Un capospalla per l’autunno

Quest’anno dicono che avremo un autunno lungo e un inverno freddissimo. Nulla potrebbe rendermi più felice: amo l’autunno e l’abbigliamento tipicamente da mezza stagione con mix and match e sovrapposizioni e amo i colori che in autunno diventano la mia divisa: il marrone nelle tinte calde e morbide come il cognac e il cuoio, ma anche il color tabacco e poi il blu che si fa brillante e ghiacciato con le tinte savoia ed elettriche, ma si porta appresso la ferma profondità del navy. 

E infine il grigio in tutte le sfumature e con le sue accezioni in tweed. Il tutto acceso da pennellate pop come reminiscenze estive o da apparizioni più stagionali, dal color zucca, al mosto, alla gamma dei bruciati. 

Insomma non sto nella pelle e non vedo l’ora di poter aggiungere uno strato ai miei outfit che si stanno pian piano adeguando alla fine dell’estate.

Oltretutto, nel mio morigerato approccio agli acquisti per questo 2014 che mi sta dando tante soddisfazioni rispolverando cose ‘vecchie’ e inventando strategie anti-noia a costo quasi zero, ho deciso di cedere a una voglia improvvisa per un capospalla per la stagione fredda. Ho optato per un imbottito doppio, preso da DiffusioneTessile, quest’estate.

Qui vorrei aprire una parentesi, non me ne vogliano quelli che si occupano dello styling di DT, che io son tanto affezionata a quel magazzino e lo consiglio a tutte le amiche e a tutte le lettrici di Trashic. Ma sono anche sincera e quando ce vo’, ce vo’.

Ma lo volete perdere qualche minuto in più su questo sito? Volete fare delle foto più appetibili, degli styling valorizzanti e aver buon cuore con le povere modelle che scegliete? Per le linee regolari avete scelto un paio di ragazze magrissime e in alcuni casi le avete vestite con almeno una taglia in più, risultato spaventapasseri. Poi c’è il caso della ragazza mora, modella per la linea di taglie comode: una ragazza veramente bella vestita come una disgraziata. Nel 60% dei casi sembra una suora laica, per essere buone. E secondo voi, una ragazza che cerca un imbottito taglia 50 acquisterebbe mai una cosa che non le toglie un etto e anzi le regala questo bel biglietto da visita? (Oltretutto dovuto unicamente alla totale mancanza di attenzione nel valorizzare il corpo della malcapitata?

Chiusa parentesi.

Tornando a me, anche il mio imbottito non sembra un granché dalle foto del sito e invece vi posso assicurare che è davvero grazioso! Ovviamente non ho nessuna intenzione di utilizzarlo a doppio strato, ma ho subito pensato di abbinare il piumino con maniche a tre quarti alla field jacket, al parka o al trench, così come al blazer o al semplice cardigan di cachemire. Mentre tenere l’altro strato con cappuccio per rendere più pesanti i cappottini che a quanto dicono non saranno sufficientemente caldi per l’inverno che ci aspetta.
Non sono una addicted di piumini e tessuti tecnici, ma quest’anno mi ha preso così e ci voglio provare!

Vi lascio un assaggio del mio styling.

sovrapposizioni-autunno-capospalla

Io l’ho interpretato così! Che ne dite?

Per questo outfit:

Tubino nero, Sandro Ferrone

Allacciate bicolore, NewLook

Parka, Zara

Piumino, DiffusioneTessile

Borsa, Mango

Collana, DIY

 

Commenti

  1. Bellaaaa! Come vorrei copiare questo look!
    Il piumino leggero ce l’ho (rosa salmone), ma mi manca il parka.
    Che dici provo con il trench beige?

    • Provaci!
      Il mio è troppo ingolfante e non mi ci piace, poi forse è anche una questione di colore perché mi sembra che stacchi troppo con questo bluette, ma forse il tuo color salmone ci sta bene
      provaci e fammi sapere 😉

  2. Ecco vedi io lo avrei messo così come l’hai comprato, non mi sarebbe mai venuto in mente di aggiungerlo ad un altro capo :-(. Non so, penso che a questo livello di “creatività” stilistica non arriverò mai ed è il punto, perchè è quello che fa la differenza; anche perchè se non sai reinterpretare la “moda”, poi di fronte alle vetrine tutte uguali (con pantaloni stretti su tutta la gamba e vita bassa) ti piglia lo sconforto.
    Comunque le sovrapposizioni non fanno per me; io ho bisogno di un guardaroba fatto di pezzi che si portino da soli e che mi valorizzino senza nessun intervento stilistico. Chiedo troppo?

