Rimettersi in forma: Ricette light #concaiainforma

Eccomi qua, ragazze!

Come procede dalle vostre parti?

Per quanto riguarda la dieta questa settimana è stata proprio pesante. Ho iniziato a sentire voglie inaspettate e disperatissime di varie cose tra cui: vino, pane, intingoli, mortadella, qualcosa-di-dolce. Come ho resistito?

Semplice: non ho resistito. Almeno non a tutto. In particolare Martedì sera ero proprio in una specie di crisi di astinenza e ho deciso che avrei mangiato il pane per accompagnare la cena che era decisamente light: alici in padella al limone e verdurine amarognole saltate in padella col peperoncino. Poi mi ha preso il desiderio di qualcos’altro quando finalmente Dado dormiva (dopo scene da esorcista che vi risparmio) e alla fine ho comunque evitato di aprire una bottiglia di vino che mi sembrava proprio una scena triste: io da sola, illuminata dalla luce del corridoio, al tavolo della cucina, col mio libro aperto e le pagine ondulate, una matita spuntata e una bottiglia aperta con un solo bicchiere. Be’ in effetti detta così non mi sembra per niente triste, ma sul momento ho desistito. In compenso ho seguito il consiglio della Giulia e ho preso un quadretto di cioccolata fondente al 90%, patrimonio di mio totale appannaggio, nascosto in luogo sicuro di cui sono a conoscenza solo io in casa.

Ho placato le mie strane voglie, non ho sentito nessun tipo di frustrazione da fallimento e me la sono goduta pensando che la mattina dopo sarei andata a correre. Amen.

Insomma il cibo continua ad essere un chiodo fisso. Mi sono accorta di quante cose mangiavo senza farci caso: avanzi dei bambini, cose che non mi piacciono, ma mi dispiace buttare e adesso che ci pongo attenzione mi rendo conto che è veramente una follia perdere cognizione di ciò che si ingurgita e soprattutto del valore del cibo: il cibo è nutrimento. Non deve riempire vuoti di altro tipo, né essere sprecato. E sprecare il cibo non significa soltanto buttarlo nella pattumiera, ma anche consumarlo senza reale necessità.

Giunta a queste profonde riflessioni, mi sono anche un po’ placata con le voglie spasmodiche e ho mangiato abbastanza bene, ma sempre in quantità consistenti, secondo la necessità, senza misurare e pesare.

Ricettine?

In questa settimana ho preparato varie insalate più o meno fredde: polipo con patate condito con olio, limone, aglio fresco e prezzemolo che ho accompagnato con insalata verde, carote e sedano.

Poi ho preparato dei totani con piselli e pomodorini da mangiare tiepidi accompagnati a zucchine in padella.

ricette-dieta

@caiacoconi #concaiainforma

Poi ho preparato un‘insalata di farro con fagiolini saltati in padella (volendo con un’irrorata di salsa di soia) che ho accompagnato a una dadolata di finocchio con salmone sott’olio sgocciolato.

ricette-light

@caiacoconi #concaiainforma

Ho fatto pesce al cartoccio.

mangiare-pesce-a-dieta

@caiacoconi #concaiainforma

E per il mio pasto libero settimanale ho optato per una zuppa di pesce, che non è molto pesante in sé, ma ho voluto mangiarla con crostini di pane tostato senza privarmi della scarpetta fino a esaurimento del sugo. Quando ce vo’, ce vo’.

ricetta-dieta

@caiacoconi #concaiainforma

Passiamo al capitolo attività fisica: ho rispettato il mio programma come da tabella del c25k. Tre sessioni da mezz’ora. E i risultati comincio già a vederli. Il trillo per smettere di correre mi arriva sempre quando non ci sto pensando e avrei potuto continuare ancora un po’.

correre-per-dimagrire

@caiacoconi #concaiainforma

Nel frattempo però ho stilato una lista di indispensabili per la corsa. Perché è vero che per correre non serve quasi niente, ma quel poco bisogna averlo.

