I colori che ci donano

i colori che ci donano

Quando scegliamo i vestiti non sono solo la forma e la vestibilità a influire sulla riuscita e versatilità di un capo, ma anche il loro colore: è molto importante scegliere i vestiti nei colori che ci donano.

Esistono studi molto dettagliati sui fototipi, delle specie di categorie a cui ogni donna può scoprire di appartenere per poi seguire pedissequamente i colori da indossare che meglio si intonino. Ma come tutte le griglie strette non tengono conto di fattori climatici, transitori e soprattutto umorali, quindi io posso riassumervi i quattro fototipi fondamentali che fanno capo per simpatia alle quattro stagioni, ma poi è necessario metterci del proprio per tarare al meglio questa teoria e scegliere la palette giusta per il nostro guardaroba.

La cosa più semplice sarebbe tornare bambini: i bambini hanno una spiccata capacità naturale a scegliere i colori che mettano meglio in risalto la loro luminosità. Quando cresciamo invece, sommersi dagli stimoli stagionali, perdiamo di vista la cosa più importante: il nostro corpo con le sue cromie.

La carnagione, il colore dei capelli e anche quello degli occhi sono degli elementi importanti di cui tener conto.

Ecco i nostri consigli per scegliere i colori che ci donano.

La donna Autunno

donna autunno: colori che ci donano

Capelli: rossi, biondi o castani, in tinte particolarmente dorate o addirittura infuocate.

Carnagione: va dall’avorio, al latte, al pesca, fino al miele, mai olivastra. Può avere le lentiggini.

Occhi: verdi, nocciola, topazio o castano, generalmente con venature ambrate.

I colori sì: tutti i beige e i marroni, il ruggine, il giallo senape, l’arancio zucca, il corallo, il rosa salmone e l’albicocca, inoltre il viola mosto e tutta la gamma dei verdi.

I colori no: tutti i blu e i colori caratterizzati da quel sottotono, banditi anche i grigi e i colori pastello molto polverosi.

La donna Inverno

donna inverno: colori che ci donano

Capelli: scuri, dal castano al corvino, con riflessi cenere, raramente ramati

Carnagione: può variare dall’avorio all’ebano, con una diffusissima variante olivastra, ma quello che la differenzia è il “sottotono freddo” riconoscibile dalle vene blu intenso all’interno del polso.

Occhi: marrone scuro, neri, nocciola o grigio-verdi, eccezionalmente blu zaffiro o verde smeraldo.

I colori sì: nuance scure o chiarissime, ma sempre molto accese. Questa donna veste bene tutti i grigi e la vasta gamma dei blu, il viola, il bordeaux, il melanzana, fino al magenta e il rosa shocking. Vanno bene anche rossi e verdi nelle accezioni più vibranti e brillanti e transige solo sulla tinta limone, escludendo tutti gli altri gialli. Qualche eccezione per le sfumature tenui solo se abbinate a tonalità forti.

I colori no: colori pastello e polverosi, i beige, gli aranci e tutte le sfumature dorate prettamente autunnali, marrone compreso.

La donna Primavera

donna primavera: colori che ci donano

Capelli generalmente biondi, con varianti ramate e talvolta castane, ma sempre dorate.

Carnagione avorio, con tendenza alle lentiggini, oppure meravigliosamente effetto pesca.

Occhi possono essere azzurri, verdi, topazio o nocciola, con pagliuzze dorate nell’iride.

I colori sì: simili a quelli della donna Autunno, ma più gentile nei toni. Perfetti tutti i neutri (avorio, burro, cammello, cuoio, fino al marrone molto chiaro) e i verdi dorati, gli aranci e i rossi più brillanti (albicocca, pesca, salmone, corallo e vermiglio) e i viola e i blu con alta percentuale di giallo.

I colori no: i colori molto scuri e freddi, il verde bosco e il bianco assoluto.

La donna Estate

donna estate: colori che ci donano

Capelli vanno dal platino al castano medio passando per il biondo cenere.

Carnagione pelle diafana, spesso rosata o avorio.

Occhi chiari, verde, grigio o celeste.

