Rimettersi in forma: cosa mangiare #concaiainforma

frutta-stagione-merenda-dieta

Allora ragazze,

come procede?

Chi è salito a bordo?

Io vado come un treno. Non mi ferma nessuno! Chi mi segue su Instagram e la pagina Facebook lo sa!

Oggi comincio la seconda settimana e voglio illustrarvi il mio programma, così chi ha voglia può seguirlo, anche se in differita di una settimana.

Dovute premesse.

Numero uno: io allatto, non posso fare una dieta drastica a livello di nutrienti e quantità altrimenti stramazzo. Comunque Dado ha un anno e mezzo e quindi ho intenzione di smettere di allattare a breve. Vi farò sapere.

Numero due: io faccio un lavoro sedentario, ma la mia vita lo è tutt’altro. Vivo a Roma e mi muovo per lo più a piedi e con i mezzi pubblici. Vivo al quarto piano senza ascensore e salgo e scendo almeno due volte al giorno, mai senza pesi aggiuntivi. Ho due bambini sotto il metro ergo faccio molto sollevamento pesi.

Programma #concaiainforma

(altrimenti detto programma ad caiam — puramente arbitrario e personale, non si sostituisce assolutamente al parere di un medico e se lo seguite sono cavoli vostri :D)

Alimentazione. Ho deciso di fare uno stop a tutto quello di cui stavo abusando ultimamente e che so influisce prepotentemente sul mio peso. Ho eliminato lievito, carboidrati raffinati (in particolare pane, pizza e pasta di farina bianca), latticini (tranne yogurt e a volte un goccio di latte nel caffè della mattina), formaggi (tranne capra), insaccati (tranne bresaola), uova e zucchero.

Cosa resta? Apparentemente niente, invece…

colazione-dieta

Lo scoglio maggiore è stato decidere cosa mangiare a colazione e averne sempre a disposizione (#spesaintelligente) altrimenti cado nel turbine famelico del risveglio e mi svuoto il barattolo dei Gentilini dei bambini. Le mie alternative:

  • yogurt Fage 2% (quello tipo greco, acidulo, io lo adoro ^.^) con manciata di cereali integrali due prugne secche o un frutto fresco e qualche mandorla spezzettata, il mio caffè generalmente macchiato;
  • coppa di frutta (lavata, tagliata e messa in frigo dalla sera prima, altrimenti ciao), un caffellatte con poco latte e qualche biscotto tipo grancereale;
  • formaggino di capra, due crackers di farro/segale/crusca (io uso i Wasa), due cucchiaini di miele, il mio caffè macchiato.

Fondamentali gli spuntini. Mi sono premunita di barrette al sesamo, barrette di cereali, frutta secca da porzionare in scatoline di plastica e infilare in borsa, da accompagnare con un bel tè verde. Oppure ho scelto lo yogurt (se non l’avevo mangiato a colazione) con una manciatina di cereali (se avevo molta fame). Un’altra alternativa anti fame: la banana.

spuntino-dieta

Poi a pranzo ho fatto ruotare cereali alternativi componendo insalate con verdure di stagione, e aggiungendo sempre una porzione proteica: bresaola, caprino, tonno, sgombro o salmone in scatola, pollo ai ferri, calamaro o seppia lessi o ai ferri, aggiungendo sempre olio d’oliva da crudo e spezie a piacere. Talvolta la salsa di soia.

polpette-miglio-piselli-ricetta-dieta

A cena in genere un secondo come piatto forte: ho cercato di mangiare pesce il più possibile perché mi piace e mi sazia più di qualsiasi altra cosa, carne solo una volta a settimana e legumi. Con i legumi ho composto insalate o padellate da accompagnare con piadine fatte da me con farina integrale e acqua (senza lievito né sale) oppure grissini, crackers, pane azimo e roba simile, con farine alternative, niente lievito e poco sale.

calamari-ceci-ricetta-dieta

Per quanto riguarda le quantità non ho mai misurato, pesato, né mi sono privata della galletta in più o del bis di riso integrale. Ho mangiato sempre tanto, non mi sono mai alzata da tavola con la fame. Forse è sbagliato, ma in questo momento non potevo fare altrimenti.

