Farinata di ceci

farinata-di-ceci-light-vegan-furhman

Ricetta facilissima da preparare con la farina di ceci: povera di carboidrati, perfetta per chi segue una dieta vegan o vegetariana o anche una dieta Fuhrman. Preparata con pochissimo olio (o anche zero olio), può essere mangiata abbondantemente. Ed è buona!

Un modo per mangiare i legumi quando non si ha voglia di insalata o polpette, e si vuole qualcosa di sostanzioso, confortante e caldo.

Ingredienti: farina di ceci, acqua, sale e pepe.

Le proporzioni: 1 parte di farina di ceci per 3 parti di acqua, ovvero: se mettiamo 200gr di farina di ceci, aggiungiamo 600gr di acqua tiepida.

Come preparare la farinata

Mettiamo la farina di ceci in un contenitore alto (possibilmente ermetico) e aggiungiamo poco alla volta l’acqua, mescolando bene con una frusta affinché non si formino grumi. Aggiungiamo due o tre pizzichi di sale (senza sale non sarà buona). Possiamo aggiungere due giri di olio, ma vi assicuro che non è necessario: senza olio risparmierete almeno 300 calorie.

Coprite il contenitore e lasciate riposare per una notte.

Mescolate bene, raccogliendo i residui sul fondo del contenitore: il composto è liquido, molto liquido. Non preoccupatevi: si addenserà in forno.

Spennellate pochissimo olio sul fondo di una teglia spessa (o usate la carta forno), e versate il composto con il mestolo; non superate l’altezza di un centimetro: la farinata è più buona se sottilissima, perché resta molto croccante ai bordi e morbida al centro.

Fate cuocere in forno caldissimo (massima potenza, sia statico che ventilato – io uso il forno ventilato) per alcuni minuti: dovrebbero bastare 8-10 minuti, ma dovete verificare.

Togliete dal forno e servite subito, caldissima, spargendo del pepe nero macinato al momento ed eventualmente ancora un pizzico di sale.

Potete condire la farinata in molti modi: con cipolle, con affettati (speck, lardo, salame…), con carote, zucchine, carciofi, rosmarino, erbette… sperimentate!

Da provare quando: avete tanta fame e volete fare una cena o uno spuntino sostanziosi, senza far salire l’ago della bilancia. Se seguite la dieta Furhman o una dieta vegana, potrete mangiarne in quantità abbondanti.

Commenti

  1. Ciao,
    confermo: è una ricetta semplice, che ben si adatta a vegani e diete di vario tipo. I ceci sono molto proteici, fra l’altro.
    Mi permetto di aggiungere un paio di trucchi:
    per evitare più facilmente i grumi, usare acqua frizzante;
    l’olio nella ricetta originale è davvero abbondante, eliminandolo la farinata risulta un po’ stopposa. Si può allora aggiungere un pochino (ma veramente poco, 2/3 cucchiai) di latte, o latte di soia se l’alimentazione è vegana.
    Ecco. Adesso ho davvero fame 😀

    • Io mi sono abituata senza olio e la trovo comunque molto buona: l’importante è lasciarla molto sottile, in modo che, come dici tu, non diventi stopposa. Grazie!

      • Ciao.
        Anche io non uso olio. Però ho provato a farla e mi si gonfia durante la cottura e il risultato finale non è granchè. E’ normale? Uso il forno a 200.

        • Forse metti troppa quantità nella teglia? Devi metterne poca, spessore 5 millimetri (se hai la teglia spessa), così non gonfia.
          Usi farina di ceci ‘pura’ o qualche preparato? Perché nei preparati a cottura rapida ci potrebbe essere lievito (e c’è latte in polvere… pensa te).

          • Grazie per l’attenzione.
            Lo spessore è di circa 5/6 millimentri quindi escludo.
            Mi fai venire il dubbio della farina, dopo controllo.
            Ho provato anche ad alzare la temperatura, a spostare la teglia in basso…..per il resto viene anche ben cotta dopo qualche minuto di raffreddamento, ma è quella specie di pellicola che si forma per il rigonfiamento.

