Dimagrire in modo naturale

 dimagrire-in-modo-naturale

Sono in sovrappeso, lo dice anche il nostro nuovo calcolatore! (A proposito, l’avete provato?)

Non si tratta di un sovrappeso eccessivo, ma ho superato il limite e la cosa più fastidiosa è che lo avverto. Mi stanno stretti i vestiti, quando corro mi pesa letteralmente il sedere, mi sento pesante. Non solo: continuo ad avere problemi di insonnia, sono nervosa ed elettrica.

Sono convinta che quando si ricomincia a guardarsi dentro, a prendersi cura di sé, l’alimentazione sia una delle prime cose su cui porre attenzione. Il nostro corpo è perfetto e la sua manutenzione è un processo delicato che parte dalla nutrizione, dall’igiene, proseguendo con la cura delle sue singole parti e finisce con la sua veste.

Da qualche anno ho iniziato a mangiare decisamente meglio. Gli anni dell’università e poi l’ingresso nel mondo del lavoro avevano creato un mostro: mangiavo in maniera assolutamente irregolare, facendo lunghi digiuni e talvolta un solo pasto eccessivamente abbondante al giorno. Facendo teatro capitava spesso che quell’unico pasto fosse di sera tardi, verso le undici. Poi ho conosciuto il MaritoZen e la mia vita è cambiata ancora e probabilmente mi ha donato dei tempi di decompressione in cui pensare alla cura di questo aspetto.

Eppure le gravidanze e gli allattamenti prolungati mi hanno ulteriormente mutato. Sono convinta che il mio stomaco si sia dilatato, faccio fatica a sentirmi veramente sazia e ho un sacco di voglie estemporanee prettamente a base di grassi e carboidrati.

Certo a casa nostra la dieta quotidiana si basa su alimenti poco raffinati e una cospicua quantità di frutta e verdura spesso di origine biologica, ma evidentemente il fatto di prendere peso deriva dalle quantità, e in particolare dalle quantità di cibi densi di grassi e zuccheri.

Ad un certo punto ho iniziato ad avere stimoli a più livelli che mi hanno portato a un libro: Mangiare per vivere — Eat to live che spiega dettagliatamente quanto i cibi di origine animale se mangiati regolarmente e in quantità considerevoli siano dannosi all’organismo e contribuiscano all’accumulo di peso. Non si tratta di un approccio vegano, ma come lo definisce l’autore Joel Furhman di un approccio all’alimentazione nutritariano, ossia basato sui nutrienti.

La dieta Fuhrman è un cambiamento totale dell’alimentazione, una specie di inversione di marcia. Egli propone una dieta disintossicante che dura sei settimane e durante la quale si eliminano totalmente gli alimenti di origine animale, per poi reintegrarli nella dieta in quantità estremamente ridotta, il 10% delle calorie ingerite.

Obiettivamente si tratta di un’alimentazione molto sana basata praticamente su frutta, verdura, legumi e cereali (se si vuole dimagrire, pochi nella prima fase), quindi un approccio che mi sento di abbracciare anche per ragioni salutistiche ed etiche. Oltretutto è una dieta in cui si può mangiare a volontà, si può dare libero sfogo alla fantasia culinaria e non si deve pesare quasi nulla: la dieta perfetta per me in questo periodo.

Non so se riuscirò a portarla avanti e farmi trascinare dai benefici che il Dr Fuhrman promette di sentire nell’immediato, ma senza paura di sbagliare, farmi del male o non poter più tornare indietro, ho deciso di provarci.

Abbiate pazienza, perché ne sentirete parlare ancora!

Chi è a dieta? Che dieta state facendo?

