Dieta Fuhrman ricette

Io continuo con la dieta Fuhrman, continuo a perdere peso, meno rapidamente che all’inizio, ma con costanza e anche con maggiore gusto a tavola, considerando questa alimentazione vegana come un’opportunità per scoprire cibi nuovi, prendermi cura della mia salute e inserire gradualmente nuove abitudini sane nella mia routine.

Condivido allora con voi tre menù vegani della settimana scorsa, sperando vi possano essere utili come spunti per un pranzo o una cena diversi dal solito e in aggiunta un dolcino vegano, ma molto gratificante per chi sta a dieta.

Vegburger, insalata mista e salsa di avocado

menu-vegano-tipo-dieta-fuhrman

Per i vegburger mi sono ispirata a una ricetta di Labna — amore in cucina, ma ho utilizzato fagioli azuki invece di fagioli neri.

L’insalata era iceberg e rucola, con arancia, mela, noci e aceto balsamico.

Infine ho composto una salsa all’avocado frullando mezzo frutto, succo di limone, abbondante cipolla rossa, sale, pepe e un goccino d’olio. Ottima da accompagnare ai vegburger!

Carciofi con le patate e riso integrale

dieta-vegana-menu-dieta-fuhrman

Questo sembra forse il menu più triste, ma per me è stato di grande soddisfazione perché adoro i carciofi e fatti in questa maniera restano molto consistenti e saporiti, con pochissimo condimento. Ho semplicemente riempito i carciofi con un trito di aglio e prezzemolo e un po’ d’olio, li ho posizionati a testa in giù in una casseruola, mettendo tra uno e l’altro i gambi a tocchetti e spicchi di patate. Ho irrorato con brodo vegetale (fatto col mio dado autoprodotto) e un filo d’olio, poi ho cotto a fuoco basso.

Ho accompagnato carciofi e patate con riso integrale che a me piace moltissimo senza nient’altro.

Polpette di couscous, farinata alle cipolle e verdure gratinate

dieta-fuhrman-menu

La farinata che all’inizio della dieta è stata una costante dei miei pasti, la preparo ormai più raramente, ma quando la faccio non lesino sulle cipolle di Tropea che le danno proprio un profumo invitante!

Poi ho sperimentato varie polpette, queste sono fatte con couscous integrale e broccoli, entrambi avanzi di pasti precedenti, ai quali ho aggiunto pinoli e uvetta, e un po’ di addensante vegan al posto dell’uovo, ossia un cucchiaio di farina di semi di lino, miscelata a 3 cucchiai d’acqua. Ho cotto le polpette schiacciate in una padella antiaderente con poco olio.

Contorno invece che faccio spesso, le verdure gratinate, in questo caso zucca e rapa bianca a fettine, distese sulla teglia con un filo d’olio e tanto gomasio!

Ma la scoperta che ha dato un senso alla mia scorsa settimana sono stati senza dubbio i dolcetti con due ingredienti, sempre di Labna .

Biscotti vegan

dolcetto-vegano-dieta-fuhrman

Una delizia, rapida, facile e d’effetto: banana schiacciata e fiocchi d’avena, a cui Momo che li ha preparati con me ha voluto aggiungere generosamente del cioccolato amaro. Da rifare, rifare, rifare…

Prima di chiudere, voglio specificare che le quantità che vedete in foto sono puramente estetiche, la dieta Fuhrman prevede quantità libere, che io sto pedissequamente rispettando 😀

Vi stuzzicano questi menu?

Li replichereste?

Commenti

  1. Ah ecco! per fortuna la postilla finale! Vedendo quei due spicchietti di patate e avevo già la lacrimuccia… 😀
    Per il resto stavo pensando che è tutto davvero sfizioso! Mi voglio cimentare con le polpettine varie.
    Con calma mi vado a leggere il tuo post sulla dieta Furham più in generale che sono curiosa. Un po’ di vegano fa sicuramente bene 🙂
    Grazie degli spunti!
    Laura

    • Io sto praticamente mangiando totalmente vegano da un mese e mezzo con una solo caduta su pesce.
      Ma non ho intenzione di diverntarlo per la vita, eppure nel quotidiano mi fa davvero stare bene e soprattutto mi permette di fare delle scelte “facili” che quando sono fuori casa mi danno modo di mangiare comunque qualcosa senza fare danni e rovinare la dieta.
      cioe’ se c’e’ un buffet, magari mangio qualche pizzetta rossa, ma evito tutta la roba tipo arancini con carne, roll di sfoglia con wurstel e per quante pizzette mi possa mangiare ho certamente limitato molti danni 😀
      e poi mi sono accorta che tante cose si possono fare tranquillamente eliminando le proteine animali e restando piu’ leggeri: male non fa. tipo le polpette: se posso evitare uova e formaggio perche’ aumentare calorie e proteine animali?
      piuttosto ogni tanto mi mangero’ senza scrupoli la mozzarella sulla pizza perche’ mi piace e ogni tanto male non fa.
      cosi come il pesce o il pollo: consumando consapevolmente, approfondendo la derivazione come ho fatto finora, ma diminuendo l’incidenza settimanale.

  2. ma dettagli su quei biscotti?

