Gli elettrodomestici del futuro in cucina

elettrodomestici-da-cucina-futuristici-forno-a-vapore-sottovuoto

In principio furono frigorifero, lavastoviglie e lavatrice. E la cucina moderna, non a legna, insieme all’asciugatrice. Aiuti che oggi riteniamo scontati, ma che quando sono stati posti sul mercato la prima volta sapevano di futuro, navicelle spaziali e privilegi impensabili.

Ricordate il film Monalisa Smile? Una antipaticissima e perbenissima Kirsten Dunst convola a nozze con un altrettanto perbene marito (in realtà insopportabile traditore), il quale le regala lavatrice-asciugatrice-lavastoviglie che lei mostra fiera alle amiche. Per dire il cambiamento che questi oggetti per noi normali hanno comportato nella vita delle generazioni precedenti. E comunque lei per fortuna lo molla e va a fare l’avvocato (divorzista spero).

Ma quali sono ora gli elettrodomestici del futuro, quelli che sono pronti a rivoluzionare di nuovo il nostro modo di vivere la casa?

elettrodomestici-novità

Iniziamo da un oggetto che sembra un microonde ma che è in realtà il contrario: l’abbattitore di temperatura (in questa foto vedete Fresco di Irinox).

L’abbattitore è uno strumento che in 90 minuti circa porta il cuore dei cibi (ad esempio un arrosto) a +3° C permettendo una conservazione più lunga in quanto elimina i batteri e ne riduce drasticamente la proliferazione. Inoltre permette di conservare al meglio i nutrienti.

Un altro plus non indifferente è quello di consentire la surgelazione del prodotto, molto differente dal normale congelamento: con la surgelazione il cibo è rapidamente portato a -18° circa, mentre il lento congelamento tradizionale crea cristalli di ghiaccio più grandi che rompono fibre e vitamine.

Ma anche il sottovuoto sarà uno strumento sempre più presente nelle nostre cucine.

È vero: già abbiamo dei piccoli elettrodomestici che permettono di conservare i cibi in questo modo, ma anche qui il salto di qualità è alle porte con il sistema di sottovuoto a campana (nella foto di nuovo un prodotto Irinox: Zero).

Avete presente quel fantastico sottovuoto dei salumi acquistati in tranci o della punta di parmigiano reggiano? Bene, diverse aziende stanno mettendo in commercio sistemi di questo genere anche per le famiglie consentendo una eliminazione del 99,9% dell’aria contenuta nelle confezioni. Un sistema che di nuovo ci aiuterà a prolungare naturalmente la durata dei cibi senza danneggiarne le proprietà.

E sul fronte cottura? Nessuna novità? Ma certo che sì!

Qual è la cottura più sana in assoluto? Quella a vapore ovviamente. Ma prendi la pentola, riempila d’acqua, regola la fiamma, controlla che non asciughi…noioso no? E se invece avessimo un forno a vapore che cuoce da solo mentre noi dobbiamo solo ricordarci di controllare a inizio ciclo il livello dell’acqua?

Ebbene questi forni ora sono disponibili. Nella foto vedete il modello di Kitchen Aid PURO KOSV 4510, ma anche stavolta sono molte le aziende che stanno proponendo questi articoli.

Questi forni permettono sia di arrostire che di cuore a vapore tradizionale, di cuocere prodotti da pasticceria piuttosto che pani perfetti. Il tutto con un ridotto tenore di grassi.

Ma la vera rivoluzione verrà dal mix di questi tre elettrodomestici: abbattitore, sottovuoto e forno a vapore. Questa combinazione infatti darà origine a una versione domestica e più evoluta della tecnologia sous-vide che viene già utilizzata in molti ristoranti di grido.

Questo modo di cucinare di solito prevede che un alimento messo sotto vuoto con un impianto a campana sia poi cotto immergendolo in acqua calda a temperatura costante e controllata.

L’evoluzione in atto è che i cibi potranno essere prima messi sotto vuoto con tutti i condimenti, poi cotti a vapore nel forno e infine conservati grazie all’abbattitore di temperatura.

Una volta estratti e decongelati potranno essere scaldati e portati in tavola senza perdere in sapore e freschezza.

Una bella novità, non trovate?

Parla alla tua mente

*