Un pasto a settimana me lo tengo libero per lasciarmi andare a qualsiasi sgarro. Questa settimana sono stata a pranzo fuori Venerdì e quindi ho mangiato tranquillamente quello di cui avevo voglia e anche il pane, integrale e solo due fettine, ma l’ho mangiato 🙂

Attività fisica. Sto seguendo sulla scia di Siro il programma c25k. Tre giorni a settimana: Martedì, Giovedì e Domenica, mezz’ora.

correre-dimagrire

Risultati?

Punto di partenza:

  • Peso: Kg 69,4
  • Circonferenza fianchi: cm 111
  • Girocoscia: cm65
  • Circonferenza polpaccio: cm37
  • Circonferenza bacino: cm 94
  • Circonferenza vita: cm 77
  • Circonferenza busto/seno: cm 96
  • Circonferenza braccia: cm 29

Dopo una settimana:

  • Peso: Kg 67,8
  • Circonferenza fianchi: cm 109
  • Girocoscia: cm 65
  • Circonferenza polpaccio: cm 36
  • Circonferenza bacino: cm 94
  • Circonferenza vita: cm 76
  • Circonferenza busto/seno: cm 94
  • Circonferenza braccia: cm 29

A parte il chilo e mezzo perso che mi riempie il cuore di gioia sono felicissima dei due centimetri persi sui fianchi che sono il mio punto debole.

Considerazioni sparse.

Sono soddisfatta di essere giunta alla fine di questa prima settimana con convinzione e soprattutto col sorriso (dato dai risultati :P). Adoro quella mezz’ora di fuga tutta per me!

L’alimentazione invece resta un pensiero fisso. La preparazione dei pasti mi richiede molte energie soprattutto mentali per riuscire a variare, rendere tutto appetibile anche per i bambini e soprattutto trovare alternative homemade agli articoli confezionati. In particolare ho fatto molto uso di Wasa, pane azimo confezionato e prodotti coop viviverde. Vorrei trovare alternative più economiche e che si integrino bene nella mia routine culinaria/famigliare.

spesa-intelligente-dieta

Allora, ragazze, per voi come procede?

Ditemi un po’ come vi state comportando, che progetti avete e che strategie state attuando o vi siete prefisse!

Commenti

  1. Ma brava! Grandissima! Enorme!

  2. Caia stamattina mi sono alzata pensando al tuo programma, al cominciare a correre ma si può?Dico io ma vi rendete conto di quanto riuscite ad essere propositive?!Io vi adoro ragazze

    • brava, sono contenta, era il mio intento quello di infilarmi nel vostro inconscio 😀
      dai, fatemi compagnia, piu’ siamo e meglio riusciremo.
      e quest’estate andremo in spiaggia serene!

  3. Coooosaaaa? Pesavi 69 Kg?! Non l’avrei mai detto!
    Complimenti, sei davvero bravissima! Continua così, sei tutte noi!
    Soprattutto, hai tutta la mia ammirazione per come sei riuscita ad impostare un regime alimentare sano. Come dici tu, è anche questione di energia mentale. Io faccio una fatica da matti ad organizzare la spesa ed i pasti, considerando che mi ritrovo:
    1) figlia magrolina e inappetente per cui ad ogni pasto divento matta;
    2) marito magro costituzionale e con un metabolismo da far spavento: se non mangia tutte le sere primo, secondo, contorno, pane e frutta deperisce a vista d’occhio (e poi mi chiedono: ma lo fai mangiare ‘sto pover’uomo? grrrrr!).
    Soddisfatte le esigenze dei due sopra citati, non mi rimane più tempo e voglia per cucinarmi qualcosa per me, e alla fine mangio quello che c’è. Ma almeno da un po’ di tempo sto attenta almeno a non esagerare con le quantità.

    • elinor io al momento non entro quasi nella 46, quest’inverno avevo superato i 70.
      sono alta, ma peso 🙂

      cmq punto numero uno: celo
      punto numero due, per fortuna no, anche perche’ sarei assalita dall’invidia 😀

      cmq ho il piccolino che invece mangia di tutto tpo aspirapolvere e questo significa che comunque devo necessariamente far circolare a tavola cose sane altrimenti mi si mangia qualsiasi cosa. e questo mi aiuta.