I colori sì: tinte pacate a base blu, rosa o grigia, ma può davvero spaziare su tutte le gradazioni, escludendo solo le tinte più calde e ricche di giallo (rosa salmone o pesca, per esempio). Il verde solo se povero di giallo e via libera ai rossi nelle tinte squillanti fragola, carminio, ciliegia e anguria.

I colori no: assolutamente il nero (particolarmente vicino al volto). Da lasciar perdere anche il bianco abbagliante, l’ocra, il biscotto, l’arancio e tutte le tinte cariche di giallo.

Come scoprire il colore perfetto per noi

Queste tipologie hanno poi delle sotto categorie, ragion per cui possono aiutarci soltanto in linea generale, poi la pratica, l’esperienza e un pizzico di immaginazione ci aiuteranno a sbrogliare tutte le questioni cromatiche. Spesso è sufficiente comprendere il nostro “sottotono” facilmente distinguibile osservando le vene all’interno del polso. Se sono blu, abbiamo un sottotono freddo, se sono verdi, un sottotono caldo. Di conseguenza nel primo caso vestiremo meglio tinte fredde, nella seconda occorrenza sceglieremo le tinte più calde.

Voi vi riconoscete in una di queste categorie?

Se avete difficoltà a partire da questa classificazione potete compiere il percorso inverso: mettetevi davanti allo specchio con luce naturale, perfettamente struccate e coi capelli raccolti in un turbante d’emergenza fatto con un tessuto bianco (una t-shirt del marito andrà benissimo). E poi prendete tutti i capi colorati che avete nell’armadio e provate ad accostarli al viso: che succede? Sembrate malate di epatite? In balía di un attacco di mal di mare? Oppure apparite radiose? Se non riuscite ancora a districarvi, chiamate una persona fidata (la mamma è sempre un buon asso nella manica) e fatevi fare da specchio!

Io sono senza dubbio una donna Inverno ma mi concedo di indossare alcuni colori “no” quando sono abbronzata o quando posso contare su un make up forte. Ovviamente queste indicazioni generali sono molto utili se vogliamo strutturare il nostro guardaroba perfetto con capi basici e “sicuri”, quelli su cui cascare sempre bene e che risolvono le situazioni quotidiane da “non ho niente da mettermi”, potendo contare su una palette che faccia risaltare la nostra bellezza naturale.

Voi ci fate attenzione o scegliete i colori solo in base all’estro?

Commenti

  1. ultimamente facevo l’errore di farmi i capelli troppo scuri e come diceva Luca ero molto gotica, ho gli occhi verdi e l’incarnato chiaro-
    Ma A: quei due capelli bianchi si vedono subito
    B: mancava luce,

    poi mia mamma un giorno la mia parrucchiera di fiducia (mia mamma per le tinte) mi ha dato un biondo scuro e ora sto molto meglio anche nel gurdarmi, molto donna primavera…..

  2. Io boh. Primavera? Autunno? Di sicuro so che sto malino col beige. Ti ricordi che raccontavo che al liceo mi vestivo spesso di beige e mi chiamavano desert storm?

    • ahah
      io penso tu sia piu’ vicina alla primavera, ma poi come ho detto tranne qualche caso non si puo’ definire rigidamente la stagione di appartenenza perche’ dipende anche da questioni temporanee come l’abbronzatura, una recente gastroenterite (:D) o il periodo del ciclo per noi donne, oppure il tempo. io per esempio ho gli occhi molto molto cangianti e diventano gialli certe volte, verdissimi, grigi, o nocciola e tutto in base al tempo, al cielo, e questo influisce anche sull’abbigliamento. per dire: il nero mica mi sta sempre bene, mentre il grigio si e anche il blu, ma solo se non contiene motlo giallo, in quel caso devo aspettare giornate molto luminose, in esa=tate per esempio.
      tutto questo poi e’ una specie di aiuto , di suggestione per avere spunti in piu’, ma non deve condizionarci in maniera limitante! alla fine bisogna provare tutto, scegliere una griglia di base e poi osare sempre!!!

