Lo smalto semipermanente (o quasi)

So che lo aspettavate e quindi, eccovi accontentate!

Torna ZiaPolly con un post per avere sempre le mani in ordine con unghie perfette e smalto sempre fulgente!

Enjoy!

smalto-semipermanente-faidate

Ciao ragazze, credo che tutte voi abbiate già provato o almeno sentito parlare degli smalti semipermanenti.

Che cosa sono? Sono degli smalti che per asciugarsi e indurirsi hanno bisogno dei raggi ultravioletti, hanno una durata di circa 3 settimane e si possono applicare sia presso un centro estetico sia a casa propria procurandosi l’occorrente.

Occorrente.

  • Innanzitutto un fornetto con lampade UV. Si possono comprare online o nei negozi di articoli per estetiste e parrucchieri. Io consiglio un fornetto con almeno 3 bulbi (lampadine, per intenderci), ne esistono anche di piu piccoli dotati di un solo bulbo, ma questi permettono di asciugare un’unghia per volta. Invece con 3 o 4 bulbi possiamo infilare tutte e quattro le unghie (indice, medio, anulare e mignolo) insieme e diminuire così i tempi per realizzare la nostra perfetta manicure! 🙂
  • Smalto semipermanente colorato con base e fissante. Io ho utilizzato una linea di prodotti che prevede un unico smalto trasparente da utilizzare come base e come sigillante.
  • Lime
  • Bastoncini di legno d’arancio,
  • Mattoncino levigante
  • Solvente senza acetone

Procedimento.

  1. Limiamo le unghie, spingiamo le cuticole verso la base e passiamo il mattoncino levigante sull’unghia in modo da renderla opaca (in questo modo l’unghia sarà più porosa e lo smalto riuscirà ad aderire meglio).
  2. Spazzoliamo via i residui della limatura e passiamo all’applicazione dello smalto.
  3. Applichiamo uno strato di base trasparente rimanendo ben lontane dalle cuticole. Inforniamo e facciamo polimerizzare per 2 minuti o comunque per il tempo indicato su ogni smalto.
  4. Passiamo allo strato di smalto colorato prescelto. Facciamo una passata e facciamo polimerizzare. Nel caso vogliate ottenere un colore più intenso o più coprente procedere con un altro strato e di nuovo un’altra asciugatura.smalto-semipermanente-polimerizzazione
  5. Terminiamo con l’applicazione del sigillante e con la sua polimerizzazione.
  6. Passiamo sulle unghie un batuffolo di cotone imbevuto di solvente senza acetone in modo da eliminare residui grassi dall’unghia che rimarrà lucida e brillante.

Consiglio di lavorare su indice, medio, anulare e mignolo di una mano tutti insieme in modo da ridurre i tempi di attesa per l’asciugatura; dopodichè procedere con i pollici.

Il tutto richiederà circa 40 minuti!

Troppo tempo? Possiamo allora optare per dei top coat effetto gel da applicare sopra il nostro smalto “normale”. Questi fissatori permettono di far asciugare rapidamente lo smalto e di ottenere un effetto lucidissimo, quasi come se fosse un gel.

Oppure possiamo esplorare gli smalti effetto volume-gel come questi ultimi lanciati da collistar

 Manicure perfetta

Voi avete mai provato lo smalto semipermanente? E che mi dite dei top coat?

Comunicazione di servizio

Oggi c’è la #rubRiga da Clarissa, non perdetela! E poi ricordate i canali social per aggiornamenti quotidiani: la pagina facebook, la bacheca Pinterest o seguendo l’hastag #rubriga su Twitter e Instagram!

Commenti

  1. Ciao a tutte, scusate il ritardo, vedo che la data del post è di qualche anno fa! Io ho avuto dei problemi con la rimozione del semipermanente, che anche dopo averlo bufferato per togliere il lucido ed immerso nel remover per 10_15 min, non va via come dovrebbe! Con un bastoncino d’acciaio arrotondato ho cercato di toglierlo e saltavano pezzettini portandosi via anche parti superficiali dell’unghia, rovinandola! Non utilizzo marche particolari, e non ho pagato molto gli smalti, ma ho pensato che il problema potesse essere la base/top 2 in 1! Forse il fatto che come base, alla fine, ci sia un top coat, rende più difficile la rimozione? O forse avrei dovuto lasciarle più tempo in posa col remover (ne utilizzo uno di mesauda)? Grazie in anticipo per i consigli 🙂

Parla alla tua mente

*