Commenti

  1. il link del calcolatore non si apre. Comunque sono abbondantemente in sovrappeso (sono proprio grassa) non mi serve un calcolatore per dirlo. E anche se vorrei dare la colpa alle due gravidanze, non posso, sono stati gli unici periodi della mia miavita in cui non sono ingrassata. 10 kg per la prima gravidanza, subito persi , 9 kg per la seconda….
    E’ che il grassetto me lo porto dietro da sempre e ahime aumenta di anno in anno, e sentirsi dire ” e ma tanto tu sei alta, non si vede mica!!”
    Sticaz si vede eccome e ormai si sente eccome!!
    cerco di mangiare bene, ma poi mi strafogo di schifezze, brioche a biscotti a casa nostra la fanno da padrone perchè il mio lui vive di zuccheri e carne ed magro come un fuscello .
    Buaaaahaaahaah me tapina Elisabetta

    • aspirantemamma

      è dura convivere con un magro-di-natura.
      Mio marito mangia come un tribunale (anche se devo dire che non è un grande amante dei dolci) e ti farei vedere….mi chiedono tutti se lo nutro a dovere…

    • ma come mai non riesci ad aprire il link?!?!? prova cosi! http://trashic.com/calcolatori/calcola-peso-ideale/
      cmq anche a me dicono che sto bene che sono alta che ho un bel viso e bla bla bla, ma se io mi sento pesante e gonfia evidentemente non va.
      e poi so anche che nel tempo e’ sempre stato cosi, superati i 70 chili mi rendo conto che non sto piu’ nel mio fisico, ho la necessita’ di calare.
      e poi sinceramente leggendo e informandomi sto anche acquisendo molte consapevolezze rispetto alla salute che una volta che le sai e’ anche difficile ignorare…
      capsco che quando non c’e’ supporto in famiglia sia difficile, ma quello che mi piace di questa dieta e’ che e’ sana, posso mangiare in gran quantita’ e le cose che preparo per me vanno bene anche per mio amrito e per i bambini, magari con qualche aggiunta ogni tanto. per fortuna anche mio marito ha compreso che mangiare tutti i giorni carne fa male e quindi e’ contento di tutte le alternative che sto sperimentando 😉

    • Elisabetta, mi puoi dire per favore che problema riscontri con il link?

  2. io il calcolatore l’ho provato ma secondo me è eccessivamente buono
    sono regolare. Ma sarei regolare fino a 61kg (e sono alta 157 cm). Ora sono 55 e sono almeno 3 kg oltre il mio peso forma.
    Comunque è un calcolatore incoraggiante, mettiamola così 😉

  3. aspirantemamma

    Anche secondo me il calcolatore è troppo buono! Io sono 66 kg per 1.67 e risulto normopeso, invece quattro o cinque kili dovrei perderli (non esagero, purtroppo sono una donna-mela, gambe snelle, sedere discreto ma fianchi e panza belli tondi), anche questi purtroppo di quelli antipatici post gravidanze.
    Detto ciò aspetto con ansia il bel tempo per riprendere a correre e cerco di limitare i carboidrati alla prima parte della giornata, poca carne e latticini, frutta e verdura a volontà e poche schifezze. Putroppo al dolcetto dopo cena non riesco a rinunciare e SO che è IL MALE.

  4. Ciao a tutte! Il mio primo commento al sito (complimenti davvero!!) per dire che:
    credo che quella di cui parli sia la mia stessa dieta.. puoi trovare altre conferme scientifiche leggendo Marco Bianchi, il dottor Federico Ongaro, The China Study e (come ho fatto io) “intervistando” la nonna su quello che mangiava da piccola 😉
    Non è una “dieta” nel senso che la parola ha acquistato oggigiorno, è una Dieta come stile di vita e per me diventa facile da rispettare nel momento in cui comprendi che lo stai facendo per te, che il tuo corpo “capisce” quello che stai ingerendo, che le molecole chimiche che entrano nel tuo stomaco vengono “lette” dal tuo organismo! E’ una visione affascinante *_*
    Buona vita!! 🙂

    • Grazie Martina!
      Ma lo sai che China Study e’ in arrivo da amazon? lo aspetto a momenti 😛
      invece i due italiani che citi non li conosco e voglio approfondire visto che il “limite” che ho trovato in fuhrman e’ che parte dalla situazione americana che e’ nettamente diversa dalla mia, dalla nostra.
      e poi avrei voluto qualche ricetta in piu’, una guida a come cucinare in maniera sempre diversa sti benedetti legumi, che io ho sempre mangiato sottoforma di zuppa o lessati in insalata, ma una volta ogni due giorni… ora che li mangio a pranzo e a cena… ehm come dire… avrei bisogno di varieta’! e infatti ho preparato un post per la settimana prox con qualche idea su come variare 😉
      ancora benvenuta!