      solo che ovviamente per i bambini anche io cucino tutte le portate e quindi cerco di fare una cosa che mangiamo tutti e quattro tipo per dire quelle polpettine di miglio e poi per loro bambini aggiungo un secondo.
      il mio problema invece sono gli avanzi.
      momo ne lascia spesso e io odio buttare le cose da mangiare quindi spesso mi ritrovo a pulire i loro piatti, quindi se loro hanno cose che non incidono sulla mia dieta bene altrimenti faccio fatica ad occhio 🙁
      ma non mollo
      sono agguerritissima 😀

      • Anche io odio buttare le cose! Dirai: cucina di meno, ma è matematico che la volta che le faccio porzioni più piccole è proprio la volta che la pestifera creatura ne vuole ancora…
        Quanto al marito grissino purtroppo c’è poco da invidiare: è sempre stato magro, ma ultimamente siamo arrivati a livelli davvero preoccupanti e dopo molte insistenze l’ho convinto a farsi vedere dal mio endocrinologo, che gli ha prescritto una serie di analisi complicatissime dai nomi mai sentiti. Aspettiamo i risultati, speriamo bene… Tutto sommato non lo invidio e preferisco combattere con la mia pancetta!

  4. Ciao, Caia
    Anch’io oggi mi sono svegliata con la voglia di rimettermi in forma anche perchè sono giorni che le cose non vanno come mi aspetto… Ma non ho voglia di buttarmi giù ho una bambina a cui pensare. A volte quando le cose non vanno mi sfogo con il cibo, e poi ci sto male.
    Così da oggi visto che magari farlo assieme è bello mi metto a regime alimentare sano come hai detto tu. Il vero problema come dici tu è reperire alimenti sani e bilanciati e variare sempre e questo non è facile. Però leggerò i consigli di tutte così magari qualche buona idea la si può imparare
    Per ora il mio peso è Kg. 79 hihihihihi obiettivo Kg 70…
    Mi sono iscritta in palestra e al lunedì ci vado un ora e poi in base agli impegni o giovedì o Venerdì… quando la cucciola è al nido.

    • vai nadia!
      io sono con te.
      il cibo non deve essere unos fogo, ma restare una “necessita’ piacevole”.
      io devo dire che sto scoprendo nella corsa un bello sfogo, quella mezz’ora di fuga dai problemi, dai bambini, dalle febbri a 40, dal marito (eh si, mettici pure quello :P) dalla dieta, da tutto.
      vedrai che dopo la prima settimana quando comincerai a sgonfiarti tutto sara’ ancora piu’ motivante!
      vaiiiii

  5. grande forza di volontà, complimenti Caia! E anche per l’inventiva nella parte alimentare. In questi giorni ho riscoperto il piacere di correre e sto procedendo con la mia tabellina per principianti, ero un ferro vecchio e invece sto riuscendo a correre come non credevo. Lo consiglio a tutti perchè migliora tantissimo l’umore generale (e l’autostima). Peso anch’io 69 kg. un trauma visto che il mio peso-forma è stato attorno ai 57/58 per decenni, sono alta e si nota poco ma non è una consolazione 🙂

    • lo capisco. anche io non mi sento grossa, sono solo un po’ piu’ formosa di quanto come son sempre stata, ma voglio risentire delle sensazioni che mi appartengono: il ventre piatto, le gambe piu’ leggere, vedere una piega particolare all’attaccatura del collo, sentire le braccia leggiadre… insomma a parte la bilancia io voglio tornare nel corpo che mi ricordo mi faceva stare bene nel movimento (e anche da ferma veramente :D)

      e la corsa l’avevo gia’ sperimentata, ma spero di mantenere costanza e determinazione e non abbandonarla, perche’ mi fa veramente stare bene!
      in bocca al lupo

  6. Ho seguito fino a giugno dell’anno scorso una “dieta” = mangiar sano ed equilibrato e mi sentivo oltre che con 5 chili in meno piena di energie; poi sono diventata vegetariana e in quasi un anno ho messo su 7 chili… Mi frega il pane… Sei bravissima, ma piccolo consiglio: se non ho visto male hai unito pesce e ceci, sono entrambe proteine e non andrebbero mangiate insieme, come pure le patate non dovrebbero fare da contorno dopo la pasta essendo farinacei.
    Rivoglio la mia “dieta” (mangiavo primo secondo e contorno ma calavo!!) ma non riesco più a tornare onnivora e non ero pronta ad alimentarmi da vegetariana!!
    Ciao
    Ale

