Vestirsi come Amélie Poulain

vestirsi-come-amelie

Get the look: Amélie di siro6 contenente vintage style sunglasses

Siamo rimaste tutte affascinate dal mondo di Amélie, non è vero?

Oggi parliamo del suo stile. La costumista Madeleine Fontaine ha tratteggiato molto efficacemente il personaggio di Amélie, creando al tempo stesso uno stile molto fresco e adattissimo ad essere indossato nella mezza stagioneAmélie indossa pochi colori, per lo più il rosso e il verde, mescolati al nero: alla ricerca di risposte nette, cerca verità, non sfumature.

Non indossa pantaloni, solo gonne o vestiti. Le piacciono i petit pois. Accompagna i vestitini e le gonne con piccoli cardigan, una giacca con scollo alla coreana con baschina sul retro, una giacca di bouclè. Uno stile un po’ retrò, o meglio, fuori dal tempo e dalle mode, come fuori dal tempo e dalle mode è lei, vissuta in casa, con l’unico esempio femminile della madre.

Le scarpe come Amélie

Le scarpe invece sono maschili, inglesi, col calzino, a mitigare una femminilità che rischiava di sconfinare nel lezioso. E a sottolineare anche, probabilmente, una mancanza di sensualità dovuta all’autoconfinarsi della protagonista in una dimensione di infanzia protratta. Ma non stiamo troppo a psicologizzare, questo look ci piace, e tanto basta. Io comunque vi propongo nel set anche un paio di mary-jane, che però danno al look tutto un altro twist (come direbbero quelle brave).

Il trucco e i capelli

Trucco: poco e niente. Audrey Tatu ha occhi grandi, da bambina, e un viso regolare e luminoso. Tanto mascara e un velo di rossetto lampone.

Parrucco: ah, quel taglio di capelli… Così charmant, così chic, così francese. Frangetta corta e netta, caschetto cortissimo che lascia scoperta completamente la nuca, ancora più carino portato raccolto. Io ho sempre avuto la passione per questo tipo di frangia e confesso che l’ho portata così per anni. Ora però non ho più l’età (né la fronte), ma rimane la mia passione.

Il set low cost

Il set è come al solito rigorosamente low cost (oltretutto non credo proprio che Amélie avrebbe speso tanto per vestirsi):

il-favoloso-mondo-di-amelie-vestito-pois-cardigan-verde-giacca-rossa-nano-da-giardino-stile-francese

Influence black pinafore dress, €18 / Oasis cardigan, €30 / Dorothy Perkins mint cardigan, €13
Brinley pumps, €13 / Dr. Martens shoes, €81 / Vintage style sunglasses, €14
Envelope Wrap 12″ Photo Album in Brown with Cream Pages – Aspinal of…, €105
Unisex Mask Halloween Costume Black for Men and Women Phantom, €7,40

Non trovate che questo look sia perfetto per le prime brume autunnali? Vi piace?

Commenti

  1. Bella idea questa mise à la Amélie! Mi sa che lo provo, visto che ho tutto l’occorrente per ricrearlo senza spendere un euro, abitino a pois in primis. Il look sarebbe filologicamente corretto con le stringate maschili (le mie sono di vernice, color verde malva, forse troppo esagerate?) ma forse ci starebbero bene anche dei mocassini color crema.
    Con le mary jane l’outfit diventa iperfemminile, ma Amélie non indosserebbe mai tacchi, sono d’accordo con te.

    • Le stringate maschili di vernice color malva sono bellissime!!! Nella mia cortissima wish list dell’anno c’è proprio un paio di stringate maschili, magari tipo oxford, per sostituire le mie defunte e compiante, di un bellissimo colore grigio tendente al viola.
      Lei porta proprio un paio tipo doc martens, sono andata proprio a rivedere. Io le ho portate per una vita (il mio primo paio l’ho preso a 12 anni, ancora ricordo), ora però mi sento troppo cresciuta per questo tipo di scarpe.
      Il mocassimo a me non piace, se non con il tacco, salvo solo quelli abbastanza scollati da sembrare quasi delle deco. Ma sono gusti. 😉

      • Premesso che le doc martens basse, portate con la gonna, farebbero sembrare tozza chiunque non abbia la gambuzza grissinosa di Audrey Tatou (si capisce assai che non sono dotata dell’articolo?? Nella mia confezione niente grissino, solo prosciutti: due…), le suddette calzature sono pesanti come due macigni…inZomma dopo una certa età sono sinonimo di mal di schiena.
        Le Oxford, invece, tutta-la-vita!!! Sono felice che vadano di moda, le adoravo già ai piedi di quel gran signore del mio Nonno Alduino 😉

  2. che post carino!
    però, per come mi vesto io, cioè zero gonne e abiti, penso che salverei solo la crème brulèe 😀
    (e non è poco!)

    • Ohibò, come mai zero abiti e gonne? scelta ideologica?
      La creme brulee sta bene con tutto, un vero passe-partout.

      • con le gonne, ma soprattutto con gli abiti, non mi ci vedo proprio…..:-(
        e quando poi ci si abitua alla praticità dei pantaloni, soprattutto col freddo, difficilmente si torna indietro….non ho le gambe sottili, e quindi dovrei sempre usare gli stivali….insomma, più che una scelta ideologica è una scelta visiva…

  3. Bellissimo post! grazie grazie grazie! il mio stile già le si avvicina molto! 🙂 ma ora potrò perfezionarlo!

  4. Tutto bellissimo, e il nanetto da giardino è una vera chicca!
    Tra l’altro mi è venuto in mente che non ho un vestitino a pois…devo rimediare immediatamente!
    e.

    • se è per questo io non ho nemmeno un nano da giardino. Però ho un cardigan verde con le maniche a tre quarti e una giacca simile a quella, ma bianca.
      Ah, ho anche i fagioli, di almeno 4 tipi diversi 😀

  5. Proprio bello questo post! E le proposte che seguono sono carinissime…bello!

  6. Bellissimo, da provare.
    Ma le gonne di Amelie sono longuette? Quelle proprio non posso permettermele.

    😉 nonostante i 31 anni io vado ancora in giro con gli anfibi…non mi bocciate!

  7. Come ho fatto a farmi sfuggire questo post? Tutto in quel film era perfetto!

Parla alla tua mente

*