    🙂

    • DEttagli: buonissimi!!!
      ehhehe
      ho linkato la ricetta, ti innamorerai di quel sito!
      Comunque ho schiacciato la banana e ho aggiunto fiocchi di avena. la ricetta diceva di metterne 50gr per banana io alla fine ne ho messi meno, ma devo riprovare con le dosi giuste perche’ secondo me ci volevano. poi puoi aggiungere tutto: pezzetti di frutta secca o essiccata, pezzetti di cioccolato, cioccolato in polvere come abbiamo fatto noi o altre spezie come cannella se piace.
      sono veramente sfiziosi!
      se vieni domenica al te’ te li faccio 😛

  3. Mi hai fatto venire una fame… ma certissimo che proverò tutto! 🙂
    e quei biscottini, magari con le manine giuste potrebbero venire ancora più buoni, come insegna il saggio Momo!!!

  4. La cosa che mi spaventa da morire però è la totale assenza di carboidrati :/ Non so se ce la posso fare!

    • Io le prime due settimane l’ho fatta integrale, con una sola prozione di carboidrati minimissima (due/tre fette biscottate integrali a colazione), ma poi siccome stavo dimagrendo troppo 😀 ho aumentato e adesso almeno a pranzo o a cena, ma spesso in entrambi i pasti mangio anche i cereali, ma scelgo sempre farine non raffinate. mangio anche la pasta, ma magari di kamut o integrale o di farro (anche fatta in casa).
      se non hai bisogno di dimagrire molto e’ una strada piu’ lenta, ma efficace.

  5. francesca m

    Io per il momento niente dieta … però grazie a voi ho sperimentato la farinata casalinga ed è venuta molto buona (anche se non come quella della pizzeria perché credo che ci mettano veramente tanto olio).
    E prima o dopo devo sperimentare i dolci che proponi!
    Però senza formaggi per me non è vita!

    buona giornata
    fra

    • devo dire che anche io ero una che mangiava molti formaggi, ma alla fine al momento quello di cui sento la mancanza e che comunque qualche volta mi sono concessa e’ il pesce. sui formaggi riesco a resistere senza troppe ansie.

  6. sono anni che mangio e faccio mangiare la mia famiglia così e ancora non riesco a definirmi vegana. Tu per ora prenditi il buono del regime vegano, le implicazioni etiche, se vorranno venire, verranno in futuro…! Se ti metti un po’ a ricercare questo aspetto anche in rete non farai che convincerti sempre di più della bontà della tua scelta!!!!

    • ma infatti sto studiando molto, appena riesco ne parlero’ qui su trashic!
      per ora sono contenta e vado avanti cosi. anche i bambini non mi sembra stiano soffrendo e comunque per loro ogni tanto integro con qualcosa, un po’ di latte, stracchino e pollo bio.
      vediamo, giorno per giorno 😉

  7. Mi stuzzicano eccome questi menu! Tra tutte le proposte quella che mi ispira di più é la ricetta dei carciofi con patate e riso… Gnam!!!!
    E.

  8. Ma dove trovi tutti questi ingredienti particolari? Io avrei mooolta difficoltà nel reperirli. Tanto per fare un esempio, ho cercato in tanti fruttivendoli le cipolle di Tropea, che mi piacciono molto, ma senza risultati. L’unico posto dove finora so che ci sono è a 50km da noi, ovvero nel paese dove vivono i miei suoceri. Non oso immaginare se cercassi gomasio o semi di lino.
    Comunque sei davvero molto brava, io non avrei resistito nemmeno una settimana eliminando tutte le proteine animali. Passi la carne, ma anche uova, pesce latte e derivati, no, non potrei….

    • Oddio, le cipolle di Tropea le trovo al banco del contadino, ma credo siano la cosa piu’ semplice: gomasio e semi di lino invece possono risultare piu’ difficili, ma ci sono siti dove acquistare questo genere di cose online con consegna gratuita oltre una soglia minima di spesa.
      il gomasio altro non e’ che semi di sesamo mischiati a sale e alghe sbriciolare (volendo te lo puoi rifare prendendo gli ingredienti base).
      e poi un’altra cosa: io ho introdotto le piccole nuove abitudini, molto gradualmente, tentando di integrarle al mio modo precedente di cucinare e preparare gli alimenti.
      mentre per l’eliminazione delle proteine animali, ho provato, pensando che indietro facevo sempre in tempo a tornare.
      ogni tanto ho mangiato il pesce (per stasera ho gia’ sui fornelli asparagi e gamberi per fardi un risotto…) ma del resto non sto soffrendo… vedremo quanto dura 😉

  9. Ciao, dallo scorso anno mi sono letteralmente incollata a Trashic per conoscere tutti i “retroscena” della dieta…ad un anno di distanza ti chiedo: come procede? riesci ancora a restare fedele a questo regime alimentare? e i kg persi? se ne sono davvero andati o la bilancia ondeggia come accade spesso?
    Tutte queste curiosità perché vorrei tanto intraprenderla anch’io questa dieta, per perdere 4-5 kg (ma il limite così forte di carboidrati mi spaventa, specie in quei giorni down in cui ne farei continua incetta!!!).
    Mi piacerebbe ricevere qualche aggiornamento, grazie.
    Manila

Parla alla tua mente

*