  • un reggiseno perfettamente immobilizzante: dichiaro che sia più importante delle scarpe. Correre scalzi si potrebbe pure, ma con due maracas che ti schiaffeggiano a ogni passo, no;
  • calzini perfettamente dotati di elastico. No a ricicli di roba sbrindellata: mentre si corre non si può saltellare per tener su il lembo di un calzino che altrimenti andrebbe a infilarsi fino alla punta della scarpa, lasciando per altro la caviglia senza la dovuta protezione dalla scarpa;
  • lenti a contatto, per chi porta gli occhiali: non so voi, ma io sudo se corro e sudo anche sul naso. Posso stare a tirarmi su gli occhiali ogni tre per due per non perdermeli sul selciato?
  • deodorante. Quando si corre ci si ossigena maggiormente e i sensi sembrano dilatare il loro potere percettivo. E allora incrociare compagni corridori ed essere investiti da zaffate tossiche non è una bella cosa, per niente. Apriamo questa campagna di solidarietà, per favore? Lo dico perché forse qualcuno lo ignora, ma quando si corre si SUDA, l’ho già detto?

Ecco i risultati dell’ultima settimana.

Settimana scorsa:

  • Peso: Kg 67,8
  • Circonferenza fianchi: cm 109
  • Girocoscia: cm 65
  • Circonferenza polpaccio: cm 36
  • Circonferenza bacino: cm 94
  • Circonferenza vita: cm 76
  • Circonferenza busto/seno: cm 94
  • Circonferenza braccia: cm 29

Dopo una settimana:

  • Peso: Kg 67,2
  • Circonferenza fianchi: cm 109
  • Girocoscia: cm 65
  • Circonferenza polpaccio: cm 36
  • Circonferenza bacino: cm 94
  • Circonferenza vita: cm 76
  • Circonferenza busto/seno: cm 94
  • Circonferenza braccia: cm 29

Considerazioni e strategie.

Situazione quasi invariata se non fosse per mezzo chilo perso. Che è già qualcosa, non mi lamento, ma rispetto alla fatica che sento di aver fatto mi apsettavo qualcosa di più 🙁

Credo che adesso gradualmente dovrò diminuire le dosi soprattutto dei farinacei che, per quanto senza lievito e di cereali integrali e/o alternativi, evidentemente sono troppi. Comunque non lo farò finché non smetto di allattare, quindi per ora procederò senza pesare.

Poi devo assolutamente bere di più, soprattutto la mattina. Ho il problema che, lavorando al momento in biblioteca e non potendovi introdurre liquidi, spesso sto cinque ore senza poter bere. Male, molto male.

Altra riflessione: l’appetito vien mangiando e di conseguenza mangiando meno, si mangia meno. Meditare.

Continuo a rispettare il mio programma di corsa, che secondo me è la chiave di volta. Questa settimana spero di riuscire anche a incastrare una lezione di prova al corso di tecnica con la Giulia.

Inoltre inizierò un ciclo di massaggi rassodanti che la mia famiglia mi ha regalato per il compleanno… mai pacchetto fu più gradito ^.^

E avoi come va? Risultati? Strategie?

Commenti

  1. Non sono un’esperta ma ho sentito dire che è normale che dopo un calo di peso iniziale il fisico si assesti.
    L’ago della mia bilancia non schioda di un etto, ahimè! In compenso mi vedo meno gonfia e tutti mi fanno i complimenti per quanto sono dimagrita… boh.
    Comunque le tue ricette sembrano tutte deliziose… che fame!

    • ehheeh se ti sei sgonfiata e’ gia’ qualcosa… io invece avrei preferito un paio di cm in meno e los tesso peso, voglio entrare nei miei jeans feticcio entro quest’estate 😉

  2. Io sono arrivata a quasi -2 kg.
    Per avere risultati duraturi comunque mezzo chilo la settimana va benissimo.
    Considera poi che il muscolo a parit di volume pesa molto di più del grasso, quindi vedrai che magari aumentando i minuti di corsa ti troverai a pesare più o meno uguale ma vedere diminuire i centimetri.
    Io come sai sto facendo un programma detox particolare, e il vino rosso l’ho tenuto. Anzi, nel momento in cui ho bisogno dello sfizio è proprio quello che mi aiuta. Infatti sono a due settimane senza nemmeno uno sgarro.
    Dai dai dai!

    per gli essenziali da corsa: reggiseno e calzini io li ho comprati tecnici da decatlon, i calzini costano poco e sono eccezionali, perché hanno anche un piacevole effetto contenitivo che per me che ho i piedi piatti è una vera manna.
    Per gli occhiali ho lo stesso problema, sono miope e fotofobica, e cosso con gli occhialoni di pucci… un disastro. Non ho mai provato le lenti, penso però che capitolerò presto.