    • però francesca, queste prove, questi tentativi li faccio adesso e ogni tanto quando ho tempo, per il resto un guardaroba con pezzi perfetti che non richiedano particolare styling è quello che serve anche a me.
      non ti scoraggiare, anche perché vedrai che quando avrai i tuoi pezzi perfetti sarà molto più facile anche osare ogni tanto con qualche abbinamento bizzarro. è una conseguenza.
      dai, dai!

  3. adoro le sovrapposizioni, e il mix and match, ma non so proprio da che parte iniziare, sugli altri mi piacciono tantissimo ma su di me, non so mi sento un pò inadeguata. Il tuo stile Caia è fantastico davvero molto personale!

  4. Sai che ti ammiro, ma questa volta, mmmmmh…qualcosa non mi convince.
    1. La sovrapposizione lungo sotto corto sopra 😉
    2. Il piumino con manica a 3/4

    Discorso capospalla:
    Andando in moto indosso eleganti e supera chic (!) giacche tecniche che dire che fanno schifo è dire poco.
    Sono pratiche, si, impermeabili, si, anti vento e anti tutto ma viene la depressione solo a vederle. E comunque tutto ciò che viaggia in moto nella sporcizia della città dopo poco diventa sporco e unto.
    Quindi se non sono a due ruote amo cappotti, giacche e cappottini e uso pochissimo il piumino (vivo a Roma, va detto)
    Da alcuni anni ho scoperto il piumino “sotto”.
    Sotto al cappottino quando fa più freddo e non voglio ingolfarmi
    Sotto alla giacca da moto per uscire dall’ufficio senza sembrare un giocatore di football americano (la giacca da moto ha i gomiti e le spalle rinforzate…)
    L’anno scorso ho scoperto gli ultra light down di uniqlo che uniscono al calore anche la possibilità di essere piegati e diventare microscopici.

    Boh, dopo la finta estate, vediamo come sarà questo autunno e l’inverno

    • oh, grazie Giulia, ogni tanto ci vuole l’occhio impietoso di un’amica :*
      devo ammettere che anche a me la manica che spunta non mi fa impazzire, ma soprattutto perché non mi piace il dettaglio della manica del parka con l’elastico, tanto che stavo pensando di modificarla.
      Invece il corto sul lungo non mi dispiace, anzi era l’effetto che mi intrigava di più.
      Però sono proprio felice quando mi fate notare anche il dissenso!
      Da uniqlo sto per fare un ordine per i bambini, però credo che utilizzerò lo strato di questo piumino doppio come dici tu, sotto i cappottino perché anche questo diventa molto piccolo in borsa, vediamo anche se si riuscirà davvero a sentir freddo quest’anno!
      (è anche vero che prevedo trasferte al nord e quindi in qualche maniera dovrò acconciarmi!)

      • guardati il piumino ultra light….
        impacchettato diventa grosso tipo una bottigleitta da 1/2 litro, leggerissimo e caldissimo
        ti dico solo che lo indossava a gennaio in scozia mia cugina che è molto, ma molto ma molto più freddolosa di me
        😉

      • quanto alla manica del parka, non leverei l’elastico…alla fine il parka è capo sportivo e la manica con l’elastico ne fa parte…
        pur ribadendo che lungo sotto e corto sopra non mi fa impazzire, prova qualcosa di diverso sotto se non ti piace l’elastico, “giocando” con l’effetto jappo della manica 3/4 magari….

  5. Premesso che le sovrapposizioni di solito mi piacciono, questa mi sembra un po’ pesante: quanto freddo fa a Roma?

    • non fa per niente freddo 😀
      sotto ho un tubino di cotone e il parka è leggerissimo, ed è la mia tenuta di questi giorni in cui la mattina e la sera si ha bisogno di qualcosa sulle spalle.
      Ho provato a mettere sopra il piumino, prevedendo di farlo più avanti, e ho voluto fare la foto perché mi sembrava un gioco riuscito.

    • a roma fa così freddo che il piumino “vero” l’ho messo solo per andare in scozia a gennaio…..
      :O
      oggi che sono in macchina ho portato con me un trench leggerissimo, ma credo che sarà solo per compagnia

  6. Io sembrerei troppo goffa e infagottata, bisogna essere geneticamente predisposte per poter vestirsi cosi’, tralasciando che io in autunno vestita cosi morirei dal caldo 🙁 per questo sono sempre vestita sportiva

    • Aspetta però!
      Un conto è non giocare con le sovrapposizioni per cui — è vero — bisogna avere una predisposizione più che fisica, mentale. però la storia del vestire sportivo non c’entra niente. si può osare degli abbinamenti più ricercati anche vestendosi leggere e monostrato.
      guarda che se t’acchiappo a te!
      😛

