Dimagrire e tenersi in forma con APP Jawbone UP

jawbone-up-braccialetto-per-restare-in-forma

Io lo chiamo il braccialetto oracolo: Gnozi seauton, conosci te stesso. E vi dirò che grazie a lui io ho scoperto cose di me che ancora non avevo capito.

Come molte donne, e immagino anche molte lettrici di Trashic, ho problemi di oscillazione di peso. Sono ingrassata, ridimagrita, ringrassata molte volte. Sono passata, andata e ritorno, più e più volte, per almeno 3 taglie. A volte con diete e post-diete, a volte (apparentemente) senza motivo.

Mi sono anche un po’ stancata di provare le diete miracolose o le manie del momento. Ho capito che il mio obiettivo era sbagliato. Quando sono stressata ingrasso, quando sto bene tendo a dimagrire. Quindi devo partire da me e riformulare l’obiettivo: stare bene, conoscermi meglio, capire perché ingrasso pur mangiando bene e, a me sembra, sempre nello stesso modo. “Ah se solo esistesse qualcosa che mi dice in automatico quanto brucio e quante calorie assumo!”

Ebbene, c’è. Adesso ve lo illustro. Premessa. Nel mese pre vacanze natalizie in cui l’ho usato, ho perso 3 chili.

Cos’è Jawbone Up

cos'è-jawbone-up

Jawbone Up è un braccialetto in gomma ipoallergenica medicale, dal design molto essenziale, è un attimo affogarlo in mezzo a un bel bracciale pieno di swarovsky, perché noi siamo geek, ma geek-chic!

Il braccialetto funziona integrandolo con una app, disponibile sia per Android che per iOs, e si collega allo smartphone per la sincronizzazione attraverso il jack audio integrato. Quindi non ha bluetooth, ma vi dirò che io non ne ho sentito l’esigenza. Si ricarica collegandolo al computer attraverso l’apposito cavetto in dotazione e la carica dura 10 giorni, come garantito.

Va indossato giorno e notte, è impermeabile quindi potete tenerlo anche per fare la doccia e i lavori di casa. Le sue funzioni di monitoraggio si dividono in tre categorie: sonno, attività, alimentazione. Per cominciare bisogna impostare, attraverso la app, i propri parametri (età, peso, altezza) e alcuni obiettivi (sonno e movimento, io ho indicato 6 ore e mezzo e 10.000 passi).

Monitora il tuo sonno

monitora-sonno-con-jawbone-up

1. Quando sei pronto per dormire metti il braccialetto in modalità notturna e lui rileva i tuoi cicli di sonno, con una precisione incredibile. Eccovi una delle mie notti (non una delle migliori). Il grafico mostra in modo intuitivo i momenti di sonno profondo (colonne alte blu) e quelle di sonno leggero (colonne basse azzurre). In arancione le alzate. Seguono le statistiche: quel giorno ho totalizzato 7 ore e 15 di sonno (111% del mio obiettivo) ripartire tra 2h e 34m di sonno leggero e 4h e 41m di sonno profondo. Per addormentarmi ho impiegato 6 minuti, mi sono alzata 3 volte e quindi ho passato 48 minuti sveglia, durante la notte. La linea tratteggiata si sposta col dito per vedere gli orari delle varie fasi.

Altre funzioni fichissime:
2. La sveglia intelligente. Imposti un orario di massima e il range di tempo che Up può utilizzare: il braccialetto ti sveglia vibrando nel momento in cui il tuo ciclo del sonno ti permette di svegliarti riposato.

3. Il pisolino perfetto. Impostato sull’opzione durata del pisolino ottimale, Up rileva dalle tue statistiche qual’è la durata giusta del TUO riposino ristoratore e ti sveglia nel momento in cui si conclude il tuo ciclo di sonno. Avete mai fatto caso che a volte dormite 20 minuti e state da Dio, altre volte dormite un’ora e mezza e vi svegliate più stanchi di prima? Ebbene, #maipiù.

 

Monitora le tue attività

monitora-attività-jawbone-up

1. Up svolge funzione di contapassi. Una volta impostato l’obiettivo di movimento (10.000 passi per me sono già un obiettivo ambizioso) puoi controllare in ogni momento a che punto sei. Sono le 5 e sei ancora al 50%? Hai ancora tempo di uscire a fare una passeggiata, o puoi andare a prendere i figli a scuola a piedi. Per aumentare i miei passi ho cominciato a parcheggiare la macchina sempre più lontana dall’ufficio: se continuo così, per l’estate sarò arrivata a lasciare la macchina a casa direttamente. Attenzione, non funziona con gps ma immagino con sensore di movimento. Per questa ragione si consiglia di indossarlo nella mano non dominante per aumentarne la precisione. Ho provato anche a confrontarlo con runtastic (dotato di gps) e il risultato è simile.

