Sanremo 2013: considerazioni sulla prima serata

sanremo-2013

Ecco il riassunto della prima serata del Festival di Sanremo 2013… secondo noi. Cosa salvate e cosa invece buttate dalla torre?

Serie quei gran pezzi di fighi: I Marta sui tubi han fatto sangue, ma c’era anche chi si sentiva attratta da Silvestri. Salviamo entrambi.

Chiara vestita malissimo, ma tanto brava. Un gran peccato, perché con quelle gambe dritte  e sottili bastava tenere i pantaloni/leggins blu elettrici con un top nero un po’ rock, qualche borchia, pizzo, seta e pelle. E sarebbe stata divina. Qualcuno glielo dica.

Momento cult: Toto Cutugno. Chi ne parla male è solo snob e basta, perché non è da tutti cantare canzoni amate da tutti, cantate da tutti, con la gente in piedi che fa festa. Siamo tutti Toto Cutugno.

Presentatori: Luciana ha sempre la battuta pronta, è gradevole. Fazio è davvero vecchio dentro. Si compensano. Non sono male, ma io rimpiango Marco e Lorella ai tempi di Domenica In e nessuno mi farà mai cambiare idea sulla conduzione perfetta senza quei due.

Momento #epicfail: Crozza. Non faceva ridere, le battute erano riciclate dalle sue trasmissioni che almeno poteva sforzarsi di scrivere qualcosa di nuovo. Fischiato e insultato, accompagnato da cori che lo invitavano ad uscire fuori dal palco. Insomma: triste, imbarazzante, penoso momento.

Trend: I glitter. Tutti con vestiti pieni di svarowski e brillantini, che sembrava Natale. Ricordiamoci delle borchie, please!

E voi? Che ne dite? Cosa salvate di ieri sera?
Noi vi aspettiamo stasera di nuovo qui per la seconda tranche dei big in gara!

Commenti

  1. A me é piaciuto tantissimo fazio con crozza..
    Io devo avere qualcosa che non va, perché – giuro – non mi fa proprio ridere, nemmeno a ballarò, nemmeno nel suo programma…qualche sorrisino, ma proprio lo trovo moscio e noioso…
    Ieri sera, ai primi fischi, è andato nel panico, stava proprio per andare via..
    Fazio, che anche lui trovo moscetto e insipido ma non sgradevole, una zucchina bollita quando hai mal di stomaco insomma, è stato bravissimo.
    Calmo e tranquillo, lo ha ripreso mentre stava per rinunciare, ha calmato il pubblico, ha tranquillizzato lui, ha capito che aveva bisogno di supporto perché era proprio nel pallone, è stato li, gli ha portato l’acqua quando ha capito che aveva la saliva a zero…
    Insomma, mi è piaciuto…mi sembrava davvero, oltre che professionale, una brava persona…
    Per il resto rinnovo la domanda che mi assilla in questi giorni: a parte Daniele Silvestri e Chiara (concordo, va vestita meglio…già è poco a suo agio, giovane e ragazzona com’è, sembra un cagnolone

    • Ecco, mi trovi d’accordo. Crozza proprio lo boccio in pieno, ma Fazio con la sua aria da maestrino ha salvato la situazione. Per questo boccio doppiamente Crozza, perché stava per rinunciare, era imbambolato. Devi essere preparato a una cosa del genere!

      • “Preparato” magari no… perché di solito ha un pubblico che lo applaude, ma il professionista vero se la cava anche di fronte ad un pubblico ostile. Poteva reagire con una battuta, poteva riprendere il personaggio Silvio B. e rispondere a tono, o anticipare Bersani e fargli dire “oh! non siam mica qui a pettinare la Litizzetto”, che secondo me la Litizzetto aveva bisogno di essere pettinata e cambiare acconciatura… insomma doveva reagire, tutto sarebbe stato meglio che quel camminare avandi indietro imbarazzato senza dire nulla in attesa del silenzio della platea.