  7. Mmmm, questo outfit non convince neanche me; trovo che non ti renda giustizia; credo che sia una questione di proporzioni. Per il resto, mi sembra un po’ pesante per l’autunno, ma io non faccio testo perché qua l’autunno non s’è ancora visto; ieri, a Gallipoli, c’era più gente in spiaggia che per strada. Per me, quindi, capospalla in questo periodo vuol dire giubbotto di tela per abbinamenti sportivi e cardigan o coprispalle di cotone per outfit più femminili… Ti dirò: su certi abbinamenti, non disdegno neanche l’uso dello scialle; il mio preferito è nero, a rete; caldo e leggero allo stesso tempo… Comodissimo da nascondere in borsa, per tirarlo fiori all’occorrenza.

    • anche io uso molto gli scialli!
      E comunque qui, stranamente sta facendo proprio freddino di notte e mattina presto, tant’è che mi sono raffreddata e sto una schifezza (e oggi con twin set di cashmere leggero >.<

  8. A me questa mezzastagione invece crea un sacco di problemi! Sono già alla quarta mattina consecutiva in cui provo e riprovo un sacco di cose senza essere mai soddisfatta dei risultati…neanche i cosiddetti “confort zone outfit” mi riescono a salvare!Fondamentalmente i problemi sono due:
    – i miei pochi “pezzi sopra”: sono infatti ferratissima in vestiti interi, gonne e pantaloni, ma i top rimangono per me un vero dilemma…se nella bella stagione me la cavo con top e magliettine svolazzine, l’autunno diventa molto piu’ problematico. Non riesco a “vedermi” con le camicie o sottogiacca piu’ strutturati…forse avrei bisogno di qualche consiglio circa i pezzi base per il guardaroba autunno inverno.
    – il mio difficile rapporto con i capispalla, in particolare le giacche (ne ho tantissime ma non le metto praticamente mai), diretta conseguenza del primo problema: non essendo mai convita dei pezzi sopra, scegliere il capospalla diventa un supplizio,anche perché mi sento sempre ingolfata e sgraziata, dopo essermi abituata alle leggerezze estive.
    Sono una piaga lo sooooooooooooooooo!
    Scusate lo sfogo 🙂

    • ma che piaga!
      ma quindi ti riconosci in una forma a mela? o a triangolo invertito? Cioè hai la parte superiore del corpo più robusta?
      hai le spalle larghe rispetto al bacino? Pancia?
      Spiegami meglio!

      • no no mi sono espressa male: il problema sta nel fatto che io non so mai cosa mettermi come “sopra”, perche’ quando faccio shopping sono molto piu’ predisposta a comprare gonne, pantaloni o vestiti interi, mentre faccio molta piu’ fatica a scegliere top/magliette e camicie.
        Io cmq sono una pera magra (42) e l’autunno proprio non mi piace 🙁 mettere il tranch stamattina mi ha fatto sentire infagottata e goffa.

  9. Essendo uno scricciolo l’abbigliamento a strati mi devasta esteticamente, quindi scusa ma proprio non riesco ad apprezzarlo: se indossassi un piumino sopra il trench sembrerei la versione obesa dell’elfo Dobby, perciò meglio evitare 🙁 🙁 🙁

    Straquoto invece le osservazioni sul sito di DT: va bene che si devono vedere i vestiti nel modo più chiaro possibile, ma un minimo di cura in più nelle presentazioni ci vorrebbe proprio.

    Comunque quest’autunno (se mai arriverà: sembra che l’estate si sia svegliata adesso…) il mio must saranno i colori freddi: dopo anni di utilizzo, non ho nessuna voglia di arancio e marrone, quindi punterò sui verdi e sui toni del bordeaux, con qualche concessione al cognac. Così, giusto per cambiare un po’.

    • bene!
      ottimi progetti!
      io uso poco il verde, ma il bordeaux lo adoro e credo che sarà una tinta che cercherò di indossare un po’ più del solito 😉

  10. pur essendo una stagione che adoro l’autunno mi manda letteralmente in tilt. e il cruccio di “non ho niente da mettermiiiii” diventa apocalittico: perchè anche se mi vesto a cipolla a mezzogiorno avrò immancabilmente caldo e se sto fuori fino a sera avrò freddo perchè il giubottino da mezza stagione è comunque troppo leggero….e poi con i miei pesi e misure più strati metto più assomiglio alla donna cannone…infagottata….sigh

    • ma perché non cerchi un bello scialle avvolgente e caldo? con quello risolvi, lo prendi con una bella stampa oppure totalmente neutro così lo abbini con tutto e basta tenerlo in borsa, no?

Parla alla tua mente

*