    • purtroppo non posso aiutarti perche’ non sono vegetariana e non conosco a fondo questo stile alimentare, ma posso dirti che l’escamotage di eliminare le farine bianche e i liviti mi ha portato di conseguenza a mangiare farinacei allo stato secco e quindi a indugiare meno in intingoli che mi facevano consumare molto piu’ pane. forse provare a sostituire solo il pane ti darebbe un aiuto.

      riguardo l’unione delle proteine non ci vedo niente di strano. quello che ho fotografato come ad esempio fagioli e cozze o pasta e patate sono piatti della mia tradizione culinaria (pugliese) e li trovo buonissimi. secondo te perche’ non andrebbero mangiati assieme?

      • L’unico motivo per cui non andrebbero mangiati insieme è perchè sono della stessa tipologia (proteine e carboidrati): considerare i legumi un contorno ti fa assumere una doppia porzione di proteine, mentre mangiare le patate per contorno dopo un primo, una doppia porzione di carboidrati. Concordo però che sono buonissimi insieme!

      • La doppia proteina non andrebbe mai assunta perché il nostro stomaco è predisposto per digerirne una sola alla volta: questo abbinamento quindi in primis lo affatica e poi può portare all’aumento di peso. Il classico prosciutto e mozzarella, le uova al formaggio, per non parlare delle polpette (carne+parmigiano+uova) dei cordon bleu etc. sarebbero da eliminare, quindi. A me lo disse la nutrizionista anni fa ed effettivamente la differenza nella digestione io l’ho percepita nettamente.

        • grazie fra!
          io onestamente non ho mai notato una particolare difficolta’ nel digerire queste pietanze, devo essere sincera.
          ho piu’ difficolta’ a digerire alcuni alimenti tipo i peperoni (che notoriamente in effetti sono unpo’ pesanti) o alcuni tipi di cottura tipo le fritture, ma per dire questo in particolare l’ho mangiato venerdi o sabato sera, ora non ricordo e come sempre avevo fame prima di mettermi a letto e mi son dovuta fare il mio spuntino notturno con un cucchiaio di yogurt e un pochino di cereali… ehehhe

          • Neanch’io avevo notato difficoltà nella digestione all’epoca, la differenza la noti dopo, quando sospendi queste pietanze e ti senti moooolto meglio. Semmai ora il problema e’ che le rare volte che sgarro ho l’impressione di dover digerire dei sassi!! Per la fame la sera ti capisco!! A me era stato concesso yogurt con 3 mandorle 😉

  7. Scusa Caia, ma sei alta due metri e 05? Come cavolo fai a pesare 69 o 67 chili? Davvero non si vedono!! Complimenti per la costanza sei davvero incoraggiante!

    • ehehhe forse ho imparato a vestirmi 😉

      sono alta 1,70 e posso sembrare uno scaldabagno o una donna in forma a seconda dei vestiti che indosso 😛

  8. …e io che mi ostino a voler case sempre con ascensore…ma mi dici come si fa con nani, passeggini, buste della spesa? è vero che sono una donna gracilina e bassa anche io sotto il metro (ahah, scherzo…ma non tanto)…però…illuminami! 🙂

    • eh. quando scopro l’arcano ci faccio un post 😀

      ti dico: bisogna organizzarsi. noi per dire abbiamo lasciato sempre il passeggino giu’ e infatti alla fine ce l’hanno rubato.
      poi spesso io lo lascio giu’ quando torno coi bambini e lo porta su mio marito.
      le buste della spesa dipende: io faccio molta spesa con consegna a domicilio, la verdura e la frutta la compro al mercato di mattina e quindi lascio il piccolo giu’ al portiere, porto su la spesa e ritorno a prendermi il bimbo.
      oppure se e’ poca roba ho sempre buste grandi o sacche di tela in cui infilo tutto, imbraco e porto anche il piccolo tutto insieme.
      pero’ momo ormai fa le scale da solo.
      dado in teoria pure: gattonando. anche se cammina, le scale gli vengono meglio cosi 😀
      io a volte quando so di non potergli fare immediatamente varcata la soglia di casa il bagnetto, non gliele faccio fare e lo prendo in braccio, altrimenti lo lascio fare e riposo la schiena.
      insomma ogni giorno davanti all’altro e cerco soluzioni quando si presentano i problemi.
      pensa che ho fatto anche il trasloco per le scale 😀

