Dieta Zona Italiana: come funziona

dieta-zona-dimagrire-sears-come-funziona

Parlano tutti della Dieta Zona e io che ho provato praticamente tutte le diete concepite da mente umana più o meno sana, non potevo certo rimanere nell’ignoranza. Ho preso il mio bel Grande libro della Zona Italianada Amazon e me lo sono sfogliato per benino per capirci qualche cosa. Quindi: in cosa consiste la Dieta Zona?

La Zona nasce dal biochimico americano Barry Sears, come terapia alimentare per curare cardiopatie e diabete. Si tratta di un’alimentazione studiata per tenere a bada la produzione di insulina che se in eccesso favorirebbe l’immagazzinamento dei grassi. Siccome l’insulina è prodotta dal pancreas in risposta all’assunzione dei carboidrati, sono questi ultimi a dover essere contenuti in favore di grassi e proteine.

La Zona prevede una distinzione tra i nutrimenti in tre gruppi: carboidrati, proteine e grassi che devono essere assunti in proporzione uguale in ogni pasto (ossia carboidrati 40%, proteine 30%, grassi 30%). Questo significa che in questa dieta non c’è un conteggio cumulativo di calorie e apporti nutritivi giornalieri o settimanali, ma un discorso di equilibrio su ogni pasto.

L’altra regola fondamentale è la distanza tra i pasti che non deve mai superare le 5 ore. Sono quindi necessari degli spuntini per garantire all’organismo una situazione ormonale sempre in equilibrio, compreso uno piccolo pasto prima di andare a dormire.

Ci sono poi altri accorgimenti generali utili a chi vuole intraprendere il percorso per “entrare in Zona”:

  • limitare il consumo di pane, pasta, pizza, patate e dolci
  • bere almeno 2 litri e mezzo d’acqua al giorno
  • mangiare poco e spesso
  • consumare proteine in ogni pasto
  • limitare l’uso di condimenti molto grassi come burro, panna, margarina e salse molto ricche
  • mangiare in ogni pasto frutta e verdura o in alternativa sempre piccole quantità di pane o pasta
  • non esagerare con i caffè

Nella scelta dei cibi non ci sono divieti assoluti, ma scelte preferenziali.

Nel caso dei carboidrati le scelte migliori sono: frutta, verdura, legumi, cereali integrali quali avena, segale e orzo. Le proteine privilegiate sono: pesce (in particolare quello ricco di omega3), carne magra, affettati magri o sgrassati, albume d’uovo, formaggi come feta, fiocchi di formaggio, mozzarella, ricotta etc, soia e derivati.

Infine i grassi privilegiati sono: olio extravergine d’oliva o di semi di arachidi o di sesamo, olive, frutta secca, avocado e omega3 distillato e concentrato.

Fare attenzione alla frutta quale anguria, melone, litchi e uva e ai cibi affumicati.

I cibi considerati sfavorevoli sono invece: frutta secca, essiccata candita e disidratata, castagne, banane, fichi e fichi d’India, kaki, mango e papaia; barbabietole, granturco, patate, piselli e zucca; tutti i cereali tranne quelli menzionati sopra; dolci e dolcificanti (ammesso solo fruttosio); bibite e alcolici; succhi di frutta e spremute; carni rosse grasse, coscia di coniglio, insaccati grassi, frattaglie, tuorlo d’uovo, formaggi grassi e stagionati; grasso visibile di carne e affettati; burro, margarina, strutto, panna, maionese, la maggior parte degli oli di semi.

Da evitare invece oli di cocco, di palma, i grassi idrogenati.

Questa a grandi linee è l’impostazione per intraprendere la Zona, che ne pensate di questa dieta?

Trackbacks

  1. […] capito cos’è la dieta Zona, come si calcolano i blocchi e come si può gestire un pasto anche fuori […]

  2. […] Dimentichiamo tutto ciò che sappiamo sulle calorie e sul fabbisogno medio giornaliero di un individuo. Per la Zona è tutto superato, perché quello che importa è dare l’adeguato quantitativo di proteine e tarare la giusta quantità degli altri nutrienti per rispettare la famosa proporzione del 40-30-30. […]

Parla alla tua mente

*