuova forma: trucchetto efficace per rinnovare un cappotto di cui ci siamo stancate o modificare la linea del nostro capospalla da tutti i giorni che dopo un po’ stufa.

Ed ecco qua, con l’ausilio di un collo di pelliccia e il mio scialle per dare colore, una delle mie divise da tutti i giorni che non mi stancano mai, mi fanno sentire sempre a posto, chic quanto basta e soprattutto comoda.

Un altro trucchetto: di questi tempi nei mercatini è molto semplice trovare colli di pelliccia vintage a poche decine di euro e vi assicuro che una volta nell’armadio, diventa un accessorio molto versatile e simpatico da mixare anche a capi molto sportivi… vi mostrerò presto qualche spunto!

Per questo outfit:

Jeans skinny, H&M

Canotta a righe, MartinoMidali, già vista

Maxipull nero, MartinoMidali

Stivaletti, GiorgioMoresco, già visti

Cappotto, MidaliToujours

Scialle cashmere, Missoni, Vintage, già visto

Collo pelliccia, no brand, già visto

Cintura, Zara, già vista

Borsa, Zara, già vista

Collana, H&M, già vista

 

Commenti

  1. Caia, hai ragione quanto ai colli… e devo dire che mi sto aprendo ai mercatini anche per le borse: ci sono di quelle meraviglie per pochi euri!!!
    Stai benissimo, anche se forse avrei evitato lo scialle: è vero che da colore, ma mi sembra dia troppo volume insieme al collo.
    Baci :***

  2. Ah, la cintura, questa sconosciuta.
    Al momento a fatica abbottono il cappotto, e le mie cinture giacciono ancora in fondo all’armadio, in attesa di riconquistare spazio (e buchi).

    Come dico sempre: “i figli ti cambiano la vita” (e le tette).

    • …e tutto il resto.
      io sono in decomposizione da quando ho sformato il secondo. col primo ancora ancora l;impalcatura reggeva, ma col secondo e’ venuto giu’ l’inimmaginabile!

  3. Bel look! Ed e’ all’avanguardia:
    Marc Jacobs ha proposto cappotti trattenuti in vita da una cintura, anche se le sue sono più sottili.

    • a me le cinture sottili fanno effetto tanga su una taglia 54 😀
      no, comunque questo cappotto cosi mi ricorda un sacco mia madre a fine anni ottanta…

  4. ma bentornata!!!
    🙂
    eh si, il fascino comodo del nero….però ogni tanto stufa e va reinventato un po’….

    • e’ il mio sforzo costante, visto che sono le classiche scelte da lunedi in cui non so che cavolo mettermi e devo catapultarmi fuori casa alla velocita’ della luce!
      e comunque aspetto anche che torni l’aria tiepida della primavera per lasciarmi andare alle gambe nude e i colori, non vedo l’ora! quest’anno piu’ che mai…

  5. Ciao Caia,
    bentornata!
    Senti, ma… mi sveli il segreto per scegliere bene i jeans skinny? Credo di non aver mai trovato il giusto paio: se mi stanno ai fianchi non vanno bene di vita, se superano le cosce si arenano sui fianchi… è questione di modelli, di marche, di taglie… o cosa?
    Baci e buon inizio di settimana!

    • Ilaria intanto ti rispondo io, che ho la vita piccola e i fianchi larghi…
      Per i jeans devi trovare…una marca che li ha fatti su una modella con le tue proporzioni…
      Per me sono quelli miss sixty, che devono essere stati disegnati su una fatta come me, vita normale e fianchi mediterranei…(qualcosa anche Zara, ma devo sempre provarli)
      Gli altri jeans, ahimè, se entrano i fianchi, sulla vita sono enormi, se la vita è giusta, i fianchi non entreranno mai
      Trovata la marca, poi cambia solo modello, ma il principio è quello è ti staranno bene…

