Rimettersi in forma: Prova costume #concaiainforma

Jogging

Care amiche è giunto il momento.

Devo prendere atto che tra meno di tre mesi dovrò affrontare la spiaggia.

Che si fa?

Io mi piaccio — non sto qui a fare manfrine per farmi dire “oh, quanto stai bene” — ma sono anche in sovrappeso, rispetto alla forma che avevo acquisito negli ultimi anni (gravidanze a parte) e nella quale mi vedevo proprio bene: armoniosa, formosa, ma in linea. E voglio sentirmi di nuovo a mio agio nel mio corpo.

Voglio perdere solo sei chili e ritrovare i muscoli delle gambe. Anche quelli dei glutei, ma non credo nei miracoli, quindi mi accontento.

L’idea di andare al mare con i bambini mi fa già riempire il cuore di gioia, quest’estate voglio godermi le vacanze, finalmente. Ma bisogna considerare che se quando andavo al mare da sola avevo tutti i miei escamotage (posizioni per prendere il sole, costumi scelti artatamente e pareo dosati e drappeggiati all’occorrenza) ora sono perfettamente consapevole che al mare non ci vado certo per rilassarmi a leggere sotto l’ombrellone. Non potrò ciondolare in spiaggia col mio cappellone, gli occhiali e le gonnelline mimetizzanti, no. Dovrò essere pronta e scattante come una bagnina. E siamo tutte consapevoli che il punto di partenza è ben diverso.

Oggi è Martedì e mio padre dice sempre che ‘né di Venere né di Marte, si sposa, si parte, o si dà principio all’arte’, quindi aspetto domani per partire davvero.

Il mio programma?

  • Una settimana low carb. Pane e marmellata la mattina, una porzione di pasta, riso o altro cereale a pranzo e poi solo tanta verdura, proteine privilegiando quelle di origine vegetale e frutta a meta’ pomeriggio. Poi dieta equilibrata e sana senza pesare.
  • Bere, bere, bere. Io bevo abbastanza in genere, ma ultimamente lavorando dalla biblioteca, non posso portare con me in sala la bottiglia e come tutte le cose diventa un circolo vizioso: non ho l’acqua a portata di mano e quindi non bevo, meno bevo, meno bevo 😀 Per cui devo reintrodurre l’abitudine, usando la testa. E per usare la testa non c’è niente di meglio che una borraccia nuova da riempire al mattino e più volte durante la giornata per tenere il conto.
  • Ricominciare a correre. Emulo l’amica Giulia, che dopo poco più di un anno di allenamenti va a fare le maratone (e Domenica ha superato se stessa: brava, sei tutte noi!!!), l’amica Siro che bimamma come me va a riprendersi la sua linea. E anche qui avevo bisogno di uno stimolo di testa, arrivato dalle mie due precorritrici. ‘L’arte di correre’ di Murakami, uno degli scrittori che negli ultimi anni più amo leggere, ha scritto questa riflessione sulla corsa, che è una riflessione sulla pratica della scrittura e della necessità di bilanciarla con un’attività di sfogo fisico, di sviluppo di costanza e determinazione. Un libro che mi ha illuminato e mi ha dato la forza di rimettere in campo, tra stiletti e mocassini, anche le mie scarpe da corsa.

Volete unirvi a me?

Vi terrò aggiornate tramite Facebook, Twitter e Instagram e magari possiamo creare un appuntamento settimanale per congratularci, darci pacche sulla spalla, leccarci le ferite e contare i chilometri: seguitemi e aggregatevi alla missione #concaiainforma!

Comunicazione di servizio:

Oggi per la #RubRiga, la rubrica della marinière ideata da me, MissBaiLing, Clarissa, Giulia, Meggie e Sandra, trovate un bellissimo post su TheSlowCatWalk, mentre il Mercoledì avremo il contributo delle nostre guest MyVintageCurves e Modeskine, non perdetele!

Per ispirazioni e spunti quotidiani i nostri canali social sono sempre aggiornati: la pagina facebook, la bacheca Pinterest o seguendo l’hastag #rubriga su Twitter e Instagram.

Commenti

  1. in bocca al lupo! a me serve il miracolo! infatti vado in spiaggia ora che sto ancora ben coperta!

  2. E brava Caia. Il mio programma prevede: no caiboidrati di nessun tipo (quindi anche alcolici e frutta) dopo le 18. No dolci se non a colazione. Più relax nel fine settimana.
    Io corro con il programma dal divano alla 5 km. In poche settimane ti garantisce di arrivare a correre mezz’ora ininterrotta. C’è anche la app free per il cellulare, che ti dice quando correre e quando camminare.
    Poi ci sono altre app a seconda delle esigenze.
    Per me i kg da perdere sono 15!!!