    • si, anche io stavo pensando all’occhiale da sole… mi sa che l’unica e’ il laccetto…
      vediamo piu’ avanti quando il sole mi dara’ fastidio.
      per ora andando al quasi tramonto non ho quasi problemi. e con le lenti a contatto risolvo!

  3. io corro benissimo con gli occhiali, devo dire, anzi meglio che con le lenti, perchè se mi cola il sudore negli occhi con le lenti è molto fastidioso. Se ti scivolano puoi prendere uno di quei laccetti da sport (a me comunque non scivolano, quindi ti consiglio, prima del laccetto, un giro dall’ottico per farli regolare meglio)

    secondo me tra gli indispensabili ci vanno il calzino, come dici tu (io ho il piede corto, se corro tanto mi serve un calzino super-elastico perchè altrimenti mi si fanno le vesciche sulla punta delle dita, dove la calza si raggrinza. Prendo i calzini kalenji decathlon da maratona (http://www.decathlon.it/calze-running-run-intensive-arancio-fluo-id_8235639.html) che valgono decisamente il prezzo) , e il reggiseno (e consiglio questo http://www.decathlon.it/reggiseno-sportance-first-id_8165461.html che si può pure mettere con la spallina agganciata a centro schiena, così dalle canotte sbracciate non si vede, che io il reggiseno a vista non lo sopporto)

    Aggiungerei anche una maglia e un pantalone tecnici, perchè quelli di cotone si bagnano e poi fanno sentire freddo. E inoltre il pantalone tecnico è molto fashion e mi fa sentire in forma già solo a indossarlo. Per la maglia io direi no canotta, che anche se è più carina, può infastidire in corsa per lo sfregamento braccio ascella (che la maglia con la mezza manica evita)

    • wow trasp!
      grazie delle dritte, prendo nota di tutto…
      io, sai, non sono ancora arrivata a sfregamenti e corse lunghe, quindi parlo ancora di esigenze di base per super principianti. ma siccome conto di diventare una maratoneta da grande, questi consigli me li segno tutti!
      :*

      • anche io uso quei calzini! mi ci trovo benissimo. Io ho comprato tutto da decathlon, pantaloni e magliette comprese. Da giovedì c’è l’offerta di pantaloni e magliette tecniche al lidl, non so che roba è, ma li andrò a vedere.

      • brava, anche io vorrei diventare maratoneta, ma l’inverno mi frega. A novembre facevo 1 ora senza fermarmi (piano eh) ora dopo lo sto p di gennaio-febbraio-marzo e aprile (che non faceva freddo ma pioveva sempre) è già tanto se reggo 10 minuti. Che schiappa!

  4. si, reggiseno indispensabile!!!
    io uso queli a canottierina, quelli che possono essere portati anche a vista, per capirci…e devono schiacciare e spiaccicare!
    ne ho uno che quando lo metto sembro un ragazzinO
    🙂
    per il resto, go caia, go!

    😀

    prendersi cura di se’ fa bene al corpo e allo spirito!!!

  5. Ma perchè non si possono introdurre liquidi in biblioteca? Immagino ci sia una motivazione seria(antiterrorismo?)- ma veramente boh- sono perplessa.
    Qui non fanno problemi, anche perchè mi sembra una roba incivile che uno non possa bere. Io poi che bevo litrate di acqua al giorno potrei morire.
    Comunque- cerca almeno di andare a bere l’acqua del sindaco in bagno- che l’idratazione è importantissima!

    Sul deodorante ci devo pensare. Sono scettica per via della traspirazione, per me è importante sudare liberi, che i pori non siano ostruiti da profumi sintetici, seppur delicati e fatti apposta.
    Non sono nemmeno sicura che il deodorante schermi poi così tanto la puzza quando si corre seriamente(io corricchio e camminicchio e insomma sicuramente a fine corsa non profumo di rosa;-)).