  3. io non so se sono autunno o primavera … mi aiutate???? e poi ho appena realizzato che ho mezzo guardaroba (o quel che ne resta dopo una fase acuta di decluttering che dura ormai da un paio di anni, ma almeno detto così è più fine 🙂 ) di colore blu!!!! Sto sbagliando tutto????

    • a mio avviso, e sono di parte lo so, il blu e’ divino SEMPRE 😀
      pero’ come vi ho spiegato la maniera piu’ semplice se avete dubbi e’ provare davanti allo specchio, con una buona luce e una buona compagnia, e vedere l’effetto che fa. facendo quindi i vostri personali aggiustamenti alal tabella dei colori. io per esempio il marrone molto scuro lo uso e mi piace anche parecchio, pero’ anche quello deve essere ppovero di giallo.
      perche’ poi e’ facile di blu, marrone, grigio, ma di ogni colore ci sono mille sfumature e come nella vita e nelle relazioni quelle sono fondamentali!!!

  4. Donna Inverno, decisamente. Infatti col beige sembro il mio stesso fantasma, quindi se proprio lo metto evito di averlo a diretto contatto col viso, o l’effetto poltergeist è assicurato. A dire la verità nemmeno il grigio mi dona particolarmente, infatti mai avrei pensato di trovarlo tra i colori consigliati. Ma forse il vero problema è che in questi ultimi mesi sembro uno spettro a prescindere 🙁

    • a prescindere dal periodo, che come dicevo e’ una delle variabili per cui una tabella di questo tipo non puo’ essere approcciata in maniera troppo rigida, il grigio e’ da scegliere per noi donne inverno in nuance molto intense, lasciando perdere quelle polverose. quindi bene il canna di fucile, l’antracite, mentre no fumo di londra o grigio perla, per esempio.

      • Caia ho bisogno di aiuto.
        Sembro la sorella psicotica di Maga Mago’ e domani vado dal parrucchiere con un bisogno estremo di cambiare e vedermi decente. Non ho mai fatto tinte, ma devo e voglio vedermi diversa. Il problema e’ che sono assolutamente negata e ascegliere colori che fanno per me, dai vestiti ai capelli. Mi aiuti perfavore?
        Dunque, sono donna inverno. Alta 1.53, peso 43, vene polso blu, occhiaissime genetiche che devo mascherare sempre, in questo momento porto i capelli corti con ciuffo laterale. I miei capelli erano ricci, ma dopo due gravidanze e le tante volte che si va in ospedale per i bambini sono piu che altro stoppa, quindi mi aiuto sempre con la piastra.
        Mi sembra di aver detto tutto…e ora…mi date una mano???
        Pleaseeeee!

        • Dimenticavo…la pelle e’ chiara. Purtroppo niente olivastro per me!

          • purtroppo? ma beata te!
            secondo me la pelle chiara e’ molto bella, io la mia olivastra non la sopporto anche se non e’ scurissima, ma appena sono un po’ piu’ stanca e ho i lineamenti piu’ marcati, mi sembra che con l’olivastro l’effetto sia molto duro per non dire volgare.
            io vorrei la pelle rosata, quasi porcellana <3

        • Allora Grazia, se mi mandassi una foto anche in pvt sarebbe meglio, ma faccio quello che posso, considerato che NON sono un oracolo, eh?
          proviamoci insieme.
          essendo molto magra a me verrebbe da consigliarti un corto corto che ti darebbe anche la possibilita’ di farla finita con questa piastra che ROVINA i capelli, mannaggia a voi. la piastra va bene saltuariamente, ma sistematicamente rovina i capelli.
          avendo due bambini immagino che hai anche bisogno di praticita’ quindi il taglio corto diventerebbe davvero un ottimo alleato.
          qualcosa tipo me, con la nuca libera e un po’ di volume spettinato sopra che con un buon prodotto puoi modellare e nel frattempo sfruttare per nutrire i capelli.
          sul colore non mi hai detto da che tinta parti. in genere se hai capelli secchi, l’effetto puo’ essere mitigato da un colore scuro e intenso un bel castano mogano intenso.
          ma comunque un buon parrucchiere potrebbe certamente darti molti piu’ consigli.
          tu di dove sei?
          sei su roma?

