La tecnologia che serve alla pace famigliare

 regalo-tecnologico-natale

Veronica è andata all’evento D-Link come inviata di Trashic. Ecco cosa ne dice.

Vi racconto una cosa che a me succede sempre. E’ finalmente sera, sono stanchissima e mi rifugio in camera da letto. A questo punto magari vorrei godermi un film in santa pace, mentre mio marito lavora al PC accanto a me, oppure scambiare due parole con un’amica usando lo smartphone e invece…

Invece non posso, perché il wi-fi non arriva fino alla camera da letto, la stanza più lontana dal dispositivo della casa! Per non parlare di quando la Rete c’è, ma il segnale è debolissimo. Allora provo comunque ad usare il computer, ma impiego una vita per compiere operazioni semplicissime.

Magari vi sembrerò esagerata, ma scommetto che agli amanti della tecnologia domestica questo inconveniente accade spesso.
Tra l’altro in famiglia si finisce con il litigare con frasi del tipo: ”Non rubarmi la banda giocando on line perché il wi-fi mi serve per lavorare!

Non avendo conoscenze specifiche, mi ha fatto piacere scoprire che esiste un modo per risolvere questo problema di calo di banda.

Avete presente il modem che vi viene fornito quando acquistate il servizio internet casalingo? Ecco, il problema sta in quello scatolino. Spesso le prestazioni sono piuttosto scarse ed è per questo che poi non riuscite a vedervi il film in HD nella stanza più comoda della casa. Con un router nuovo si risolve tutto.

D-Link ha recentemente proposto i nuovi dispositivi Wireless 11AC: costo contenuto, non serve una laurea in ingegneria per configurarli, velocissimi.

Come mamma trovo interessanti anche alcune funzionalità di controllo come mydlink™ Cloud Services, che rende possibile visualizzare l’elenco dei siti visitati dai figli e bloccare l’accesso alla rete da parte di dispositivi indesiderati. E’ possibile fare questo anche da remoto, semplicemente utilizzando qualsiasi browser web o l’App gratuita mydlink da smartphone o tablet. Poveri ragazzi, se i genitori padroneggiano la tecnologia è dura visitare qualche sito proibito!

Tra non molto sarà Natale e come al solito non saprò cosa regalare a mio marito. Visto che abbiamo l’ufficio in casa, quasi quasi mi butto sul regalo tecnologico così smettiamo di lamentarci.

Post a cura di Veronica Viganò.

Parla alla tua mente

*