X-Men: Giorni di un futuro passato

X-men_giorni_di_un_futuro_passato

 

Ormai l’avrete capito: a me piacciono assai i film tipo fantascienza fumettosa, i film tipo fantascienza distopica, i film tipo fantasy fumettosi distopici. Eccoci.
Datemi un film come X-Men – Giorni di un futuro passato e io son felice come una zecca allo zoo a primavera (#belleimmagini).

Premessa con disclaimer: la saga cinematografica è composta da vari film, questo mi pare sia il settimo. Io leggevo i fumetti degli X-Men da ragazzina ma non sono una fanatica, non conosco tutti i personaggi e le loro biografie. Ho visto tutti i film della saga finora prodotti e me li ricordo a malapena. Questo per dire che anche se non conoscete tutti i personaggi e non avete visto gli altri film, probabilmente vi divertirete lo stesso a guardare questo. Anche se vi andrà un po’ in cortocircuito il cervello per una questione di sfasamenti temporali e viaggi nel tempo. Se invece vi ricordate gli altri film, andate sereni, tutto quello che ricordate, dopo questo film, sarà inutile.

La trama

scene_X-Men_giorni_di_un_futuro_passato

Come si suol dire: è complicato. Ci provo.
Fate conto una specie di Quantum Leap + Blade Runner + Terminator + X-Men (ma dai?) + Star Trek. Ecco.
Siamo nel 2023, scenario decisamente distopico: dei robot giganti e mutanti, chiamati Sentinelle, riescono a individuare i mutanti e li stanno sterminando, insieme a tutti gli umani che li hanno aiutati o che hanno un gene recessivo che può produrre mutanti. Un gruppo di sopravvissuti forma un nucleo di resistenza. Dopo 5 minuti di battaglie in apnea (la mia) muoiono quasi tutti. Primo cortocircuito: tra telecinesi e passaggi ad altre dimensioni  – eccallà – sono di nuovo tutti vivi.

Il trucchetto messo in atto dai resistenti sembra essere efficace, quindi il gruppo degli X-Men super-esperti, capitanati da Magneto e Professor X, li incontra per vedere di andare a risolvere il problema alla radice: decidono di mandare qualcuno nel passato ad evitare che si compia quello che viene individuato come l’incidente fatale, quello che ha fatto sì che le Sentinelle venissero prodotte e che gli scienziati avessero a disposizione il DNA di Mystique,  l’elemento che determina la loro invincibilità.
Chi viene scelto per andare nel passato e cambiare così il futuro? L’unico con una mente non troppo complessa (ehm) e rigenerabile a tal punto da poter sopportare un salto temporale di quel tipo: e così Wolverine viene mandato negli anni ’70 a convincere i giovani Magneto e Professor X ad aiutarlo…