          • Torino.
            Parto da un castano molto scuro, da bimba ero castana rossa quindi mi sono rimasti un po di riflessi. Li porto corti da anni, anche perche quando erano lunghi tanto li legavo e quindi…in piu hai detto bene, i miei capelli van nutriti e in piu ho fastidio al cuoio capelluto da un po perche dopo un po che li lavo mi prude la testa. Immagino siano gli shampoo, benche siano di tipo professionale. Ok non sarai un oracolo, ma sicuramente ci capisci piu di me. E in piu sai un consiglio non si disprezza mai, specie quando non sai da che parte girarti!

            • la piastra non rovina i capelli, dipende dalla piastra! Quelle professionali in ceramica non rovinano nulla. Io alla frangia la faccio tutti i giorni.
              Se parti da un castano rosso io ti consiglio un degradé piuttosto che una tinta. è molto più gestibile e rimane in ordine anche se lo riprendi ogni 2-3 mesi (io sono arrivata a 5 mesi ;-))

              • Grazie Siro! In effetti io uso la Ghd e non mi hai mai dato problemi! Sono le gravidanze che mi hanno “spennato”!

              • Grazia, ti rispondo qui, che sotto non mi fa più rispondere: la GHD sono i soldi meglio spesi del 2012 per quel che mi riguarda. Io che sono rinomatamente negata per le cose manuali non riesco più a farne senza. Prima di lei mi dovevo lavare i capelli tutti i giorni, perché sono piena di lecchi e il secondo giorno spazzola e fon non riuscivano a sistemarmi il disastro. Mai più senza. Amola.

              • Assolutamente! La mia vecchia ghd mi e’ durata 14 anni prima di svampare. Ora che la nuova devo farle guardare un filo ne ho presa una Phlips per tamponare…terribile! Non stira e in piu scalda le mani mentre la usi!

            • facci sapere come e’ andata oggi!

              • Ooook.
                Fatto.
                Ho scofanato i miei capelli gia corti che tendono a gonfiarsi sulla testa, stile souffle.
                Per la tinta ho schiarito un po’ la mia base molto scura con un castano caldo. La parrucchiera mi ha spiegato che mi ha fatto lo shatush (spero si dica cosi). Mi aveva proposto di virare sul rosso, ma non ci posso far nulla…mi viene in mente Wanna Marchi e non mi ci vedo! Basette sfoltite al massimo. Per ora…devo farmi l’occhio, ma…male non mi sembra di stare…poi, alla fine…sono solo capelli, ricrescono e si possono sempre cambiare!

              • questo e’ certo!
                ma l’importante e’ che piaci a te 😉

  5. Aliena all’appello.
    Capelli naturali castano rossi, occhi castani, pelle olivastra scura ma non credo di essere un’inverno, ho le vene verdi tra l’altro.
    Il bianco puro mi sta male, il rosso idem, il blu elettro molto anni 80 è raccapriccio su di me, il fuxia non mi dona.
    Meglio i verdi, alcuni tipi di blu, il color petrolio, certi marroni. Potrei essere una deep autumn, ma in tutta sincerità…chissene.

    I colori per me sono principalmente umorali; se sto bene oso e mi sento bene, se sono triste mi serve il mio colore coperta di Linus e anche li l’umore migliora.
    L’armocromia è un bel gioco, forse più adatto al trucco che ai vestiti, ma credo che il sesto senso possa guidarci meglio.
    E poi ogni tanto è bello pasticciare, giocare come i bimbi, con ironia. 🙂

    @ Siro: Siamo colleghe di deserto. Quest’estate complice una gonna lunga color beige, due magliettine tortora-beige stratificate, sandali e borsa cuoio il mio ragazzo mi ha detto che sembravo appena tornata da Gerusalemme! Mi sono fatta un bel po’ di risate. 😉

    • secondo me sei piu’ vicina alla primavera!
      e in ogni caso hai perfettamente ragione! queste indicazioni non devono limitarci, anzi, semmai darci lo spunto per esplorare colori mai considerati.

