Amore a distanza al tempo dei social

relazione-a-distanza-con-i-social-network

Chi è stato adolescente “prima di Internet” potrebbe raccontare cose struggenti sulle storie d’amore a distanza, crudeli e appassionanti proprio perché – diciamocelo adesso, in retrospettiva – ingestibili. Funzionava così: ti conoscevi, probabilmente in vacanza, e poi una volta a casa iniziava un presidio costante e logorante del telefono fisso e della cassetta delle lettere in attesa dell’incontro successivo.

Poi ecco i telefonini – ma le tariffe per un po’ sono state proibitive – e poi le chat, i social network, smartphone, Whatsapp, email, videochiamate (le ha appena messe anche Facebook), che hanno spazzato via tutto. Quindi oggi essere una coppia e vivere distanti non è più un problema? Non proprio. Ecco tre cose da non dimenticare e da non fare che coinvolgono smartphone, social e quanto altro.

Mentire

Se vuoi uscire con amici o altre persone dichiaralo o, se non vuoi farlo sapere, lascia a casa il telefonino. Perché poi ti scapperebbe di pubblicare quel selfie di gruppo, di fare check in nel locale in cui sei finita o di twittare al mondo che stai passando una serata pazzesca. Evita, anche se rischi comunque di essere taggata da qualcun altro (qui c’è molto poco da fare). Non finirebbe bene.

Farsi accecare dalla gelosia

Anche prima dei social sbirciavamo la rubrica e gli sms sul telefonino dell’amato ma oggi le cose si complicano: la lista degli amici su Facebook può spalancare le porte alla gelosia se sono presenti ex fidanzati (anche quelli delle elementari), amici e amiche con cui è chiara una certa complicità e che vivono vicini.

Chiudi il il pc, fatti una tisana e rifletti prima di esplodere o chiedere all’amore distante di rinunciare alle sue amicizie: prima o poi te lo rinfaccerebbe.

Litigare via messaggi

C’è odore di guerra? Guardatevi in faccia. La velocità dei messaggi scritti non starà mai al passo di una videochiamata e quindi, Facetime o Skype che sia, parlatene guardandovi negli occhi. E poi le parole scritte restano, mentre negare di aver mai pronunciato una certa frase viene via con più facilità e al solo costo di una gran faccia tosta.

Non è facile, vero? Ma c’è anche il bello: mandarsi piccoli testi complici, scambiarsi la foto di qualcosa che ha significato solo per voi e che non vi dovete spiegare a parole, la possibilità di sentirvi e vedervi più o meno ogni volta che ne avete bisogno, mille modi diversi di dirsi quanto vi amate e per sentirvi vicini. Fino a quando, si spera, vicini sarete davvero.

Parla alla tua mente

*