Perché vederlo

Personaggi_X-Men_giorni_di_un_futuro_passato

Qui la gallery con tutti i personaggi del film

  • Personaggi bellissimi e cast stratosfertico: Hale Berry, Hugh Jackman, Patrick Stewart, Ian McKellen, Michael Fassbinder, Jennifer Lawrence, Peter Dinklage, Ellen Page (la Juno dell’omonimo film).
  • Il ritorno di Bryan Singer, regista dei Soliti Sospetti, dei primi due (i più belli) X-Men e di Superman Returns, oltre ad essere il produttore di Dr. House.
  • La presenza statuaria di Hugh Jackman, ma anche vestito ha il suo perché.
  • Michael Fassbinder è un magnifico Magneto. Ed è magnifico anche di per sé.
  • Jennifer Lawrence: credo sia l’attrice più eclettica della sua generazione. Riesce a convincermi in qualunque ruolo. Riesce ad essere espressiva (e bellissima) anche con le lenti a contatto gialle maculate e il corpo ricoperto di scaglie blu. Abbiamo già parlato parecchio di lei su Trashic, e credo che continueremo a farlo.
  • Peter Dinklage. Suo il ruolo dello scienziato che comincia la caccia ai mutanti. Chi guarda Game of Thrones ha conosciuto questo attore assai carismatico grazie al personaggio più affascinate della serie: il nano Tyrion Lannister. La cosa bella è che nei fumetti il personaggio dello scienziato non è un nano: Dinklage è stato scelto come attore – non in quanto nano – per un ruolo che non prevede il fatto che il personaggio sia un nano e in cui il suo nanismo è totalmente irrilevante. Olè.
  • Perché è divertente. E perché i paradossi temporali vi faranno sfrigolare le sinapsi, dandovi fiducia nel futuro pieno recupero delle vostre facoltà mentali, anche dopo 2 anni di notti travagliate.
  • Un personaggio su tutti: Quicksilver, un ragazzino – come dire – “iperattivo”. Talmente veloce che il tempo intorno a lui sembra fermarsi. Effetti comici irresistibili.
  • Una scena su tutte: l’evasione di Magneto dalla prigione sotterranea sotto al Pentagono (accusato dell’omicidio di JKK), grazie all’intervento del succitato Quicksilver. La scena della sparatoria mescola efficacemente il candore di Chaplin agli effetti di Matrix. L’ho adorata.
  • Perché gli X-Men sono i supereroi più “sociali” di tutti: dietro le loro storie c’è sempre un messaggio contro i razzismi, gli apartheid, le cacce alle streghe.
  • Infine. Perché poi mi potete spiegare: come la mettiamo con tutti quei morti ammazzati degli altri 6 film che adesso sono di nuovo vivi?

Il trailer

Adesso ditemi: chi di voi l’ha già visto? Amate questo tipo di film o sono l’unica appassionata di questo genere, qui su Trashic?

Tutte le foto dal sito ufficiale del film.

Commenti

  1. non ho visto gli altri X-Men anche se ho sempre desiderato farlo, credo che partirò con questo! dove c’è Hugh Jackman c’è speranza….se la sua imponente presenza mi ha fatto sopportare un mappazzone come “Australia”, credo che qui lo apprezzerò decisamente!!! ti saprò dire!

    • ah, dimenticavo! è grazie alle tue recensioni se ho noleggiato i due Hunger Games, e mi sono piaciuti da morire!!! grazie SiroCriticaCinematografica!

      • Ma dai!!! Sono contenta!
        Beh, se ti piace Hugh sappi che c’è in tutti gli X-Men e persino in un monografico su Wolverine che ho visto l’estate scorsa, ne ho scritto una specie di recensione (che recensione non è) sul mio blog.

        • Tra l’altro dal post è saltato un pezzo: alludo alla presenza statuaria di Hugh. Perché c’è una scena in cui si vede nudo, da dietro. Ma anche vestito non è male proprio per niente.

  2. Ecco. Appunto. Come la mettiamo con chi era morto e adesso è vivo senza nessuna spiegazione? Perchè ho trovato fosse proprio questa la più grande pecca del film, per tutto il resto eccezionale. Fino a un certo punto ho pensato che si fosse “riscritta” la storia, un po’ come è accaduto nei i nuovi film di Star Trek, teoria poi smontata dagli eventi.
    Per tutto il resto bellissimo! Impagabile la presenza di “Tyrion”!

    • Pensa invece adesso quante possibilità si aprono…
      Tra l’altro ho letto un articolo di quelli scritti da un blogger superesperto marvel e da quel che scrive mi par di capire che ci sia un albo su questa storia, possibile? Che quindi non sia solo una scusa per richiamare un regista e fare tabula rasa di un paio di film un po’ meno riusciti…

  3. Appassionata presente!
    Devo ancora vederlo, per i motivi da te citati, perchè adoro Mistica e da ragazzina ero fissata con i fumetti.
    ^_^

  4. Io lovvo tantissimissimo Michael Fassbender <3 <3 <3 !!!!
    Vedrei anche Beautiful se ci fosse lui dentro… quindi, anche se non ho mai seguito la saga, potrei guardare molto volentieri anche Days of future past…e poi…. Hugh è Hugh, Ian McKellen è un Signor attore, e Patrick Stewart mi ricorda Star Trek (era il mitico Capitano Picard!!) quindi è favoloso a prescindere!!!

Parla alla tua mente

*