        • pero’ ragazze io non sarei cosi intransigente.
          il professionista che e’ se l’e’ cavata. ha tirato dritto fino alla fine, pur con le difficolta’, che si, possiamo dire tutto quello che vogliamo sul fatto che uno debba essere preparato, ma alla fine quei mestieri non son da timbro del cartellino, li c’e’ in gioco molta emotivita’ e un pubblico del genere espone tutto all’ennesima potenza.
          che ieri sera crozza non sia stato brillante (e probabilmente non era proprio la satira adatta a QUESTO sanremo) ok, ma che non sia un professionista lo trovo ingiusto. ha avuto bisogno della spalla della zucchina e fazio in effetti e’ stato pronto a dargliela, ma lui e’ andato fino in fondo, con gli occhi a tratti lucidi e la bocca impastata. e’ un professionista. il pivello (presuntuoso) se ne sarebbe andato.

          • e comunque fino ai fischi io stavo ridendo, il problema e’ stato dopo, perche’ ha perso tono.
            io non ho voglia di sentir parlare di politica quando sono concentrata sul gossip, ma alla fine da crozza quello mi aspetto e quello sa fare. e lo sappiamo tutti e lo sapevamo quando e’ stato ingaggiato.

            • sono pienamente d’accordo con te, Crozza è assolutamente un grande professionista, ma è anche vero che ha riciclato le battute… io lo adoro nella sua trasmissione, ma ieri sera doveva contenersi e sforzarsi un po’ di più a capire con che pubblico andava a scontrarsi… una provocazione assolutamente fuori luogo anche se io ho riso tanto! è sottile ed allo stesso tempo diretto per questo mi piace! …Fazio, si ha fatto benissimo, ma doveva uscire subito!

  2. (Mi è partito il dito)
    Sembra un cagnolone, sai i cuccioli quando hanno ancora le zampone?
    🙂
    Però ha una bella figura imponente, potrebbe diventare mina se solo la consigliassero bene)

    Dicevo, a parte questi…gli altri CHI SONO?
    Chi è Maria nazionale???????
    Chi la veste??????

  3. io ieri sera tra un pupoin resistenza estrema e un altro attaccato a ventosa alle tette ho avuto un’illuminazione: io amo raphael gualazzi.
    tutto il resto e’ noia.

  4. Le mie considerazioni:
    1) mi dispiace un sacco per crozza che mi piace tantissimo.
    2) due canzoni a testa mi sembrano un po’ troppe…fatte giusto giusto per tirar su un po’ di soldi con i televoti
    3) Fazio e Luciana…bravi!
    4) Ma Gualazzi…(o come si chiama non ho ben capito). La prima canzone si intitola “Senza ritegno” perchè è copiata pari pari a Under the river dei Red Hot Chili Pepper???

  5. Da ricordare inoltre: La lettera iniziale della Litizzetto e il tizio che si è buttato dallo spazio. Che non c’entrava nulla secondo me. Ma si faceva guardare.
    Da dimenticare: le scarpe della Litizzetto: non sarà mai figa, almeno fatela stare comoda.

  6. cazzarola ragazze, non sono riuscita a vedere e sentire una pippa, stavamo a disegnare cucine :-((((
    ho solo assistito alla triste (ma triste triste triste) scena di Crozza

  7. Sono in accordo con Giulia per quanto riguarda Fazio e Crozza: ma va anche detto che i tifosi di Silvio B. non sanno ridere di se stessi, ma quando mai i tifosi di Bersani hanno gridato o fermato un comico, perché prendeva in giro la sinistra. La satira dovrebbe essere presa per quello che è: Satira! Vedremo stasera se il copione sarà lo stesso.

