Come abbinare le Chie Mihara

scarpe-chie-mihara

Le Chie Mihara non sono scarpe qualsiasi. Sono scarpe che si fanno notare e per questo ho pensato di scrivere un post su come abbinare delle scarpe stravaganti!

Da quando mi è arrivato il bellissimo pacchetto pieno di carta velina rosa fucsia con questi due piccoli gioielli, non ho fatto altro che guardarle e pensare a loro. Oppure indossarle, anche per stare in casa, visto che mantengono quello che promettono: sono veramente comode.

Ma veniamo subito a noi: come abbinare delle Chie Mihara che sono scarpe particolari, estrose e già di per sé protagoniste?

Le vie più semplici per abbinarle sono due: scegliere un abbigliamento molto basic e ‘neutro’ sul quale risaltino e si adagino conservando un ruolo protagonista oppure assecondarle scegliendo un abbigliamento retrò che faccia loro da contorno intonato.

Nel primo caso possiamo tirare fuori tutto il repertorio, partendo ovviamente dal vestitino nero. Tubino, con gonna a corolla, a trapezio, a sacchetto, a chemisier o a ovetto o stile impero, ognuna secondo il proprio gusto e la propria forma del corpo.

come abbinare scarpe stravaganti

Ma questo non vuol dire ovviamente vestire in modo noioso: basta aggiungere una giacca, un cappello e il piccolo abito nero si trasforma. 

come abbinare scarpe stravaganti

In particolare la giacca in questione è proprio una giacca maschile, in Principe di Galles che miracolosamente mi calzava alla perfezione, con le spalle leggermente ampie come ricominciano a vedersi tra i tagli dei blazer da donna e portata con maniche un po’ rivoltate e cintura che segna la vita.

Rimanendo in campo basic niente di meglio della soluzione pantalone nero e top in cachemire grigio.

come abbinare scarpe stravaganti

E anche qui, basta aggiungere una sciarpa molto colorata (che riprenda l’arancio dei dettagli delle scarpe), un collo di pelliccia (finto o della nonna come nel mio caso) ed ecco che anche le scarpe acquistano armonia nell’insieme.

come-abbinare-chie-mihara-blu-pavone

Per uscire un piumino corto in un colore che contrasti totalmente!

Ancora basici da tutti i giorni: jeans e marinière.

come abbinare scarpe stravaganti

Il maglione sulle spalle è un pullover in cachemire a V che può essere indossato se fa freddo, e poi una borsa cognac. Questo è uno dei miei abbinamenti preferiti!

Al limite del basic imprescindibile c’è lo chemisier che se non utilizzate, vi consiglio di valutare almeno e provare in negozio. Perché una volta entrato nell’armadio diventa un capo veramente versatile e perfetto per la mezza stagione. Per abbinare il mio chemisier alle scarpe Chie Mihara ho provato due look.

Per il primo look autunnale ho dato un contrasto di colore con la sovrapposizione di un pullover a scatoletta bluette. (Riguardando la foto, forse sarebbe stata meglio la borsa cognac!!!)

come abbinare scarpe stravaganti

Per il secondo, sempre giocando su questo contrasto di colore con l’arancio delle scarpe, ho scelto una giacchina incrociata in seta per la primavera.

come-abbinare-chie-mihara-in-primavera

Passiamo adesso a un paio di idee vagamente retrò.

Una gonna midi si presta bene a un paio di scarpe come le Chie Mihara. La mia è di velluto a costine e l’ho abbinata a un cardigan di cachemire indossato avanti dietro.

come-abbinare-chie-mihara-stile-retrò

Direttamente dagli anni ’70, invece un paio di jeans a zampa, con marinière e cappello a falda larga. E persino una borsa dalla stampa fosforescente.

come abbinare scarpe stravaganti

È forse quello che mi piace meno semplicemente perché le scarpe non si vedono, ma è anche un modo per poter indossare i pantaloni a zampa d’elefante con un po’ di tacco senza patire le pene dell’inferno.

Che ne dite?

Non venitemi a raccontare che sono difficili da abbinare!

Ultime note.

Come abbinare le Chie Mihara se sono colorate.