  3. Questo è da qualche settimana anche il mio programma, l’unico neo che a volte la pasta la mangio la sera per via del lavoro, non sempre riesco in pausa pranzo, ma se capita di mangiarla la sera, porzione mini e condita in modo sano e leggero. Ho ripreso a correre da qualche anno e sto davvero bene, non solo ho perso i chili in più, sono arrivata a 55 e credo che non riesco a scendere a meno, pesavo 50 prima delle due gravidanze, una vita fa…ma sto bene con me stessa, corro due/tre volte alla settimana con mia sorella e a volte di aggrega anche un’amica, ma è un ottimo modo per scaricare lo stress dopo 8 ore in ufficio, la cena da preparare (a quello per fortuna ultimamente ci pensa il maritino su miei menu) e i figli…Una bella corsa è quello che ci vuole.

  4. Bravissima Caia che bel programma! Mi fai venir voglia di provarci anche io. Ho tre odiati chili in più di cui mi libererei volentieri. Solo che tra il lavoro e la famiglia non saprei proprio dove trovare il tempo per andare a correre… non riesco nememno a fare i dieci minuti di yoga quotidiano che rientravano nei buoni propositi per il 2013….

    • infatti e’ ancora l’unico neo del programma. non ho ancora verosimilmente capito quando incastrare la corsa.
      ma come dice rossella o’hara ‘ci penserò domani’

      • Mi raccomando, quando avrai capito come incastrare la corsa negli impegni quotidiani fammi sapere!
        E comunque sei proprio sicura di voler perdere sei chili? Così tanti? Tonificare in vista della prova costume va bene, ma non esagerare con il dimagrimento, adesso stai già così bene, a giudicare dalle foto!

  5. Io ho un enorme pancione da donna incinta al nono mese e, dopo aver partorito, il mio corpo ci metterà un bel po’ a ritrovare la forma. Dunque, quest’estate, io starò in spiaggia tutta vestita e, se necessario, entrerò così persino in acqua… Tra l’altro, qua a Gallipoli i lidi sono già aperti, segno che l’estate è proprio vicina, non ce la farò mai a essere pronta per la prova costume 🙂

    • va be’ pero’ sei ‘giustificata’ io l’estate scorsa non ci ho fatto proprio caso, ero troppo presa dal mio pupetto di sei mesi, l’allattamento, il libro.
      quest’anno e’ diverso.

    • va be’ ma tu sei ‘giustificata’.
      io l’anno scorso non ci pensavo proprio tra il pupetto di sei mesi, l’allattamento…
      sono andata al mare coi due pezzi sbrindellati dell’anno rpima che ero incinta e bon.
      quest’anno e’ un po’ diverso, mi sento riappropriata di mestessa, ho proprio una percezione diversa di me.

  6. allora, intanto l’amica giulia (io) si ridimensiona da sola…
    NON corre le maratone (42 km…), bensì è arrivata ai 10km…
    🙂
    io non dovevo perdere peso, ma credetemi, il peso conta fino a un certo punto….io ho iniziato a 40 anni e mezzo dopo 40 anni e mezzo (appunto) di inattività e di relativa magrezza (quindi sport= fatica=non lo faccio o quasi)
    per chi vuole cominciare davvero vi assicuro che basta costanza e determinazione e i risultati ci sono!!!
    soprattutto all’inizio, sopratutto quando si parte da ZERO come me
    🙂
    vi assicuro che quando ho cominciato facevo un minuto (scarso) di corsa e quasi morivo e un minuto di recupero che mi sembrava cortissimo!
    domenica ho corso per 10 km ininterrottamente e non avete idea della soddisfazione
    🙂
    dal punto di vista fisico, pur essendo io (come dicevo) tendenzialmente magra, sono migliorata tantissimo: non ho più le ginocchia orribilmente sblusate di prima, mi sento più forte, più tonica, mi alimento meglio…
    già perchè lo sport ti cambia davvero la vita…perchè se non mangi bene, se non metti la benzina giusta non ce la fai…e allora NO mangiare troppo, ma neache troppo poco.
    no mangiare male, perchè se la sera prima mi abboffo di fritto, la mattina il fegato protesta vivacemente appena comincio a correre. e per lo stesso motivo poco alcol (che sono comunque calorie inutili delle quali non ci accorgiamo…e io sono una che le paice bere…)

    insomma, w la corsa, come avrete capito…al nostro ritmo, al nostro passo, con calma e senza fretta….