    • Sono d’accordo con Gabriella.
      Secondo me tra l’altro poteva anche risparmiarsi la satira politica. Abbiamo già una settimana durissima che ci aspetta (e un futuro buierrimo), almeno sta settimana possiamo non pensarci? Non è mica obbligatorio fare sempre satira politica a Sanremo eh!
      Se mi faceva Bastianich io ridevo col sussulto per 5 minuti (e poi basta, passiamo ad altro), un po’ di sano umorismo scacciapensieri noooo??? Dobbiamo per forza essere satirici e politicamente impegnati anche al festival della canzonetta? Non possiamo pensare a fiori e vestiti per una volta?

  8. Io sbavavo dietro a Silvestri lo confesso.
    Non ho visto Chiara e ho cantato mano sul cuore con Toto manco fosse l’inno nazionale.

  9. Vogliamo parlare di canzoni?
    ho sentito pochissimo perché ho cambiato 3 stanze e 3 computer per seguire sanremo e voi pazze che commentavate, e al primo ascolto non mi rimane mai impresso molto, però vado abbastanza sul sicuro a dire che mi sembravano di qualità media molto alta.
    Mengoni l’ho perso del tutto, stavo ancora dando le capocciate alla duenne.
    Silvestri è bravo, ironico, raffinato e quei du’ chiletti in più gli donano assai (avesse anche 10cm in più…).
    Gualazzi è un fenomeno, andatevi a recuperare il demo che ha fatto da pischello (he poi è diventato l’album del 2005) e sentite che stoffa che aveva già allora, quando i suoi coetanei stavano a fare la fila per un provino ad amici cantando AAAAAAAAAA chi mi diceeeeeee. Adesso è forse un po’ più commerciale, ma è comunque sempre una spanna sopra (secondo me).
    Marta sui tubi non li conoscevo e sono stata contenta di conoscerli. Intanto ho visto un bel teschio e mi sono sentita subito meglio, dopo tutta quell’overdose di vestiti stroboscopici. Un altro tizio c’aveva un completo (con panciotto persino) coi fiorelloni, un mito.
    Chiara era vestita de merda, peccato, però la seconda canzone, tangosa, mi è piaciuta. Ho avuto un brivido quando è cominciata la musica, e nel mio cervello si è acceso il ricordo dell’esibizione-tango a x-factor. Mi piace l’impressione di Giulia, la condivido, sembrava un cucciolo con le zampone.
    Crozza mi ha fatto ridere i primi 5 minuti poi ho tolto l’audio.
    Brava (e bella!) Luciana. Fazio garbato e un po’ defilato, come mi aspetto che sia un presentatore di Sanremo (mitico Vianello!).
    I miei miseri ormoni hanno segnalato un lieve picco all’ingresso di quello che si butta contro i muri del suono e del pallanuotista (notevole).
    Sane sghignazzate nel momento Cutugno, ma non per lui, ma perché mi sono vista nella testa la scena del coro dei pompieri di altrimenti ci arrabbiamo e mi immaginavo bud spencer e terence hill che cantavano in mezzo alle fila dell’armata rossa.
    mi fermo che mi sto annoiando da sola.
    Ma di vestiti non ne parliamooooooo???????????

    • ecco, parliamo di cose serie, va’.
      allora il rpoblema e’ che almeno per ora di questo sanremo non si riesce a dire molto
      le donzelle si erano tutte uniformate alla carta stagnola.
      chi ha provato a uscire dal coro s’e’ ritrovata senza una manica o con i codazzi di pizzo celestino mattonelle del gabinetto.
      che cosa dobbiamo commentare?
      persino le scarpe le hanno sbagliate e alcune nonc e le hanno proprio fatte vedere.
      la litti le ha tolte e spero non se le rimetta che sembravano scarpe ortopediche.
      che dire?
      sotto questo aspetto moscissimo sanremo.

      direi che invece si sono distinti di piu’ gli uomini, anche se l’unico ricordo netto e’ stato silvestri con le sue bretelle.
      mi sa che gliene regalo un paio al maritozen per san valentino sia mai che quando chiamo venga da me (cit.)

