Le scarpe per la primavera

Oggi un tema tanto interessante quanto vasto! Le scarpe di per sé meritano un’enciclopedia, sono, nel moderno concetto del vestire, l’accessorio su cui si fonda l’intero outfit e non solo in senso fisico. Per questo un bel paio di scarpe, anche un po’ azzardato, può veramente dare un nuovo aspetto anche ai jeans più sfruttati.

Cominciamo con i lace-up sandals o, detto in parole povere, i sandali allacciati alti sulla caviglia. Negli ultimi anni hanno imperversato ai piedi di tutte le più importanti redattrici di moda e delle attrici del momento. Si sono visti abbinati in tutti i modi: con le mini, strette o larghe, con i pantaloni stretti, con gli shorts.

Giovanna Battaglia, Emmanuelle Alt e Carine Roitfeld, Taylor Tomasi Hill da Google images

Personalmente le preferisco con le gonne non troppo corte, diciamo al ginocchio, con i jeans slim tagliati alla caviglia in perfetto stile parigino e anche con le gonne a matita, un po’ come le porta Carine Roitfeld. Sono in grado di dare quel tocco attuale anche ad un abito vintage, come ci mostra Giusi in occasione di una sfilata a tema: Sono invece riservati alle giovanissime con belle gambe gli abbinamenti con pantaloncini o mini in stile pattinatrice, ma anche per loro sono più adatti ad un ambiente vacanziero o per le occasioni serali. Sono innegabilmente scarpe particolari e richiedono caviglie sottili e gambe snelle. Il loro difetto fondamentale è che mozzano  la gamba e il trucco per portale anche senza avere lo stacco di coscia di Karlie Kloss è quello di sceglierle nella stessa tonalità della pelle, in modo tale cha la linea di demarcazione a livello della caviglia non sia troppo netta. Questi sono dei modelli di Zara.

Le scarpe più in voga in questo momento sono però proprio le più classiche:  decolletè SENZA plateau col tacco 10 e rigorosamente a punta. Il colore più alla moda, come suggerisce Garance Dorè, che in fatto di tendenze non sbaglia un colpo, è il bianco immacolato, seguito a  ruota dall’argento e, un po’ più distaccato, dall’oro. Ecco come le porta Shala Monroque, socialite newyorkese.

Foto da garancedore.fr e mariovillanuevastyle.blogspot.com

I colori metallizzati li ha suggeriti Miuccia Prada e, anche se l’oro non è in pole position per la primavera, bisogna ricordare che nelle sfilate per il prossimo autunno  se ne è visto un bel po’. Queste bianche sono di Louboutin,  mentre le altre, comprese quelle rosse che mi piacciono particolarmente, sono di Miu Miu e le trovate tutte su net a porter. Da notare che quelle oro o argento hanno la suola glitterata!

Se proprio dovessi dare un consiglio suggerirei di acquistarle chiare, magari di un classicissimo color sabbia. È vero, sono sporchevoli, ma eleganti, allungano e snelliscono la gamba, mentre i colori scuri appesantiscono notevolmente. Queste sono di Zara come sempre, ma ne ho viste di carine anche da Sisley, dove però non ho trovato la foto.

Vanno bene con  i jeans slim o boyfriend, i pantaloni Capri  ed anche con i pantaloni larghi tagliati alla caviglia. Per gli abbinamenti con le gonne, bene quelle a matita e a corolla corte al ginocchio, ma da valutare di volta in volta l’effetto con gonne a pieghe e longuette, l’aspetto “antico” è dietro l’angolo!

Sempre più di moda anche i mezzi tacchi. Non cominciate a sbraitare che sono troppo “da zia”! Eccovi due illustri esempi. Valentino con le sue rockstud (le ho provate e col fatto che i lacci alla caviglia sono chiari devo dire che non “intozzano” per niente la gamba)  e Balenciaga: una vera opera d’arte! Se proprio non resistete le rockstud sono in vendita sul sito di Luisaviaroma

Io trovo che siano pratiche e che slancino comunque la gamba. Zara le propone così:

Degne di nota anche le scarpe con la zeppa piana, che sono nate per assecondare la tendenza nipponica apparsa in alcune collezioni. Queste sono di Pollini, Sergio Rossi e Fendi rispettivamente e, forse, trovate ancora qualcosa da Luisaviaroma:

Ed ecco la versione di Zara (stavolta un po’ misera)

Sempre tacchi medio-bassi e parliamo di espadrilles (sì, proprio loro) ecco la vetrina di Colette, il più famoso concept store parigino, durante le sfilate

e le proposte di Chloe e Ralph Lauren rispettivamente che si trovano si trovano da net-a-porter e Luisaviaroma. Belle con gonne e vestiti longuette.

