Shopping: #FashionForYoungGeneration per OVS

aggiornare-guardaroba-primavera

Due settimane fa sono riuscita a incastrare una rapida passeggiata ricognitiva per negozi. Avevo mete ben precise e in particolare ero molto curiosa di toccare con mano i capi della collezione F4YG di Tracey Wong, classe 1986, nata in Olanda e cresciuta in Inghilterra, diplomata nel 2011 al Central Saint Martins College of Arts and Design di Londra.

OVS ha lanciato infatti questo progetto di collaborazione con giovani designers per dare loro concrete opportunità professionali e offrire al proprio mercato giovane nuovi stimoli di tendenza.

I giovani coinvolti nel progetto F4YG provengono dalle più prestigiose scuole di moda nel mondo e sono affiancati a dei tutor d’eccellenza: per questa prima capsule collection è stato lo stilista inglese Matthew Williamson a scegliere la designer debuttante e supervisionare l’intero lavoro.

Il risultato sono 17 pezzi, a prezzi assolutamente accessibili, disponibili dal 20 aprile in oltre 100 store OVS selezionati in Italia e all’Estero e sullo shop online.

Devo confessarvi che ero molto incuriosita e avevo anche adocchiato un paio di pezzi che mi facevano gola. Del resto questo tipo di collaborazioni sono un’ottima soluzione per aggiornare il guardaroba con pochi pezzi e rinnovare il nostro look.

gonna-pannelli-tracey-wong-ovs

Mi piaceva molto questa gonna con pannelli, per quanto dovessi capire come poteva stare sui miei fianchi abbondanti, ma ne vedevo già dei possibili abbinamenti e quindi avevo proprio voglia di sfidarla!

abito-ramie-tracey-wong-ovs

Mi piaceva anche questo abitino, molto più adatto alla mia forma fisica.

E poi avevo intenzione di dare uno sguardo ai vari top, in particolare a questo viola con le bretelline sottili.

top-collaborazione-tracey-wong-ovs

Probabilmente mi sarei già dovuta insospettire per il fatto che il sito non riporta per ogni capo la composizione dei tessuti, ma in negozio la sorpresa è stata presto svelata: la maggior parte dei capi era sintetico.

Inoltre i tagli erano tutti molto strani e la vestibilità pessima. Io non sono certo un manichino a cui sta bene qualsiasi cosa, ma so riconoscere ormai cosa mi sta male perché arraffazzonato e cosa perché semplicemente non è indicato per il mio corpo. Per esempio, la gonna a pannelli ero certa non fosse per me, ma addosso era ancora peggio: nella foto sembra che abbia una forma leggermente arrotondata tra la vita e i fianchi, nella realtà era completamente dritta, a vita bassa e anche più rigida del previsto. La rigidità tra l’altro accomunata anche molti altri pezzi.

Voi avete avuto modo di dare un’occhiata?

Il mio parere comunque è decisamente negativo, ma allo stesso tempo lo esprimo con rammarico perché l’idea invece mi piaceva molto e sulla carta anche la collezione meritava.

collaborazione-tracey-wong-ovscollaborazione-ovs-mattew-williamson

Considerato comunque che in negozio ci sono ancora molti stand pieni zeppi e nello shop online nulla è ancora sold out ci dobbiamo aspettare una seconda chance per il progetto F4YG?

E ce la facciamo a fare qualcosina di meglio?

Commenti

  1. per me il problema non si pone, perché se c’è in soli 100 selezionati negozi di sicuro qui non arriva. Magari se c’è molto invenduto può darsi…
    Un sintetico per il sotto lo posso anche accettare, per il top categoricamente no, onde evitare quell’odorino disco ’70. Peccato proprio. Bella idea usata male. Speriamo serva a ricalibrare il tiro.

  2. Anche io ero molto curiosa e mi ripromettevo di fare un salto nel negozio di Firenze. Mi hai dato una pessima notizia perchè sulla carta sembrava una collezione molto carina e speravo che finalmente anche un marcho Italiano riuscisse a fare breccia in un settore dominato da spagnoli e svedesi. Purtoppo gestire bene la scarsa qualità dei materiali e delle confezioni non è da tutti e gli Italiani sono abituati troppo bene e ancora non riescono a incanalari bene nel campo dell’abbigliamento low cost.