    caia, appena vuoi una domenica andiamo insieme
    🙂

    intanto perchè non ti organizzi per la race for the cure?
    io farò la competitiva, ma c’è anche la passeggiata/corsa non competitiva dove puoi portare i bambini….e magari puoi correre mentre loro stanno con il papà…
    mi pare a roma sia a metà maggio
    🙂

  7. aspirantemamma

    Anche io ho iniziato a correre da un paio di settimane! Il mio problema è QUANDO, visto che mio marito torna la sera alle 20.30 e ho due bimbi piccoli…per adesso vado sabato e domenica mattina, ma sto meditando una cosa terrificante, cioè andare all’alba, prima di svegliare tutti…

    • ti dico la verita’: e’ la stessa cosa a cui avevo pensato io, soprattutto perche’ temo che correre due giorni ravvicinati e poi star ferma 5, non e’ il massimo, forse non si riesce facilmente a prendere il ritmo cosi…
      invece facendo magari mart, giov e sab (+domenica se proprio tira) il sacrificio di svegliarsi all’alba si fa solo due volte a settimana.
      mumble.
      dimmi se fai questa follia, io ti seguo a ruota.

      • No, due giorni di seguito non si fa…
        Gente, anche io sto valutando la mattina presto…
        Già soffro

        • Alzarsi all’alba per correre è meno difficile e faticoso di quanto si possa pensare, come avete già scritto l’importante è iniziare e ingranare. Io l’ho fatto per un periodo e vi assicuro che non sono mai stata una appassionata di podismo, e mi sono piacevolmente stupita di me stessa! Certo eviterei di farlo in pieno inverno, non tanto per le temperature rigide ma per il buio…

    • io corsa no, grazie, perchè la mia schiena non è contenta, ma bici sì!
      e adesso che le giornate sono lunghissime, la mattina presto è perfetta, perchè c’è ancora poco traffico, riesci a ritagliarti una mezzoretta di pedalata senza rischiare il travolgimento da tir e autobus…….e la sera molte volte si trovano un sacco di scuse per non andare…..

  8. anche io devo ricominciare a correre. Per me è abbastanza facile, ho corso quasi sempre in vita mia e recupero subito fiato da vendere. Però devo anche stare molto attenta a non ingrossare troppo le gambe perchè ho la tendenza al trofismo dei muscoli. Con il cibo mi va un po’ peggio: ho il metabolismo rallentato per cui una dieta “normale” serve poco. Quindi ricomincerò a fare sport perchè è l’unica cosa. Certo non ho molto da perdere, forse un chilo o due, di più sarebbe irrealistico… e dovrei stare praticamente digiuna sempre!!!

    • come diceva l’altra giulia la corsa diventa unos tile di vita, quindi poi va meglio tutto, anche l’alimentazione, a livello di qualita’.

  9. Amica, devo leggere L’arte della corsa!! L’anno scorso mi ero messa in pista (ovvio!!), ma poi con l’estate torrida e l’inverno gelido ho abbandonato… ora non ho scuse, il tempo è perfetto e non c’è niente di meglio per sciogliere la tensione di questi mesi che correre, lo so!
    Ok, mettiamoci tutte d’impegno!
    Baci :***

  10. c’è una pillola contro la pelandronite cronica?

    • certo.
      e’ un servizio che offriamo noi di trashic a domicilio: il battipanni.
      funziona che una di noi viene comodamente a casa tua e ti incita al alvoro.
      vuoi usufruire?
      per te possiamo fare uno sconto.

  11. io dopo anni ho ripreso a correre seguendo una tabella per principianti, sono riuscita a fare 20 minuti che per me sono un’enormità.
    Ma la cosa più bella è un grande senso di benessere che avevo dimenticato, mi sembra di avere moltissima energia (a parte l’indolenzimento generale!). Lo consiglio davvero.

Trackbacks

  1. […] c’era l’angolo del pilates che invece io ho accuratamente evitato visto che la mia remise en forme non era ancora ufficialmente cominciata, salvo poi ritrovarmi a chiacchierare spassosamente con Arianna e scoprire che si può avere un […]

  2. […] se siete messe come noi, il divano è un miraggio. Diciamo allora: avete deciso anche voi, come Caia, di alzarvi dalla sedia della scrivania e uscire a […]

Parla alla tua mente

*