Cosa copiare dalle Spose Reali

cosa-copiare-dalle-spose-reali-principi-principesse-matrimonio-regale

La stagione dei matrimoni si avvicina, anzi è già iniziata, e siccome questi eventi – siano royal o no – ci inchiodano sempre davanti alla tv o al web, che ne dite di rubare qualche idea alle spose reali di ieri e di oggi?

Quel giorno ognuna di noi vorrebbe essere una principessa, ma perché l’aspirazione diventi anche solo un pochino realtà è necessario sapere che le spose reali:

  • Sono virginali e romantiche e quindi niente scollature da red carpet. L’avete mai vista una sposa reale con il décoltée in bella vista? No. E sono quasi pronta a scommettere la mia collezione di gadget su Elisabetta II che persino Sofia Elqvist, giovane donna dal passato un po’ chiacchierato e futura moglie (si sposano il 13 Giugno) del principe Carl Philip di Svezia, si coprirà fino al collo.
  • Indossano sempre un gioiello di famiglia che rappresenta la continuità e il legame fra il passato e il presente; certo le tiare di Cartier non sono alla portata di tutti, ma nell’acconciatura si possono essere inserire una bella spilla dono della nonna o prestito della futura suocera oppure un braccialetto aperto e trasformato in un piccolo diadema. Meglio, molto meglio delle decorazioni di cristalli Swarowski e non costa nulla.
  • Le spose reali scelgono abiti semplici, lineari, senza fronzoli; per esempio quello  indossato nel 2002 da Maxima Zorreguieta, oggi regina consorte dei Paesi Bassi, era di Valentino che non è alla portata di tutte le tasche ma lo stile si può sempre copiare.
  • Tengono in mano un bouquet naturale e romantico; niente fiori colorati artificialmente (eh si li ho visti, orrore) e composizioni improbabili. Le spose della famiglia reale inglesi hanno sempre fra i fiori anche un rametto di mirto di un cespuglio piantato dalla regina Vittoria trisavola di Elisabetta II.
  • Le spose reali portano scarpe comode, ma anche belle ed eleganti. Kate se le è fatte fare con il pizzo dell’abito, quelle di Letizia Ortiz ora regina di Spagna erano di Pura Lopez, Victoria principessa ereditaria di Svezia ha camminato verso l’altare indossando delle fantastiche “Belle de Jour” color avorio con il tacco altissimo e la classica fibbia di Roger Vivier, Olga di Grecia, moglie del principe Aimone di Savoia-Aosta aveva delle Louboutin.
  • E portano quasi sempre le calze, anche con 40 gradi all’ombra, ma la regola è stata infranta dalla bella Claire Lademacher moglie del principe Felix del Lussemburgo la quale sotto al suo splendido abito Elie Saab aveva della Mary Jane e la gamba nuda. Ma era settembre e in Provenza splendeva il sole.
  • Entrano in chiesa (o nel luogo della cerimonia) quando TUTTI gli ospiti sono già seduti ai loro posti. Se non avete una wedding planner assoldate un paio di cugine che possano provvedere a spingere dentro gli invitati riottosi e le vecchie zie che vogliono “vedere la sposa”. La sposa la vedi quando entra. Vedere una sposa che percorre la navata di una chiesa semi deserta è tristissimo. Ma l’usanza è solo italiana come ci ricorda “Quattro matrimoni e un funerale” visto in UK e altrove ci sono sempre i garçon d’honneur che provvedono a spingere tutti dentro e zitti.
  • Si fanno condurre all’altare dal babbo (o chi per lui) ma con classe. Kate si è appoggiata con eleganza alla mano del padre, altre hanno preferito posare la loro mano al braccio paterno. No al padre – evidentemente disperato all’idea di perdere la sua bimba – che si appende al braccio della figlia o peggio la guida per il gomito; e fanno sempre scelte originali per le musiche durante la cerimonia; guardate i video su you tube e prendere ispirazione.
  • Non distribuiscono bomboniere agli ospiti e non fanno la lista nozze ma creano un fondo dedicato a uno o più obiettivi umanitari in modo che le nozze siano un momento di gioia anche per i meno fortunati.

Capitolo addobbi floreali: Kate (si sempre Kate, ma che ci volete fare è stata la sposa più trendy degli ultimi anni) ha scelto di riempire Westminster non di fiori ma di alberi veri dentro enormi vasi di legno. L’effetto è stato quello di una romantica e suggestiva foresta sotto alle volte gotiche della storia abbazia. L’idea, in proporzioni evidentemente ridotte, è assolutamente da copiare anche per evitare la strage dei fiori recisi.

Commenti

  1. Straquoto il punto 1. Non se ne può più di spose a spalle scoperte e decolté ai quattro venti. Più in generale, non se ne può più di decolté ai quattro venti in ogni circostanza: ma un po’ di mistero, no???

  2. Kate era bellissima

Parla alla tua mente

*