            • ahhh sì, la pellicola si forma: è una specie di crosticina, giusto? quella viene anche con l’olio, però.
              credo che sia perché è troppo cotta, o per lo meno: cuoce troppo in superficie, prima di cuocere dentro.
              se ti va, prova questo ‘trucchetto’: copri la teglia con l’alluminio e fai cuocere la prima metà del tempo con la teglia coperta. poi scopri e termini la cottura.
              in questo modo la farinata non dovrebbe bruciare sopra, ma semplicemente dorarsi bene alla fine.

  2. wow! ho già fame (anche se ho appena pranzato…..)

    una sola domanda: per il massimo della temperatura, si intende 200 gradi, o anche più alto?
    io ho un normalissimo forno elettrico…

  3. aspirantemamma

    l’ho provata la settimana scorsa e sono già dipendente…anche io metto solo un girino d’olio sulla teglia e la riempio di verdure (cavoli, cicorie, bietole), è veramente buona

  4. Adoro fare le panelle e tornerei a Livorno solo(ed esclusivamente) per il mitico cinque e cinque! Ma qui mi sembra che parliamo della versione light, eheh. Ad ogni modo, la bontà della farinata è indubbia e ci ricorda che spesso è facile, gustoso e leggero aprire la dispensa e preparare qualcosa di antico dal sapore genuino.

  5. ma solo a me non è venutaaaaaaa?? me tapina Elisabetta
    Mammafelice perchè devo reinserire il nome e la mail ad ogni commento?

    • Come mai non ti è venuta? Che cosa è successo?
      (non so come mai… non è che il tuo browser è impostato per eliminare i dati di accesso?)

      • a me sembrava di aver fatto tutto per benino ma è rimasta attaccata alla teglia ( forse perchè ho usato la pirofilo di vetro?) e tutta molliccia sopra.
        io non ho modificato il browser ma non escludo che i nani schiacciando tasti a caso siano riusciti a farlo

        • Dovresti usare una teglia apposita, in alluminio e bella spessa. Queste teglie hanno proprio il fondo spesso che scalda bene anche sotto, così la farinata resta croccante e non diventa molle.

          • cmq anche con le teglie antiadeenti meno spesse viene bene. io ne ho una col doppio fondo ed effettivamente li’ vengono spettacolari, ma anche in quelle sottili vengono bene.

  6. E’ una bontà. La faccio con le verdure e fa anche un figurone a tavola. 🙂 grande questo spazietto di cucina sana, economica e buona!

  7. Dopo il post su MF, l’ho provata in mille modi: non la lascio piùùùùù 🙂 è davvero semplice e gustosa!!!

  8. il segreto credo sia proprio farla e servirla, a me piace e per riuscirci io è proprio facile 😛

  9. Anche a me piace molto!
    Ho tanti ceci essiccati e vorrei ricavarne farina… Ho un mulino elettrico che macina anche il mais, qualcuno sa se è possibile farla in casa o se rischio di rompere la macina interna?
    Mi piacerebbe fare la farinata 100% home made… 🙂
    grazie

  10. solo io non trovo la farina di ceci al supermercato??? 🙁

    • la trovi anche sfusa ai banchi di mercato che vendono legumi, olive sta roba qua

    • Cristina, devi provare dove ci sono tutte le farine ‘strane’, tipo farina di castagne o roba del genere. A volte persino nel reparto dolci o etnico. Ma c’è di sicuro: ormai si trova ovunque.

      • Nel mio super dovrebbe essere nel reparto dolci perchè hanno la farina di castagne, di mais, di grano saraceno, di grano tenero e di grano duro più tutti i “preparati” (dolci, pane, pizza, pan cake …) ma quella no 🙁
        Adesso provo a chiedere ai miei se me la prendono alla coop 😉

Trackbacks

  1. […] Insalata facilissima per chi sta seguendo una dieta vegan o vegetariana, o la dieta Fuhrman: facilissima da preparare, adatta anche all’ufficio. Potete completarla con tofu o ceci o una bella porzione di farinata. […]

Parla alla tua mente

*