Mescolare e abbinare l’abito perfetto che ci valorizza

abito-stampa-look

Sei anni fa la mia vita è cambiata con un volo intercontinentale.

Sono partita per un’esperienza di un anno a New York con il MaritoZen, ero una ragazzina, non avevo neanche trent’anni, appena sposata, con tanti sogni da realizzare, una scoppiettante e inesauribile ansia di vivere e la capacità di leggere la poesia ovunque.

Di lì a poco sono rimasta incinta di Momo e la mia vita si è stravolta. Anche il mio punto vita, a dire il vero.

Eppure indosso ancora questo vestito che segna la mia fisionomia e valorizza il mio corpo.

È stato il mio primo acquisto nella Grande Mela: era una piccola capsule collection disegnata da Sarah Jessica Parker per una catena di cui non ricordo il nome. Io andai a scovarla e mi accaparrai un paio di capi, tra cui questo che è stato da subito il mio preferito, indossato anche per la foto di rito davanti alla gradinata di Carrie in Perry street, a qualche blocco dal mio appartamento. Ero proprio una scemina, già.

Eppure mi fa tanta tenerezza riguardarmi com’ero, ripensare alla spensieratezza e a quella leggerezza che adesso non mi riconosco più. Tranne quando indosso il mio vestito aprendo il #guardarobasentimentale, s’intende.  😉

come-trovare.il-proprio-stile

Interpretandolo e rivivendolo ogni volta col mood del momento.

modi diversi di indossare lo stesso abito

Ora chiudo, che c’ho la lacrima facile, ‘sto periodo.

Mi raccontate un vostro vestito del cuore?

post it

A grande richiesta ecco la foto amarcord 😛

manhattan-casa-di-carrie

Commenti

  1. ma io voglio vedere la foto davanti alla scalinata di carrie!!
    😀
    tu avevi meno di trent’anni, io piu di 40…chi é scemina ora?
    😀

  2. ok ho deciso, mi paleso. anche se non sono fescion – come Caia sa bene dopo avermi ascoltata pazientemente – ma cerco di studiare e apprendere dalla esimia guru.
    non ce l’ho un vestito del cuore, sigh. ma ho vestiti che non riesco a buttare nonostante siano ormai immettibili, come quello della laurea in pieni anni ’80 – chiedo perdono, ma all’anagrafe non si comanda 🙁 – e altre cosette varie. aspetto anche io la foto sulla scalinata. questo vestito è bellissimo e ti sta benissimo.

  3. Fantastica! Che belle idee. Il mio vestito del cuore è quello che ho indossato per la festa di laurea, un rapporto d’amore immediato. Vorrei mostrartelo sicuramente sapresti dargli una nuova vita! Che ricordi…:-)

  4. eccola qua! bellacomeilsole!
    io ho un vestito del cuore, ma non è quello del cuore di pietra del post sul mio blog….un altro che ha una bella storia….
    un giorno la racconto…..

  5. splendida splendente <3
    un vestito del cuore io non ce l'ho. ho iniziato con voi a rendermi conto che anche l'abito fa il monaco 😉
    meglio tardi che mai, no?
    solo l'abitino in lino bianco con cui mi sono sposata… lo sto riadattando. che era anche ora 😉

  6. Ho vestito da marinaretta di quando avevo 5 anni appeso nell’armadio dei miei, con quello era andata a vedere mio fratello in ospedale appena nato e avevo portato dei fiori alla mamma, unico vestito salvato dalla furia di decultering di mio papà, da piccola avevo davvero dei bei vestitini…

    • ehm, bietolina, ho la sensazione che ci sarebbe un problemino di vestibilità a volerlo indossare ora 😀
      possibile che non hai un abito dell’epoca adulta che ti racconti?
      dia, sforzati e se non ce l’hai… corri ai ripari!!!

  7. Eri bellissima allora, ma forse io ti trovo più bella ora! Un vestito del cuore? forse ce l’ho, ma ci devo ragionare sopra, anche se mi rendo conto che è un ossimoro: al cuor non si comanda! 🙂

  8. troppo carina la foto a Perry Street, si vede che eri felice. abito splendido e anche la borsa è molto carina.

    • si, ero felice e spensierata, davvero. il termine ‘spensierata’ non è casuale e credo di averne compreso il significato solo adesso 😉
      la borsa è stata una borsa che ho usato diversi anni, regalo inaspettato del maritoZen di quelli che tu dici da una vetrina ‘che bella quella borsa’ e poi te la ritrovi infiocchettata sul letto dopo una giornata di lavoro. inutile dire che cose di questo tipo non accadono più da queste parti >.<

Parla alla tua mente

*