A proposito di abbinamenti di colore, vi dico la mia. Io ho tre sistemi per abbinare un paio di scarpe stravaganti.
Il primo è il seguente: per abbinare un paio di scarpe colorate evito l’associazione più scontata — scarpa gialla, maglia gialla (e pantalone o gonna nero). Piuttosto cerco di riprendere il colore della scarpa in dettagli e accessori e utilizzo per l’abbigliamento un’altra tinta che giochi bene con quella delle scarpe, come nel mio caso il blu elettrico o pavone con l’arancio delle scarpe. E per il resto mi attengo a una palette neutra, che non vuol dire necessariamente nera, ma giocando con i grigi, i beige, il bianco in tutte le nuance, il marrone e le tinte più scure del blu.

Il secondo sistema: lascio l’abbigliamento monocromatico e tento un abbinamento tra i due pezzi forti, scarpe e borsa.

come abbinare scarpe stravaganti

Infine l’ultimo sistema per abbinare scarpe stravaganti: osare, prenderle come un trampolino di lancio per concedersi un abbigliamento sopra le righe, un po’ frivolo, particolare. E io sto studiando partendo dai calzini:

come abbinare scarpe stravaganti

come abbinare scarpe stravaganti

Magari, per una volta, le piccole Chie Mihara si potranno sentire la parte più sobria dell’outfit!

Bene, dallo specchio delle mie brame è tutto, i miei piedini ringraziano Chie Mihara per questi gioielli che non mi stanco di indossare perché sono davvero scarpe comode come pantofoline e di guardare perché sono scarpe graziose come bamboline.

E adesso inizio a mettere su un dindarolo per i saldi che arrivano tra meno di un mese, perché le Chie Mihara sono come le ciliegie… una tira l’altra!

Qual è il vostro abbinamento preferito?
Voi come le indossereste?

Commenti

  1. ecco il post che mi rallegra la giornata!!!!
    sono bellissime!!! non è il mio genere di scarpa, ma nello stesso tempo è quel genere di scarpa per il quale oserei un acquisto…..non so se mi sono spiegata! 😉
    i miei preferiti fra i tuoi outfit sono col tubino nero, perchè le esalta moltissimo (e poi pensavo che il cinturino mozzasse di più le gambe, invece mi piace un bel po’!), con jeans e marinière e con marinière e pantaloni a zampa perchè sono gli unici modi in cui potrei usarle io, e con il completo scuro retrò perchè lì sono semplicemente perfette! per quanto riguarda il calzino, lo preferisco in tinta unita, quello traforato e quello sbrilluccicante li trovo perfetti!
    per le borse, ma non avevi detto che avevi preso la pochette di Tiger anche color corallo? non è lo stesso colore del tacco?
    per il resto, io invece le abbinerei a una tracolla di cuoio stile studentessa anni ’70/’80, perchè ho una gran voglia di ricomprarmene una, anche se sono scomodisse perchè completamente prive di tasche e taschine, ma mi è venuta voglia di remember!

    • io quella borsa ce l’ho, originale della mia mamma 🙂
      hai ragione, dovrei rispolverarla.
      Della borsina di Tiger hai ragione dovrei vedercela insieme, ma l’avevo lasciata a studio e quindi non ce l’avevo a portata di armadio quando ho fatto le foto, ma posso sempre farne un altro post con idee per la primavera 😉
      buona giornata!!!

      • puntina di invidia per la borsa della mamma, sono sempre le chicche migliori!
        buona giornata anche a te!
        qui grande sole, speriamo che influisca sull’umore cupo dei colleghi circostanti……

  2. Come le indosserei?
    Dalla mattina appena alzata sotto al pigiama fino al vestito da sera

  3. Wow! Le inserirò nella mia lista dei desideri…sono davvero particolari, un po’ expensive, ma brillano come un diamante. I tuoi abbinamenti sono meravigliosi

  4. Ho sempre adorato le scarpe Chie Mihara e le tue sono deliziose, ma penso proprio di aver chiuso con loro perché sono reduce da una cocente (e costosa) delusione.
    Due estati fa ho acquistato il primo paio, dei sandali a pois meravigliosi, rifinitissimi e, nonostante il tacco alto, veramente comodi. Sull’onda dell’entusiasmo ne acquisto un paio per l’inverno, delle mary-jane deliziose. Al primo sguardo la qualità e il livello di rifinitura sembrava uguale a quello delle prime, ma dopo le prime uscite iniziano le magagne, pelle che si screpola, elastico del cinturino che si smolla dopo pochissimo uso e altre piccole magagne.
    Insomma le metto via per l’estate e quando le vado a riprendere mi accorgo che, in una delle scarpe, la suola sotto l’arco del piede è completamente scollata. Proprio ieri le ho portate dal calzolaio che ha detto che me la riparerà ma, a suo parere, la scarpa è fatta male ed è destinata a scollarsi di nuovo.
    Non male per delle scarpe che mi sono costate 270 euro e rotti.
    E’ vero che i primi sandali sono perfetti ma francamente, visti i prezzi, non credo che mi farò tentare di nuovo.

