Come struccarsi correttamente

come-struccarsi-correttamente

Alzi la mano chi non è mai andato a letto senza struccarsi. Ok, una la conosco, è ZiaPolly, ma noi donne normali? Come vincere la pigrizia e compiere quotidianamente e sistematicamente questa pratica spesso noiosa?

Io ho trovato il sistema.

Struccarsi tutte le sere, e ripetere l’operazione la mattina prima dell’idratazione e il trucco, è uno dei gesti più semplici e banali, economici e allo stesso tempo di grande efficacia per mantenere sana la pelle del viso e assicurarsi una luminosità naturale e una più duratura levigatezza dell’epidermide.

Nonostante tutte queste belle cose io spesso non ho voglia di struccarmi. La sera mi fa fatica prendere i dischetti, sentirmi la faccia umettata e talvolta gli occhi bruciare. In genere, tra l’altro, ho sempre avuto il problema di non riuscire a eliminare del tutto il nero dagli occhi e ritrovarmi quindi con un leggero alone alla palpebra inferiore che mi fa sembrare più in disordine di prima.

In genere mi forzo, ma ammetto che non sempre ci riesco e la mattina mi sveglio con le ciglia appiccicate e la sensazione su fronte e guance di prurito e incartapecorimento.

Perché vi confesso i miei peccati? Ovviamente lo faccio solo adesso che ho trovato il rimedio e posso condividerlo e aiutare chi come me ha la coscienza sporca del panda accidioso.

La soluzione si chiama Longema, una linea di prodotti per la cura del viso e del corpo dermo eco compatibili.

Tempo fa ho avuto l’opportunità di testare i loro prodotti di cui sono stata molto soddisfatta, ma quello che mi ha davvero cambiato la vita è stata la loro proposta per la detersione: un sapone da utilizzare con l’ausilio di un panno tessuto in microfibra.

Sembra una sottigliezza, ma per me ha fatto davvero la differenza, tanto da far diventare un momento di ‘compitini’ un vero e proprio piacere da pregustare.

In genere sciacquo il panno con acqua tiepida, quasi calda, ci verso una piccola quantità di detergente e massaggio il viso che, con il tepore del tessuto e l’azione pulente del sapone, risulta già struccato. Poi lavo sotto l’acqua calda il panno e rimassaggio il viso che riceve anche una microstimolazione effetto scrub delicato. Poi rilavo il panno sotto acqua fredda e tampono il viso, azione che mi dà una sferzata di energia, per poi ricevere un’altra carezza tiepida, risciacquando il panno con acqua calda. In questa maniera ho esfoliato il viso e pulito i profondità i pori che hanno fatto un’insoltia ginnastica grazie allo stimolo del caldo/freddo.

Dopo, un velo di crema conclude questo momento di cura e benessere e vado a letto che mi sembra di essermi scrollata di dosso almeno cinque anni di rughette, capelli bianchi e rigidità.

Ricompio la stessa operazione anche la mattina prima della crema idratante e mi sento così distesa e mi vedo così luminosa che spesso non ho neppure voglia di truccarmi… be’ la pigrizia non si può certo debellare tutta insieme!

Voi conoscevate questo tipo di panni per struccarsi?

Commenti

  1. Pensa che invece per me il rituale dello strucco serale è sempre stato un piacere…. cinque minuti in bagno tutti per me nella casa finalmente silenziosa, e dopo una bella tisana! Ma io sono tendenzialmente un animale notturno e la sera ho bisogno di mille rituali per conciliare il sonno.

    • io invece sono un’allodola. andrei a letto alle nove per svegliarmi sempre all’alba. all’alba mi sveglio cmq, il problema e’ che alle nove ho ancora due miliardi e mezzo di cose da fare e voci nelle orecchie, altro che casa silenziosa 😀

  2. Ne conosci due, in trentadvbfdgvbke anni della mia vita non sono mai, e dico mai, andata a letto truccata. Neanche da sbronza.
    Detto ciò questo sistema col panno mi sembra moooolto interessante. Dove si compra?

    • la longema vende online, ma credo che sul sito ci siano anche i punti vendita. in ogni caso per me e’ stata veramente una svolta, anche se poi mia sorella mi ha detto che avevo scoperto l’acqua calda… ma meglio tardi che mai 😛

  3. non conosco questo tipo di panni, il rituale dev’essere molto rilassante! personalmente opto (tutte le sere assolutamente: non sopporto la pelle truccata a letto!!!!) per un latte detergente struccante per pelli sensibili che cambio ciclicamente (per evitare sensibilizzazioni) da sciacquare con acqua tiepida ed eventualmente una passatina anche con la saponetta “dove”. poi la mia crema notte, nutriente, ma non grassa (i love oil of olaz 7 segni). e al mattino idem con crema giorno!! non è nè lungo nè stressante, ed evito secchezza e unto sul viso…e che meraviglia quella sciacquata tiepida con un breve massaggio!!

    • mannaggia mi fate sentire proprio la peggio… pensavo di essere piu’ in compagnia 😀

      • …ma va!!! devo farti una confessione, con allegata dichiarazione di fedeltà eterna: il piacere di quei piccoli momenti da dedicare a me stessa l’ho scoperto qui, leggendo i post su tutti quei dettagli che ho sempre vissuto come noiosi step della giornata…qui ho imparato a valorizzare il tempo x me e a capire il valore dell’amore x me stessa!! quindi un infinito grazie x la tua/vostra passione! smack smack

  4. anche se sono distrutta non vado mai a letto senza struccarmi, uso sempre e solo detergenti senza petrolati e parabeni, quindi questo sapone che non li contiene + il panno caldo mi intriga non poco 😉

    • i prodotti sono ottimi davvero. tra l’altro avevo gia’ provato a usare dei saponi al posto del latte, ma questo e’ davvero ottimo, lascia la pelle morbida che quasi non chiede idratazione!

  5. Dopo anni di ricerche io ho finalmente trovato lo struccante che leva davvero tutto il trucco senza bruciare gli occhi, che per uso smodato di computer e lenti a contatto sono sensibilissimi. E’ l’acqua micellare della Avène, di cui ho comprato anche tonico e latte detergente ma che davvero ancora provare. Questo pannetto però mi ispira parecchio, credo di averne visto una variante da Sephora…

  6. io faccio lo stesso ma con una manopola di spugna e il sapone liquido “normale”
    senza non mi sento la faccia “pulita”

    • si, perche’ in effetti credo sia il massaggio e la microesfoliazione che riesce a farti il tessuto e che invece la mano nuda non fa!

  7. Io sono veramente impedita! Ho provato con il latte detergente ma mi sembra sempre che non tolga bene il trucco, inoltre il marcata sembra essere incancellabile!! Allora vado di acqua e sapone ma poi ho la pelle che tira e gli occhi che bruciano…dovrei proprio provare con il panno che consigli tu, ma va bene anche per gli occhi??

    • assolutamente si!
      ma devi abbinarlo a un detergente ovviamente.
      questo della longema e’ delicato e porta via tutti i residui di trucci, anche il mascara waterproof!

Parla alla tua mente

*