    Sulla dieta tieni duro, Caia! E concediti qualcosa, magari di buono e di qualità come ti ha consigliato la Giulia. Un buon quadrettino di cioccolata fondente, un gelato che sia uno, un bicchiere di vino buono. Troppe proibizioni potrebbero esasperare e farti desistere, almeno a me capitava così quando ci provavo.
    Anche i farinacei ed i carboidrati hanno la loro funzione, magari mangiarli in orari non rischiosi ma soprattutto se fai attività fisica ce n’è bisogno un pochino.
    Certo non l’amatriciana a dosi da bud spencer:-D

    • garzie pat!
      vado con ordine:
      questione acqua: credo che abbiano paura che si bagnino i libri, che ci vuoi fare O.o che traggggedia guarda 🙁
      deodorante: io uso il dermafresh http://www.rottapharm.it/it/service/products/personal/der/Dermafresh/ che prendo in farmacia e che e’ una crema che non ha odore suo. comprendo il tuo discorso e in linea di massima lo condivido pure, ma onestamente non uscirei mai e poi mai da casa per andare a correre con l’idea che se poi incontro qualcuno tornando a casa si ricordi di me grazie alla scia. non je la posso fa’. 😀
      dieta: hai perfettamente ragione e infatti pensavo di ridurre un po’ le dosi nei pasti quotidiani (cioe’ io mangio anche 150gr di farro da sola a pasto, eh?) e poi concedermi i premi di cose che mi piacciono un pochino piu’ di frequente. comunque io sto evitando pane e pasta, ma carboidrati e farinacei ne mangio un sacco, solo che sto preferendo orzo farro, mais, quinoa e sta roba qui. e poi cereali integrali la mattina nello yogurt o fette biscottate integrali.
      cmq stasera me faccio una salsiccia perche’ vado a correre 😛

  6. per gli odori, ragazze, sappiate che alla lunga i tessuti tecnici….non profumano più.
    consiglio: lavarli in continuazione (tanto asciugano in un nano secondo)
    i runner che si rispettano hanno sempre profumo di bucato
    😉

    come reggiseno io preferisco questi modelli
    http://www.decathlon.it/top-running-first-id_8235740.html
    si possono portare anche da soli quando fa caldo, senza bisogno di magliette sopra

    • io ne ho uno dei tempi in cui facevo danza, della meeting: e’ fantastico! e in teoria sarebbe anche quello da esterno, ma al momento non potei cmq permettermelo visti i lardominali che mi ritrovo O.o
      cmq grazie del link 😉

  7. questi piattini tattici mi attirano non poco! Sto continuando a correre (miracolo!) seguendo la mia tabellina per principianti ma non intravvedo alcun calo di peso.
    Oggi a pranzo ho mangiato pizza con mozzarella di bufala e per merenda un muffin cocco e cioccolato… sbaglio qualcosa? Il fatto è che correre mi fa venire fame 🙂

    • hehe
      io guarda se mangio la pizza con la bufala resto stesa du’ giorni.
      a me mi gonfia in una maniera assurda la pizza e i latticini non ne parliamo.
      tranne la pizza di mia suocera, a lievitazione naturale, fatte nel forno a legna, quelle comprate sono una bomba pe rme.
      e anche il muffin.. 😀
      perche’ non provi a eliminare il lievito?
      la cosa tattica e’ che nonmangiando lievito praticamente azzeri anche tutti gli intingoli e molti condimenti calorici.

      • ahaha Marina ma sei un mito!
        Lo dici con un’ingenuità tenerissima!
        Mi sono mangiata un piatto di fagioli con le cotiche, perchè non dimagrisco?:-DDD

        • @Pat, la mia è stata la ricaduta (consapevole) nel peccato dopo aver rigato dritto “ben” una settimana con pochissimi carboidrati!