    • mi dispiace per questa disavventura, ma non hai provato a parlarne con il negoziante o il servizio clienti, se le hai prese online?
      in questo primo approccio all’azienda la prima cosa che mi è balzata all’attenzione è stata una cura maniacale verso i prodotti e una gentilezza con i clienti fuori dal comune.
      trattandosi di prodotti di qualità magari si è trattato di una falla del singolo campione!

  5. Meraviglia! Io sono una vecchia romanticona e quindi per me gli abbinamenti retrò sono i più belli (senza nulla togliere agli altri!)

  6. Probabilmente non comprerei mai quel genere di scarpe, che come ti dicevo non mi fanno impazzire a causa della forma bombata, ma vederle addosso a te me le fa rivalutare parecchio!
    La mia versione preferita è quella tubino sobrio + scarpa eccentrica. Molto carina anche con la gonna a ruota e con i pantaloni a sigaretta. Secondo me una scarpa così è da gonna, con i pantaloni perde un po’, soprattutto se è coperta dall’orlo.
    Sarò all’antica, ma i calzettoni non mi convincono: meglio la gamba nuda o una bella calza coprente tinta unita: c’è già la fantasia maculata della scarpa a fare da padrona, troppe fantasie iniseme rischiano di creare un effetto confuso.

    • anche secondo me è assolutamente da gonna e abitini, però una volta che ce le hai… ehhehe
      con i calzini ancora non le ho proprio messe, però le trovo simpatiche. cioè forse per la forma smussata, frivola e quasi infantile, mi fa pensare che possano osare queste stravaganze senza risultare volgari perché non sono mai pretenziose come potrebbe essere uno stiletto killer leo sotto una gonna a tubino zebrata ecco.
      però non le ho ancora indossate per uscire, devo capire quando e come 🙂

  7. Bellissime davvero e in grado di dare un tocco di eleganza e cura all’outfit più semplice! A me piacciono molto abbinate ai pantaloni neri che lasciano scoperta la caviglia e il maglioncino grigio chiaro.
    Per via del prezzo non oso comprarle on-line, vorrei vedere dal vivo l’effetto su di me ed essere certa di acquistare il numero giusto. Potresti essere così gentile da dirmi se le hai anche viste in qualche negozio di Roma, nella nostra zona Centro- San Giovanni?
    Grazie sin da ora 🙂

  8. e come calzano queste scarpe? io sono a metà tra un 39 e un 40, che mi consigli? (per le scarpe a cui punto io il 39.5 non c’è più). GRAZIE!

    • ti direi il 40!
      io ho il 40,5 e l’ho trovato, ma avendo modelli che tengono alla caviglia, mezzo numero in più ci sta benissimo (anche nei giorni coi piedi gonfi), avrei preso il 41. a me il 40 andava proprio stretto.

      • vintagealapage

        Io ho un 37 pianta larga, secondo te mi va il 37? Grazie 🙂

        • Sì, io credo di sì. A me sembra calzino giuste, quindi ti direi di prendere il tuo numero. In ogni caso hanno un eccellente servizio clienti, quindi non avresti problemi a rendere e cambiare!
          Però nella mia esperienza il numero calza davvero comodo.

  9. ma come vestono queste scarpe? giuste? un po’ grande?

  10. vintagealapage

    Ciao, sapresti dirmi cortesemente come calzano?

Trackbacks

  1. […] Chie Mihara : Le Chie sono Le Chie e poi Caia mi ha insegnato come […]

  2. […] Dopotutto di di scarpe non ho proprio bisogno (certo che per delle Chie Mihara potrei fare un’eccezione… dopo che poi ho visto i suggerimenti di Caia. […]

  3. […] pensavo di aver bisogno di calzini sfiziosi da abbinare alle mie nuove scarpe che aspettavano di essere indossate, lei era certamente una persona particolarmente empatica e […]

Parla alla tua mente

*