      • Ecco infatti Caia.
        Vogliamo dire che in questa orgia-bolgia di vestiti sirena paiettati, la giacca della molinari aveva il suo perché?
        Ok, era anch’essa stroboscopica e francamente brutta ma:
        a. la ragazza c’ha il fisico da paiura. Gambe bellissime, capello corto con collo lungo, stava bene.
        b. spiccava nel resto della conformità degli altri vestiti e/o orrore. Era glam, si faceva notare, e per ciò aveva senso.

        Per ultimo: aveva un oblò sulla schiena. Segno evidente che almeno a lei, qualcuno aveva provato a fermarla: ‘ndo ‘zzo vai vestita così??? STRAP.

        • Si l’abbigliamento molto deludente! anch’io sono d’accordo con Caia che le bretelle di Silvestri sulla seconda canzone, che non è passata e che quindi non rivedremo, erano l’unico dettaglio interessante! Sulle scarpe della Litizzetto sorvolo, sui suoi capelli ho già detto: tale e quale alla pubblicità dove fa la spesa e se lì ha il suo perché almeno a Sanremo mi aspettavo qualcosa di diverso.

  10. ciao, ieri sera per parc-condico e per narcolessi….ho mollato il testimone al maritino che attendeva almeno il 2° tempo della champions.
    Detto ciò per il poco che ho visto (e letto quanto sopra menomale che mi sono persa Crozza) non mi è piaciuto Fazio e, adesso mi porto a casa gli insulti, ho trovato volgare e fuori luogo le battute della Littizietto a partire da Culo urlato a gran voce giusto per partire caldi….lei è bravissima nei suoi monologhi quindi non capisco la necessità di essere volgare…ma è un mio pensiero.
    ciao

  11. Io sono riuscita a sentire soltanto Gualazzi, Silvestri e la Molinari piazzando la peste bubbonica davanti a Winnie the Pooh. Dopodichè favole e ninnananne fino allo sfinimento. Appena la peste è crollata mi sono fiondata a letto distrutta.
    La canzone di Gualazzi che è passata mi sembrava un po’ troppo sanremese, preferivo la prima. Silvestri non mi è dispiaciuto ma dovrei risentirlo.
    Molinari urlava troppo: forse le facevano male quelle scarpe super trash?
    Per il resto, mi affido ai vostri resoconti.
    Azzeccatissimo il paragone di Giulia (Fazio = zucchina bollita quando hai mal di stomaco).
    Stasera ci riprovo a seguire un po’ il festival, ammesso e non concesso che riesca a sedare la pestifera creatura ad un’ora decente!

  12. ma come?
    non avete apprezzato l’eleganza sobria di maria nazionale?
    quel vestito monospalla in puro petrolio con rughes sull’unica spalla?
    e quelle peep toe da ammiraglia della prenestina?
    non pensate anche voi che il monospalla a sirena con ruches e scarpa in tinta dovrebbe diventare il nuovo little black dress?

    siete gente dai gusti difficili però….

    • Giulia I love you. Vuoi sposarmi? dai scappa con me. Ti prometto che al nostro matrimonio indosserò un fantastico vestito fuxia monospalla in puro petrolio e acetato, ci aggiungo due ruches sul derriere perché io sono forte anche di lì.
      L’ammiraglia delle prenestina. muoio.

      era difficile trovare un vestito che esaltasse così tutti insieme i suoi difetti.
      suvvia, un dolce e gabbana no?
      non è neppure una brutta donna.
      ma magari per contratto deve rispettare il cliché. era vestita esattamente come mi aspetto sia vestita una cantante del suo genere.
      Magari nella vita si veste Chanel. O solo armani.
      chissà.

      • si!
        siro, faccio outing con i cartelli!
        sposiamoci e viviamo insieme vestire di ruches e di chiffon

        🙂

        su wikipedia ho appena scoperto chemaria nazionale ha due anni più di me…
        DUE!!!!!!

        io pensavo potesse essere mia madre…
        glom…comunque si, forse il suo è un costume da “personaggio” e nella vita è tutta tailleur chanel e ballerine….

