Nascondere i difetti: busto e gambe

come-allungare-le-gambe-mimetizzando-i-difetti

Possiamo facilmente imparare a nascondere e camuffare i nostri difetti, e in alcuni casi trasformandoli addirittura in punti di forza. Oggi vediamo come allungare le gambe se non particolarmente slanciate o il busto se corto.

Abbiamo parlato di come camuffare fianchi e pancia, oggi affrontiamo le proporzioni di busto e gambe.

Come allungare le gambe

Se abbiamo torace lungo e gambe “corte” dobbiamo giocare con le proporzioni, più che con i modelli.

Gonne corte + top morbido. Se abbiamo gambe abbastanza snelle non facciamo superare la lunghezza della gonna oltre il ginocchio. L’ideale sarebbe optare per gonne anche un palmo sopra il ginocchio, abbinate a top morbidi, non troppo lunghi.

Vita alta. Allunga le gambe e la figura tutta, quindi meglio scegliere il taglio a vita alta per pantaloni e gonne (come i bermuda di Rachel Zoe nella foto sopra), abbinando sempre top che arrivino al massimo a sfiorare il sedere.

Pantaloni lunghi e tacchi alti. Inutile dire quanto un paio di tacchi possano giovare alla gamba, in ogni caso, anche con tacchi medi o nulli, meglio scegliere pantaloni che sfiorino il tallone piuttosto che i modelli tipo Capri.

Come allungare il busto

Se il problema è inverso e abbiamo gambe chilometriche e busto corto, dobbiamo utilizzare i volumi al contrario.

Maglie lunghe, anche over se il busto è stretto. E bilanciare con pantaloni stretti, gonne a tubino, minigonne (per chi può permettersele per età e taglia) e pantaloni tagliati tra il polpaccio e la caviglia (che “accorciano la gamba e favoriscono un effetto ottico di bilanciamento).

Camicie lasciate fuori dalla vita di gonne o pantaloni. L’imperativo è: non marcare la vita. Quindi la linea trasversale della fine del top deve arrivare molto sotto rispetto alla linea della vita naturale: minimo a metà sedere.

Scollature. Evitare i girocollo e prediligere lo scollo a V. Ovviamente bene anche lasciare sbottonato qualche bottone della camicia. Per creare una linea longitudinale che suggerisce verticalità.

Vita bassa. Benissimo tutti gli abiti tagliati a vita bassa e preferibilmente corti per valorizzare le gambe. Idem per gonne e pantaloni spezzati.

Che ne pensate?

Avete di questi problemi e trovate i trucchetti adatti allo scopo?

Commenti

  1. Non leggo del sacco nero pero’! dove lo lasci? io lo uso tanto 😛 , a volte nn c’è speranza credimi

    • Non ti conosco, ma mi permetto di dirti che secondo me sei bellissima.
      Comunque.
      😉

    • no, questa non te la passo bietoli’!
      il sacco nero lo usiamo tutte, certe mattine serve anche quello per annullarci, e va bene. ma poi dobbiamo fare uno sforzo e darci un tono, innanzitutto per noi stesse. io — te lo giuro — una donna oggettivamente brutta non l’ho mai conosciuta!ognuna di noi ha punti di forza, talvolta sono meno manifesti e piu’ celati e richiedono maggiore attenzione, ma io non posso credere che tu non sia bella: ti conosco ormai da cinque anni e ci sei, ti sento, hai carattere, sono certa traspaia anche dai tuoi tratti e sono anche certa che tu possa riuscire a valorizzarti sempre piu’, a patto che tu lo voglia 😉

      • Uffff ecco mi sento in colpa verso me stessa 🙂
        cmq hai colpito nel segno, mi pesa e mi annoia tanto comprarmi da vestire provarmi le cose, valutare scegliere ! Sarà che mi stanno sulle palle quelle che stanno bene con tutto addosso e quindi mi urta dover faticare tanto e quindi ripiego sempre su quelle cose ! Pian piano pero’ passetti piccoli alla volta sto cambiando il mio modo di vedermi!
        Grazie 🙂 :*

  2. @Bietolina: Nel sacco nero buttaci l’incertezza, le convinzioni sbagliate, la voglia di uscire sciatta perchè devi andare solo al supermercato, le scarpe brutte brutte che tanto non si vedono, la dose sciagurata di compiangimento.
    Poi prendi un bel the speziato, fatti un po’ di conticini mensili e quando puoi compra un bel vestito dai colori vitaminici, anche al mercato. Guardati alla specchio con l’abito nuovo e di “sono bella.” , perchè te lo devi.
    Un abbraccio, anche se non ci conosciamo.

    • Grande Zu. Grande Caia.
      Ora a questo punto o Bietolina ci posta una foto in cui deve dimostrare in modo circostanziato, strutturale e dettagliato l’orrido che si vede addosso o altrimenti, ne sono sicura, abbiamo ragione noi.
      😉

    • Tanto per capirci, quelle dosi sciagurate di compiangimento credo che le abbiamo tutte, la sottoscritta almeno una a settimana. Ho passato buona parte della mia esistenza a sentirmi brutta o inadeguata, poi piano piano ho iniziato a trattarmi con tenerezza. Ok, ho i miei difetti, ma posso essere bella, come tutte. 🙂 sorridiamoci un po’ di più…al resto ci pensa Caia! 😛

    • 😉 grazie!Hai tremendamente ragione 🙂 pero’ lo ammetto non esco sciatta non ci riesco o almeno credo di non uscirci! :))) :*

  3. adoro sempre di piu’ tressssssssssssssic 😛

Parla alla tua mente

*