      • Caia, esattamente come te: sopra i 70 kg e mi tira tutto! Non mi sento a posto col mio corpo…
        Leggi Marco Bianchi, è illuminante come illuminanti sono i libri dei fratelli Speciani! Buone letture…

        • ma grazie!!!
          :*

        • Ecco, io Bianchi mò non ce la posso fare, perché va troppo di moda. E poi è troppo secco, sto ragazzo. Troppo secco! Gli tira la faccia dappertutto! 😉
          Ho paura anche per China Study: diciamo che so già qual è la mia direzione (non a caso sono stata io a irretire Caia con questa dieta bbuuhhaaaa), ma non voglio ancora avere troppa conoscenza del mondo brutto in cui viviamo. 😛

          • Barbara, io sono anarchica come mio solito. Ho letto Bianchi, ho letto GIFT, mi sono fatta illuminare, mi sono fatta delle domande, sono più consapevole…ma non sono talebana come Bianchi! 😀 Vorrai mica che diventi magra come un’acciuga che poi mi si vedono le rughe, no?

        • Senti stavo dando un’occhiata: da cosa mi consigli di cominciare di bianchi?

      • Ciao! Anche io vi seguo sempre anche se non sono un’assidua commentatrice… però parlando di China Study – che sto studiando ed evidenziano come si faceva una volta a scuola 🙂 – volevo informarvi che è uscito da pochi giorni anche il libro delle ricette che io aspettavo con ansia…
        Non penso che sia ancora reperibile su Amazon, ma sul sito dell’editore si… (The China Study – Le Ricette -). A presto e complimenti!

  5. vai Caia, vedrai che ti riuscirà sicuramente, perchè ci credi e ti senti pronta!!!

    io sono in sovrappeso ma “ci sto lavorando”, nel senso che sono seguita da una dietista, ma sono appena reduce da un weekend lungo in montagna e adesso devo recuperare, anche se non potrei al momento utilizzare il libro del Dr. Fuhrman perchè siamo ritornati carichi di speck….. 😉
    nel mio caso la fatica più grossa di una dieta è di non cadere nella monotonia…cioè soprattutto a pranzo quando sono a lavorare spesso mi riduco a insalata e affettato….e non va bene, perchè a lungo andare diventa noioso….devo applicarmi e prepararmi le cose alla sera prima

    • non ne parliamo… io quando non ero a dieta avevo due opzioni (involontarie) affettati e formaggi con una bella quantita’ di pane (la morte nera) oppure digiuno che si tramutava in abbuffate verso le 5 quando rientravo a casa con i bambini e si trattava sempre e comunque di soluzioni veloci: pane e affettati o formaggio (la morta nera).
      adesso mi sono imposta di salire a casa e mangiare, in genere comincio con un’insalata enorme, sempre diversa (ve ne scrivo qualcuna in un altro post la settimana prox!) e una pietanza a base di legumi con altra verdura cotta. la frutta non sempre, talvolta la mangio a meta’ mattina.
      il problema della monotonia riguarda anche me, e sto cercando non senza molti sforzi di lavorare in questo senso, sperando che a un certo punto scatti qualcosa… cosa non so… magari improvvisamente non pensi piu’ cosi tanto al cibo cosi da diventare il tutto automatico. boh.
      cmq in bocca al lupo… e sappi che lo spek mi fa ancora taaaaanta gola 😀

      • ah ah “la morte nera”!!! per me la morte nera sono i formaggi stagionati, ne abuserei continuamente…..sono curiosa delle ricette che pubblicherai, così magari anch’io spero che scatti qualcosa….non riesco invece ad utilizzare i legumi, mi gonfiano tantissimo e tutte le volte che ci riprovo poi ottengo lo stesso risultato….dove sbaglio?