    • comunque devo spezzare una lancia a favore di ovs e le sue collaborazione
      due anni fa credo e per un paio di stagioni fece una collaborazione con costume national e io ho preso diverse cosette, tra cui un maglione in cashmere che ho usato praticamente per due inverni a ripetizione: stupendo e di ottima qualita’ a prezzo vantaggiosissimo.
      proprio in virtu’ di questa fantastica esperienza ero andata a curiosare: certa di trovare altrettanta qualita’! 🙁

  3. gonna a pannelli carina, ma nemmeno per me e le mie forse peresche…
    per il resto, concordo con siro. sotto il sintentico si, ma sopra no. mi leva il respiro…
    peccato davvero, perchè non vedo perchè il made in italy non possa fare il lavoro di zara, mango ed H&M.
    vi ricordate quando c’era benetton?
    parlo alle ragazze degli anni 70 come me.
    quando ero una teenager una cosa di benetton era figa, faceva tendenza, oggi benetton non ha innovato niente, è cara appestata per quello che da e ha capi senza fantasia.
    perchè proprio noi che facciamo delal creatività una sorta di orgoglio nazionale siamo rimasti indietro?
    eppure all’estero il made in italy è ancora sinonimo di moda, creatività, classe e stile…
    peccato (o per fortuna) non vedono la realtà

    • benetton sarebbe potuto diventare il j crew italiano e invece…

      uffi 🙁

      devo dire che cmq il vestitino da pera era proprio carino a vedersi. solo che poi era anche molto pesante, come del resto il tubino a pannelli neri dello stesso tessuto… d’estate non si poteva proprio mettere e adesso bisognava prevedere qualcosa sopra… insomma un fallimento O.o

  4. anch’io ero piena di aspettative, avevo seguito tutta la genesi del progetto su facebook !
    la delusione è stata grande, a parte la questione del sintetico, i tagli dei capi mi sembrano più adatti ad adolescenti senza curve che a donne normali.
    Peccato un occasione perduta!

  5. Faccio l’avvocato del diavolo: la mission è chiara, Fashion for Young generation.
    Il vestitino è carino ma non lo vedrei mai indosso a una over 25, sia come genere che come vestibilità a naso.
    Per quel poco che vedo nelle minifoto cmq la collezione, a parte la gonna a pannello che mi piace molto ma il pannello indosso a me andrebbe a finire sulle chiappe, mi sembra una collezione da ragazzetta “sciura”, non vedo originalità ma nemmeno un buon riutilizzo di idee già viste.

    Per quello che riguarda i tessuti sono il mio grande cruccio, polyestere ovunque e in questo anche h&m ci sguazza alla grandissima.
    Zara poco meglio.
    Ma non è che brillino anche loro in termini di vestibilità…
    io riesco a comprarci veramente poco poco per me.

    Benetton è il grande mistero del mondo. Ci sarebbe da aprirci un capitolo a parte: le avete notate che brutte le vetrine? Certi abbinamenti sciatti da non crederci.
    Anche la SISLEY ha abbassato di gran lunga la qualità che non era male. Ho comprato 2 loro maglioncini tipici bon ton e tempo 2 lavaggi hanno già i buchini. E non è la prima volta che mi capita con sysley.

    • sai che accuso il colpo?
      hai ragione, non era una collezione per me 🙁

      😀

      no, ma davvero, dove voglio andare?
      ormai ragazzi che io riterrei quasi coetanei mi danno della “signora” e del lei in autobus…

      • Ma Caia!!!Io ho scoperto che questo è solo che un vantaggio…noi siore di una certa età ormai non possiamo vestirci con gli straccetti sintetici e maltagliati…dobbiamo andare da Diffusione Tessile:-D

        • hai ragione, pat.
          come ho fatto a farmi prendere dallo sconforto?

          • Mi sa che le nottatacce coi due pargoli si fanno sentire!
            Su su…Max Mara weekend ha fatto un vetrinuccia ‘sto mese che è un incanto!
            Certo 1 vestito loro sono 10 di OVS ma one bono is megl che dieci mediocri!

            E a proposito di vestiti: il 1 giugno c’ho la mia festa di matrimonio in terrazza/campagna. Ma come mi vesto?!? Comoda eh che siamo praticamente su un prato con piscinette/buffet all’aperto/pallone/ manica de fioi scalmanati che non dovranno uccidersi tra di loro.
            Però carina eh.
            Vi lascio quest’incombenza.
            Come fisico attualmente sono una botte con i cosciotti da tacchino messo all’ingrasso per fargli la festa.

        • Oooh, voi “di una retta età”, abbiate rispetto per chi ha già fatto il giro di boa degli ‘anta!!!
          😀
          Siete delle bimbe!!!

  6. peccato davvero… :-/

Trackbacks

  1. […] gli articoli sono già disponibili alla vendita sul sito OVS, ma dopo la delusione dell’altra collaborazione, io andrò in negozio a toccare con […]

Parla alla tua mente

*