 

Ed infine le proproste più sportive, tacco a terra o quasi per le sneakers che fanno il loro rientro prepotente abbinate non solo ai pantaloni sportive, ma a gonne e vestiti. Così le porta Viviana Volpicella, stilista freelance. Se volete sperimentare il risultato e contenere la spesa c’è sempre Zara.

The Sartorialist e Zara.com

La moda le vuole sportivissime e ultracolorate, ma a me piace ricordare un’usanza di street style che proviene dagli anni ottanta. Ve le ricordate le classiche scarpe da tennis italiane? Le Superga  bianche, blu o grezze. Una volta si sostituivano i lacci in dotazione con dei nastri  intonati al vestito: tinta unita, a righe,  a pois, a quadretti o di raso colorato. Secondo me potrebbe essere una vecchia moda da rspolverare, che ne dite?

 

Commenti

  1. Vanno di moda i mezzi tacchi! Che bella notizia! Per l’appunto mi ritrovo un paio di comodissime scarpette di pelle intrecciata bianche con profili beige, modello chanel e tacco 5 affusolato. Le ho comprate due anni fa infischiandomene della moda, è stato un colpo di fulmine! Scoprire che ora sono pure trendy è proprio una soddisfazione!

  2. le ho… tutte o quasi!!! espadrillas e zeppe piane a parte ^_^
    evviva posso evitare di comprare scarpe per la prossima stagione!!!!

  3. Anche le Superga con i nastri?

  4. Cecilia….mi gira la testa….per una “addicted to shoes” come me, un articolo come questo alza tutti i tassi di soddisfazione nel sangue!!!! Non hai dimenticato nulla e nessuno….hai pensato a chi ha gambe kilometriche e a chi ha gambette “diversamente lunghe” (come me…n.d.r.)…hai pensato a chi deve correre (spesso sui San Pietrini, veri fagocitatori di tacchi a spillo…!) e a chi puoù permettersi di sfoderare un tacco 12 perchè non ha fretta!!!! Ora rimane solo l’imbarazzo della scelta…!!!!!

  5. Sperimenterò sicuramente…ma di nascosto da mio figlio perchè, per lui, le Superga sono sacre e intoccabili! L’unico tocco di originalità che lui permette è il “vissuto”..che io chiamo “sporco”!

  6. Cachemirevictim

    Bravissima, Cecilia, bellissimo articolo!

  7. allora i sandali lace up non mi piacciono….o si hanno gambe veramente ossute oppure l’effetto insaccato è dietro l’angolo…e niente di peggio che vedere rotoletti cicciosi saltar fuori dagli incroci di scarpe che dovrebbero essere sexy..
    😉
    e poi le gambe devono essere davvero kilometriche (a meno di non portarli con la gonna)

    zeppe piane: non le ascriverei alla categoria “scarpe”, bensì a quei rialzi da piede ingessato…insomma, le trovo agghiaccianti, inutilmente trampolate e con pure lo svantaggio delle ballerine: sono piattee le scarpe piatte a me fanno male alla schiena

    le sneakers con la gonna….mi piacciono, ma ancora non me la sentirei di metterle io…credo ci vogliano gambe veramente da atleta (e non come le mie da wanna be….. 😉 ) ma l’effetto comunque lo trovo davvero carino

    sul piano generale…W le scarpe

    • Ohi, per fortuna! Mi hai salvato solo le décolleté in pratica! Forse le espadrilles? Ma mi sa che non ti piacciono i lacci … Buona serata Giulia!

      • no no, le espadrillas mi piacciono…
        🙂
        a dire il vero, tranne le zeppe piane (che ho visto in vetrina da prda e per poco non cadevo a terra per l’orrore!) potrei usare tutto…
        però i lacci, hai ragione, mi lasciano perplessa…temo sempre su di me l’effetto insaccatino….
        🙂

Parla alla tua mente

*