        • a quanto ho letto si tratta di una “pigrizia” del nostro intestino disabituato al loro consumo.
          io ti dico: sono gia’ nella seconda settimana di dieta e non ho grandi disturbi.
          della serie goccia cinese… alla fine il muro si rompe 😉

      • Amiche, ma voi non mi potete parlare di monotonia con le verdure e i legumi. C’è un mondo!
        Daje, vi devo scrivere le ricette ogni singolo giorno. Fatemi organizzare.

  6. Il calcolatore dice che sono in pesoforma!!!????
    E che lo sarei anche con due kg in più???
    C’è qualcosa che non va, io mi sento almeno di tre kg sopra il peso forma e di fatti sono corsa ai ripari. Non a caso ho usato il termine “corsa”.
    Per la dieta non sono mai stata capace di seguirne scrupolosamente una quando abitavo da sola, figuriamoci ora con figlio che non ama le verdure e ogni volta è un’impresa fargliele mangiare.
    Preferisco correre, mi fa bene anche all’umore!

    • quello pure io anche se questa pioggia persistente mi ha tagliato le gambe 🙁
      cmq il calcolatore e’ abbastanza veritiero, io credo che in generale sia la percezione di noi sempre tarata sul perfezionismo. poi il range e’ ampio perche’ rispetto al peso molto dipende dall’ossatura.
      buona corsa!!

  7. io sono alta per carità ma i miei kg in più con taaaanta cellulite li ho eccome… da un mese sono a dieta tramite un naturopata e devo dire che sto meglio… via libera a tutti i cereali escluso il frumento, no patate no zucchero, niente latte latticini, uova , carni solo cavallo e manzo .
    e poi una serie di prodotti omeopatici che tolgono di mezzo tutte scorie accumulate dopo un brutto periodo fatto di antibiotici . il risultato?? beh un mese fa non entravo nei miei jeans pre gravidanza ( di tre anni fa) ora riesco ad entrarci li chiudo ma ovviamente sono stretti. però è incoraggiante e continuo così con alimentarmi in modo sano e sto bene. ho cominciato a curare anche ciò che mi metto sul corpo come shampoo e creme per il viso stando attenta all’INCI di quello che compro e devo dire che tutto il mio corpo ne sta traendo giovamento. che dire una bella pulizia sia dentro che fuori e comincio a volere un po’ più bene al mio corpo .

    • brava laura!
      sai, anche io da gennaio ho cambiato routine di bellezza: al momento sto usando solo prodotti fatti in casa da mia sorella (la ziaPolly 🙂 ) e la pelle del viso risplende davvero!
      cosa stai usando di integratori? io devo fare a breve il mio “tagliando” dall’omeopata da cui vado.

      • io al momento uso 25 gocce mattino e sera di pascorenal per drenare, una capsula dopo i pasti principali di kolorex soft gel per togliere di mezzo la candida bestia nera che mi blocca il metabolismo e poi altre due capsule che non ricordo il nome ma servono uno per reintegrare lo zinco che mi rallenta il metabolismo del 30% e una per togliere l’intossicazione di mercurio e piombo che ho e che mi causa emicrania. E’ solo l’inizio ma chi ben comincia… ho fatto il vegatest infatti sono quasi più tendente al vegano che al vegetariano , diciamo che il più delle volte mi butto su riso, miglio farro, kamut via lieviti ect. e quando non mangio la carne ( purtroppo quella che mi è consentita è quella più cara) opto per i legumi. ho anche riscoperto il miglio … che dire sarà lunga , andrò per gradi ma dopo aver anche provato la Dukan devo dire che sto 1000 volte meglio adesso. e poi frutta secca all’occorenza .
        ho sentito parlare anche della GIFT ma sinceramente io vado con la dissociata carboidrati fino alle 14.00 e poi solo proteine