2. La sveglia antipigrizia. Io sto seduta a una scrivania a scrivere per molte ore. Se sono molto presa mi dimentico del mondo intorno e il tempo mi passa senza che me ne accorga. Prima di Up usavo un timer da cucina (conoscete la tecnica del pomodoro?), ma in ufficio cercavo di non portarlo… Basta impostare il timer perché il braccialetto vibri se stai seduto per troppo tempo. Io l’ho impostato a 45 minuti di inattività, ma solo per il mio orario lavorativo (8-17). Utilissimo.

3. Si possono  inserire manualmente le attività scegliendo fra le proposte (Camminata, esi, corsa, esercizi, cardio, bici, pilates, yoga, ellittica, tennis e molti altri): modulando il grado di intensità e la durata, Up calcola le calorie bruciate. Inoltre Up è integrabile con altre app, ad esempio con Runkeeper, in modo da poter importare i dati più precisi riguardo alle attività sportive specifiche e tenere meglio conto delle calorie bruciate.

4. Andando all’interno della colonna del movimento si possono vedere le statistiche. Le colonnine in alto mostrano la distribuzione del movimento durante la giornata; i dati lo quantificano: nel giorno preso ad esempio ho fatto oltre 10.000 passi, percorrendo 7.3 km, quindi ho raggiunto il 106%  del mio obiettivo. Sono stata in movimento per 1 h e 41 minuti, ma l’attività più lunga è durata 36 minuti, mentre sono stata ferma per oltre un’ora, evidentemente ignorando il timer antipigrizia. Ho bruciato in totale 1.815 calorie, 1.350 a riposo e 465 grazie al movimento.

 

Monitora la tua alimentazione

monitora-alimentazione-jawbone-up

1. Un accurato diario alimentare. Ogni giorno, per ogni pasto, puoi inserire ciò che hai mangiato: a) fotografando il codice a barre se mangi qualcosa di confezionato; b) inserendolo fra i millantamila cibi in database; c) selezionandolo dalla tua libreria: io ad esempio mangio sempre un po’ le stesse cose, tendo a mangiare semplice e poco elaborato, adesso poi mangio ancora più semplice per la pigrizia di inserire troppe voci! Se il cibo che stai mangiando non c’è in nessuna delle categorie, puoi aggiungerlo manualmente, completo di informazioni nutrizionali.

2. Conteggio di calorie assunte e bruciate e riepilogo RDA. Alla fine della giornata, ma soprattutto durante, puoi fare il confronto fra le calorie che hai ingerito e quelle che hai bruciato. Ma non è tutto. La magia è vedere la ripartizione delle informazioni nutrizionali: questa è la cosa che mi ha aiutato di più. Il mio conteggio delle calorie era sempre in positivo (più calorie bruciate di quelle assunte), ma guardando la ripartizione delle RDA ho capito che, anche se non mangio mai né pane né pasta a cena, i miei carboidrati sforavano sempre. Quando il corpo va in debito di calorie le va a pescare innanzitutto dai carboidrati, se non ce n’è a sufficienza stoccati, va a intaccare i grassi. Ma finché avrò così tanto stoccaggio, i grassi non li brucerò mai. Mi è bastato sosituire la colazione di pane e marmellata con yogurt e cereali e la situazione è già migliorata assai. E prima di cena si può controllare la tabellina e regolarsi di conseguenza.

 

Altre funzioni

altre-funzioni-jawbone-up

La app è ricchissima. Potete impostare gli obiettivi, vedere la vostra lifeline, cioè una rappresentazione grafica della vostra giornata (e potete vedere che oggi è un po’ troppo tempo che sto seduta!), visualizzare i trend, ad esempio il confronto fra calorie bruciate e calorie assunte, ma anche fra sonno e calorie bruciate e o quello che vi pare. Con squadra potete cercare altri amici che hanno il braccialetto per confrontarvi e spronarvi a vicenda. Come dicevo prima ci sono molte app che si possono integrare ad Up, oltre a quelle della foto nel primo collage ci sono ad esempio Strava, GymPact, Wello, Tictrac, Sleepio, Lose It! e altre.