  6. Donna primavera-estate, PRESENTE!
    🙂

  7. scusa ma come fai a mettere il beige e il color cammello, soprattutto sulla parte alta ( maglie e co) a una donna primavera? Io divento un tutt’uno e anche se è un colore che adoro per me è bandito in inverno, giusto in estate quando sono un pò abbronzata. Vi seguo da un pò ma sempre in silenzio. Grazie per i molti consiglio. Elisabetta

    • Ciao Elisabetta! Benvenuta!
      Probabilmente a te non stanno bene e probabilmente hai anche un occhio molto allenato per rendertene conto, complimenti!
      comunque non parlo di beige per la donna primavera, bensi di neutri, incluso il cammello, che contengano piu’ o meno giallo, fermo restando che come detto varie volte non possiamo pensare di cristallizzare l’immensa varieta’ femminile in quattro categorie, sarebbe assurdo. sono solo linee guida, piu’ volte a farci provare colori a cui non avevamo mai pensato prima e magari ci donano piuttosto che spingerci a usare colori che ci penalizzano, ci mancherebbe 😉

    • …e non tutti i beige e cammello sono uguali…
      🙂
      a me i toni beige, cammello ecc, illuminano di più il viso, fanno vedere mglio il colore degli occhi

  8. Mai usati colori pallidi (pastelli, ciprie, beige) perchè non mi piacciono e istintivamente non li trovo gradevoli su di me…per i vestiti uso soltanto colori molto accesi, quasi sempre in modelli basici e in tessuti “consistenti”, in tinte unite abbinabili tra di loro, mentre oso tantissimo con gli accessori (sciarpe, borse, foulards, scarpe, spille, bigiotteria) che riesco a portare anche in modelli e fantasie particolari…più che ai miei colori (potrei essere una “Donna Inverno”) mi son dovuta adeguare al mio peso e alla mia altezza (abbastanza “importanti”!) che mi fanno sembrare facilmente un divano (ci vuole un attimo se indossassi una fantasia sbagliata!) o Lurch travestito da fatina (con i colori pastello, i tessuti svolazzanti o le fantasie leziose mi vedo proprio così!)

  9. Vero verissimo!! Probabilmente sono donna-inverno, con occhi verdi e carnagione chiara d’inverno e dorata d’estate. I colori che mi valorizzano sono proprio quelli che elenchi, in particolar modo il verde bosco (esiste? nel mio armadio sì 🙂 ), viola e anche rosso. Poi i grigi nelle sfumature chiare. I capelli ricci e mori mooooolto striati di bianco, con le meches (o colpi di sole, che fa più moderno!) prendono proprio vita!! Ci ho messo …tipo 35 anni per capirlo, ma adesso ci sono arrivata!! 😉

    • infatti le donne inverno spesso stanno bene coi capelli sale e pepe anche al naturale. io quest’estate li avevo lasciate bianchi i miei e al contrario di quanto qualcuno mi ha detto mi sembrava che invece di invecchiarmi mi illuminavano molto il viso perche’ il mio bianco non e’ giallognolo, ma ghiaccio.
      poi qualcuno ha detto che lo stile non puo’ arrivare prima dei 35 anni, e tu ne sei la dimostrazione evidentemente 😉

  10. Questo post merita un attento studio…
    Dalla descrizione dei tipi io sembrerei a prima vista una donna primavera: carnagione molto chiara ma tendente al roseo (mi abbronzo poco ma non sono mai troppo pallida), occhi celesti, capelli castano chiaro (prima della gravidanza avevo anche dei bellissimi riflessi biondo rame, sigh..). Vene del polso molto evidenti di colore verde – bluastro (boh?)…
    Mi donano un po’ tutte le tonalità di blu, grigio e di tortora. Il beige dipende, se tende al corda o al cipria ok, altre tonalità mi stanno malissimo! Il nero deve essere stemperato da una collana o da una sciarpa chiara. Il marrone è bandito in tutte le tonalità, eccetto il cuoio naturale chiaro.
    Ho scoperto di recente che mi stanno bene tutti i colori chiari e brillanti: azzurro, turchese, rosso geranio, rosa corallo, verde smeraldo, viola e persino giallo canarino! Con le tinte pastello (che mi piacciono tanto…) invece sembro un po’ slavata.
    Che ne pensi, sono una primavera?