        • ma io al momento, in questa fase piu’ ferrea e dimagrante ho tolto praticamente tutti i carboidrati, tranne quelli contenuti in legumi, futta e verdura e due fette biscottate integrali la mattina.
          pero’ conto di tornare a mangiare regolarmente i cerelai integrali che mangiavo anche prima. certo, prima mangiavo anche un paio di vv alla settimana la pasta, ma sinceramente non mi fa fatica toglierla in favore di miglio, riso integrale o polenta. e intendo anche ricominciare a mangiare paneeeeeeeeee mamma quanto mi manca!!! pero’ fatto da me con lievito madre e farine non raffinate 😉
          la carne… ti diro’ non sento la mancanza. ma non ho intenzione di abolirla a prescindere. cioe’ se capita che vado in campagna e si fa la brace la carne la mangio volentieri, ma a casa faccio a meno.
          il pesce invece lo reintegro volentieri… io lo mangiavo anche tre vv a settimana, adesso 0, ma vorrei reintegrarlo, magari meno.
          latticini invece credo che ne faro’ a meno, magari solo una piccola percentuale se capita in qualche preparazione cosi come le uova.
          cmq vedremo, non mi voglio porre limiti e obiettivi prima ancora di capire.
          voglio continuare a studiare, questo si 😉

  8. In bocca al lupo e tienici aggiornate sulla tua dieta! I dietologi americani non mi convincono molto ma per il semplice motivo che partono da una cultura alimentare e da materie prime molto diverse dalla nostra (sono anche io come te una convinta sostenitrice del km 0 e possibilmente del biologico). Sarebbe interessante vedere come riesci ad adattare le prescrizioni del libro alla nostra alimentazione mediterranea.
    Io per fortuna non ho chili di troppo da smaltire (il mio BMI è 19, evviva!) ma ho il problema della pancia che durante la giornata si gonfia come un palloncino e a sera sembro incinta di 5 mesi…
    Anche io sento che dovrei intraprendere un regime (non una dieta) alimentare, ma ho lo stesso problema di altre lettrici, ossai una famiglia che non collabora: marito e figlia sono magri come chiodi e hanno bisogno di nutrirsi molto per soddisfare il loro selvaggio metabolismo brucia-tutto, per cui adorano pasta, pane, carne, pizza e torte fatte in casa. Insomma tutto quello che io a parte la pasta farei bene ad evitare…

    • Elinor! ANch’io…pancia che si gonfia durante la giornata! Ma perché sta cosa? Sgrunt…

      • aspirantemamma

        sai che capita pure a me?
        quando esco dal lavoro, spesso me ne rendo conto….eppure non mangio malissimo a pranzo, in genere verdure miste cotte, al massimo un primo ma sempre condito con verdure e fatto al momento…boh

        • cmq il gonfiore alla pancia puo’ essere anche provocato da fattori emotivi/stress e tensioni

          • Ma non è che mangiate troppo poco durante il giorno? A me succedeva se mangiavo poco. Fate degli spuntini?

            • aspirantemamma

              ehm…no.

            • In realtà io qualche spuntino lo faccio.
              Ad essere sincera ho notato che il gonfiore andava decisamente meglio nei periodi in cui ho eliminato del tutto i cibi lievitati ed i formaggi dalla dieta. Ma a regime come si fa? Proprio niente niente è una punizione… Possibile che non ci sia un’alternativa?

              • i “lieviti” li puoi sostituire con prodotti a lievitazione naturale o lancoarti nell’autoproduzione con pasta madre.
                io da quando facevo la pizza in casa con il mio lievito non ho piu’ avuto problemi simili (e neanche mio marito che quando capitava che prendevamo la pizza fuori o da asporto stava male fino alla mattina dopo) l’unico inconveniente e’ che e’ cosi leggera e buona che ne mangi (o mangeresti) molta di piu’… 😛
                sui formaggi non saprei, ma cmq credo che sia un problema legato piu’ ai latticini freschi che ai formaggi stagionati, quindi a cnhe li magari si possono fare delle scelte