Potrei raccontarvi ancora molte altre cose, ma il mio timer antipigrizia ha già vibrato due volte, e io voglio uscire per testare runkeeper integrato. Vado a correre insomma.

Jawbone Up.  Prezzo: 130€.   In vendita su Amazon (Io l’ho comprato in un negozio Apple). Ho sentito dire nei siti americani costa sui 90 dollari, vedete voi…

Se tutto ciò che vi ho detto non vi sembra abbastanza (piccoli ingrati), potete anche guardarvi questa video recensione.

[Credits: screenshot dal mio profilo della app, foto di apertura e n.2. del primo collage dal sito ufficiale]

Al mio segnale, scatenatevi nei commenti, fugherò ogni vostro dubbio.

Commenti

  1. Ciao. A me piacerebbe moltissimo, se non fosse che a tutte le persone che ho intorno ha smesso di funzionare dopo due-tre mesi, così di botto (a quanto ho capito, problemi di batteria). Basta fare un giro tra le recensioni di amazon per leggere di esperienze del genere e questo ovviamente mi frena. Che tu sappia, questi problemi continuano a persistere? ci sono versioni aggiornate che funzionano splendidamente nel tempo? grazie 🙂

    • io lo uso da novembre, tutti i giorni, non lo tolgo mai (anzi, per fare la doccia sì, anche se dicono che si può tenere), lo carico ogni 10 giorni, e per ora non ho avuto problemi.
      Incrocio le dita e vado a controllare se ho scansionato la garanzia 😀
      ecco appunto, l’ho preso in un negozio, ho la garanzia! Se mi muore…
      a questo punto aspetta ancora qualche mese che ti dico 😀

  2. uh, io ero rimasta ai braccialetti di rame contro il mal di ossa. Pazzesco!

  3. non commento perchè sai che nel mio cuore alberga il desiderio….

  4. Lo voglio, lo voglio, lo voglio. Non ora però, con due figli piccoli e una in arrivo sul grafico del sonno comparirebbe direttamente la scritta “Lascia perdere”. 🙂

    • e su quello dell’alimentazione: ma quanti siete?
      può esserti d’aiuto dopo il parto però, in quel limbo durante l’allattamento in cui non puoi fare vere diete restrittive. Io sono sempre ingrassata durante l’allattamento 🙁

  5. Mi hai fatto venire voglia!

  6. secondo a me uscirebbe la scritta : avevi bisogno di un app per capire che dormi poco e male, che mangi troppo e male, e che non fai attività fisica!
    ma mi intriga…

  7. il mio lui lo aveva 🙂 stavo pensando di farmelo regalare 😛

  8. Ce l’ho! Grazie a dei messaggi subliminali pre-natalizi! 😉
    È fantastico per la sveglia!(anche se nel cell punto sempre quella di emergenza! Hai visto mai che LUI una mattina non decida che sono veramente troppo stanca x alzarmi e mi lascia dormire! 😀 )
    In effetti ti stimola a fare qualche passo in più!
    E quando in pausa pranzo controllo le calorie assunte Vs calorie bruciate…beh scatta in automatico il senso di colpa e mi metto a ballare!!! (Si brucierà qualcosa a ballare no?!?)

  9. ecco alcune risposte…..
    🙂

Trackbacks

  1. […] Dormire tanto non basta, bisogna anche dormire bene. Ti può essere d’aiuto un sistema per monitorare il tuo sonno, i tuoi risvegli e la giusta alternanza di sonno profondo e leggero. Questo ti aiuta a trovare il TUO ritmo, e a capire quanto serve a TE per essere riposato ed efficiente. Io ad esempio uso il mio adorato Jawbone Up. […]

  2. […] queste cose io trovo già utile e completo il mio braccialetto integrato alla app: il Jawbone Up, di cui ho già – ampiamente – scritto e parlato. Ma vi ricorderò lo stesso che posso inserire i cibi e tenere il mio diario alimentare completo di […]

  3. […] lo sanno anche i muri, io sono pazza per il mio Jawbone Up. Siccome ne parlo sempre, ora tutti mi chiedono cosa fa, come funziona, se è meglio o peggio […]

  4. […] beh – è servita anche a fare più sport. Ecco la mia performance, registrata dal mio fido Jawbone Up: 7,7 km, 10.961 passi. Non male per una… […]

Parla alla tua mente

*