  9. Eccellente! Quando vedi i primi risultati si riparte subito di slancio vero?
    Allora faccio anche io il mio tagliando.
    Ho iniziato il 18 e in 10 giorni ho perso esattamente un chilo, ma soprattutto 2 cm di pancia, che come sai, è il punto dove ho accumulato di più dopo le due gravidanze ravvicinate (sono grassa un po’ tutta, ma la pancvia prima delle gravidanze non ce l’avevo).
    Il mio programma prevede: 3 uscite settimanali di corsa a giorni alterni, in linea con i turni del marito, quindi una settimana lu/me/ve e una ma/gio/sab.
    Alimentazione: seguo il programma disintossicante che mi aveva dato l’omeopata dopo la prima gravidanza (quando ho smesso di allattare). Quindi 40 giorni di detox eliminando: farina di grano tenero, lieviti, vino bianco, birra, aceto, latticini (tranne yogurt e latticini di capra), uova, maiale, zucchero raffinato, olio d’oliva, pomodoro + una serie di altre verdure e frutti in base alle prove di intolleranza che avevo fatto allora. Quindi mangio affettati ma non di maiale, quindi sì a bresaola, carne salada, carpacci, tacchino, pollo ecc. Non mangio pane normale ma mangio grissini di kamut, oppure piadine o pani azzimi di farro o kamut. Sì alla pasta secca no alla pasta fresca. Al posto della pizza mangio schiacciatina di farro con verdure grigliate. Comunque questo regime l’altra volta mi ha dato una vitale sferzata al metabolismo, che è partito di corsa e mi ha permesso di perdere chili velocemente e senza patire fame. La maggior parte poi li ho persi dopo i 40 giorni, quando ho ricominciato a mangiare “normale” (gradualmente, quasi uno svezzamento).
    Bon.
    La prossima settimana aggiungo altro esercizio fisico, vorrei inserire degli esercizi di rassodamento nei giorni in cui non corro.

    • dimenticavo, oltre a tutto questo bevo un beverone di aloe che ha funzioni dreananti e disintossicanti e aiuta a riaccendere il metabolismo. E litri di tè verde (che adoro).

    • che brava!!!
      io non credo di riuscire ad aggiungere niente per ora… gia’ sto al limite cosi.
      anche perche’ forse nei giorni in cui non corro io… andra’ a correre il maritozen… 😀
      go siro go!!!

  10. ciao Caia, io sono in un periodo un po’ particolare, molto pieno di cose e di cambiamenti (tra cui una ristrutturazione e successivo trasloco nei prossimi due mesi). Ultimamente mangiavo molto per “noia” (anche se sembra difficile, vista la gran quantità di carne al fuoco) ma, visto che comincio a far fatica a mettere i miei soliti pantaloni, ho deciso di darci un taglio. Per cui ho ripreso la mia solita zona a occhio, che effettivamente non differisce molto dalla tua dieta. Devo perdere solo un paio di chili, ma so già che sarà dura, perchè ho un metabolismo rallentato e perchè comunque sono sostanzialmente normopeso. Non sono ancora riuscita a riprendere a correre, qui piove da…. secoli. Appena spunta un raggio di sole, son già fuori.
    giulia

    • il cibo per noia: celo.
      quella noia li che non ha niente a che fare con la mancanza di cose da fare. ci siamo capite :/

      cmq secondo me appena riprendi a correre perdi i chili senza neanche accorgertene!
      e dai che un trasloco nonostante lo stress e’ una cosa bellissima! cambiare, voltare pagina, disfarsi del vecchio e rinnovarsi.
      magari potessi farlo io!

      • ho cambiato tantissimo in questo ultimo anno 🙂
        dalla pianura al mare, lavoro, adesso una nuova casa (attualmente abitiamo nella casa “delle vacanze”).
        Un sogno che si è realizzato (quello di andare a vivere al mare), un altro in divenire (aver lasciato un lavoro che non mi soddisfaceva e finalmente lavorare in un ambito a me più affine), ma dovermi prendere cura spesso da sola di due bambine con 20 mesi di differenza (4 e 6 anni) a volte è pesante e questo inverno è stato molto lungo e brutto.
        Ma ho ripreso alla grande!!!
        Bellissima l’idea della piadina home made di farina integrale, la replicherò sicuro 😉

  11. Complimenti Caia per i tuoi programmi e successi 🙂

    Una domanda: per una dieta contro una determatite mi hanno tolto il latte di mucca, ma mi hanno detto che posso comunque bere il latte caprino e suoi derivati….
    Vedo che anche tu segui lo stesso principio, però non capisco perchè..
    Perchè in una dieta come la tua si può bere e consumare il latte di capra e non quello di mucca?