  11. Ma che bella questa storia dei colori! Allora io sono sicuramente una donna inverno, capelli castano scuro (che di tingo di un castano leggermente più caldo del mio colore naturale), occhi marrone scuro, vene blu ma pelle bianchissima. In fatto di colori vado a sentimento adoro il blu e odio il viola (non so nemmeno come mi stia perché credo di non aver mai indossato nulla di questo colore) ma ho un unica certezza granitica: il grigio mi sta malissimo!

    • vedi? ognuno fa i propri aggiustamenti.
      io per esempio indosso bene i grigi scuri, quelli piu’ polverosi o “sbiancati” mi stanno male.

  12. Donna inverno: presente. Con tanto di blu nel polso eh!
    Guadagnata questa incontrovertibile certezza, corro a bruciare tutti i miei capi beige cioè metà dei cappotti cappottini giubbottini giacchini.
    Anche perché questa mattina, da brava scolaretta, ho trovato al 50% un bel piumino caldo caldo, l’ho acchiappato immediatamente nel marroncino e subito MOLLATO preferendo un color ghiaccio 😀
    Come sono andata???

    • brava!
      pero’ aspetta a buttare i beige, non e’ detto che ti stiano male o che ti stiano male tutti.
      io per esempio, molto inverno, ho ancora negli occhi l’immagine mia con un cappotto cammello di max mara, era molto chiaro e conteneva molto piu’ bianco che giallo quindi mi stava bene e anzi addolciva molto il mio incarnato.
      ribadisco che questa era una carrellata di massima, ma poi bisogna sempre fare prove!

  13. Capelli castano scuro, colorito chiaro con vene ai polsi blu, occhi verde “sottobosco” (così dice mia nipote).
    Il grigio vicino al viso non fa per me, in qualsiasi tonalità mi fa sembrare appena uscita dall’ospedale.
    Il marrone mi sta bene in quasi ogni tonalità e insieme al nero, il blu, l’arancione e il viola sono i miei colori per l’inverno; il verde (militare, ma anche quello smeraldo), il rosso, il turchese e il giallo brillante sono i miei colori per l’estate.
    Poco bianco sia in inverno che in estate.
    Neanche l’abito da sposa l’ho scelsi bianco, ma preferii un color champagne!

  14. Su questo argomento ho bisogno di ripetizioni! io “in origine” avrei i capelli castano scuro ma da una vita li porto biondi, ho la pelle chiara e quando indosso il verde, il viola ho i maculati mi fanno sempre i complimenti. Che tipo sono allora? non riesco a capirlo!!!!!!!!!!

    • secondo me autunno o primavera: come sono le vene el polso?
      E i tuoi riflessi narutali nei capelli originari sono piu’ sul biondo o sul ramato?
      nel primo caso sei piu’ primavera, nel secndo autunno.
      baci

  15. naturalmente era “oppure i maculati”. Sono inciampata nell’h!!!!!!!!!

  16. Ho osservato le vene del polso e sono verdastre come quelle delle streghe!!!!!!

  17. Quindi io sono un tipo “Primavera”? nell’indole sicuramente!!!!!!!!!!!

  18. ciao Caia! complimenti per l’articolo! è molto interessante! 🙂
    io ho i capelli biondo cenere scuro e gli occhi verde grigio….secondo te in che categoria mi potrei individuare meglio?
    un caro saluto.
    Gianna

Trackbacks

  1. […] vedrete dai tutorial, i colori stanno bene a tutti i fototipi e sono molto versatili: dal trucco semplice e basic da giorno a uno smokey più audace. Ho […]

  2. […] Scegliamo anche i colori giusti: faranno davvero la differenza per esaltare la nostra bellezza naturale. […]

Parla alla tua mente

*