          Ha ragione Caia, ho visto che riducendo drasticamente pane e pasta la pesantezza diminuisce… ma la strada è ancora lunga, devo resistere resistere resistere 😉

    • Io al posto della pizza sabato ho mangiato una schiacciatina di farro (più digeribile del grano, io ho eliminato tutto il grano tenero) bianca con peperoni, cipolla, rucola, melanzane e radicchio. Gustosissima e leggera. Con così tante verdure sopra non me ne sono nemmeno accorta che cmancava il formaggio 😛

  8. ciao Caia, io non so se ho perso peso o meno (non ho la bilancia qua) ma la cosa che mi interessa è indossare di nuovo comodamente i miei pantaloni soliti (stessa taglia praticamente da sempre) e sgonfiarmi la pancia. Che dire: sono senza dubbio un po’ sgonfiata, la pancia è quasi tornata piatta, si nota anche un po’ in viso. Ho tagliato le schifezze, e sono sopravvissuta anche ad un week end fuori in cui potevo decidere limitatamente ciò che mangiavo, sono stata fortunata. Mi sono concessa anche una pizza (senza mozzarella, tagliando il bordo) sabato sera e una fetta di torta domenica. Allenamento abbastanza intenso martedì, mercoledì e giovedì. Oggi solo una passeggiata (ma qui ci sono scale e dislivelli ovunque, è una “palestra naturale”!). Da domani si ricomincia duro. Visto che fa più caldo ho ripreso con le insalatone, che adoro.
    Per quanto riguarda l’abbigliamento “tecnico”, non ho molto seno per cui utilizzo i top tecnici con il reggi incorporato e vado benissimo; porto le lenti a contatto anche perchè avendo gli occhi chiari non potrei stare senza occhiali da sole; fortunatamente non ho una traspirazione molto “odorosa” per cui mi basta il mio solito deo (uso quello di Dr. Hauschka). Calzini uso anche io quelli di Decathlon, quelli che hanno dx/sx, che vanno alla grande. Devo rinnovare top e pants, ho visto che ci sono quelli tecnici giovedì alla lidl. Pants rigorosamente neri, sudo moltissimo a livello inguinale e sembra che mi faccia la pipì addosso ^_^
    Io cerco di bere molto durante la giornata, mi faccio delle caraffe di te verde alla vaniglia (lidl) oppure con quelli della yogi tea che sono favolosi. Non faccio nemmeno bollire l’acqua, metto direttamente in infusione la bustina in acqua fredda.
    Mi sento carichissima!!! nonché ansiosa di inaugurare la stagione balneare, rigorosamente alla fine della corsa 😀

    • wow giulia
      sei un’iniezione di determinazione, grazie!
      mi sa che giovedi ci faccio un salto pure io al lidl.
      a dire il vero mi ero ripromessa di regalarmi un completino come si deve con una retata da decathlon ai miei primi 5 km.
      per ora vado a correre con vecchi leggings, questo top, reminiscenza dei miei trascorsi ballerini, della meeting con reggiseno incorporato che mi immobilizza tutto (ci ho fatto due allattamenti lunghissimi, capisci a mme 😉 ), magliette di cotone semplici e poi una giacchina tecnica che avevo preso anni fa quando mi ero messa a correre e che spesso mi metto sui fianchi annodata in vita, per poi infilarmela a fine corsa per non ghiacciare.
      scarpe ne ho un paio buono della asics e per un po’ fanno il loro lavoro, anche quelle le prendero’ nuove per festeggiare qualche bel traguardo e i calzini… uso quelli di mio marito 😀 ma su quelli ho intenzione di investire immediatamete 😀

      • ahahaha tranquilla che ho anche io i miei buoni momenti di svacco… tipo tutto l’inverno ^_^ poi questo che è passato è stato anche eccezionalmente lungo e brutto, per cui…
        Non parlarmi di allattamento, praticamente dal 2006 al 2009 non ho avuto tregua tra gravidanze e, appunto, allattamenti: allattato la prima un anno, sono rimasta subito incinta della seconda (e allattata 9 mesi). Non ho mai avuto più di una quarta, anche in allattamento, però, ridimensionata a una seconda dagli sgoccioli in poi.
        Altra cosa importantissima quando corro è lo smartphone, con cui ascolto la musica (indispensabile) con la cuffia bluetooth sportiva e che mi garantisce sicurezza. Lo tengo in un marsupietto micro che allaccio stretto in modo che non ballonzoli insieme a un fazzoletto e al burrocacao.

