Cohousing, un modo diverso di concepire l’abitazione

Nel cohousing ci troviamo davanti ad un gruppo di persone che hanno deciso e si impegnano a vivere consapevolmente in comunità.

cohousing-vivere-in-comune-con-vicinato-abitare-green

I residenti hanno tutti insieme cercato, comprato, progettato e sviluppato la loro casa! La residenza viene progettata in modo che ci sia un equilibrio tra vita privata e vita tra la gente e in modo da potersi prendere cura gli uni degli altri.

Nel cohousing ogni famiglia ha una propria residenza privata dotata di cucina e servizi, ma in altri ambienti o all’esterno, ci sono strutture e altri servizi comuni da condividere con il gruppo, come ad esempio lavanderie, laboratori per il fai da te, piscine, campi da gioco…


Solitamente la porzione di casa destinata ad ogni singola famiglia è più piccola rispetto alla media delle normali abitazioni ma questo favorisce un utilizzo più intenso delle aree comuni che sono molto importanti sia per ragioni pratiche sia per migliorare e agevolare la socializzazione e la condivisione tra le persone del gruppo.

Le comunità di cohousing tendono ad essere progettate in modo sostenibile, utilizzando materiali e tecniche green e riducendo al minimo il loro impatto sull’ambiente.
Anche la creazione di gruppi d’acquisto o decidere di aderire tutti insieme ad un servizio di car sharing, sono esempi di come il cohousing porti ad un risparmio energetico e ad una diminuzione di sprechi ed eccessi.

Quali sono i benefici?

Benefici sociali: il mondo di oggi è veloce e in continuo movimento e questo ci isola e ci porta ad essere sempre più stressati e preoccupati, il cohousing è invece in grado di offrire supporto e senso di unità tra le persone. Assistere i propri bambini e i figli altrui, far parte di una comunità di adulti premurosi, aiutarsi a vicenda, l’amicizia, il sostegno sono solo alcuni dei tanti benefici che avremo nel vivere in comunità.

Benefici economici: all’inizio si può sostenere una spesa del 15-20% superiore rispetto alla creazione di una casa singola e indipendente, ma il risparmio si ha nel tempo perché il cohousing è in grado di generare un costo della vita inferiore per i membri grazie alla condivisione di oggetti come strumenti tecnologici, elettrodomestici, giardini, trasporti, ma anche acquisti di gruppo per quanto riguarda il cibo e altri servizi.

Vantaggi ecologici: come abbiamo detto i membri di queste comunità hanno un maggiore livello di consapevolezza ambientale ed è per questo che inseriscono elementi della bioedilizia nella costruzione e cercano di alleggerire il loro impatto sull’ambiente. Installano pannelli fotovoltaici sulle case, utilizzano la permacoltura ma realizzano anche progetti di sostenibilità come orti comuni con il vicinato, creazione di piste ciclabili per il quartiere e stazioni di raccolta dei rifiuti per il riciclaggio.

Il cohousing aiuta a creare una comunità ecologicamente sana, cooperativa e socialmente attiva, con un occhio di riguardo alla terra e alla natura!

Commenti

  1. Senza sapere questo termine, è proprio quello che stiamo facendo con un gruppetto di amici… Un grande rustico(un rudere, più che altro) da cui abbiamo ricavato 4 appartamentini, 6 anni di lavori, tanta fatica condivisa..in progetto ci sono anche tavernette e spazi comuni, ieri…piano piano però si faranno 🙂

Parla alla tua mente

*