Sanremo: i migliori look di sempre

sanremo-migliori-look-vestiti

Io guardo Sanremo da che ho memoria. Non faccio falsi snobismi, mi piace proprio. Mi piace la dimensione di condivisione che gli gravita intorno. Sanremo era la cosa più social che avevamo prima che inventassero i social.

Da bambina lo guardavo con mia mamma e mia zia, un noto settimanale aperto fra noi, per seguire i testi. Io aspettavo sempre con ansia Anna Oxa, in quegli anni non mancava quasi mai, ed era una bellezza spaziale, con dei look strepitosi. Io pensavo che sarei stata così da grande: alta, magra, bionda, algida, quasi siderale. [Sorvoliamo].

Persino alle elementari parlavamo per giorni di Sanremo. Ho un ricordo nettissimo di me a mensa, che canto a squarciagola “Io nasceròòòòòòò….“.
Al liceo naturalmente gruppo di ascolto serale con le mie amiche del cuore, a casa dell’una o dell’altra. Poi si dormiva tutte insieme.
All’università con le coinquiline. Sedute per terra con vasche di gelato, popcorn, patatine. Ricordo come fosse ieri le sghignazzate per “La terra dei cachi“, canzone che lego indissolubilmente anche al mio primo amore. Tragicomico, infatti.

Adesso lo vivo social online. Sul divano letto in salotto. Una delle figlie addormentate a fianco. La TV accesa, il mac, il cellulare, l’ipad: trashic, facebook, twitter, anche qualche sms per le amiche più vintage. Con voi, con le amiche del liceo, con quelle dell’università… Io in Sanremo sguazzo come Peppa Pig nel fango. Potete seguirci con l’hashtag #mammeasanremo, su Twitter.

E da un rimembrone con la mia amica del liceo nasce questo post. Presente quando si parte con “Ma ti ricordi quel vestito pazzesco di Anna Oxa? Doveva essere l’86”. Ecco. Ricordate con noi.

look-memorabili-sanremo-1

1. Troppo piccola per ricordarmelo eppure me lo ricordo, questo look esibito da Anna Oxa, diciassettenne, al suo esordio con “Un’emozione da poco. Era il 1978, arrivò seconda, davanti a “Gianna” di Rino Gaetano. Anna era vestita da uomo ma assai femminile, così alta e longilinea, i guantini, il trucco punk e lo smalto nero. A me piace ancora adesso.

2. 1986, uno dei festival più belli di sempre, a mia memoria. So ancora quasi tutte le canzoni a memoria. La dea Oxa si presenta vestita di pelle, ombelico scoperto, cappuccio sulla testa, capelli platino. E giù brividi: “È tutto un’attimo“. In un’altra versione ha una gonna a tubo, tacchi altissimi, piccola giacca di pelle con zip, fibbia dorata con catenella. Molto Versace, non trovate? Ma era Versace? No, era Paolo Negrato (chi è costui?).

3. Stesso anno per il look che fece scalpore: Loredana Bertè si presenta con un finto pancione, lei sì in Versace. Il look e l’esibizione sono rimasti impressi, la canzone un po’ meno: qualcuno si ricorda di “Re“? Ma soprattutto qualcuno si ricorda perché era così scandalosa?

look-memorabili-sanremo-2

4. Patty Pravo nel 1984, in Versace (Gianni), “Per una bambola“, uno dei look di Sanremo più belli di sempre, a parer mio: una geisha dalla lunghissima treccia, in nero, o in argento. Trucco, capelli, abiti, movenze: tutto perfetto e meraviglioso.

5. I Matia Bazar, nel 1983, “Vacanze romane“, deliziosamente anni ’30 – oppure Antonella Ruggiero, 1998, “Amore lontanissimo“, minimalismo orientale raffinatissimo (6)? Ma perché scegliere?

E gli uomini? Io mi ricordo Enrico Ruggeri con gli occhiali bianchi (“Nuovo swing” ’84), il ragazzino con lo smoking bianco (Luis Miguel “Noi ragazzi di oggi” ’85). Il broncio sul giubbotto di pelle marrò di Eros (“Terra promessa” ’84) chi se lo ricorda?

E voi che mi dite? Quali vestiti vi sono rimasti impressi nella memoria?

Photo credits: Vanity Fair (12, 3, 4), Sabbione (5), You tube (6)

[Grazie a Francesca per quelle belle serate al liceo e per questa “chattata della memoria”].

 

Commenti

  1. Grazie a te Sissa…Sanremo per noi era un momento super “trasgressivo”…si faceva tardi, si mangiavano schifezze, si sognava a fare le star oltre che con le canzoni soprattutto con i look.
    in realtà mi sa che per me poco è cambiato: sto ancora sbavando per l’undercut di Emma Marrone e sono passati due anni!!! ^_^

  2. chi mi è rimasto impresso? facile…Vasco. Francamente non ricordo che vestito aveva e neanche se era vestito o nudo….ma…Vasco!!!
    confermo Anna Oxa, l’ho vista dal vivo il mese scorso ed è una donna non bellissima, molto di più. Elegante anche con jeans e maglietta, che invidia essere così.

    • Soprattutto ha continuato una ricerca sul look, che rispecchiasse la sua ricerca musicale. Poi può piacere o non piacere. A me, personalemente, non piace molto ultimamente, ma apprezzo la ricerca.

  3. Odio le mutande che fanno capolino dai pantaloni, ma il look di anna oxa nel 1999 é indimenticabile!
    E.

  4. anche il total white di Elisa del 2001 fu una scelta stilistica particolare! si prensetò ad ogni serata con un diverso abito completamente bianco, senza lasciare spazio ad alcun altro colore. Anche il secentesco look di Rettore nel 1994 con ”di notte specialmente”

Parla alla tua mente

*