  9. Mamma mia che carica ragazze!Io sono giorni che ci penso,che vorrei cominciare ma volevo chiedere se potete darci uno schemino da seguire a noi povere derelitte senza possibilità di scaricare l’ app!!Poi voi come vi siete organizzate con i bimbi? a che ora è meglio correre?Purtroppo tutte noi viviamo ad incastri ed ho intenzione di trovare questa benedetta mezz’ora per correre..

    • allora: lo schemino lo puoi trovare su internet http://www.c25k.com/c25k_italian.htm
      ovviamente essendo uno schema a tempo cioe’ dovendo iniziare alternando corsa e camminata l’app per cellulare resta veramente comodissima, ma con un semplice cronometro o addirittura l’orologio con lancette dei secondi puoi all’inizio regolarti cosi.
      poi una volta preso il ritmo, basta che corri 😀
      per i bambini io sfrutto quella mezz’ora prima di cena: quando torna il marito verso le 18,30 io mi faccio trovare pronta ed esco senza voltarmi indietro e alle 7,05 sono gia’ tornata. la cena in genere l’ho gia’ preparata e quindi mentre la faccio scaldare mi doccio e alle 7,15 tutti a tavola.
      sembra una “corsa” e in realta’ lo e’, ma i benefici sono tali che preferisco questo ulteriore incastro che niente 😉
      poi considera che questo avviene solo due volte (in genere mart e giov) perche’ poi il sabato o la domenica corro di mattina con “calma”

  10. Oggi è martedì e potrei cominciare…la cena per stasera è già pronta.
    il segreto è organizzarsi!Alla fine sono “solo” due giorni a settimana!Vi farò sapere…

    • vai vai! siamo tutte con te!

    • Ciao Anna, sarebbe meglio fare 3 giorni a settimana. Noi siamo con te comunque!
      Io vado nei tre giorni a settimana in cui mio marito fa la mattina. Andiamo a prendere la maggiore al nido e andiamo al parco tutti e 4. Sulle 6.15 mi stacco dal gruppo e vado a fare il mio programmino, correndo intorno a loro praticamente. Per le 7 siamo tutti a casa, la sera mangiamo spesso cose veloci, quindi doccia e cena.

  11. Ah, le maracas,
    che lontano ricordo!

  12. Ragazze grazie le vs.risposte, io al momento posso (spero!) ritagliarmi due gg. prima di cena e già so che sarà dificcilissimo, perchè esco di casa alle 7 e rientro all’una.pranzo con mio marito e lui alle 14/15 va in negozio(la mattina sta lui a casa con i bimbi). Preparo la cena, pulizie, allatto e faccio dormire il piccolo.Alle 16 esce il grande dalla materna che giustamente vuole stare con me, andiamo al parco o a fare una passeggiata e dopo arriva il bello perchè alle 18:30 di solito rientriamo a casa per il bagnetto dei bimbi.Alle 19:30 rientra mio marito ceniamo e poi la solita: pulisci e riordina, pigiama, doccia di noi grandi per essere tutti a nanna per le ore 21:30!!Se andassi alle 14:00/14:30? a volte mio marito va in negozo per le 16:00 e potrebbe stare con il piccolo….la vita di noi mamme sembra un tetris….

    • rinuncia alle pulizie e sfrutta quel tempo lì. 😛
      scherzi a parte (ma mica tanto), alle 14 va benissimo, magari vedi di mangiare leggero e presto, tipo a mezzogiorno, in modo da non dover sballottare il pranzo.
      Il più è uscire le prime volte, poi l’entusiasmo e i benefici sull’umore (e anche fisici, a me la pancia ha cominciato a sgonfiarsi subito) fanno in modo che il tempo lo trovi.
      Nel gruppo su fb ci sono mamme che vanno a correre la mattina all’alba, quando ancora tutti dormono (io non ce la farei, ma molte di loro a gennaio, con la neve, andavano a correre alle 5.30 del mattino!).
      In bocca al lupo, tutto sta nel trovare i primi incastri, poi il puzzle si risolve da solo 😉