    • io ti direi
      santo l’elasticizzato sempre.
      per quanto mi riguarda devono avere un tot di percentuale di elastene (o quello che e’) che consenta una vestibilita’ che si adegui al corpo. questo ovviamente per gli skinny.
      non e’ il mio jeans preferito, ma in efeetti questo modello di h&m l’ho usato tantissimo e mi sembra mi stia bene.
      l’unico segreto per scegliere bene e’ provare tanto.
      il jeans sembra un capo facile, ma e’ difficilissimo trovare quelli che ci stiano bene.
      io poi devo essere proprio preparata psicologicamente per infilarmi in un camerino e sottopormi a una tortura simile, quindi a parte qualche jeans comprato negli anni in questi rari momenti di serenita’ mentale, gli altri li ho tutti trafugati da parenti e amici 😀
      i miei boyfriend sia quello scuro che quello chiaro sono di maritozen, presi e spostati di anta.
      altre due paia erano di mia sorella che poi e’ dimagrita/ingrassata.
      uno addirittura di mia madre quando era piu’ magra. perche’ non ho ansia da prestazione e quando mi capita un jeans per le mani lo porto a casa e quando e’ il momento me lo infilo, se va bene, tanto di guadagnato, altrimenti lo regalo e fine della storia.
      un’altra cosa: per me il jeans e’ e deve essere economico. sono convinta che anche la qualita’ di un jeans possa valere centinaia di euro, ma per me il jeans e’ un capo democratico e tale deve restare. deve costare poco, consumarsi addosso e possibilmente cambiare almeno un padrone durante la sua vita.

      • sul poco prezzo concordo…
        a volte vedo quelli di marca famosa che superano i 150 euro, ma – signore – più di 150 euro un paio di jeans???
        non ce la posso fare!
        i miei più costosi sono miss sixty (che per altro negli ultimi anni sta aumentando troppo i prezzi…) e alcuni liu jo dei saldi..
        ma davvero di miss sixty ne ho due paia che ho pagato 80.000 lire ai saldi (e il prezzo vi dice quanti anni abbiano) che sono come nuovi!

      • ps h&M non li ho provati, ma mi manca solo di scoprire l’universo dei jeans low cost ed è la fine…già ho scoperto che anche quelli GAP non mi stanno malissimo….
        di jenas ne ho uno sproposito di ogni sfumatura di colore e con gamba impercettibilmente diversa…per il popolo sono tutti jeans, per me (che sono pazza) ognuno ha una destinazione d’uso diversa….
        ma se io per prima dico che ne ho troppi, mi sa che sono tanti davvero

        • te lo ricordi il post sulle denimeraviglie?

          hehheh

          io pure penso che di jeans non se ne abbia mai abbastanza
          poi io sono una che gravidanze a parte oscilla molto di peso durante l’anno, quindi il jeans e la sua vestibilita’ ne risente molto.

          cmq gap pure io ne ho diversi, il primo preso a ny e poi ho continuato da quando hanno aperto lo store in via del corso, l’ultimo la zampa d’elefante 🙂
          invece a dispetto di tutto il resto quelli h%m non sono per niente male amica.
          anzi molto meglio di altri lowcost
          e ora ti tocca provarli
          😉

  6. Bentornata Caia!
    Sanremo o non sanremo, i tuoi look quotidiani mi sono mancati.
    1) Collo vintage: con tutti questi spunti (bellissimo il collo con righe e carrè) mi stai facendo venire voglia di indossare finalmente il collo di pelliccia di mia madre. Finora l’ho usato pochissimo perchè mi pareva troppo da “signora”, ma in questa versione svelta forse ce la posso fare… complice il freddo che ancora non molla la presa!
    2) Jeans skinny: una ferita dolorosa. Ne ho acquistato un paio la scorsa primavera che in camerino erano perfetti, ma la prima volta che li ho messi, dopo mezz’ora hanno cominciato a calarmi e si sono riempiti di pieghe orribili su cosce e sedere! Ed erano pure di marca, pagati uno sproposito! Uno dei peggiori acquisti della mia vita! Abbandonati nell’armadio…

Trackbacks

  1. […] Chiudo l’invernata col mio cappottino nero, ottimo acquisto durante i saldi di Midali, con la sua forma a ovetto che lo rende particolare e comodissimo, e versatile non appena ci aggiungo una cinta per marcare il punto vita. […]

  2. […] jeans e maglione nero, con un vestitino tinta unita, con camicia jeans e nero, con boyfriend jeans e cashmere, con jeans […]

Parla alla tua mente

*