    Buona corsa!

    Marta

    • vuoi sapere la verita’?
      impormi certi ‘veti’ mi porta semplicemente a ridurre complessivamente le calorie perche’ magari non ho facilemnte a disposizione il surrogato.
      io per esempio il latte prendo quello che ho: vaccino bio intero fresco che compro e ho in frigo per i bambini, tanto cmq ne prendo solo un po’ la mattina col caffe’.
      invece i formaggi mi fregano perche’ li mangerei a tutte le ore e quindi impormi di mangiare i caprini che sono cmq piu’ digeribili mi fa evitare tutte le tentazioni con una bella croce grossa sopra e se voglio togliermi lo sfizio, lo faccio una volta a settimana in maniera, diciamo ‘programmata’ acquistando il formaggio ad hoc, che cmq non e’ stagionato e alla fine ha pure meno calorie.
      in ogni caso questa storia del latte credo abbia un senso scientifico perche’ per esempio quando i miei bambini erano neonati e li allattavo e mangiavo qualsiasi cosa, hanno avuto entrambi delle dermatiti che sono passate loro nel momento in cui ho smesso di assumere io latte vaccino. evidentemente si fa piu’ fatica a smaltirlo e ha qualcosa a che fare col fegato.

      stessa cosa per i farinacei: il pane io lo mangerei a vagonate e mi porta a mangiare oltre la sazieta’ e soprattutto a fare scarpette su intingoli vari. se invece mangio cose secche senza lievito e integrali (questo perche’ obbiettivamente i cereali integrali velocizzano il metabolismo e mi sembra mi facciano sentire meglio a livello di energie) posso mangiare anche un bel piatto condito, ma non avendo il pane per prendere tutto l’unto che c’e’ alla fine riduco anche l’apporto inutile di quella roba (che e’ buonissima eh? io ci camperei, ma al momento meglio evitare 🙂 )

      insomma mi devo prendere un po’ per i fondelli per dimagrire 😀

      • Azzardo una risposta per Marta: a causa dell’allevamento intensivo dei bovini, il latte vaccino (ovviamente non bio, quello della centrale, per intenderci) e conseguentemente anche i latticini di mucca contengono molti estrogeni. Gli estrogeni possono provocare dermatiti ed allergie (oltre a problemi più gravi, per cui alcuni pediatri addirittura sconsigliano di dare ai bambini latte vaccino di allevamento intensivo). Invece il latte di capra, in quanto meno diffuso e meno richiesto, generalmente non proviene da allevamenti intensivi ed è quindi più “naturale”, anche quando non è certificato bio.
        Per carità, non voglio creare allarmismi, ma si parla tanto della carne e del latte quasi nessuno dice che può far male.

        • io sono sempre dell’idea che qualsiasi cosa fa male se se ne abusa e se ovviamente per questo motivo giunge da circuiti intensivi.
          anche la frutta e la verdura.
          io cerco sempre di indagare da dove provenga quello che mangio e sono abbastanza consapevole.
          comunque la storia del latte a me e’ successa con latte biologico, quindi credo che sia una questione del latte vaccino di cui evidentemente le proteine son piu’ faticose da digerire per i bambini ma anche per gli adulti.

  12. Brava bravaaaa… tanti applausi!!! Anche io voglio riprendere a correre ma:
    1) l’influenza di settimana scorsa mi ha messa ko;
    2) il tempo fa schifo;
    3) nel poco tempo in cui potrei correre, piove…
    E poi ho zero fiato, quindi va a finire che faccio sessioni di un’ora, un’ora e mezza metà correndo, metà camminando! Devo provare con il programma che segnali, ho già stampato la tabella 😉

  13. Sono impressionato dalla qualità delle informazioni su questo sito. Ci sono un sacco di buone risorse qui. Sono sicuro che visiterò di nuovo il vostro blog molto presto.

Parla alla tua mente

*