    • sugli americani ho il tuo stesso pregidizio, ne scrivevo qualche commento su, ma devo dire che questa dieta siccome si basa su delle regole alimentari )piu’ che su menu e associazioni come molte altre) da seguire per salute e non soltanto per un fine dimagrante, e’ molto semplice da adattare alla nostra cultura alimentare che e’ tradizionalmente basata su frutti della terra: verdure, frutta, legumi e cereali.
      quello che sto integrando rispetto alle mie abitudini precedenti sono i semi, che cmq in alcuni casi mi faccio da sola (tipo far tostare i semi di zucca che cucino a parte), il sesamo in versione gomasio (un preparato di sale, semi di sesamo e alghe) e alghe (ma solo la kombu per far cuocere prima i ceci e la nori per aggiungerla alle insalate e risparmiari sui condimenti.
      tofu e compagnia danzante non li uso.
      l’altra eccezione al km0 sono gli avocadi… uno ogni tanto perche’ mi piace un sacco hehehe
      ma per il resto ho “basicizzato” la mia cucina tornando ad alimenti ancor piu’ frugali.

      sulla famiglia non so che dire perche’ mio marito e’ snello, ma ha abbracciato la filosofia che c’e’ dietro questo tipo di alimentazione per una questione salutistica, quindi mi appoggia.
      del resto questa non e’ una “dieta” in cui si fa la fame per dimagrire, ma un approccio salutare all’alimentazione che farebbe bene a tutti, anche ai magri.
      questa fase infatti piu’ rigida in cui ho eliminato anche i cereali oltre a tutti gli alimenti di derivazione animale e’ una detox, volta al dimagrimento, ma lo stile alimentare da tenere poi tutta la vita e che secondo me e’ in effetti salutare per chiunque e’ piu’ flessibile: intanto si consumano liberamente i cereali integrali e poi si possono consumare anche gli alimenti “no” in dosi moderate (10% al giorno). della serie se una sera ti fai la grigliata il giorno dopo eviti del tutto le proteine animali.

      pero’ deve anche essere una scelta condivisa, me ne rendo conto, perche’ all’inizio la sensazione di privazione la avverti e avere tante tentazioni in giro non aiuta.

  9. Anch’io la sera vado di insalate con ceci lessati o soia o fagioli … ma ai bimbi devo per forza fare altro.. le polpette però non le gradiscono, non le assaggiano nemmeno.. aspetto le ricette..
    ciao Erica

  10. Vi ho lette tutte quante… aspetto anche io le ricettine, eh!!!! 🙂
    Dovrò andare a vedere sul calcolatore, ma c’ho un po’ timore… 🙁

  11. Presente! A dieta anche io, anche se il calcolatore mi dice che sono nel giusto mezzo. Ho già perso 1,5 kg dei 2 che volevo perdere, ma forse arrivo pure a 3, dai. Io odio stare a dieta, per cui mi metto sempre obiettivi minimali, per il resto spero sempre che l’attività sportiva faccia il miracolo!
    La dieta che faccio comunque è estremamente semplice da seguire, praticamente è come mangio normalmente, però mi aiuta a limitare la quantità di alcuni cibi. Come te, avevo cominciato a mangiare non male, ma troppo. Vabbé che bruciavo, ma bastava che mi fermassi una settimana e arrivava subito quel mezzo kg in più. Troppo pane, ad esempio, troppi assaggi. Non ero più consapevole di quello che mettevo nel mio corpo e quando e il fatto di seguire la dieta mi blocca proprio nel momento in cui mi nutro in modo inconscio. Dai che in primavera sarà meraviglioso indossare i vestitini leggeri belle sgonfie e toniche!

    • si, quello e’ la mia immagine “carota” 😉
      io sono dimagrita tre chili in due settimane, ma con i vestiti ancora non sento la differenza. 🙁
      poi se smettesse di piovere accidenti, me ne andrei a correre!!!
      uffa

  12. Ho cominciato oggi questa dieta, anche grazie ai tuoi post! Grazie!
    Tu la stai ancora seguendo?

    • In bocca al lupo!
      Io sono dimagrita sette chili e adesso sto continuando a mangiare pochissime proteine animali, sperando di perdere gli altri due chili che mi restano sul groppone.
      Sono molto soddisfatta e soprattutto riesco a seguire la dieta anche quando sono fuori.
      Cerca su trashic tutti i miei post, possono esserti utile visto che ti sei messa adesso in cammino. inoltre anche mammafelice pubblica ogni giorno ricette sfiziose, quasi tutte adatte alla dieta fuhrmann!

Parla alla tua mente

*