    • ‘unico problema di quell’orario e’ che tra poco fara’ talmente caldo che ci rimani secca 😀

      • mi inserisco qui perchè sono appena tornata dalla mia corsettina che prevedeva 15 minuti/2 volte ma per il caldo al secondo minuto sono tornata a casa mogia e depressa 🙁

        • marina, io stamattina dovevo fare 7 km
          al primo volevo tornare a casa,a letto (io sono un animale notturno e sto cercando di abituarmi a correre la mattina)
          ti giuro che mi sarei messa a piangere, che proprio non volevo, che ho fatto una fatica che non ti dico.
          ma ho resistito.
          sono andata avanti
          una fatica BOIA ma ce l’ho fatta.
          non arrenderti! i primi minuti sono i peggiori!
          passati quelli è tutta discesa!!!!
          😀

          • grazie la giulia, proverò in un altro orario sicuramente, ero molto carica per aver fatto 12 minuti + 12 minuti che per me sono un’enormità… ma sto scrutando l’orizzonte sperando nell’ennesimo rannuvolamento! (PS: 7 km, wow!)

            • 12+12 sono eccezionali!!!
              fino a un anno fa, 10 minuti di seguito per me erano WOW!
              🙂
              io sono veramente una pippa e ho 42 anni…se ce la posso fare io, voi tutte mi date una pista!!!!!
              😀

              oh, poi capita la giornata che le gambe pesano, che si è stanche…a me per esempio la settimana dopo il ciclo sembra di correre con le gambe di qualcun altro…una fatica che non vi dico!
              e anche se si è mangiato poco, male, troppo…
              per me il bello della corsa è stato anche riscoprire la cura e il rispetto del mio corpo. vedere che se lo tratto bene, lui mi ripaga adeguatamente.
              se lo trascuro, me lo fa notare…
              io penso a chi si conserva con la chirurgia estetica…
              io ho avuto in regalo questo corpo, non me ne daranno un altro. lo devo trattare e conservare bene.
              il corpo umano è una macchina perfetta se vai a guardare….

              vai, Marina!
              🙂

              • farò tesoro di queste parole… quello che mi piace di più nel fatto di correre è quella mezz’ora di assoluta libertà, tu con i tuoi limiti da spingere oltre e il tuo respiro sincronizzato sulla falcata, senza pensare a bambino-lavoro-spesa-cena. Fa sentire meglio anche se dà stanchezza, ma non è la stanchezza delle mille incombenze quotidiane, è una stanchezza positiva che rilassa. E lo dico io, che sono una super-schiappa senza precedenti 😉

            • un giorno spererai nelle nuvole, perchè con il sole farà troppo caldo e non potrai rendere al meglio!
              😉
              pensa che io sono freddolosa, ma corro molto meglio l’inverno e mi copro pochissimo…e, a meno che non diluvi, corro anche sotto la pioggia!

        • perche’ non provi la c25k? all’inizio non si corre per piu’ di un minuto, ma ti porta gradualmente a correre mezz’ora.
          altrimenti succede che ti deprimi 🙁

  13. Sei (e siete tutte) bravissime!!
    Io faccio una fatica disumana, da (ex) ragazza-fil-di-ferro che non ingrassava nemmeno a cannonate, non riesco ad accettare il fatto che ora mi toccherebbe fare attenzione (e non solo) e finchè non entrerò nel nuovo personaggio, starò a lamentarmi tutte le volte che mi ricordo che prima ero asciutta e ora no (fermandomi ovviamente all’amara constatazione senza fare la minima mossa).
    Prima o poi… come il fumo dovrà partire dalla mia testa.
    :-***

    • ognuno h a le proprie gestazioni.
      a me per dire ha aiutato non poco la lettura dell’arte di correre di murakami.
      provaci 😉

Trackbacks

  1. […] molto, sto correndo nella mia ruota da criceto come non mai, ho stabilito di dover trovare del tempo da dedicarmi e quindi devo sottrarlo a qualcos’altro. In questi periodi mi viene spontaneo rifugiarmi […]

Parla alla tua mente

*