5 Cose da non dire mai a un uomo

vita-di-coppia-cose-da-non-dire-mai-a-un-uomo

Siamo evolute, spigliate, siamo molto innamorate. Eppure, per qualche ragione, può capitare di cadere in cliché che siamo le prime a bollare come insopportabili, di un’altra epoca, “figurati se io potrei mai dire una frase del genere” (e invece). Sposate da anni, superfidanzate o all’inizio di una relazione, proviamo con tutte le forze a evitare le frasi che seguono.

“Posso cambiarlo?”

Si parla di regali. Qui la regola è giocare d’anticipo e prevenire con quello che ormai ogni sito web mette a disposizione: la lista dei desideri. Poco romantica? Mai quanto la tua faccia davanti all’anello sbagliato, mai quanto le dimensioni della sua delusione dopo aver tentato di farti felice. Dirottalo senza remore sulla tua lista e lascialo fare.

Si vede che…?

Sono dimagrita, sono ingrassata, sono bionda come Lady Gaga mentre fino a tre ore fa ero neroblu come Katy Perry. Lascia perdere, lui sa che qualsiasi risposta non sarà mai abbastanza: o non avrà notato, o gli piaci sempre così come sei, un po’ più magra o un po’ ingrassata (è molto probabile, anche se tu stenti a crederlo), oppure non gli interessa granché.

Dieta, colore dei capelli e quanto altro possono restare argomenti di conversazione tra amiche, su Internet, con mamme e sorelle.

Lascia stare, faccio io

Essere un po’ meno rigide significa guadagnarci in salute psicofisica. Quindi va bene anche se il pannolino del pupo non è proprio strettissimo, se lo specchio del bagno ha un alone dopo che lui lo ha lavato, se gli asciugamani non sono piegati come sei abituata farlo tu, se la spesa contiene una quantità fuori scala di cibo inutile.

Si vive bene lo stesso e l’agognata divisione paritaria dei compiti casalinghi filerà via una bellezza.

Ti devo parlare / Ne parliamo dopo

Da inserire tra le cose da: non dire al telefono, non scrivere su Facebook o su Whatsapp, non buttare lì mentre te ne vai a fare la spesa lasciandolo ad aspettare. Concedi un’anteprima, un riassunto. Magari è meno grave di quel che pensavi. Magari non è come pensavi.

No, davvero, non ho niente

Ultima frase in ordine di apparizione ma prima per antipatia. Lui sta provando a essere presente e affettuoso ma alla prima occasione si ritrova escluso per un malcelato bisogno di attenzione. Quando gli rispondi così lui dice “ok” e accende i videogiochi? Ha ragione, glielo hai detto tu di lasciarti stare.

La prossima volta prova con “sì, per favore, siediti qui e parliamo / consolami / fammi piangere sulla tua spalla”: sarà un successo!

Che te ne pare?

Commenti

  1. sono d’accordo

Parla alla tua mente

*