  13. – salvo i MARTA SUI TUBI, sono nel mio cuore da un po’, ormai
    – silvestri me lo son perso causa sosta in bagno 😛
    – abolirei gli ospiti
    – salvo LUCIANINA!

    • in effetti la litti e’ un grande mistero per me: provo un’enorme simpatia per lei e mi fa ridere e me la fa sentire “amica”, ma se ci rifletto non capisco come possa, visto che infarcisce tutto di un po’ troppe parolacce, ha l’andatura da scazzo, la crocchia da nonna e i vestiti da lampadario.
      boh

      • stai parlando di me Caia?
        😉
        ognuno ha le sue perversioni, non ti crucciare.

        • hahaha ma che dici?!?!?!
          tu anzi infarcisci tutto di mitologia greca il che mi ti fa snetire ancora piu’ amica 🙂

          • allora preparati, perché ne arriva altra, se pur per traverso. naturalmente infarcita di parolacce.
            lo sai che indosso i pantaloni di ciniglia????
            e le ciabatte leopardate?????
            e la pinza nei capelli???????

            • la pinza?
              la pinza?
              la
              pinza?

              cioe’ le donne ancora le trovano in commercio le pinze?

              ecco, sanremo ha scatenato proprio questo in me: un effluvio di interrogativi che resteranno insoluti.
              cosi come la ciniglia. io pensavo seriamente fosse stata bandita e ritirata dal mercato nel 1997.
              mah.
              le ciabatte sono una di quelle perversioni che convivono in me sgomitando con la giacca chanel(ish). che ci vuoi fare? nessuno e’ perfetto.

              • ah ah ah. ci credi che la pinza non è mia ma di Alice? era in uno di quegli orrendi set tipo truccosetti” che le deve aver regalato qualche prozia. l’ha guardata e ha detto “io questa non la vojo mamma. tieni mamma”.
                con lei hai qualche speranza 😉

              • ahhah
                la speranza sta nelle nuove leve 😉

  14. Sì vabbbene, tutto molto bello pulito simpatichino, tutte vestite male, Silvestri è diventato un sex simbol(vabbè)…ma se stasera non scappa fori ‘na farfalla dall’inguine de qualcuno o nessuno minaccia di buttarsi dal balcone, qui è ‘na noia mortale! Meno male che la Molinari s’è vestita glam e m’ha ravvivato un tantinello il palco che le altre donne veramente venivano fuori dalla Upim.

    Le canzoni nella media bbbuone. Si parla di diritti civili, cosa buona e giusta.
    Cioè…succederà qualcosa di fico?

    • Eccola qua, la mia Pat! Ma lo vedi come siamo in sintonia anche quest’anno?
      Dai che stasera ci sono gli Elii.
      E dal punto di vista del glamòr ci sono la Carlà (già rido), e bar rafaeli. E malika e annalisa in gara, da cui mi aspetto tanto, in termini di vestiti si intende.
      peccato che il momento national-pop dei ricchi e poveri non ci sarà.
      e poi ci sono i giovani. almeno sapremo di che morte abbiam da morire.

      • io pure nutro molte speranze in stasera
        mi devono dare sanremo, voglio un po’ di fiori e soprattutto il folklore porca miseria.

        speriamo, va’.

        • folklore?
          maria nazionale non era già abbastanza per TUTTO il festival?

          malika e elii…stasera mi faccio il minestrone e me lo bevo tutto (il festival) il minestrone me lo mangio con il cucchiaio e la boccuccia di rosa

    • Brava Pat. Va bene tutto, va bene il politically correct, va bene Fazio/Chiesotto. Ma dateci il TRASH, dateci il gossip, fate qualche cazzata, santocielo!

  15. io ho visto l’ultima ora e il momento migliore è stato quando la lettizzetto ha convinto fazio a fare le imitazioni! piu’ sciolto ragazzo! voto lorella e marco pure io!

Parla alla tua mente

*